Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Introduzione all’etica medica

 | 
Paola Premoli De Marchi

5. La struttura dell’azione

Texte intégral

1Proviamo a osservare il seguente fotogramma tratto dal film Minority Report (S. Spielberg, USA, 2002). Da quanto appare a prima vista, qui il protagonista, il poliziotto Tom Anderton, interpretato da Tom Cruise, sta sparando a un uomo.

2In realtà, se vediamo la scena per intero scopriamo che è stato l’altro uomo, nel film si chiama Leo Crow, a premere il grilletto contro se stesso, mentre la pistola era in mano ad Anderton. Crow sta arretrando per effetto del colpo. Contrariamente alle apparenze, Tom Anderton non aveva intenzione di sparare, anzi, aveva appena deciso di non sparare.

3Questo fotogramma ci mostra almeno tre aspetti importanti delle azioni umane:

  1. Ogni azione ha un aspetto oggettivo e un aspetto soggettivo. È impossibile comprendere l’azione senza considerarli entrambi.
  2. Spesso le azioni non sono atti puntuali, svincolati da quanto precede e quanto segue. Non solo hanno delle condizioni e delle conseguenze, ma sono inserite in catene di altre azioni.
  3. Elemento decisivo, ma non unico, per valutare le azioni è la loro intenzionalità. Nel fotogramma quella che in apparenza è un azione di omicidio in realtà è un suicidio. E l’intenzionalità ha un ruolo fondamentale nel cambiare la natura delle azioni compiute dai due personaggi.

Il rapporto tra aspetto oggettivo e aspetto soggettivo nell’azione

4Nella riflessione contemporanea è presente la duplice tendenza a considerare l’azione o prevalentemente in riferimento con colui che la compie, alle sue intenzioni e ai suoi desideri, oppure dal punto di vista esteriore, come atto osservabile dal di fuori, che si racconta nel linguaggio e ha sempre una valenza sociale, quasi fosse un fenomeno come gli altri che può essere messo sul vetrino dell’osservazione scientifica. Con il fotogramma appena presentato, vorremmo mostrare che nessuna di queste due posizioni, da sola, può descrivere adeguatamente l’azione. Esse vanno conciliate.

5Non è sufficiente considerare l’azione in modo solo oggettivo, come qualcosa che accade e può essere studiato dall’esterno. È impossibile capire davvero la natura di un’azione, e, come vedremo meglio in seguito, anche il suo valore morale, se la si considera come se fosse un fatto indipendente da colui che l’ha compiuta. Alcune teorie morali hanno elaborato la figura dell’»osservatore imparziale», un personaggio fittizio che, come osservatore esterno, dovrebbe aiutare a stabilire se un certo comportamento è giusto, universalmente condivisibile. Ma tale artificio non tiene conto della realtà delle nostre azioni, che hanno sempre un soggetto ben preciso come autore.

6D’altra parte, nella valutazione di un’azione non è neppure sufficiente considerare esclusivamente la prospettiva del soggetto, perché così facendo si trascura il contenuto degli atti, il loro aspetto oggettivo, che non si esaurisce nelle preferenze e nel punto di vista di chi li compie. Anche tra i moralisti, alcuni affermano che per valutare l’azione sia sufficiente guardare all’intenzione: se chi agisce lo fa in buona fede, la sua azione è buona, qualsiasi cosa faccia. Questa posizione parte da un’osservazione corretta: per valutare l’azione non si può prescindere da colui che agisce, ma arriva a una conclusione errata, perché assolutizza la premessa. Che sia errata possiamo verificarlo dalle conseguenze assurde che si producono se si applica in casi estremi, come quello di un genocidio compiuto da persone davvero convinte che eliminare un certo gruppo etnico è lecito e opportuno. Dato che l’azione introduce un cambiamento nella realtà esterna, nel descriverla e valutarla è necessario dare conto anche di ciò che l’azione realizza, di che cosa modifica del mondo.

Il rapporto tra azione e persona

7Nel commentare il fotogramma tratto dal film Minority Report, si è detto che per capire un’azione è necessario inserirla nel contesto di quanto precede e segue l’azione stessa. Questo può essere inteso a due livelli, quello dell’azione e quello di colui che agisce.

8Dal punto di vista dell’azione stessa, ciò significa, da un lato, che ogni azione può essere solo una tappa intermedia per raggiungere uno scopo ulteriore, oppure essere un fine in sé, dall’altro che ogni azione ha delle conseguenze che 73 influiscono sul suo significato. È per questo che il pensiero contemporaneo ha cercato di studiare l’azione come elemento di un discorso, di una narrazione. Questa prospettiva è più fedele all’esperienza che abbiamo del nostro agire, rispetto a quella che cerca di analizzare la singola azione come momento a sé, separato da quanto precede e da quanto segue.

9Dal punto di vista del soggetto che agisce, invece, si deve tener presente che in ogni azione entra sempre il suo autore, non solo come principio – come autore –, ma anche come termine, come destinatario di una modifica. Ogni azione esprime la persona che la compie e la rivela, tanto che la via principale per conoscere un’altra persona è osservare come si comporta. Nelle sue azioni, la persona rivela anche la sua visione del mondo e la sua concezione morale. Ma ogni azione, anche, modifica colui che agisce, lascia una traccia di sé. È questo il motivo per cui Aristotele nell’Etica Nicomachea dedica spazio all’azione in un trattato di etica: ogni volta che scelgo di fare qualcosa, scelgo anche chi voglio essere. Se gioco a tennis a lungo, divento un bravo tennista, se cucino regolarmente con passione, divento un bravo cuoco, se faccio molti interventi, divento un chirurgo migliore di chi ne fa pochi. Questa relazione tra l’agire e la persona è della massima importanza dal punto di vita morale, perché in quest’ambito il miglioramento della persona non riguarda dimensioni secondarie della sua esistenza, bensì aspetti centrali e decisivi. Se mi dedico al furto, divento un ladro. Se devolvo abitualmente parte dei miei guadagni in beneficenza, divento un benefattore. Si noti che queste caratteristiche hanno una radice più profonda della semplice etichetta che la società può conferire a ciascuno. Riguardano lo status morale della persona, la sua qualifica etica, quella che abbiamo definito come dignità morale.

10Le singole azioni hanno dunque un’influenza sullo stato permanente della persona, su ciò che essa è, così come anche sul suo progetto di vita, su ciò che vuole essere. I motivi per cui la valutazione morale delle azioni è così importante sono dunque due: il primo è che le azioni cambiano qualcosa della realtà esterna, e spesso, hanno conseguenze sugli altri esseri umani; il secondo è che cambiano anche colui che le compie. Questo fatto è assai evidente nelle relazioni educative: spesso il genitore o l’educatore permettono o vietano azioni in sé moralmente neutrali, perché hanno consapevolezza delle conseguenze che tali azioni possono avere, se diventano abituali, sul bambino o sull’allievo. Un genitore può per esempio decidere di limitare il tempo dedicato ai libri a un ragazzino che ama molto leggere, ma rischia di diventare un asociale. O può imporgli di imparare a suonare uno strumento musicale, per insegnargli la tenacia necessaria a raggiungere ogni obiettivo. Si tratta di azioni in sé moral-mente neutrali, ma che possono generare abitudini positive o negative anche dal punto di vista morale. Ciò si applica anche alla professione del medico: l’etica medica non si limita solo a stabilire ciò che è esplicitamente scorretto o ingiusto, ma ambisce a individuare quali azioni fanno del medico, un buon medico, e quali qualità buone (in etica sono dette virtù) devono diventare abituali e permanenti in lui.

Gli elementi dell’azione

11Per descrivere un’azione, e poi per poterla valutare dal punto di vista morale, è necessario comprendere quali elementi la costituiscono. In particolare, si devono considerare il fine, la motivazione, le conseguenze, l’intenzione e le circostanze.

a) Fine e mezzi, fine relativo e fine in sé, fine dell’azione e fine dell’agente

12La volontà umana opera sempre con un perché, con uno scopo. Già Anselmo d’Aosta nel De veritate scrisse che

ogni volontà ha un che cosa e un perché, in quanto non vogliamo assolutamente nulla a meno che non ci sia una ragione per cui lo vogliamo.

13Ciò implica che ogni azione abbia un fine. Chi opera senza un fine, non compie un’azione in senso stretto, perché «non sa quello che fa», e quindi non agisce volontariamente. Per fine qui non intendiamo l’esito dell’azione, il fatto che sia realizzata con successo, o sia impedita da qualche circostanza, bensì l’obiettivo, la meta che l’azione persegue, e che quindi può poi essere effettivamente raggiunto, oppure essere impedito da qualche causa. Si esprime in frasi come: esco per andare a comprare il giornale, studio per superare un esame. Un’azione può anche perseguire più fini contemporaneamente.

14Il fine si distingue perciò dai mezzi che servono a ottenerlo. Se non vedo da settimane un compagno di corso e gli 75 telefono per sapere come sta, il fine della mia azione è avere notizie sulle sue condizioni di salute, il mezzo è il telefono (avrei potuto inviargli una mail o passare a trovarlo). Se ho un dubbio sul modo di somministrare un farmaco e verifico su un manuale come fare, il fine dell’azione è verificare come devo procedere, il mezzo che scelgo per ottenere il fine è il manuale (potrei anche chiedere a un collega).

15È poi necessario introdurre due distinzioni importanti riguardo al fine. La prima distinzione è quella che la tradizione del pensiero medioevale ha indicato con le espressioni di finis operis o «fine dell’azione» e finis operantis o «fine dell’agente», di colui che agisce.

16Il fine dell’azione dipende direttamente dall’oggetto dell’azione. Per oggetto dell’azione non si intendono le «cose» con cui l’azione ha a che fare. Piuttosto, esso indica ciò che l’azione produce per sua natura. Nell’azione «mangiare un panino», l’oggetto non è semplicemente il panino, bensì è «il panino in quanto viene mangiato». Se il panino spunta dalla borsa di un collega e spinto dalla fame lo mangio di nascosto, l’oggetto dell’azione sarà «il panino altrui in quanto viene mangiato da me senza permesso». Lo stesso panino entra dunque in azioni differenti, già dal punto di vista dell’oggetto.

17Il fine dell’agente dipende invece dalla motivazione che muove colui che agisce. Nell’esempio appena fatto, posso essere motivato da fini diversi, l’appetito, il desiderio di fare uno scherzo, la volontà di fare un dispetto. Sono motivazioni differenti della stessa azione.

18In genere tra il fine dell’azione e il fine dell’agente c’è coincidenza: soccorro una persona che sta annegando perché non voglio che muoia, mangio un panino per pranzare. A volte, però, ci può essere una discrepanza tra i due: per esempio, se soccorro una persona che sta annegando solo perché voglio diventare famoso e finire sui giornali, non c’è coincidenza tra il fine dell’azione (salvare una vita in pericolo) e la mia motivazione (diventare ricco e famoso).

19Inoltre, da parte dell’agente, l’oggetto dell’azione può essere voluto per se stesso, quindi essere un «fine in sé», come lo è andare a sciare perché questo mi piace più di ogni altro sport. Oppure, può essere voluto per qualcos’altro, quindi essere un «fine relativo», quando una certa azione è compiuta in funzione di un’altra azione, che è il vero obiettivo. Si tratta di una distinzione analoga a quella tra mezzi e fine, solo che in questo caso il mezzo utilizzato è a sua volta un’azione. Quando un medico prescrive al paziente di fare un’ecografia o un prelievo del sangue, per esempio, fare l’esame è un fine relativo, mentre il fine in sé è formulare una diagnosi.

20Spesso il fine delle nostre azioni è in parte un fine in sé e in parte un fine relativo: per esempio può accadere di andare a un congresso con l’unico scopo di accumulare crediti formativi (in questo caso la partecipazione al congresso è solo un fine relativo), ma poi di scoprire che gli argomenti trattati sono interessanti, (perciò il prender parte al congresso diventa anche un fine in sé). Questa distinzione è utile quando le azioni umane sono concatenate tra loro e quindi la valutazione morale deve tenere conto, oltre che delle azioni in sé, anche del rapporto tra azioni tra loro correlate.

21Torniamo ora alla distinzione tra fine dell’azione e fine dell’agente, che ci mostra chiaramente il doppio lato, oggettivo e soggettivo delle azioni. E analizziamo più da vicino il fine dell’agente, ossia la motivazione.

b) La motivazione

22La motivazione è cruciale per capire le azioni umane. Esse sono umane proprio perché sono motivate, e quindi scelte, e non sono semplicemente causate meccanicamente da stimoli esterni. La motivazione include un momento conoscitivo e un elemento di desiderio, una risposta a qualcosa che ci attrae, attraverso la volontà e l’affettività. La motivazione che muove ad agire, inoltre, include un «tendere a» qualcosa che è percepito come realizzabile da colui che agisce, dunque che cade entro la sfera di influenza della libertà diretta, o almeno indiretta.

  • 1 Ricoeur 1998, p. 77.

23Il filosofo contemporaneo Paul Ricoeur ha notato che «un tratto fondamentale della motivazione [è] che essa congiunge una certa idea di forza con una certa idea di senso»1. La motivazione è forza perché dispone ad agire, è senso perché ci offre la ragione per cui agiamo. Ecco perché è essenziale per spiegare le azioni, anche se in senso stretto la motivazione non è la causa dell’azione. Come detto, già gli antichi la identificarono, piuttosto, con il fine dell’agente. Può essere assimilata alla causa finale, ma include come elementi essenziali la consapevolezza e la volontà del soggetto che agisce: 77 tale elemento introduce un carattere del tutto nuovo rispetto al finalismo degli eventi naturali, come lo sviluppo dal seme alla pianta.

  • 2 Max Weber, per esempio, nel primo libro di Economia e società, individua quattro tipi di azione so (...)

24È possibile classificare la motivazione secondo diversi criteri2, ma ne proponiamo uno che è utile per cercare di comprendere come si può valutare moralmente un’azione. Distinguiamo i fini dell’agente, o motivazioni, secondo due gruppi fondamentali: (1) le motivazioni che muovono ad agire per ottenere un beneficio per sé, e (2) le motivazioni che hanno come fine qualcosa di diverso da se stessi.

25Le motivazioni nelle quali colui che agisce lo fa per riguardo a sé sono di due tipi.

26In primo luogo, c’è la motivazione di colui che agisce per ottenere un piacere o per evitare un dispiacere. Appartengono a questa categoria azioni come mangiare una tavoletta di cioccolato intera perché è del tipo che preferiamo, fare una doccia per trovare refrigerio quando la temperatura è torrida, calunniare un collega perché non ci sta simpatico, spalmarsi di crema per lenire il prurito di una puntura di zanzara. Si tenga presente che si sta considerando l’azione dal punto di vista della motivazione. Ciò che importa è quanto chi agisce si propone. Che poi il cioccolato sia di qualità scadente, l’acqua sia troppo calda, la calunnia non sortisca alcun effetto e la crema non plachi la sensazione di prurito, non cambia la motivazione che ci ha mosso ad agire.

27In secondo luogo, esiste la motivazione di colui che agisce per ottenere un bene per sé, oppure per evitare un male per sé. Appartengono a questa categoria azioni come prendere una medicina che ci è stata prescritta, andare a una conferenza per coltivare la nostra formazione culturale o calunniare un collega per ottenere un incarico al posto suo. Di nuovo, il fatto che la medicina si riveli efficace, che la conferenza non aggiunga nulla a quello che si sa già, o che alla fine non si ottenga l’incarico, sono elementi che non cambiano il motivo che ci ha spinto ad agire.

28Tra queste due categorie di motivazione non c’è opposizione, può essere che una cosa soddisfacente sia anche un bene per me. Affermare che i fini di queste due categorie «riguardano se stessi» significa che in entrambi i casi l’azione è compiuta per ottenere un beneficio personale, dunque è «ego-centrica». Con questo termine non si vuole indicare che abbiano necessariamente una connotazione morale negativa, ossia che siano egoistiche. Come vedremo meglio in seguito, ci sono molte azioni compiute per ottenere un beneficio personale che non sono per nulla egoistiche e dal punto di vista morale sono neutrali, dunque né buone né cattive. Il carattere egocentrico delle motivazioni appena descritte vuole letteralmente indicare che in esse l’interesse di colui che agisce è rivolto a se stessi.

29Proprio questo orientamento verso se stessi differenzia il primo gruppo di motivazioni dal secondo, che invece comprende le motivazioni volte a ottenere qualcosa che è altro da sé. Questo tipo di motivazioni, che per distinguere dalle precedenti chiamiamo «alterocentriche», comprende tre categorie.

30La prima categoria riguarda le motivazioni che stanno alla base delle azioni compiute per ottenere un bene per qualcun altro, oppure per evitargli un male. Per esempio, un medico raccoglie, tra il personale del reparto in cui lavora, i soldi per fare un regalo di nozze a un collega, oppure un oncologo studia la dieta migliore per attenuare gli effetti collaterali della chemioterapia, così da alleviare la sofferenza del suo paziente.

31La seconda categoria riguarda le motivazioni che stanno alla base delle azioni compiute perché si ritiene che agire in quel modo sia giusto o un dovere. Un medico chiede a un amico giornalista di aiutarlo a fare carriera, diffondendo notizie false sull’incapacità di un collega, suo avversario in un concorso. Se il giornalista rifiuta, perché ritiene che, nonostante il legame di amicizia, non sia giusto agire in quel modo, la sua motivazione appartiene a questa seconda categoria.

32La terza categoria di motivazioni altero-centriche è quella che sta alla base delle azioni che sono compiute per realizzare qualcosa che colui che agisce considera importante in se stesso, anche se non è soggetto ad alcun obbligo morale. Ne è un esempio, l’azione dell’artista che realizza una magnifica opera d’arte, non tanto per guadagnarne denaro o perché sia ammirata, ma perché ritiene che sia dotata di valore in se stessa, o dell’inserviente che pulisce con cura fin negli angoli più 79 remoti per far bene il proprio lavoro, anche se nessuno lo controlla e se ne accorgerà.

33È evidente che un’azione può essere compiuta contemporaneamente con motivazioni di tipo differente, anche appartenenti ai due diversi gruppi delle azioni egocentriche e alterocentriche, come nel caso di chi salva la vita del proprio datore di lavoro perché gli interessa il suo bene, ma anche perché si aspetta una ricompensa. La possibilità che ci sia una concomitanza di motivazioni di tipo diverso non cancella la differenza tra di esse, che è rilevante per valutare moralmente un’azione.

34Le teorie egoistiche dell’azione. Prima di procedere con gli altri elementi dell’azione, ci permettiamo due brevi digressioni. Ci sono concezioni filosofiche dell’uomo, e di conseguenza delle sue azioni, che affermano che gli esseri umani agiscono sempre per ottenere un beneficio per sé, sia una soddisfazione o un bene, e negano che possano esistere motivazioni che riguardano altro da se stessi. È vero che le azioni compiute unicamente con motivazioni che riguardano solamente altro da se stessi sono rare e che l’uomo solitamente agisce spinto da motivazioni egocentriche e alterocentriche nello stesso tempo. L’esperienza, però, ci mostra che azioni puramente alterocentriche sono possibili. Per esempio, il passante che rischia la vita per aiutare una donna minacciata da un rapinatore armato, o lo scienziato che si licenzia perché in coscienza non ritiene giusto collaborare a costruire un’arma batteriologica, sono esempi di questo tipo. Tutte le azioni in cui qualcuno fa un grande sacrificio per aiutare qualcun altro o per compiere il proprio dovere, senza ottenere benefici o soddisfazioni immediate, testimoniano che l’uomo è capace di compiere azioni alterocentriche pure.

35D’altra parte, per confutare le concezioni che ritengono che l’uomo agisca sempre e solo per motivi egoistici non sono necessari esempi di azioni esclusivamente alterocentriche: è sufficiente che si diano azioni in cui tra i fini dell’agente ce ne sia almeno uno alterocentrico. E di questo tipo di azioni ciascuno di noi fa esperienza, per esempio ogni volta che decide di fare qualcosa che richiede un sacrificio, per far felice qualcun altro o rispettare un impegno preso.

36L’obiezione sollevata allora dalle concezioni egoistiche è che anche quando in apparenza si agisce con una motivazione alterocentrica, di fatto questo tipo di azioni produce in colui che agisce una soddisfazione, per cui si deve concludere che è quella soddisfazione a motivare le azioni cosiddette «altruistiche». Questo argomento, tuttavia, confonde la motivazione con l’effetto che un’azione ha sull’agente. Esistono certamente azioni che il loro autore compie per ottenere un effetto su di sé: quando in una giornata torrida facciamo una doccia fredda, oppure compriamo un gelato nella pasticceria migliore della città, il fine dell’azione coincide con l’effetto piacevole che l’azione produrrà su di noi. Il fine dell’agente e l’effetto dell’azione non sono però la stessa cosa. Ciò si manifesta nei casi in cui il fine dell’agente è contrario agli effetti che l’azione ha su di lui. Un ragazzo che fuma per la prima volta può essere sorpreso da come l’effetto che ottiene sia del tutto diverso dall’esperienza piacevole che l’ha motivato ad agire. Si potrà comprendere meglio questa distinzione quando si sarà chiarita la questione dell’intenzione dell’azione.

37Osservazione sulla natura riflessa della felicità. Quanto detto ha un rapporto con la questione della felicità che è tema per la filosofia morale fin dalle sue origini, e dunque motiva una seconda digressione. È possibile compiere azioni che ottengono un beneficio per qualcun altro, con l’unica motivazione che colui che agisce desidera provare un sentimento di soddisfazione. Tuttavia, l’esperienza ci dice che l’uomo sa distinguere tra le soddisfazioni parziali che può ottenere con certe azioni, e la soddisfazione piena, totale, di tutta la sua esistenza, che chiamiamo felicità o gioia. Già gli antichi hanno indicato nella felicità il vero fine ultimo dell’agire dell’uomo. Il desiderio della felicità è così profondamente radicato nell’uomo, che si può dire che resta sullo sfondo di ogni sua azione. Eppure, molti pensatori hanno rilevato che, per quanto l’uomo la desideri più di ogni altra cosa, la felicità è un fine che non si può ottenere volendolo direttamente. Il filosofo Hildebrand, per esempio, la definisce un dono sovrabbondante, per indicare che l’uomo ottiene la felicità quando il fine delle sue azioni è qualcosa di importante in sé, un bene, e non la felicità stessa: quando ciò che intendiamo realizzare o al quale rispondiamo è un bene, otteniamo la felicità come dono «in più». Se nostro scopo unico è essere felici e concentriamo la nostra attenzione solo su questo, non raggiungeremo l’obiettivo. Lo psichiatra già citato Viktor Frankl ha riconosciuto lo stesso principio e ha scritto che il vero scopo che l’uomo deve perseguire è la ricerca del significato della sua vita, cioè di valori per i quali vale la pena vivere. Solo a chi compie questa ricerca, la felicità è data come effetto. Se invece si fallisce il bersaglio e tale ricerca non raggiunge una meta, per quanto differente per ogni uomo, i desideri del soggetto si ripiegano su di lui come la traiettoria di un boomerang, e suo fine diventa solo il soddisfacimento di sé.

  • 3 Frankl 2007, p. 73 (con lievi variazioni di traduzione).

Il compimento di se stessi, la realizzazione delle proprie possibilità non potrebbero dunque rappresentare uno scopo coscientemente ricercato dall’uomo stesso: solo un uomo che avrà mancato il vero senso della propria vita, sognerà la felicità non come effetto, ma come fine in sé […] un boomerang non ritorna al punto da cui è stato lanciato se non quando manca il bersaglio. La sua destinazione primitiva era in effetti di raggiungere il bersaglio, e non di ritornare al cacciatore che l’aveva lanciato.3

38Se la felicità ha davvero questa caratteristica di dono sovrabbondante, o di tensione che se non trova uno scopo al di fuori di sé, si ritorce sul soggetto, fallendo il bersaglio, allora diventa più chiara l’importanza della distinzione tra motivazioni egocentriche e alterocentriche. Ma è ora di tornare all’analisi dell’azione.

c) L’intenzione

  • 4 La filosofia moderna, soprattutto grazie a Brentano e Husserl, ha offerto un contributo importante (...)

39Un altro elemento fondamentale dell’azione è l’intenzione con cui essa è compiuta. Attraverso l’intenzione è possibile capire perché le azioni umane sono differenti da quelle degli animali. L’intenzione è ciò che voglio consapevolmente fare, esplicitamente o implicitamente, direttamente e indirettamente4.

  • 5 Cfr. Anscombe 2004 e Teichmann 2008, p. 10, nota.

40Il dibattito contemporaneo sull’intenzione ha come punto di riferimento ineludibile l’opera Intention di Elisabeth Anscombe, scritta nel 1957, già citata all’inizio del capitolo 4. Il libro nacque a causa della proposta da parte dell’università di Oxford di conferire un riconoscimento honoris causa al presidente degli Stati Uniti Harry Truman. La Anscombe si oppose alla decisione, perché Truman aveva ordinato di sganciare le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki durante il secondo conflitto mondiale, sterminando migliaia di civili innocenti per vincere la guerra. Il problema dal quale nacque il libro era: la sua azione doveva essere considerata intenzionale?5 In questa sede non è possibile analizzare le analisi dell’allieva di Wittgenstein. Cerchiamo però di capire che cos’è l’intenzione dell’azione.

41L’intenzione è l’atto della volontà che «mette in moto» l’azione, e dunque determina se e in che modo una determinata azione è volontaria. A prima vista, l’intenzione può essere confusa con la motivazione, perché entrambe hanno direttamente a che fare con la volontà di colui che agisce e con la ragione per cui lo fa. Tuttavia, anche se entrambe scaturiscono dal soggetto agente, si differenziano perché mentre la motivazione riguarda il fine che si propone di ottenere colui che agisce, l’intenzione è più vicina alla causa dell’azione. La questione se e in che senso l’intenzione possa essere considerata la causa dell’azione è uno dei nuclei cruciali del dibattito filosofico che vide la Anscombe tra i protagonisti.

42È evidente che l’intenzione è direttamente connessa con ciò che, attraverso l’azione, si vuole provocare nel mondo, dunque ha una relazione con ciò che l’azione causa. Tuttavia, nell’ambito delle azioni la causalità non può essere intesa semplicemente nel senso della «causa efficiente», come connessione meccanica tra antecedente e conseguente. Come accade per la motivazione, anche la causalità dell’intenzione deve tener conto del fatto che l’agente è un soggetto libero e consapevole, dunque non si può parlare di causa nello stesso senso in cui si utilizza il termine quando si afferma che il calore è causa della dilatazione di un corpo riscaldato. Tale causalità si deve intendere piuttosto come «ragione», come il «perché» in base al quale colui che agisce dà inizio all’azione. Se, infatti, ricordiamo la definizione aristotelica dell’azione volontaria come quella in cui il principio dell’atto sta in colui che agisce, comprendiamo che la vera causa dell’azione deve stare in colui che agisce, più che nei suoi motivi e nelle sue intenzioni. Nel fotogramma mostrato all’inizio del capitolo, si è detto, il personaggio impersonato da Tom Cruise, nonostante le apparenze «aveva intenzione di non sparare», dunque non è la vera causa della morte dell’altro.

  • 6 Cfr. Ricoeur 1998, pp. 68 sg.

43L’intenzione ci mostra le ragioni che possono spiegare un’azione. Si può anche dire che l’intenzione ci permette di interpretare l’azione, di darle senso. Sapendo che l’intenzione di Tom Cruise era di non sparare, comprendiamo che l’azione mostrata nella foto deve avere un significato differente da quello trasmesso dall’immagine6.

  • 7 Wenisch 1995-2001 definisce l’intenzione come ciò che si riferisce «tra le conseguenze di un’azion (...)

44L’intenzione comprende dunque la motivazione (il fine dell’agente), ma comprende anche molti altri elementi, e cioè il fine dell’azione (l’oggetto dell’azione), i mezzi scelti per ottenere il fine e le conseguenze che colui che agisce sa che deriveranno dall’azione se essa è condotta con successo7. I medici nazisti che utilizzarono i prigionieri dei campi di concentramento per fare esperimenti iniettando sostanze infette in ferite da loro stessi provocate, forse erano davvero mossi dalla motivazione (fine dell’agente) di contribuire al progresso della scienza, ma ciò non è sufficiente a concludere che «non avevano l’intenzione di far soffrire» i prigionieri. La sofferenza delle persone usate come cavie era una conseguenza inevitabile e diretta delle loro azioni, anche se non era la motivazione che li muoveva ad agire, dunque la loro azione lesiva deve essere considerata intenzionale.

d) Le conseguenze

45Giacché produce un effetto nel mondo, ogni azione implica di per sé delle conseguenze. Tali conseguenze possono perciò essere considerate come un tutt’uno con l’azione. Dato che però gli effetti che un’azione produce possono essere anche molto lontani dal momento e dal contesto in cui l’azione è compiuta, e possono essere previste o impreviste da colui che agisce, a volte del tutto imprevedibili, si usa distinguere tra l’azione e le sue conseguenze. Non è però per nulla semplice trovare la linea di demarcazione tra l’azione e le conseguenze. Esiste una tradizione assai influente della riflessione morale che ritiene che la considerazione delle conseguenze sia l’unico elemento decisivo per valutare la qualità morale dell’azione.

46L’utilitarismo, per esempio (Bentham, Stuart Mill) afferma che il criterio per stabilire la bontà morale di un’azione è la sua utilità nell’ottenere il massimo benessere per il maggior numero di persone, o, in una versione più evoluta, la mas-sima soddisfazione delle preferenze per il maggior numero di persone. Tale teoria rileva giustamente che, nel momento della decisione, l’uomo è chiamato a prendere in considerazione, oltre che l’effetto immediato e diretto dell’azione, anche le sue conseguenze più lontane, anche solo probabili. Ma la prospettiva utilitarista porta all’estremo tale constatazione, fino a fare della considerazione delle conseguenze l’elemento primario nella valutazione delle azioni. Il problema fondamentale sollevato da questa prospettiva è che la conoscenza umana delle conseguenze delle proprie azioni è troppo limitata per avanzare la pretesa di valutare le azioni stesse solo in base a essa. Il calcolo dell’utilità richiederebbe di poter conoscere tutti gli effetti prossimi e remoti che le azioni alternative tra le quali si può scegliere hanno o avranno. Poiché, invece, per l’uomo non è possibile conoscere tutte le conseguenze che possono derivare dalle sue azioni, le sue decisioni devono potersi avvalere di qualche altro criterio oltre alla considerazione degli effetti dell’azione.

47L’intenzione dell’agente serve per stabilire quanto le conseguenze dell’azione possono essere attribuite a colui che l’ha compiuta. La questione è evidentemente della massima importanza nelle scelte in ambito bioetico e di etica medica.

48Riguardo al rapporto tra le conseguenze e l’intenzione, si può osservare quanto segue.

49Le conseguenze impreviste e imprevedibili dell’azione sono sempre escluse dall’intenzione. Se nella mia auto è stata installata una bomba che si innesca con l’accensione del moto-re, nessuno può sostenere che quando infilo e giro la chiave 85 nel cruscotto, l’esplosione faccia parte della mia intenzione.

50Le conseguenze previste o prevedibili, invece, possono essere incluse o escluse dall’intenzione. Ciò dipende da quanto direttamente e probabilmente le conseguenze derivano dall’azione. Ma anche da quanto gravi siano queste conseguenze.

51Si deve inoltre osservare che ci possono essere conseguenze dell’azione che non fanno parte dell’intenzione, eppure, a causa della loro rilevanza non possono essere ignorate. Se un paziente è depresso e potrebbe essere spinto al suicidio se sapesse di avere una patologia grave, anche se non letale, la previsione dell’eventualità che egli possa compiere un gesto disperato deve entrare nella valutazione dell’opportunità di comunicargli la diagnosi o del modo di farlo. Non si può dire che la comunicazione da parte del medico abbia l’intenzione di indurre il paziente al suicidio, tuttavia, egli è tenuto a tener conto di questa possibile conseguenza, a causa della sua gravità.

e) Le circostanze

  • 8 De inventione rethorica, 1, 24. In questo modo, include anche la motivazione (il perché) tra le ci (...)

52Ogni azione implica anche una serie di fattori concomitanti, che le «stanno intorno» e la caratterizzano: le circostanze. Nell’esempio del paziente depresso, la sua patologia fa parte di uno di quei fattori che sono concomitanti all’azione stessa e possono influire su di essa. Cicerone elenca sette tipi di circostanze: «quis, quid, ubi, quibus auxiliis, cur, quomodo, quando», chi, che cosa, dove, con l’aiuto di chi, perché, in che modo, quando8. Per esempio, la stessa azione assume un significato diverso se è compiuta da un adulto o da un bambino, da uno sano o malato, da una persona istruita o da una incolta, da un medico o da un profano, ecc.; lo stesso vale se l’azione riguarda un oggetto piuttosto che un altro (rubare una mela è diverso dal sottrarre gli stipendi degli impiegati di un’azienda); o se è compiuta in un luogo o in un altro (diverso è se mi esercito nel tiro a segno in un poligono di tiro o in mezzo alla folla), e così via.

53Così come le conseguenze, anche le circostanze possono essere rilevanti per valutare un’azione, anche se con peso che può essere assai differente caso per caso, cosicché non è sempre necessario tenerle tutte nella stessa considerazione.

Conclusione: la scelta deliberata come origine dell’azione intenzionale

  • 9 «Ora, è evidente che la scelta deliberata è atto volontario; però non vi s’identifica, ma il volon (...)

54Torniamo al libro terzo dell’Etica Nicomachea di Aristotele. Dopo aver definito l’azione, Aristotele introduce un concetto nuovo, quello di scelta deliberata, che è descritta come «cosa molto affine alla virtù» e che «permette di giudicare i costumi meglio delle azioni». Perché questa aggiunta, quando all’inizio del terzo libro sembrava che l’obiettivo fosse chiarire che cosa sono le azioni, in modo da arrivare a chiarire che cosa sono le virtù? I motivi addotti da Aristotele sono due: (a) il primo è che mentre anche i bambini e alcuni animali manifestano qualche forma di volontarietà, solo gli uomini – afferma Aristotele – sono capaci di scelte deliberate; (b) il secondo è che le azioni compiute impulsivamente sono volontarie, ma non sono secondo scelta deliberata9.

55Aristotele sembra insomma aver compreso che anche tra le azioni compiute dall’uomo, alcune non sono pienamente volontarie, perché di esse l’uomo è autore, senza però esse-re pienamente signore dei suoi atti. Solo la presenza di una scelta deliberata rende le azioni pienamente intenzionali. Egli spiega questo aspetto contrapponendo le azioni intenzionali a quelle compiute spinti dall’istinto.

L’intemperante agisce perché spinto dalla brama e non secondo quanto ha intenzione; all’opposto, la persona temperante agisce secondo quanto ha intenzione e non perché spinto dalla brama.

56La scelta deliberata, secondo Aristotele, è ciò che rende l’azione intenzionale. Tale scelta si differenzia sia dall’impulso o brama, sia dagli atti volontari generici, sia dall’opinione.

57C’è differenza tra agire spinti dall’impulso e agire per scelta, perché è possibile scegliere qualcosa di contrario a ciò verso cui si è spinti dall’istinto, mentre non è possibile non brama-re ciò che si brama. Posso provare l’impulso di schiaffeggiare un paziente insopportabile, ma decidere di trattenermi dal farlo. Mentre la brama, poi, ha sempre per oggetto qualcosa che riguarda la soddisfazione soggettiva, non così per l’oggetto della scelta. Il paziente può decidere di sottoporsi a fisioterapia, anche se per lungo tempo non ne percepisce alcun beneficio.

  • 10 Etica Nicomachea, III, 4, 1111b18-32.

58Ma c’è anche differenza tra la scelta e altri atti volontari, perché la scelta ha per oggetto solo le cose che dipendono da noi. Infatti, si applica alle cose possibili e realizzabili da colui che agisce: mentre possiamo volere cose per noi impossibili (vincere le Olimpiadi) o che riguardano qualcun altro (che un amico ci inviti a trascorrere le vacanze sulla sua barca a vela), non possiamo sceglierle in senso stretto. Inoltre, se-condo Aristotele la volontà riguarda il fine, la scelta i mezzi per raggiungere il fine. Per esempio, «noi vogliamo essere in buona salute e scegliamo i mezzi con cui saremo in buona salute; e vogliamo essere felici e lo dichiariamo, ma è inadatto dire “scegliamo”»10.

59Infine, la scelta non equivale all’opinione, dunque alla mera conoscenza, perché questa concerne ogni realtà, quin di anche quelle impossibili e che non dipendono da noi, e poi può essere vera o falsa. La scelta, invece, riguarda solo oggetti possibili e si distingue secondo il criterio del bene e del male.

60Pur essendo diversa dall’opinione, la scelta ha però un rapporto essenziale con la conoscenza. Infatti, essa è frutto di una riflessione che Aristotele chiama «deliberazione». Con questo termine egli indica l’atto conoscitivo con il quale riflettiamo su un’azione che possiamo compiere. Avendo per oggetto un’azione possibile, deliberiamo solo su ciò che non è soggetto a necessità, che è possibile e dipende da noi, e più precisamene non sui fini dell’azione, ma sui mezzi per raggiungere i fini. La deliberazione precede la scelta. È un giudizio che determina l’oggetto della scelta.

  • 11 Ivi, III, 5, 1113a.

61L’oggetto della scelta è non solo deliberato, ma anche «desiderato». Infatti, dice Aristotele, «una volta che, in seguito all’aver deliberato, abbiamo formulato un giudizio, noi desideriamo conformemente alla deliberazione»11.

62Se comprendiamo che le azioni umane sono dotate di un valore incomparabile rispetto a ogni altro evento che accade nel mondo, perché scaturiscono da un soggetto libero, che è padrone dei propri atti, è possibile comprendere come siano pienamente umane solo quando sono frutto di una scelta deliberata. È vero che non tutti, forse pochi, dei nostri atti sono davvero frutto di una scelta di questo tipo, ma è sufficiente comprendere che questo deve essere l’obiettivo.

63Dal punto di vista del rapporto medico-paziente questo ha come applicazione pratica immediata un dovere del medico affinché le scelte che devono essere prese dal paziente siano quanto più possibile deliberate. Questo evidentemente significa che siano basate su una corretta informazione (conoscenza), siano il più possibile libere da costrizione (indebite influenze), siano accompagnate e sostenute del medico che, motivato dal bene del paziente, aiuta a formulare giudizi e rispetta le decisioni prese.

64Ma tutto questo vale anche per il medico e lo studioso di bioetica. Di fronte alla scelta, anche l’operatore sanitario o l’esperto di bioetica che è chiamato a valutare un caso controverso deve puntare a raggiungere scelte deliberate, dunque libere da costrizioni esterne (di ordine economico, di pote-re), da pregiudizi ideologici (per esempio dal far influenzare la valutazione delle azioni dalla propria appartenenza politica), da interessi estranei al benessere del paziente, come la volontà di strumentalizzare il suo caso per conseguire la notorietà o un vantaggio economico.

Notes

1 Ricoeur 1998, p. 77.

2 Max Weber, per esempio, nel primo libro di Economia e società, individua quattro tipi di azione sociale: l’azione razionale rispetto allo scopo (ossia l’azione che ha senso per l’attore in quanto deriva da un calcolo mezzi/fini); l’azione razionale rispetto al valore (l’agire è mosso da un valore morale e in relazione ad esso viene valutata la sua adeguatezza); l’azione affettiva (che è espressione di uno stato emotivo) e l’azione tradizionale (che viene ripetuta per consuetudine).

3 Frankl 2007, p. 73 (con lievi variazioni di traduzione).

4 La filosofia moderna, soprattutto grazie a Brentano e Husserl, ha offerto un contributo importante a questa nozione, che tuttavia si trova già in Tommaso d’Aquino. Mentre in Tommaso l’intenzione si riferisce alla volontà (così come quando domandiamo «hai intenzione di lavarmi l’auto, oppure no?»), da Brentano in poi l’intenzionalità si riferisce invece alla coscienza: il termine indica che quando pensiamo qualcosa, per esempio un arcobaleno, quell’oggetto è presente nella nostra mente in modo non fisico, bensì immateriale, intenzionale. In ambito morale l’intenzione comprende entrambi questi significati: sia la consapevolezza, sia la volontà.

5 Cfr. Anscombe 2004 e Teichmann 2008, p. 10, nota.

6 Cfr. Ricoeur 1998, pp. 68 sg.

7 Wenisch 1995-2001 definisce l’intenzione come ciò che si riferisce «tra le conseguenze di un’azione, a quelle che l’agente intende realizzare, e che si realizzeranno se l’azione è condotta con successo, secondo il modo in cui l’agente comprende la catena causale che la sua azione mette in moto».

8 De inventione rethorica, 1, 24. In questo modo, include anche la motivazione (il perché) tra le circostanze, mentre noi preferiamo considerarla come un elemento a sé a causa della sua importanza per valutare l’azione dal punto di vista morale.

9 «Ora, è evidente che la scelta deliberata è atto volontario; però non vi s’identifica, ma il volontario ha maggiore estensione. Infatti del volontario partecipano anche i fanciulli e gli animali, della scelta deliberata no. Inoltre le cose che si compiono in modo immediato diciamo che sono volontarie, ma non che sono secondo scelta deliberata».

10 Etica Nicomachea, III, 4, 1111b18-32.

11 Ivi, III, 5, 1113a.

Table des illustrations

URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/393/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 48k

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable