Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Sfumature di rosso

 | 
Marco Di Maggio

Sfumature di rosso

Dal “terribile 1956” alla “solidarietà nazionale”. Il Pci, il Psi e la Rivoluzione d’Ottobre

Alexander Höbel

Texte intégral

1956

1Nell’evolversi dell’atteggiamento delle culture politiche del comunismo e del socialismo italiani verso la Rivoluzione d’Ottobre e l’esperienza sovietica, il 1956 è senza dubbio una data periodizzante. Quell’anno, com’è noto, segna una frattura nella storia del movimento operaio internazionale, per il XX Congresso del Pcus e il “Rapporto segreto” di Nikita Chruščëv, lo scioglimento del Cominform e il rilancio delle vie nazionali al socialismo, e infine per la rivolta ungherese e l’intervento sovietico.

  • 1 Togliatti (1984), pp. 93-124.
  • 2 Benvenuti (1985), pp. 18-19.

2Il primo punto di svolta consiste dunque nel XX Congresso, con la critica kruscioviana al “culto della personalità” staliniano, ma anche col riconoscimento solenne della molteplicità delle vie al socialismo nel quadro della strategia della coesistenza pacifica. Nel rapporto che tiene al Comitato centrale del Pci al rientro da Mosca, Palmiro Togliatti mette in luce soprattutto questi elementi – l’ampliarsi del movimento comunista mondiale e la questione delle «diverse vie al socialismo», – sottolineando la ricerca portata avanti dal Pci, da Gramsci in avanti, per una «via italiana». Quanto a Stalin, Togliatti ne evidenzia il ruolo, criticandone invece la tesi del «continuo inasprimento della lotta di classe» nel processo di transizione, che aveva legittimato molti arbitrii1. Nel Consiglio nazionale Togliatti torna sulle critiche a Stalin, giudicandole «giuste», ma riafferma il ruolo del leader sovietico «alla testa di un’opera immane, della Rivoluzione d’Ottobre, della costruzione della società socialista», ribadendo così il nesso tra la svolta del 1917 e la trasformazione del Paese degli anni successivi2.

3Il segretario del Pci approfondisce l’analisi, quando ormai il “Rapporto segreto” è stato pubblicato, nelle risposte a «Nuovi Argomenti». Qui egli individua tra gli «errori di Stalin il progressivo sovrapporsi di un potere personale alle istanze collettive», che contribuì a produrre «fenomeni di burocratizzazione, di violazione della legalità, di stagnazione e anche, parzialmente, di degenerazione, in differenti punti dell’organismo sociale». È un giudizio severo, sebbene Togliatti aggiunga che tali fenomeni non hanno mutato la natura della società sovietica. Del resto,

la legittimità del potere, nell’Unione Sovietica, ha la sua fonte prima nella rivoluzione. Questa ha dato il potere alla classe operaia, che era minoranza ma è riuscita, risolvendo i grandi problemi nazionali e sociali che si ponevano, a raccogliere via via attorno a sé tutte le masse popolari, trasformare la struttura economica del paese, creare […] una società nuova […]. Dimenticare la rivoluzione, non tener conto della nuova struttura sociale […] e poi fare un confronto puramente esteriore con i modi della vita politica nei paesi capitalistici è un trucco e niente più.

  • 3 Togliatti (1984), pp. 125-47 (127-28, 130, 137-40).
  • 4 Ivi, p. 146.

D’altra parte, lo stesso Lenin aveva evidenziato il «peso eccessivo della burocrazia», retaggio dunque «della vecchia Russia», oltre che degli errori di Stalin. Tra questi ultimi, Togliatti insiste sulla tendenza a ricondurre difficoltà e problemi sempre «al sabotaggio, all’opera del nemico di classe, di gruppi controrivoluzionari […]. Non è che queste cose non ci fossero», ma assolutizzarne il ruolo provocò «inaudite violazioni della legalità socialista»3. Infine il leader del Pci torna sulle vie nazionali: nel movimento comunista, afferma, «il complesso del sistema diventa policentrico e […] non si può parlare di una guida unica, bensì di un progresso che si compie seguendo strade spesso diverse»4. L’Ottobre e l’esperienza sovietica, insomma, sono punti di riferimento essenziali, ma non costituiscono un “modello”. È una acquisizione che Togliatti aveva fatto propria già negli anni tra le due guerre, rilanciandola nel 1944, ma che ora esplicita in modo più netto.

  • 5 Degl’Innocenti (1993), pp. 203-204.
  • 6 Cfr. Monina (2016), p. 125.
  • 7 P. Nenni, Luci e ombre del Congresso di Mosca, in «Mondo operaio», marzo 1956.

4Nel Psi le affermazioni sulla molteplicità delle vie al socialismo e l’esistenza di quello che ormai, come afferma Vittorio Foa in Direzione, è un «sistema mondiale», rendono ipotizzabile un riavvicinamento ai comunisti: alcune delle divergenze di fondo che avevano portato alla scissione del ’21 appaiono superate5, e paradossalmente ciò è effetto proprio degli ultimi sviluppi della vicenda iniziata nel 1917. Il tema della varietà dei processi di transizione al socialismo è affrontato da Lelio Basso, leader della sinistra socialista, che si riallaccia a Marx ed Engels6. Anche Pietro Nenni, analizzando Luci e ombre del Congresso di Mosca, ne sottolinea l’importanza; in Occidente, aggiunge, «la via del socialismo non può essere che quella democratica», mentre «l’atto di nascita della rivoluzione di Ottobre fu lo scioglimento della Costituente». Anche il leader socialista ribadisce il legame tra il 1917 e la fase staliniana: l’industrializzazione a tappe forzate costituì per certi versi la prosecuzione dell’esperienza rivoluzionaria; senza di essa, «l’Urss sarebbe crollata nel 1941-42 e […] l’Europa intera sarebbe stata germanizzata». In questo quadro, «la guerra e la vittoria apparvero, così come furono, il collaudo della Storia alla Rivoluzione di Ottobre». Come Togliatti, Nenni giudica quindi «sconcertante» il modo in cui Chruščëvha posto la questione Stalin, e nondimeno ritiene giusto «restaurare la vita democratica e la legalità socialista»7.

5Anche Basso, su «Nuovi Argomenti», sottolinea il legame tra le due fasi. Egli parte dall’arretratezza russa all’epoca della Rivoluzione e dalla costante minaccia di aggressione cui fu sottoposta l’Urss, che l’attacco nazista del 1941 dimostrò essere reale. Occorreva dunque «bruciare le tappe dello sviluppo economico», combattendo contro l’arretratezza, l’analfabetismo di massa, «la resistenza che nasce dalle abitudini secolari».

La rivoluzione […] doveva cioè non soltanto vincere la resistenza delle vecchie classi […] ed aver ragione dell’accerchiamento capitalistico, ma piegare alle proprie esigenze inesorabili anche le masse […].
Condurre questa lotta […] non sarebbe stato possibile senza una formidabile concentrazione di volontà e di potenza: quella concentrazione che costituisce precisamente la dittatura.

  • 8 9 domande sullo stalinismo. Lelio Basso, in «Nuovi Argomenti», maggio-giugno 1956, pp. 3-9.

Il dilemma di Saint-Just, «la vertu ou la terreur», è dunque per Basso tipico di ogni rivoluzione. «Senza la dittatura in appoggio alla tesi staliniana della costruzione del socialismo nel solo paese sovietico, la rivoluzione sarebbe stata probabilmente travolta»; tuttavia, la stessa «marcia al socialismo esigeva che, ad un certo momento, fosse travolta la dittatura»8.

  • 9 Togliatti (1984), p. 137.

6Eccettuato quest’ultimo passaggio, la lettura di Basso appare simile da quella fornita da Togliatti. Anche la frase del dirigente socialista secondo cui «sarebbe poco marxista non riconoscere questa intima dialettica del processo storico e attribuire alla dittatura staliniana tutto il bene o tutto il male» coincide con un’analoga valutazione del segretario comunista9. È una critica condivisa anche da Nenni, che però si differenzia da Togliatti nel ritenere che anche il ruolo dirigente del Partito in Urss vada ridiscusso, favorendo mutamenti strutturali del sistema:

Non sono in discussione i titoli di legittimità della Rivoluzione, sono in discussione gli istituti – dal partito ai Soviet – che essa ha creato nel fuoco delle sue esperienze. Questi istituti […] sono stati progressivamente svuotati del loro contenuto democratico […]. In questo senso la crisi sovietica investe non solo i cosiddetti “errori” di Stalin, ma il sistema sovietico quale è andato configurandosi sotto l’influenza di fattori che sono in rapida trasformazione.

  • 10 P. Nenni, Il rapporto di Kruscev e la polemica sul comunismo, in «Mondo operaio», giugno 1956.

e che rendono ora di nuovo possibile una transizione al socialismo di tipo democratico10.

  • 11 Cfr. il suo giudizio nell’articolo del 1938 I processi di Mosca, che fa ripubblicare su «Mondo oper (...)
  • 12 Questi giudica «un errore coinvolgere nei giudizi su Stalin il sistema sovietico, senza operare una (...)
  • 13 Togliatti (1984), pp. 148-83 (153-59).

7Se dunque Nenni vede un problema sistemico11, differenziandosi in questo anche da Francesco De Martino12, Togliatti invece individua fenomeni di «degenerazione» in un sistema di cui va ripristinata la dialettica interna. Più in generale, il leader del Pci osserva che, grazie al mutare dei rapporti di forza sul piano mondiale, la lotta per il socialismo ha assunto «forme più ampie». «Si possono cioè ottenere determinati e grandi risultati nella marcia verso il socialismo senza abbandonare questo metodo democratico, seguendo vie diverse da quelle che sono state […] quasi obbligatorie nel passato»13. La possibilità di vie democratiche al socialismo – sulla base sempre dell’azione di massa – è dunque legata da Togliatti alla crescita del movimento comunista, all’estendersi del fronte dei paesi che non intendono seguire la via capitalistica, al diffondersi delle idee di emancipazione; un processo che ha nell’Ottobre il suo presupposto. In questo quadro Togliatti accenna alcune innovazioni anche di tipo teorico:

  • 14 Ivi, pp. 167-74.

Prima Marx ed Engels e in seguito Lenin […] affermano che l’apparato dello Stato borghese non può servire a costruire una società socialista […] deve essere dalla classe operaia spezzato e distrutto […]. Questa non era la posizione originaria di Marx ed Engels: fu la posizione cui essi giunsero dopo la esperienza della Comune di Parigi e fu particolarmente sviluppata da Lenin. Questa posizione rimane pienamente valida, oggi? Ecco un tema di discussione. Quando noi, infatti, affermiamo che è possibile una via di avanzata verso il socialismo non solo sul terreno democratico, ma anche utilizzando le forme parlamentari, è evidente che correggiamo qualche cosa in questa posizione, tenendo conto delle trasformazioni che hanno avuto luogo14.

Il rapporto con l’impianto leninista si fa dunque più articolato. Ma la possibilità di transizioni democratiche al socialismo, diverse da quella sovietica, non implica alcun mutamento di giudizio sulla Rivoluzione d’Ottobre.

  • 15 Panzieri (1973), pp. 32-37.

8Anche Raniero Panzieri, esponente della sinistra socialista di formazione morandiana, prova a problematizzare il rapporto col leninismo. «In Lenin – scrive – il rifiuto della subordinazione (riformistica) della classe operaia al potere e alla società borghesi si identifica […] nelle concrete circostanze russe, con il rovesciamento violento del potere borghese». In Italia, «la classe operaia si pone come classe dirigente nel corso della sua lotta», facendosi interprete degli «interessi generali del Paese» e «procede essa stessa alla costruzione dello Stato democratico». È evidente che si tratta di una via diversa sulla base di differenti condizioni15.

  • 16 P. Nenni, Primo bilancio sulla polemica del Congresso di Mosca, in «Mondo operaio», luglio 1956.

9Nenni, dal canto suo, rivendica la scelta del 1920, quando il Partito socialista, «pur schierandosi senza riserve a difesa della Rivoluzione», rifiutò «di identificarsi in essa e nello Stato sovietico». Il punto di dissenso, in effetti, è il giudizio sull’esperienza sovietica dopo l’Ottobre; una esperienza che, secondo Nenni, va liberata da «ogni superstite forma di comunismo di guerra»16.

10In parte diversa è l’analisi di Basso, secondo il quale «non c’è stata in Urss una “dittatura del proletariato”», intesa come «autogoverno dei lavoratori» sulla base di «un proletariato altamente maturo» e di un capitalismo sviluppato. La Rivoluzione bolscevica, prosegue rifacendosi a Lenin, «si trovò di fronte alla necessità non di realizzare il socialismo, ma di crearne le premesse». In questo quadro, «l’arretratezza delle masse rispetto ai compiti della rivoluzione, il conseguente distacco fra le masse e i capi, ebbero come conseguenza la ferrea dittatura staliniana». Basso dunque riprende le osservazioni di Rosa Luxemburg sulla dittatura del proletariato come «opera della classe, e non di una piccola minoranza»; mancandone le condizioni, nella Russia sovietica si ebbero «prima una dittatura di partito», poi «una dittatura personale». Tuttavia,

  • 17 L. Basso, L’esperienza sovietica e la dittatura del proletariato, ibidem.

non può certo farsi colpa a Lenin di aver fatto trionfare la rivoluzione in un paese ancora immaturo per il socialismo, né a Stalin di avere imposto, con la sua volontà d’acciaio, la continuazione dell’esperienza in mezzo a incredibili difficoltà. Se si dovessero trovare dei responsabili […] sarebbero, in primo luogo, la classe dirigente russa che mantenne il paese in condizioni di arretratezza, e in secondo luogo […] i lavoratori dei paesi più progrediti che non seppero far maturare […] una situazione rivoluzionaria17.

  • 18 Höbel (2006), pp. 127-30.
  • 19 P. Nenni, L’insegnamento di una tragedia, in «Avanti!», 27 ottobre 1956.
  • 20 Cfr. Guerra, Trentin (1997).

Intanto a riaccendere il dibattito sulla natura dell’Urss e del “campo socialista” sono la rivolta ungherese e l’intervento militare sovietico. Sui “fatti d’Ungheria” il dissenso tra comunisti e socialisti è profondo. Mentre per Togliatti – che pure critica «l’incomprensibile ritardo» dei dirigenti ungheresi nel comprendere la necessità di profonde correzioni – «alla sommossa armata […] non si può rispondere se non con le armi»18, per Nenni si è di fronte a uno «stalinismo d’importazione» che va condannato19. La crisi ungherese peraltro, oltre ad aprire un aspro dibattito all’interno del Pci, produce la clamorosa differenziazione della Cgil di Giuseppe Di Vittorio, che in un comunicato ufficiale parla di «condanna storica e definitiva di metodi antidemocratici […] che determinano il distacco fra dirigenti e masse»20.

  • 21 Mattera (2004), pp. 266-67.

11Tuttavia anche in questi frangenti drammatici non è in discussione l’Ottobre, ma i sistemi che ne sono sorti, le modalità di concepire i rapporti interni al “campo socialista” e la lotta politica nel mondo diviso in blocchi. In ogni caso, l’ipotesi di un riavvicinamento tra Pci e Psi, già messa in crisi dall’incontro di Pralognan tra Nenni e il leader socialdemocratico Giuseppe Saragat, viene definitivamente accantonata. Tra comunisti e socialisti vi è ora per Nenni addirittura «un abisso»21.

  • 22 Togliatti (1984), pp. 184-239 (193, 197, 203).

12L’anno si chiude con l’VIII Congresso del Pci, che rilancia la “via italiana al socialismo”. Nella sua relazione, Togliatti afferma che il mondo stesso «è diventato policentrico», e i blocchi contrapposti sono sempre più articolati al loro interno. In questo quadro, egli critica l’«imitazione servile del modello sovietico», ribadendo il «principio delle diverse vie di sviluppo verso il socialismo». Il movimento comunista «deve avere […] una sua unità», ma una «unità che si crei nella diversità e originalità delle singole esperienze»22. Nel rilanciare tale prospettiva, Togliatti si rifà proprio a Lenin, così come nel riaffermare la “via democratica al socialismo”:

Se nel 1917, ancora pochi mesi prima dell’ottobre […] lo stesso Lenin non escludeva uno sviluppo pacifico della rivoluzione socialista e il permanere di una pluralità di partiti, a ben maggior diritto possiamo noi oggi, in un mondo già così profondamente rinnovato dal socialismo, considerare nostro compito storico fondamentale l’attuazione di questa possibilità.

  • 23 Ivi, pp. 197-98, 217.

Per il leader comunista, con l’espressione «dittatura del proletariato» deve intendersi «la direzione politica da parte della classe operaia della costruzione della società socialista», e già Lenin era consapevole che non tutti i paesi si sarebbero mossi verso il socialismo «allo stesso modo»23. “Via italiana” e legame con l’Ottobre e il leninismo costituiscono dunque per il Pci elementi complementari. E su questo legame Togliatti si sofferma a lungo:

  • 24 Ivi, pp. 204-205.

È stata la Rivoluzione di Ottobre che ha aperto a tutti la strada verso il socialismo. È stata la costruzione socialista sovietica che ha dato animo e slancio a tutto il movimento operaio. Sono state le vittorie dell’Unione Sovietica che hanno permesso di schiacciare il fascismo, che hanno determinato il crollo del regime coloniale […]. Anche noi, Partito comunista italiano, siamo sorti e cresciuti alla luce della Rivoluzione di Ottobre. Non esitiamo un istante a dichiarare che abbiamo sempre lavorato per continuare l’opera di quella rivoluzione e tuttora riteniamo sia questo il compito nostro e il compito della classe operaia nel mondo intiero.
Dei trentanove anni che ci separano dalla Rivoluzione d’Ottobre, diciotto sono stati per l’Unione Sovietica anni di guerra o dedicati alla riparazione urgente dei danni lasciati dalle guerre. Una parte ingente del paese era abitata da popoli soggetti a un regime coloniale, che dovettero essere guidati a uscire da questa situazione con uno sforzo […] costosissimo. […] La costruzione di una industria socialista e il progresso dell’agricoltura richiesero investimenti colossali, e questi dovettero essere ricavati tutti da una accumulazione interna, il cui peso ricadeva sulla classe operaia, prima di tutto. Il capitalismo stesso non aveva ancora raggiunto, al tempo della Rivoluzione, uno sviluppo tale che creasse nell’industria e nelle campagne un’ampia base oggettiva per la costruzione dei rapporti di produzione socialisti. Tutto questo deve sempre essere tenuto presente, per […] esprimere il giudizio sul sistema, che oggi vi è chi vorrebbe condannare e buttare a mare, e proprio perché […] ha dimostrato la capacità di scoprire con energia i propri difetti, di criticarli con coraggio e di accingersi a correggerli24.

  • 25 Mattera (2004), p. 254.

Se dunque sull’Ottobre le valutazioni di comunisti e socialisti sono ancora convergenti, ciò su cui tendono a divaricarsi è il sistema sovietico. Quanto al rapporto col leninismo, anche qui le posizioni sono diverse, sebbene più articolate: se in Togliatti e in parte della sinistra socialista vi è l’idea di uno sviluppo creativo della lezione di Lenin, nelle affermazioni di Nenni si può leggere un «rifiuto del leninismo» secondo alcune interpretazioni già ora «definitivo»25.

Quarant’anni dopo: l’anniversario del 1957

  • 26 Fedele (2016), p. 7.
  • 27 Panzieri (1973), pp. 65-87.

13I fatti del 1956 segnano profondamente le culture politiche comunista e socialista. Il quarantennale dell’Ottobre, l’anno successivo, risente fortemente di quanto è avvenuto; e tuttavia, sebbene il colpo sia stato pesante, si è trattato di «un colpo non mortale»26. All’inizio del 1957 il Partito socialista tiene il suo XXXII Congresso. Nel dibattito precongressuale Panzieri torna sulla contraddizione tra sviluppo delle forze produttive e rapporti sociali nella Russia sovietica già evidenziata da Basso: «La necessità di assicurare la vitalità e difendere la esistenza del sistema socialista nelle condizioni di assedio e di accerchiamento capitalista – osserva – ha portato ad accelerare la trasformazione dei rapporti di produzione rispetto allo sviluppo effettivo delle forze produttive». Ne sono derivati il «ritmo forzato» di collettivizzazione e industrializzazione, e «un processo contraddittorio di fronte al quale le strutture originarie della democrazia socialista […] hanno ceduto a causa del debole sviluppo iniziale delle forze rivoluzionarie coscienti». In questo modo, al «nuovo Stato della dittatura del proletariato», che per Lenin non sarebbe stato più «uno Stato nel senso proprio», ossia un «“comando esercitato sulle masse” da “poteri separati dal popolo”», subentrò uno «Stato burocratico-poliziesco». Il XX Congresso del Pcus va dunque salutato positivamente, come il «solo modo di testimoniare la fedeltà ai valori della Rivoluzione di Ottobre»27.

  • 28 «Avanti!», 7 febbraio 1957.

14Nenni, dal canto suo, nella relazione al congresso riflette sulle denunce di Chruščëv, ritenendole «più inerenti al sistema e alle istituzioni, che all’uomo o agli uomini». «Senza democrazia e senza libertà – afferma – tutto si avvilisce, tutto si corrompe, anche le istituzioni create dalle rivoluzioni proletarie, anche la trasformazione, da privata a sociale, della proprietà dei mezzi di produzione e di scambio, che dell’economia socialista è la condizione principale»28.

  • 29 Aa. Vv. (2006), pp. 23-32, p. 23.
  • 30 I due pamphlet, Riforme e rivoluzione di A. Giolitti, e Revisionismo nuovo e antico di L. Longo, so (...)

15Il congresso segna un punto di svolta sancendo, come ricorderà De Martino, la «piena autonomia del socialismo nei confronti del comunismo, come era venuto realizzandosi nell’Unione Sovietica»29. Anche lo scambio di pamphlet sul rapporto tra riforme e rivoluzione tra Antonio Giolitti, che di lì a poco aderirà al Psi, e il vicesegretario comunista Luigi Longo segnala una divaricazione crescente di posizioni30.

  • 31 Cfr. «Avanti!», 2 e 3 novembre 1957.
  • 32 Quarant’anni fa la Rivoluzione d’Ottobre, ibidem.
  • 33 Partita ieri per Mosca la delegazione del P.S.I., ivi, 6 novembre 1957.

16Tuttavia il quarantesimo anniversario fa emergere un legame ancora forte con la Rivoluzione d’Ottobre anche da parte socialista. Sono i giorni del lancio dello sputnik sovietico, e oltre a «l’Unità» anche l’«Avanti!» dedica ampio spazio all’evento31. Il quotidiano socialista pubblica un paginone sul quarantesimo, con una poesia di Pasternak su Lenin, brani tratti dai libri di John Reed e degli storici Christopher Hill ed Edward H. Carr e una cronologia a cura di Sergio Caprioglio32. Il 5 parte per Mosca la delegazione del Psi, comprendente due dirigenti di primo piano come Vecchietti e Pertini. Nella sua dichiarazione Vecchietti definisce l’Ottobre «l’inizio di una nuova era», un evento che «ha lasciato un’impronta indelebile nei socialisti italiani che ne celebrano la ricorrenza anche come una loro festa»33.

17Il 7 novembre l’«Avanti» pubblica un impegnato editoriale di Basso intitolato Coerenza socialista. Qui egli ribadisce il

bilancio immensamente positivo della vittoria sovietica di questi decenni, nonostante le sofferenze immani, le dolorose tragedie e, purtroppo, i delitti di cui il cammino di quella storia è anch’esso seminato. Come socialisti possiamo e dobbiamo essere orgogliosi delle immense conquiste che in nome del socialismo ha fatto il popolo sovietico, un popolo che in pochi anni […] ha compiuto il più formidabile balzo della storia.

  • 34 L. Basso, Coerenza socialista, ibidem.

Né si può dimenticare che l’Ottobre ha aperto «le porte a quella seconda grandiosa rivoluzione che si sta svolgendo sotto i nostri occhi, l’emancipazione dei popoli africani e asiatici». Rivendicare queste cose non significa voler tornare al frontismo. Naturalmente «il cammino verso la democrazia è […] lungo, doloroso e difficile», ma «per questa costruzione della democrazia l’Urss ha preparato in pochi decenni dei materiali granitici: la collettivizzazione dei mezzi di produzione e […] un livello di istruzione generale che fra qualche anno non avrà forse l’eguale nel mondo»34.

  • 35 In particolare, sono pubblicati commenti di Turati e Serrati del 1917-19, e analisi e giudizi succe (...)

18Nello stesso numero del giornale, un paginone è dedicato al rapporto tra i socialisti e l’Ottobre35. Il giorno successivo, oltre a dar conto dei festeggiamenti di Mosca, nella «pagina della donna» si riporta un brano di Nadežda Krupskaja sulla «prima rivoluzione che ha rivendicato la parità dell’uomo e della donna». Infine il 9 novembre si dà conto del Grande comizio a Mosca per la Rivoluzione d’ottobre, al quale per il Psi interviene Vecchietti.

  • 36 G. Boffa, Il movimento comunista celebra il 40° dell’Ottobre, in «l’Unità», 7 novembre 1957.
  • 37 G. Amendola, Il 7 novembre e l’Italia, ibidem.

19Se la stampa socialista segue l’anniversario del 1957 con interesse e partecipazione, ancora maggiore è l’attenzione dimostrata dal Pci. «l’Unità» dedica il numero del 7 novembre alla «solenne riunione del Soviet Supremo»36, assieme a una ricostruzione della presa del Palazzo d’Inverno e a un editoriale di Giorgio Amendola su Il 7 novembre e l’Italia. La «breccia» aperta dall’Ottobre – scrive il dirigente del Pci – ha cambiato il mondo e la stessa Italia, per cui il «nostro internazionalismo […] è soprattutto chiara coscienza del collegamento […] tra la vittoria del socialismo in tanta parte del mondo […] la rottura del vecchio sistema coloniale e gli sviluppi della crisi generale del capitalismo, e quindi le condizioni nelle quali si conduce oggi nel nostro paese la lotta per il socialismo». Il 1917, insomma, ha effetti che riguardano anche l’Italia, e il Pci può contare su una «originale capacità […] di comprendere e rielaborare […] gli insegnamenti della Rivoluzione», di cui è dunque non solo erede, ma anche prosecutore37.

  • 38 Togliatti parla a Mosca: “le vittorie dell’U.R.S.S. ci hanno aperto la strada verso il socialismo”, (...)
  • 39 I lavoratori hanno fiducia in noi perché siamo amici dell’U.R.S.S., ivi, 11 novembre 1957.

20È questo, del resto, il senso del discorso di Togliatti a Mosca: anche il segretario sottolinea il ruolo dell’esperienza sovietica nell’aver aperto nuove strade al movimento operaio italiano, contribuendo in modo decisivo alla nascita del Pci; la “via italiana al socialismo” costituisce dunque uno sviluppo dell’insegnamento di Lenin e di quel «marxismo creativo» che Togliatti rivendica38. Negli stessi giorni, i comunisti tengono iniziative in tutto il Paese: quella centrale, che si svolge a Roma, vede il comizio di Longo; a Milano parla Umberto Terracini, a Genova Amendola, a Napoli Gian Carlo Pajetta. Nel 1917 – afferma Longo – «i dannati della terra davano la scalata al cielo», inaugurando «un’era nuova nella storia dell’umanità»; malgrado i nemici, «la Rivoluzione non si lasciò soffocare, ma contrattaccò e vinse. […] Non fu un miracolo, ma il risultato dell’opera degli uomini, dei dirigenti che li hanno organizzati […] delle idee che li hanno ispirati». Quindi il vicesegretario del Pci rivendica il legame con l’esperienza sovietica: «A noi comunisti italiani si “rimprovera” di essere sempre stati con la Rivoluzione d’Ottobre, con l’Urss […]. Noi ci vantiamo di questo: è nostro onore e titolo di gloria non aver mai perso la fede nelle forze creative del proletariato sovietico e nella fecondità dell’idea socialista»39.

21Negli stessi giorni «Rinascita» pubblica un numero speciale sui Quaranta anni di rivoluzione socialista. Il fascicolo, di oltre 200 pagine, vede una serie di testi non firmati, che ripercorrono le tappe del processo rivoluzionario e dell’esperienza sovietica, alternati a testimonianze e commenti di dirigenti del Pci, pagine di diario della segretaria di Lenin, frammenti di Lenin e Gramsci, un contributo dello storico sovietico Mironenko, poesie tradotte dal russo da Vittorio Strada. Il gruppo redazionale è coordinato dallo stesso Togliatti, con dirigenti di primo piano come Mario Alicata (responsabile della Commissione culturale) ed Emilio Sereni (ex responsabile della Commissione), esponenti della “vecchia guardia” come Giuseppe Berti, Pietro Secchia, Velio Spano e Paolo Robotti, e quadri più giovani come Luciano Barca, l’economista Bruzio Manzocchi, il futuro curatore dei Quaderni del carcere Valentino Gerratana, il futuro responsabile Esteri Sergio Segre.

  • 40 1917-1957, in «Rinascita», XIV (1957), 11, p. 1.
  • 41 Classi e partiti nella Rivoluzione russa, ivi, pp. 14-38.
  • 42 Ricostruiti dal diario della sua segretaria gli ultimi mesi della vita di Lenin, ivi, pp. 49-58.

22L’editoriale di presentazione, attribuibile a Togliatti, sottolinea che la Rivoluzione d’Ottobre ha rotto «la catena dell’imperialismo», dimostrando «la possibilità […] di uno Stato, di una economia e di una società socialista»40. Tra i testi redazionali, quello su Classi e partiti nella Rivoluzione russa analizza le forze in campo nella Russia del 1917 e il graduale affermarsi dell’egemonia bolscevica. Fu Lenin – si sottolinea – che individuò il “dualismo di potere” creatosi dopo la Rivoluzione di febbraio e la necessità di porre all’ordine del giorno il passaggio «dalla prima tappa della rivoluzione» a quella «che deve dare il potere al proletariato», col sostegno – almeno dalle Tesi di aprile in avanti – di Stalin41. Lenin si staglia quindi come la figura decisiva, a fronte delle esitazioni di Bucharin, Preobraženskij, Zinov’ev e Kamenev e delle impazienze di Trockij; Stalin è citato in vari passaggi, ma senza enfasi o scivolamenti retorici. Si avverte l’influenza del XX Congresso, ma non c’è alcuna cancellazione del leader sovietico. D’altra parte, le pagine di diario della segretaria di Lenin testimoniano delle preoccupazioni del leader bolscevico sulle modalità della lotta interna al Partito42.

  • 43 G. Dozza, I menscevichi a Bologna, ivi, pp. 12-13; B. Santhià, Ora la risposta è sicura, ivi, pp. 3 (...)
  • 44 Lenin, il controllo operaio e il movimento sindacale, ivi, pp. 68-77.

23Il ruolo di Lenin come protagonista assoluto torna in tutto il fascicolo, a partire dalle testimonianze di Giuseppe Dozza e Battista Santhià sull’accoglienza di delegazioni russe a Bologna e a Torino dopo la Rivoluzione di febbraio nelle quali menscevichi e socialisti-rivoluzionari erano accolti al grido di «Viva Lenin!»43. Ma lo scritto più interessante è quello su Lenin, il controllo operaio e il movimento sindacale. Per Lenin, si osserva, i comitati di fabbrica erano «organi di lotta rivoluzionaria», che al contempo abituavano gli operai a dirigere la produzione. Nel suo pensiero, però, «non vi era ombra dell’utopismo anarchico-sindacalista negatore dello Stato e fautore della gestione diretta da parte dei “produttori”». Dopo la rivoluzione, Lenin pose l’obiettivo «di costruire il nuovo Stato proletario», che doveva passare per un complesso «periodo di transizione». La “nuova politica economica” avviata nel 1921 fu quindi per Lenin il ritorno alla sua linea più autentica. Per lui, «il passaggio dalla fase “del controllo e dell’inventario” alla fase dell’“amministrazione” richiedeva […] un tipo di organizzazione superiore e diverso rispetto al comitato di fabbrica, capace di esprimere e realizzare le esigenze generali dell’economia, esigenze statali». In tal senso, la sua posizione era diversa sia da quella anarcosindacalista, sia da quella di Trockij sulla “statizzazione” dei sindacati e la militarizzazione del lavoro. Al contrario, per Lenin, il sindacato doveva «collegare il partito con le sterminate masse di milioni di lavoratori senza partito, educandoli all’amministrazione dello Stato, al comunismo»44.

24L’articolo è significativo per due aspetti: da un lato, esso ribadisce l’idea della transizione al socialismo come “processo”, da realizzarsi con gradualità, evitando scorciatoie e forzature; dall’altro, criticando le posizioni anarcosindacaliste e ribadendo il ruolo dello Stato nella transizione, sembra anticipare le polemiche con quelle tendenze operaiste che stanno per emergere nella sinistra italiana.

  • 45 Cfr. Goldman (2007).
  • 46 Le prospettive aperte dal XX Congresso, in «Rinascita», XIV (1957), 11, pp. 191-97.

25A conclusione del volumetto un lungo articolo su Le prospettive aperte dal XX Congresso, in cui è visibile la mano di Togliatti, riprende la riflessione sul “culto della personalità”. Premessa la «superiorità» della democrazia sovietica «su ogni forma di democrazia borghese», confermata dalla mobilitazione di massa durante la Seconda guerra mondiale, frutto appunto di una democrazia che vede «la partecipazione attiva e cosciente di milioni di lavoratori», l’articolo ribadisce che i guasti causati dal “culto della personalità” non furono dovuti «a difetti intrinseci del sistema» come sostiene Nenni, ma al contrario divennero «possibili solo in conseguenza di gravi violazioni delle norme poste a base di quel sistema», e in particolare per il venir meno del Partito al compito di «esprimere, di contro alla più elementare e arretrata spontaneità delle masse, la loro più avanzata coscienza rivoluzionaria». Vi furono insomma, da un lato «una grave sottovalutazione del grado di maturità politica delle masse», dall’altro un cedimento proprio al «“culto della spontaneità” delle masse più arretrate». È uno spunto interessante, confermato dalle ricerche più recenti sulle dinamiche “dal basso” nella fase del Terrore45. Ne derivò – si conclude – «una situazione contraddittoria e altamente drammatica» come del resto era stata «la prima rivoluzione socialista vittoriosa […] in un paese tra i più arretrati». Tuttavia errori e problemi non hanno mai «messo in discussione […] la struttura socialista della società sovietica», e proprio questo ha consentito la svolta del XX Congresso46.

  • 47 Tra i testi pubblicati, vi sono brani di Lenin, Gramsci, Trockij, Lunačarskij; documenti del period (...)

26Il quarantesimo annivversario dell’Ottobre diventa dunque per il Pci l’occasione per proseguire la riflessione avviata nel 1956, accompagnata dalla riaffermazione del legame organico con l’esperienza sovietica e con il leninismo. Anche il Psi, peraltro, con qualche contraddizione, ribadisce tale legame. La rivista «Mondo Operaio», diretta da Nenni e Panzieri, dedica un intero numero all’Ottobre. Quarant’anni dopo, recita il cappello introduttivo, «l’insegnamento del leninismo, restituito ai suoi tratti autentici, si manifesta in tutto il suo valore di attualità rivoluzionaria». È significativo, però, che l’editoriale di apertura – Il genio di Lenin – sia dello scomparso Morandi, e che tutto il fascicolo sia solo una raccolta di scritti, documenti e testimonianze del passato47, senza testi redatti per l’occasione.

27Il rapporto con l’Ottobre e l’esperienza sovietica è ovviamente più complesso per il Psi. Lo conferma una lettera all’«Avanti» del lettore Valentino Zuccherini, che critica le dichiarazioni di Vecchietti alla partenza per Mosca, ravvisandovi la vecchia esaltazione di «un sistema che poi si è rivelato molto diverso da quello che si era descritto». Nella sua replica, Luciano Della Mea invita a

giudicare l’Urss non in un momento particolare della sua storia, ma in base ai punti di partenza, alle fasi dello sviluppo in relazione alla situazione interna e a quella internazionale, ai risultati man mano conseguiti […]. L’esaltazione aprioristica di ieri, che pure aveva qualche giustificazione psicologica nella […] Guerra fredda […] non giustifica affatto la negazione di oggi: ambedue sono gli aspetti contrari di un modo uguale – moralistico, sentimentale, mitico, non storico insomma – di giudicare le cose.

  • 48 L. Della Mea, Il P.S.I. e l’U.R.S.S., in «Avanti!», 27 novembre 1957.

Il Psi dunque «non può prescindere dalla propria tradizione», anche «per quanto riguarda i rapporti con l’Urss» e l’Ottobre48. Tale rapporto si avvia però a diventare sempre più problematico, e anche tra le “affinità e divergenze” nelle letture comunista e socialista della vicenda sovietica saranno presto le seconde a prevalere.

Da un decennale all’altro: l’Ottobre alla prova degli anni Sessanta

  • 49 L. Libertini, R. Panzieri, Sette tesi sul controllo operaio, in «Mondo operaio», febbraio 1958, pp. (...)

28Tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio del decennio successivo, l’articolazione delle culture politiche della sinistra italiana si fa più complessa; il sorgere di nuovi gruppi e riviste rende il quadro più mosso. Nel 1958 le Sette tesi sul controllo operaio di Panzieri e Libertini aprono un nuovo fronte di discussione. I due esponenti della sinistra socialista affrontano in primo luogo il problema della transizione: proprio la lezione di Lenin, affermano, smentisce lo schema stadiale di una successione tra rivoluzione democratico-borghese e rivoluzione socialista; i due processi si intrecciano, e già nella modernità capitalistica vanno costruite forme di controllo operaio e democrazia socialista che prefigurino la nuova società. Non vi è più dunque, un “sole dell’avvenire” né tantomeno un’“ora x”, ma un processo da costruire nel vivo delle contraddizioni del capitalismo49.

  • 50 Togliatti (1984), pp. 321-35.

29Sono posizioni che hanno significativi punti di contatto all’interno del Pci. Intanto, dinanzi al riavvicinamento tra Psi e Psdi, Togliatti sottopone a una critica serrata le posizioni assunte da Nenni nel 1956. Le acquisizioni del XX Congresso erano viste come «totalmente nuove», mentre ad esempio l’idea della molteplicità delle vie al socialismo era già in Lenin. Quanto alla “via democratica”, che non va ridotta «a una banalità puramente giuridica», per Togliatti la possibilità di evitare la «violenza insurrezionale» nel processo rivoluzionario non deve provocare un ritorno a posizioni socialdemocratiche. Non può essere rimosso, cioè, il tema della «natura dello Stato borghese e dell’aspra lotta per il potere che nel suo ambito si conduce». Togliatti dunque rivendica un rapporto col leninismo non rituale, ma legato alla prassi e alla lotta politica. Quanto al sistema sovietico, chiedere come fa Nenni che gli «istituti» della democrazia sovietica (Partito, soviet, sindacati) siano modificati radicalmente significa non vedere che essi sono «in rapporto con lo sviluppo della economia e di tutta la vita sociale» dell’Urss, «collegati l’uno all’altro in un complesso organico, che non si può spezzare senza distruggere la sostanza delle conquiste rivoluzionarie» e la stessa società sovietica. Inoltre «chiamare comunismo di guerra tutto il regime sovietico, fino al XX Congresso, vuol dire soltanto imbrogliare le carte, così come è puro imbroglio l’uso del termine “stalinismo”», con cui si liquida tutta la storia dell’Urss. Da Stalin si giunge infatti a Lenin, all’idea di “dittatura del proletariato” e alla «possibilità stessa che venisse data vita a uno Stato operaio e contadino»50.

  • 51 Ivi, pp. 283-99.
  • 52 Cfr. Righi (2007).

30Rivendicare l’eredità dell’Ottobre, sembra dire Togliatti, non è possibile se si dà un giudizio liquidatorio su ciò che ne è seguito o sul contributo teorico di Lenin. Non a caso, sul rapporto organico tra Gramsci e il leninismo il leader del Pci insiste nel I Convegno di studi gramsciani51. E tre anni dopo, proprio il legame storico concreto con l’esperienza sovietica è il concetto sul quale il segretario darà battaglia in Comitato centrale, nell’acceso dibattito che segue il XXII Congresso del Pcus52.

  • 53 Degl’Innocenti (1993), pp. 240-41, 267.
  • 54 P. Spriano, Nenni e la Rivoluzione d’Ottobre, in «l’Unità», 8 ottobre 1960.

31Intanto, mentre il Pci è coinvolto nelle polemiche interne al movimento comunista internazionale, in cui i cinesi contestano Chruščëv e Togliatti proprio sul “leninismo”, la «frattura» tra Psi e mondo comunista diventa «incolmabile», mentre procedono il recupero della tradizione riformista e l’avvicinamento alle socialdemocrazie europee53. Nella campagna per le amministrative del 1960, Nenni afferma: «Nel ’21, nel ’22, la classe operaia italiana pagò con la sconfitta integrale la sua ideale fedeltà alla Rivoluzione d’Ottobre […] al seducente invito della rivoluzione integrale»; una ricostruzione cui replica lo storico comunista Paolo Spriano, sostenendo che nella crisi dell’Italia liberale il principale problema fu proprio la mancanza di chiarezza da parte del Psi, cui il gruppo dell’«Ordine Nuovo» e poi il Pcd’I cercarono di reagire, cercando di «tradurre» gli insegnamenti dell’Ottobre nel contesto italiano54.

  • 55 Degl’Innocenti (1993), pp. 280-83, 299
  • 56 Cfr. Leonardi (1967).

32L’avvio del processo che condurrà al centro-sinistra porta intanto il tema della programmazione economica al centro del dibattito. L’idea della “politica di piano” si lega sempre più a quella di “via democratica al socialismo”. Se però il Psi tende a ricondurre la programmazione alle esperienze anglosassoni55, nel Pci è più forte il richiamo alla vicenda sovietica, anche se non manca il confronto con le esperienze occidentali56.

33Nel 1963, col suo XXXV Congresso, il Psi sancisce la collaborazione con la Dc nel nuovo governo di centro-sinistra. Nella sua relazione, Nenni segna un’ulteriore presa di distanze dalla tradizione avviata dall’Ottobre: la “via democratica al socialismo”, afferma,

  • 57 Cfr. Nenni (1966), pp. 241-78 (243-44).

comporta l’abbandono della teoria leninista del potere, quale venne accolta anche dal nostro Partito […] sotto la suggestione esercitata dalla Rivoluzione d’Ottobre, uno degli eventi maggiori della storia moderna, non tale tuttavia da costituire un modello per Paesi dove la vita civile abbia radici e manifestazioni pluralistiche57.

  • 58 Favretto (2003), p. 109.
  • 59 Agosti (2013), pp. 131-32.

Lo stesso Lombardi ritiene necessario disfarsi dei «miti rivoluzionari»58. Il ripudio del leninismo è ormai esplicito. La scelta del centro-sinistra, peraltro, produce una spaccatura nel Psi e porta alla nascita del Psiup, in cui convergono diverse “anime” della sinistra socialista, da Basso a Libertini, ai “morandiani” Vecchietti e Valori. La cultura politica del nuovo partito, benché «saldamente ancorata al marxismo», è eterogenea: se l’elemento prevalente è quello luxemburghiano portato in dote da Basso, non manca una componente neo-leninista59.

  • 60 Degl’Innocenti (1993), pp. 367-73.

34Pochi mesi dopo, si apre il dibattito sulla riunificazione tra Psi e Psdi. La presa di distanze dei socialisti dall’esperienza sovietica è ormai irreversibile. Se Roberto Guiducci parla di New Deal socialista, i volumi che accompagnano il percorso costituente del Partito socialista unificato – Il socialismo nella democrazia di Nenni, Il socialismo e l’Europa, e Costituente aperta, a cura di Guiducci e Fabrizio Onofri – segnano una riconversione complessiva dell’identità socialista, sintetizzata nella Carta dell’unificazione nel 1966, mentre il rientro del Psi nell’Internazionale socialista appare la fine di una “anomalia” del socialismo italiano, che aveva fatto del rapporto con l’Ottobre, la tradizione comunista e il Pci un elemento distintivo. «La trasformazione del Psi – osserva Degl’Innocenti – è definitivamente compiuta», e il Partito socialista unificato si pone in alternativa sia al capitalismo sia al comunismo. Giolitti, dal canto suo, pubblica nel 1967 un nuovo libro, Il socialismo possibile, in cui relega nel passato l’idea del «salto rivoluzionario» e del mutamento di sistema, che aveva avuto nell’Ottobre 1917 il suo paradigma, per puntare invece al «governo dello sviluppo»60.

  • 61 A. Natta, Sulla strada aperta nel 1917, in «Rinascita», XXIV (1967), n. 42, pp. 12-13.

35In questo clima si giunge al cinquantesimo anniversario dell’Ottobre. Per quanto riguarda il Pci, Togliatti è ormai scomparso da tre anni; il suo Memoriale di Jalta ha aperto una riflessione critica di grande interesse, problematizzando il tema della “rivoluzione in Occidente”. Segretario generale è ora Luigi Longo, che si muove nel solco del “rinnovamento nella continuità”. In vista del cinquantesimo «Rinascita» pubblica un numero speciale del suo inserto culturale, «Il Contemporaneo», su I 50 anni che hanno sconvolto il mondo. L’editoriale di Alessandro Natta sottolinea che la Rivoluzione aprì un processo «di portata mondiale», fece «del socialismo un fatto» e «promosse la più straordinaria opera di risveglio e di avanzata democratica dei tempi moderni», dando «un impulso decisivo alla presa di coscienza da parte degli operai, di grandi masse umane, di popoli interi»61.

  • 62 A. Occhetto, Il nostro Ottobre, ivi, pp. 14-15.

36Dal canto suo Achille Occhetto, ex leader della Federazione giovanile, si sofferma sulla «dialettica di universale e particolare nella rivoluzione sovietica» e sulla diversità della «rivoluzione in Occidente»; «l’universalità dell’esempio russo – osserva – consiste prima di tutto nel fatto che si è trattato del primo esempio di via nazionale al socialismo». D’altra parte, il «mancato allargamento della rivoluzione in occidente» è stato uno dei motivi per cui «il socialismo non ha potuto esprimere fino in fondo tutte le sue potenzialità democratiche». Questo, prosegue, è ora «un compito che i paesi socialisti e il movimento operaio dell’occidente devono […] affrontare insieme», cercando di superare «la polarità […] fra direzione centralizzata del piano e articolazione democratica», o addirittura «autogestione»62. L’autogestione dei produttori, di cui nel ’57 si evidenziava la matrice “anarcosindacalista”, viene posta ora come obiettivo; il ’68 è ormai alle porte.

  • 63 U. Terracini, Così li ho conosciuti, ivi, pp. 18-20.
  • 64 P. Bufalini, Il popolo più colto e civile, ivi, pp. 20-21.

37Nel fascicolo appaiono testimonianze di dirigenti come Longo, Mauro Scoccimarro e Terracini. Quest’ultimo descrive la piatorka, composta dai cinque maggiori esponenti bolscevichi dopo la Rivoluzione. Più che su Lenin, si sofferma sugli altri quattro leader: Trockij, Zinov’ev, Radek e Bucharin63. L’intento antistalinista del dirigente piemontese è chiaro, e costituisce un altro elemento nuovo rispetto alle rievocazioni del 1957. Paolo Bufalini, dal canto suo, esalta la «rivoluzione culturale» prodotta dall’Ottobre, che ha trasformato «un popolo che era nella grande maggioranza formato da contadini miseri e analfabeti nel popolo, nel suo complesso, più colto del mondo»; un giudizio ripreso dallo storico Alexander Werth64.

  • 65 A. Pesenti, Il “modello” sovietico, ivi, pp. 30-31.
  • 66 V. Vitello, Le nuove vie dell’economia aperte dall’Urss, in «Rinascita», XXIV (1967), n. 44, pp. 21 (...)

38Significativa, infine, la riflessione dell’economista Antonio Pesenti sul “modello” sovietico; una espressione, afferma, che «puzza da lontano di intellettualismo piccolo borghese. In realtà il “modello” lo possiamo ricavare noi, generalizzando oggi una esperienza storica che […] è stata condotta senza seguire schemi […] tenendo conto di una realtà specifica che doveva essere trasformata […] seguendo cioè la metodologia propria del marxismo». Per Pesenti «il “modello sovietico” non è statico e chiuso, ma dinamico e aperto, e si adegua alle esigenze dello sviluppo», fino alle recenti riforme e all’uso della cibernetica. Tuttavia alcuni elementi “universali” dell’esperienza sovietica esistono. Ad esempio, nel capitalismo il “lavoro morto”, ossia il macchinario, «si impadronisce del “lavoro vivo” […] cioè dell’uomo», mentre nel socialismo accade il contrario65. L’analisi, come si vede, è piuttosto ottimistica. I successi della pianificazione e il nuovo impulso giunto dalle riforme di Aleksej Kosygin, analizzati in altri articoli66, lasciano un po’ in ombra contraddizioni e problemi che già vanno emergendo nel sistema economico e sociale sovietico.

  • 67 E. Roggi, Da tutto il mondo sulla Piazza Rossa, in «l’Unità», 7 novembre 1967.
  • 68 Le Duan, Il Vietnam e l’Ottobre, in «Rinascita», XXIV (1967), n. 46, pp. 13-20.

39Intanto, mentre nelle settimane successive «Rinascita» continua a occuparsi dell’anniversario, nella libreria omonima, in via delle Botteghe Oscure, si tengono prima una mostra del libro sovietico, poi l’esposizione di manifesti realizzati per il cinquantesimo anniversario, mentre l’agenzia Italturist, legata al Pci, organizza la presenza di circa mille italiani a Mosca. Il 7 novembre «l’Unità», dando conto delle celebrazioni nella capitale sovietica, dove per il Pci sono Pajetta e Occhetto, afferma che tutta «l’umanità progressiva celebra la vittoria del socialismo»67. Sulla stampa comunista appaiono vari contributi sulle avanguardie artistiche e sul cinema sovietico, ma soprattutto – introdotto da Longo – un saggio del leader vietnamita Le Duan su Il Vietnam e l’Ottobre, che collega la lezione del 1917 alla lotta del popolo indocinese. Come già Togliatti, che riecheggiava a sua volta tesi formulate da Bucharin negli anni Venti, anche Le Duan individua tre forze del movimento rivoluzionario mondiale: i paesi socialisti, quelli di recente indipendenza e le forze rivoluzionarie nei paesi capitalistici. «La rivoluzione socialista – conclude – non ha mai conosciuto eguali possibilità per il suo sviluppo»68.

  • 69 L. Longo, Il dilemma della pace, ivi, n. 47, pp. 3-4.
  • 70 G. Napolitano, Rivoluzione in Occidente e infantilismo di sinistra, ivi, n. 48, pp. 3-4.

40Il tentativo è dunque quello di attualizzare l’esperienza dell’Ottobre, collegandolo all’avanzata della decolonizzazione e ai progressi del fronte antimperialista. L’anno si chiude con un articolo di Longo, pubblicato anche dalla rivista sovietica «Kommunist», sul ruolo dell’Unione Sovietica nella lotta per la pace. Di fronte alla guerra del Vietnam, il leader del Pci sa che a parte dei movimenti giovanili la prospettiva della coesistenza appare inadeguata. Al contrario, osserva, è proprio il mutamento dei rapporti di forza mondiali avviato dall’Ottobre a renderla possibile69. C’è dunque in Longo la volontà di rispondere alle critiche di gruppi appartenenti alla galassia della “nuova sinistra” alla linea della coesistenza pacifica, contestata anche dal Partito comunista cinese. L’intento è ancora più esplicito in un articolo di Giorgio Napolitano, che rilancia il leninismo come antidoto contro estremismo e neo-anarchismo70.

  • 71 «Critica marxista», V (1967), nn. 4-5.

41Dal canto suo, «Critica marxista», diretta da Sereni, dedica un intero fascicolo all’Ottobre, con lunghi saggi sull’influsso della Rivoluzione sull’Italia e su aspetti specifici dell’esperienza sovietica, dall’economia al rapporto medicina-società, dalla pedagogia alla letteratura, alla sociologia71.

  • 72 G. Arfè, Il dare e l’avere, in «Avanti!», 5 novembre 1967.

42Quanto ai socialisti, l’«Avanti!» apre il numero di domenica 5 novembre sul quinto decennale dell’Ottobre con una foto della presa del Palazzo d’Inverno e il titolo Speranze e realtà della grande rivoluzione: a partire dal 1917, si legge, «è stato costruito un grande Paese, che ha mostrato il proprio eroismo negli anni della costruzione, nel periodo della dittatura di Stalin, nella vittoriosa guerra contro il nazismo, con sacrifici che dovranno fatalmente portare al libero dibattito» e alla democratizzazione. L’editoriale dello storico Gaetano Arfé traccia un bilancio della vicenda aperta dall’Ottobre, dall’idea della «rivoluzione mondiale a scadenza breve» al “socialismo in un paese solo”, per cui «l’ipotesi della rivoluzione non era accantonata, ma […] subordinat[a] alle esigenze dello Stato-guida, della sua sopravvivenza e del suo sviluppo»; dalle fratture della Guerra fredda, alle scelte del XX Congresso. «In cinquant’anni di ferro e di fuoco, l’Urss si è liberata del capitalismo, è diventata una grande potenza per il sacrificio eroico del suo popolo e la volontà spietata del suo capo». Tuttavia «il terrorismo di massa un tempo praticato» e «l’oppressione burocratica ancora in atto» costituiscono elementi di un «passivo» che solo un dibattito che coinvolga l’intero Paese potrà permettere di superare. Nel rivendicare la correttezza delle posizioni dei socialisti rispetto all’esperienza sovietica, Arfè non rinuncia alla polemica col movimento comunista e col Pci, che non avrebbero svolto «una funzione di stimolo» nel processo avviato dal XX Congresso72. Lo stesso richiamo all’Ottobre diventa dunque uno spunto polemico verso i comunisti, il che peraltro nel clima della riunificazione con Saragat appare ben comprensibile.

  • 73 M. Pellicani, La condizione dell’uomo e la società socialista, ibidem.

43Nel supplemento domenicale, un paginone è dedicato all’Ottobre. Il primo pezzo, di Michele Pellicani, riguarda La condizione dell’uomo e la società socialista. «L’eliminazione del capitalismo» – si osserva – non «crea automaticamente una società socialista […] non è possibile trascurare la condizione dell’uomo in quanto tale, senza che a ciò segua l’alienazione dell’uomo nei confronti della società». Dopo l’abbattimento dello zarismo, per la rivoluzione socialista non esistevano le condizioni, e aver compiuto prematuramente questo «salto» ha prodotto «inevitabilmente» Stalin. Un immenso «capitale morale» è stato così sperperato, e tuttavia – aggiunge contraddittoriamente l’autore – esso «ha già largamente fruttato, in tutto il mondo, dando a popoli oppressi e a classi sfruttate coscienza dei loro diritti e forza per affermarli»73.

  • 74 A. Garosci, Da Lenin a Breznev, ibidem.

44Interessante anche il contributo di Aldo Garosci, tra gli intellettuali di punta del partito unificato. Nella prassi bolscevica, scrive l’ex azionista, «la visione utopistica e il realismo si congiungevano. Politica che mette in moto le masse e forza dello stato rivoluzionario diventavano la stessa cosa», ottenendo «giganteschi successi». Poi la fase staliniana, in cui «prevalse come criterio […] la salvezza e lo sviluppo del già compiuto»; le contraddizioni dell’antifascismo sovietico, la nuova spinta della guerra e del dopoguerra, con quella rivoluzione cinese che intanto apriva un capitolo nuovo, mentre le «influenze rivoluzionarie» nella politica sovietica diventavano «sempre più dichiaratamente sussidiarie»74.

  • 75 «Avanti!», 7 novembre 1967.
  • 76 L’Osservatore, Le riforme da salvare. Un sindacal-sovietista in ritardo, in «Critica sociale», 5 no (...)

45Il 7 novembre, significativamente, l’«Avanti!» riporta il discorso di Nenni a Mentana per il centenario della battaglia garibaldina, oltre a quello del premier sovietico Kosigyn alle celebrazioni moscovite, quasi a segnare anche simbolicamente la distinzione tra i due percorsi75. Quanto a «Mondo operaio», ora diretto da De Martino e dal socialdemocratico Mario Tanassi, esso ignora del tutto l’anniversario, così come «Critica sociale» di Giuseppe Faravelli, che anzi stigmatizza la visita in Urss del segretario nazionale della Uil Bruno Corti76.

  • 77 «Mondo Nuovo», 5 novembre 1967.

46Si soffermano invece sul cinquantesimo sia «Mondo Nuovo», il settimanale del Psiup, con articoli di Giuseppe Avolio, Basso, Vecchietti, dello storico Lucio Villari, e brani di Stato e rivoluzione di Lenin e di un saggio di Ho Chi Minh77; sia «Problemi del socialismo», la rivista di Basso. «Nessuna data – scrive quest’ultimo – ha nella storia contemporanea un’importanza pari a quella dell’ottobre 1917». Essa

offriva la prova che non c’era un ordine naturale ed eterno della società […] ma che al contrario anche i poveri, gli sfruttati, gli oppressi, i servi potevano rivendicare la pena dignità umana ed erano capaci di assumersi le maggiori responsabilità. […] La rivoluzione fu una creazione continua, una risposta quotidiana del potere sovietico ai problemi nuovi che insorgevano […] fu una vittoria dell’intelligenza, della volontà e dello spirito di sacrificio di una classe nuova che dimostrava la sua inesauribile capacità di iniziativa nelle condizioni più avverse. A misura che i pregiudizi cadevano, che le profezie venivano smentite […] le masse di tutto il mondo sentivano che l’impossibile era diventato possibile.

  • 78 L. Basso, La Rivoluzione d’Ottobre, in «Problemi del socialismo», n. 24-25, novembre-dicembre 1967.

Certo, nella Russia sovietica si dovettero «costruire le fondamenta della nuova società assieme con il tetto, cioè con i rapporti socialisti di produzione», e questi ultimi si trovarono ad essere «più avanzati» rispetto alle forze produttive. Ne derivarono «squilibri che […] imposero ritmi frenetici e talora arbitrari». Ma ciò nonostante, «la Rivoluzione d’Ottobre e l’Unione sovietica hanno incarnato per decenni le speranze di liberazione di tutti gli oppressi. E non si trattò di speranze vane. Tutta la storia di questi cinquant’anni porta il segno di quella rivoluzione»78. Nel bilancio tratto da Basso, insomma, gli elementi positivi sono ancora largamente prevalenti. L’avvicinamento tra Psiup e Pci, che andrà avanti nei mesi successivi, in parallelo col rientro del Psi nell’alveo socialdemocratico, ha evidentemente anche in questo elemento di cultura politica uno dei suoi fattori. Alla fine del decennio le “due sinistre” sono ormai delineate, e il rapporto con la storia è uno dei fattori della loro distinzione.

Dalla contestazione al 1977

  • 79 Basso, Colletti, Magri, Maitan, Libertini, Dibattito su “Stato e rivoluzione”, Roma, Samonà e Savel (...)
  • 80 Cfr. Lenin teorico e dirigente rivoluzionario, in «Critica marxista», Quaderni, suppl. al n. 4, 197 (...)
  • 81 Höbel (2010), pp. 525-36.
  • 82 Ivi, p. 544.

47La contestazione giovanile del 1967-69 intanto rimescola le carte, mettendo in discussione anche le culture politiche della sinistra. In questione è tra l’altro il rapporto con il leninismo e l’esperienza sovietica, rigettati da settori del movimento e rivendicati in chiave “neo-ortodossa” da altri. Già in occasione del cinquantesimo anniversario, «Problemi del socialismo» affronta il tema, ospitando un confronto a più voci su Stato e rivoluzione, nel quale intervengono Lucio Colletti, Lucio Libertini, Livio Maitan, Lucio Magri e Lelio Basso, poi raccolto in volume da Samonà e Savelli79. Nel 1970 «Critica marxista» dedica un numero monografico al centenario della nascita di Lenin, riaffermando il legame tra il suo insegnamento e la strada intrapresa, in modo originale, dai comunisti italiani80. L’«unità nella diversità» teorizzata da Togliatti, intanto, ha ispirato la posizione del Pci di «grave dissenso» e «riprovazione» di fronte all’intervento del Patto di Varsavia in Cecoslovacchia nel 1968. In quella occasione, Longo, nel ribadire che i comunisti italiani sarebbero sempre rimasti «dalla parte del socialismo, dei paesi e dei partiti che hanno realizzato il socialismo», aggiunge che compito del movimento operaio occidentale non è più quello «di dover solo applicare i princìpi generali del leninismo alle particolarità nazionali», ma piuttosto quello «di promuovere lo sviluppo stesso della nostra dottrina» e prassi politica81. E Berlinguer è ancora più netto: «La concezione secondo cui nei vari paesi si dovrebbe applicare in modo più o meno creativo il modello sovietico non solo è stata sempre estranea al pensiero di Lenin, ma è in contraddizione, oggi, con i dati della realtà»82.

  • 83 E. Berlinguer, Le contraddizioni delle società socialiste, in «Rinascita», XXV (1968), n. 38.
  • 84 Höbel (2010), pp. 593-94.

48L’autonomia dei comunisti italiani viene dunque messa in relazione a un nuovo internazionalismo, ma non pone in discussione il legame con l’Ottobre. Tuttavia lo stesso Berlinguer auspica un’analisi rigorosa delle società socialiste, contribuendovi in prima persona con un saggio su «Rinascita»83. La mancata rottura con l’Urss suscita invece le critiche di quella parte di sinistra ingraiana che darà vita al «manifesto». Nel XII Congresso (1969) ancora Berlinguer, ribadendo la necessità di «approfondire la conoscenza della realtà dei paesi socialisti […] attraverso un giudizio storico, critico, obiettivo», che colga gli elementi positivi e quelli negativi, «il loro intreccio e le contraddizioni che ne derivano», replica alle critiche di Rossana Rossanda, cui imputa un approccio «utopistico», ossia «una scissione totale tra la realtà e un astratto modello, tra l’essere e il dover essere». L’Ottobre e i processi da esso scaturiti restano «la discriminante fondamentale del mondo contemporaneo». Ma il Pci lotta per il socialismo «non guardando ad un astratto modello, né al modello sovietico […] bensì lungo una via originale […] profondamente nuova», con una piena autonomia di elaborazione e di giudizio. In tal senso – conclude Berlinguer – «il nostro modo di collocarci di fronte a questa realtà dei paesi socialisti è dunque, oggi, nuovo almeno in parte, e diverso rispetto al passato»84. La Conferenza di Mosca che si tiene a giugno, in cui il Pci sottoscrive solo un capitolo del documento conclusivo, conferma questa presa di distanze. Quanto all’esigenza di approfondimento, essa avrà uno sbocco nel 1971 nella istituzione di un Centro studi sui paesi socialisti, legato all’Istituto Gramsci e diretto da Adriano Guerra.

  • 85 Berlinguer (1975), pp. 626-39.
  • 86 Rodano (1975), pp. 56-63.

49Il legame con l’Ottobre e col leninismo rimane comunque molto saldo. Anche nel lanciare il “compromesso storico”, oltre che a Gramsci e Togliatti, Berlinguer si rifà proprio a Lenin, sottolineando l’importanza di una «esatta valutazione dello stato dei rapporti di forza» e del problema delle alleanze, «problema decisivo di ogni rivoluzione e di ogni politica rivoluzionaria»85. Dal canto suo Franco Rodano, uno degli intellettuali più vicini al segretario comunista, collega esplicitamente la strategia del Pci, da Togliatti in avanti, a quella svolta rappresentata dalla politica dei bolscevichi, che pose nella pratica «la democrazia come un diretto prodotto del proletariato», assegnando a quest’ultimo il compito storico di costruire uno Stato di tipo nuovo86.

  • 87 Cfr. Di Maggio (2014).

50Nello stesso periodo matura la linea dell’eurocomunismo e della “terza via”87. Preparata dal comizio di Berlinguer e Marchais a Bologna, nel 1973, e poi dalla Conferenza di Bruxelles dei partiti comunisti europei, la proposta si delinea nel 1975, culminando nelle dichiarazioni comuni siglate dal Pci coi partiti comunisti spagnolo e francese, nella Conferenza di Berlino dei Pc europei e nell’incontro Berlinguer-Carrillo-Marchais nel 1977.

51In questo quadro, il rapporto con l’Ottobre e il suo lascito continua a essere dialettico. Parlando al Comitato Centrale nel dicembre 1974, Berlinguer, tornando sull’arretratezza delle condizioni di partenza nella Russia del 1917, ribadisce il convincimento che i mutamenti strutturali realizzati abbiano condotto

allo sviluppo di economie e condizioni sociali e a un generale clima civile e morale superiori, per aspetti essenziali, a quelli dell’Occidente. […] cambiare le basi oggettive, i rapporti sociali di produzione, se non risolve di per sé […] i problemi […] crea però le condizioni indispensabili per affrontare su basi nuove e stabili ogni successivo sviluppo.

  • 88 Berlinguer (1975), pp. 823-966 (847-50).

In questo quadro egli rivendica la «peculiarità del […] socialismo in Occidente», ancora una volta rifacendosi a Lenin, e alla sua idea «che il socialismo sarà compiuto solo quando la sua costruzione avverrà nei paesi più sviluppati». È questo dunque il compito che il segretario del Pci assegna al suo partito e alle forze comuniste europee, intravedendo «la possibilità di sanare la frattura, che si è determinata nella rivoluzione socialista mondiale, dopo le sconfitte subite in Occidente nel primo dopoguerra»88.

  • 89 Berlinguer (2014), pp. 169-71.
  • 90 M. Ghiara, Nuove proposte di pace nel discorso di Breznev, in «l’Unità», 3 novembre 1977.
  • 91 E. Berlinguer, Le vie dell’Occidente, in «Rinascita», XXXIV (1977), n. 43, pp. 1-2.

52L’Ottobre stesso ha insomma creato condizioni che ora rendono possibile superare le scissioni del 1919-21, aprire quella che Berlinguer definirà la «terza fase» nella storia del movimento operaio. Nella sua visione, saldamente storicistica, la Rivoluzione del 1917 è parte essenziale di un processo che è approdato a una nuova tappa. Il tratto distintivo di tale fase, il suo discrimine è per il leader del Pci la “via democratica al socialismo”, come egli afferma a Mosca, durante le celebrazioni del sessantesimo anniversario dell’Ottobre, nel 1977. Qui Berlinguer, ribadita la natura di «svolta radicale nella storia» del 1917, individua nella democrazia «non soltanto il terreno sul quale l’avversario di classe è costretto a retrocedere, ma […] anche il valore storicamente universale sul quale fondare un’originale società socialista»89. «l’Unità» riporta il suo discorso in prima pagina accanto a quello di Brežnev90. Il giorno seguente «Rinascita» pubblica un editoriale del segretario su Le vie dell’Occidente e un numero speciale del «Contemporaneo». Per Berlinguer, la Rivoluzione russa fece «entrare il mondo in un’epoca nuova», avviando un mutamento nei rapporti di forza globali che consente ora ai «lavoratori italiani ed europei» di avviare «la rivoluzione in Occidente», «entro l’irrinunciabile quadro della democrazia e della pace»91. Il tono, dunque, è fortemente ottimistico; il Pci si pone come figlio dell’Ottobre, oltre che delle elaborazioni di Gramsci e Togliatti: un figlio adulto e maturo, in grado di percorrere fino in fondo la sua strada.

  • 92 Tre domande a sessant’anni dalla Rivoluzione d’ottobre, in «Critica marxista», 1977, n. 3, pp. 59-9 (...)

53Quanto a «Critica marxista», il nuovo direttore Aldo Tortorella sceglie di non pubblicare un numero speciale per l’anniversario, ma solo le risposte di intellettuali e dirigenti del Partito a tre domande. L’intento critico è evidente già nelle questioni poste: «In che senso ed eventualmente entro quali limiti» il richiamo all’Ottobre «può tuttora considerarsi valido anche per il movimento operaio che lotta per il socialismo nei paesi capitalistici? ». E qual è il «rapporto fra la continuità, il legame con la propria tradizione […] e la necessità di dare risposte adeguate» al presente?92. Tra le righe, si intravede una lettura del legame con la tradizione comunista vista non più solo come risorsa, ma anche come possibile freno al rinnovamento e all’«adeguamento» del Partito. È una visione che non tarderà a diventare prevalente, soprattutto dopo la morte di Berlinguer.

  • 93 Cfr. A. Jacometti, La rivoluzione e il potere sovietico, in «Avanti!», 17 novembre 1977.
  • 94 M.L. Salvadori, È socialista l’Unione Sovietica, in «Mondo operaio», ottobre 1977; Tatò (2003), pp. (...)

54In casa socialista, il 1977 inizia con la riedizione del “classico” La bureaucratisation du monde di Bruno Rizzi, tradotto col titolo Il collettivismo burocratico, con introduzione di Luciano Pellicani e prefazione del nuovo segretario Bettino Craxi, mentre Ugo Intini pubblica il libro Se la rivoluzione dell’ottobre fosse stata di maggio… I contrasti storici tra comunisti e socialisti93. A ottobre «Mondo operaio» pubblica un saggio di Massimo L. Salvadori dal titolo emblematico: È socialista l’Unione Sovietica? Una domanda a cui lo studioso socialista risponde negativamente, in significativa antitesi rispetto alla risposta data l’anno precedente da Antonio Tatò, fidato consigliere di Berlinguer, in una nota per il segretario comunista94. A novembre, «Mondo operaio» sceglie di ignorare il sessantesimo anniversario dell’Ottobre, mentre si riflette sulla «crisi del marxismo» e sul rapporto tra socialismo e mercato.

  • 95 Berlinguer a Mosca rilancia l’eurocomunismo, in «Avanti!», 3 novembre 1977.
  • 96 I sei minuti di Berlinguer all’assise di Mosca, ibidem.

55Il 3 l’«Avanti!» riporta il discorso di Berlinguer a Mosca, presentandolo come un rilancio dell’eurocomunismo95, e dedicandogli un breve editoriale: «Il contrasto – si osserva – esiste, e non è soltanto di carattere ideologico». Ma proprio sul terreno ideologico «il Pci, se porterà avanti il suo processo di revisione, dovrà fare i conti con quanto di concezione leninista permane ancora […] nel suo modo di essere»96. Il 6, mentre Craxi incontra a Bonn Willy Brandt ed Helmut Schmidt, l’«Avanti!» pubblica un suo editoriale su Socialismo reale e realtà. L’Ottobre è definito l’«evento rivoluzionario più importante della storia contemporanea», che ha «messo in moto un grandioso processo di trasformazione che ha mutato gli equilibri su scala planetaria», segnando «una tappa fondamentale nella storia del movimento socialista». «Nella storia dell’umanità molto probabilmente nessun altro processo di trasformazione è stato così costoso e doloroso ma anche più radicale e importante». Tuttavia c’è stata anche la «mitizzazione della realtà sovietica» da parte di «un settore del movimento operaio». Ma

se per socialismo si intende la democrazia pienamente realizzata e cioè l’eguaglianza che si realizza di pari passo con la libertà, la Russia sovietica non era certo una società socialista negli anni dello stalinismo, non lo è in grande misura neppure oggi […]. Questo non significa misconoscere l’esperimento rivoluzionario che essendosi sviluppato in un contesto di arretratezza […] era troppo lontano da quelle condizioni minimali che Marx ed Engels avevano indicato.

  • 97 B. Craxi, Socialismo reale e realtà, ivi, 6 novembre 1977.

In conclusione, pur riconoscendo «tutta l’importanza storica della Rivoluzione d’Ottobre», Craxi intende «giudicare la realtà sovietica di oggi […] secondo il metro dei nostri valori e dei nostri principi», quelli di un «socialismo ancorato ai valori di libertà pluralistici e laici della civiltà occidentale». Il riferimento teorico è dunque Kautsky, e la sua affermazione secondo cui «non c’è socialismo senza democrazia»97. Al contrario, Craxi non fa alcun riferimento alle frasi pronunciate da Berlinguer a Mosca.

  • 98 M.L. Salvadori, Il “socialismo reale” alla luce della grande speranza del 1917, ibidem.

56Salvadori, dal canto suo, argomenta una critica radicale alla società sovietica, che per lui è «non solo profondamente diversa dal “progetto” originario dei bolscevichi, ma ne è per certi aspetti sostanziali la negazione». Lo storico segna una distinzione tra Lenin e Stalin, ritenendo il primo interno «al socialismo internazionale», mentre il secondo esprimerebbe la «rottura» e il «capovolgimento» del rapporto tra esso e la Rivoluzione russa; d’altra parte, per Salvadori, «Stalin colse anche certi frutti dell’opera di Lenin», dalla «concezione “carismatica” del partito» alla visione «“messianica” e dogmatica» dello stesso marxismo98.

  • 99 Il mondo e l’Europa 60 anni dopo l’Ottobre, in «l’Unità», 6 novembre 1977.

57La critica dei socialisti all’Ottobre e al leninismo è dunque netta; il recupero di Kautsky esplicito. In casa comunista, «l’Unità» pubblica una lunga intervista di Boffa a Bufalini. Quest’ultimo ribadisce l’idea che «errori o deformazioni» sono stati comunque interni a «un sistema nuovo, la cui logica di sviluppo non si fonda più sull’esistenza di classi antagoniste, ma su una base egualitaria». Negarlo significa «instaurare un confronto astratto tra un’idea platonica di socialismo e un processo storico reale». Nel merito, Bufalini cita due passaggi in cui il blocco sociale a sostegno della Rivoluzione si è ristretto: il «comunismo di guerra» e la «collettivizzazione forzata». Tuttora, aggiunge, la società sovietica presenta «molte angustie» e contraddizioni, con «tratti illiberali e autoritari» nel sistema politico. Ma ciò che sta a cuore a Bufalini, come a Berlinguer, è il rilancio della lotta per il socialismo in Occidente, sulla base del nesso tra socialismo e democrazia. «Questo essenzialmente vuol dire “eurocomunismo”: non un centro organizzativo, ma un’esigenza storica, quella di colmare lo scarto apertosi nel primo dopoguerra […] con la sconfitta dei movimenti operai nei paesi dell’Europa capitalistica»99.

  • 100 Degl’Innocenti (1993), p. 430.
  • 101 Cfr. Lomellini (2010).
  • 102 U.F. [Ugo Finetti]. Nel panorama del “dissenso” è racchiusa la parte più viva della cultura dell’Es (...)
  • 103 “Bisogna che la sinistra dica che cosa sono oggi veramente le società dell’Est europeo”, ivi, 15 no (...)

58Da parte comunista sembrano insomma attenuati gli elementi di differenziazione che dopo l’Ottobre portarono alla scissione del ’21. Tuttavia il Psi non pare interessato a raccogliere tale apertura; anzi, proprio in questa fase, avvia un aspro «contenzioso col Pci sul fronte culturale»100. Siamo nel pieno del «duello a sinistra»; e non si sfugge all’impressione di un certo spirito di revanche, che induce il partito di Craxi ad accentuare la polemica col Pci, utilizzando la critica all’Urss e il sostegno ai dissidenti dei paesi del blocco sovietico101. È un’operazione che ha un momento di grande visibilità nella “Biennale del dissenso” che si apre in quei giorni a Venezia. Il Psi, con Carlo Ripa di Meana, ne è lo sponsor principale102. Il 15 la manifestazione inizia con un convegno su “Libertà e socialismo”. Il Psi la enfatizza al massimo, ospitando sull’«Avanti!» anche un’intervista a Rossana Rossanda, che accusa di riprodurre «in forme diverse e più totalitarie la manipolazione, la mancanza di verità […] tipiche della società borghese»103.

  • 104 . A. Guerra, Cosa vuol dire fare i conti col socialismo sovietico, in «Rinascita», XXXIV (1977), n (...)

59«Rinascita» dal canto suo stigmatizza l’iniziativa parlando di «assurdo convegno contro la storia», con l’«uso del dissenso ai fini di una piccola […] battaglia politica». Rispetto a tale impostazione, la presa di distanze del Pci – che invece valuta favorevolmente il convegno del «manifesto» su “Potere e opposizione nelle società post-rivoluzionarie” – è netta. Il rapporto coi dissidenti, scrive Guerra, va consolidato, ma respingendo posizioni di rottura «col mondo nato dall’Ottobre», che sono «sbagliate, pericolose, e anche autolesionistiche»104. Il legame con la storia avviata nel 1917, sia pure in termini critici e con piena autonomia di giudizio, appare ai comunisti italiani un elemento ancora importante e vitale.

60Gli anni seguenti vedranno l’inasprirsi del conflitto a sinistra, con una polemica sempre più serrata da parte socialista proprio sul terreno della storia e dell’ideologia, mentre nel Pci sarà sempre più appannato quell’impianto storicistico che aveva consentito di tenere assieme innovazione e tradizione, rinnovamento e continuità. L’esito sarà lo scontro frontale degli anni Ottanta e poi la «comune rovina», con la dissoluzione di entrambi i partiti all’inizio del decennio successivo.

Bibliographie

Aa. Vv. (2006), Quell’indimenticabile 1956! Cinquant’anni fa la sinistra in Italia, Introduzione di G. Tamburrano, Lacaita, Manduria-Bari-Roma.

Agosti, Aldo (2013), Il partito provvisorio. Storia del Psiup nel lungo Sessantotto italiano, Laterza, Roma-Bari.

Benvenuti, Francesco (1985) (a cura di), Da Gramsci a Berlinguer, vol. III, 1956-1964, Edizioni del Calendario-Marsilio, Milano-Venezia.

Berlinguer, Enrico (1975), La “questione comunista”, 1969-1975, a cura di A. Tatò, Editori Riuniti, Roma.
– (2014), Un’altra idea del mondo. Antologia 1969-1984, a cura di P. Ciofi e G. Liguori, Editori Riuniti, Roma.

Degl’Innocenti, Maurizio (1993), Storia del Psi. 3. Dal dopoguerra a oggi, Laterza, Roma-Bari.

Di Maggio, Marco (2014), Alla ricerca della Terza via al Socialismo. I Pc italiano e francese nella crisi del comunismo (1969-1984), Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli.

Fedele, Santi (2016), L’autunno del mito. La Sinistra italiana e l’Unione Sovietica dal 1956 al 1968, FrancoAngeli, Milano.

Favretto, Ilaria (2003), Alle radici della svolta autonomista. Psi e Labour Party, due vicende parallele (1956-1970), Carocci, Roma.

Giolitti, Antonio, Longo, Luigi (2017), L’occasione del ’56. Alla ricerca del socialismo, a cura e con introduzione di A. Ricciardi, Nino Aragno Editore, Torino.

Goldman, Wendy Z. (2007), Democrazia e Terrore. Le dinamiche della repressione nell’era di Stalin, Donzelli, Roma.

Guerra, Adriano, Trentin, Bruno (1997), Di Vittorio e l’ombra di Stalin. L’Ungheria, il PCI e l’autonomia del sindacato, Ediesse, Roma.

Höbel, Alexander (2006) (a cura di), Il Pci e il 1956. Scritti e documenti dal XX Congresso del Pcus ai fatti di Ungheria, La Città del Sole, Napoli.
(2010), Il Pci di Luigi Longo (1964-1969), Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli.

Leonardi, Silvio (1967), Democrazia di piano, Einaudi, Torino

Lomellini, Valentine (2010), L’appuntamento mancato. La sinistra italiana e il Dissenso nei regimi comunisti (1968-1989), Le Monnier, Firenze.

Mattera, Paolo (2004), Il partito inquieto. Organizzazione, passioni e politica dei socialisti italiani dalla Resistenza al miracolo economico, Carocci, Roma.

Monina, Giancarlo (2016), Lelio Basso, leader globale. Un socialista nel secondo Novecento, Carocci, Roma.

Nenni, Pietro (1966), Il socialismo nella democrazia. Realtà del presente, Vallecchi, Firenze.

Panzieri, Raniero (1973), Scritti 1956-1960, Lampugnano Nigri, Milano.

Pons, Silvio (2006), Berlinguer e la fine del comunismo, Einaudi, Torino.

Righi, Maria Luisa (2007) (a cura di), Il Pci e lo stalinismo. Un dibattito del 1961, introduzione di R. Martinelli, Editori Riuniti, Roma.

Rodano, Franco (1975), Sulla politica dei comunisti, Boringhieri, Torino.

Tatò, Antonio (2003), Caro Berlinguer. Note e appunti riservati di Antonio Tatò a Enrico Berlinguer, Einaudi, Torino.

Togliatti, Palmiro (1984), Opere, vol. VI, 1956-1964, a cura di L. Gruppi, Editori Riuniti, Roma.

Notes

1 Togliatti (1984), pp. 93-124.

2 Benvenuti (1985), pp. 18-19.

3 Togliatti (1984), pp. 125-47 (127-28, 130, 137-40).

4 Ivi, p. 146.

5 Degl’Innocenti (1993), pp. 203-204.

6 Cfr. Monina (2016), p. 125.

7 P. Nenni, Luci e ombre del Congresso di Mosca, in «Mondo operaio», marzo 1956.

8 9 domande sullo stalinismo. Lelio Basso, in «Nuovi Argomenti», maggio-giugno 1956, pp. 3-9.

9 Togliatti (1984), p. 137.

10 P. Nenni, Il rapporto di Kruscev e la polemica sul comunismo, in «Mondo operaio», giugno 1956.

11 Cfr. il suo giudizio nell’articolo del 1938 I processi di Mosca, che fa ripubblicare su «Mondo operaio», maggio 1956.

12 Questi giudica «un errore coinvolgere nei giudizi su Stalin il sistema sovietico, senza operare una distinzione delle responsabilità personali da quelle collettive. Il giudizio totale che noi oggi possiamo dare della società sorta dalla Rivoluzione d’Ottobre è positivo proprio per la grande realtà socialista che rappresenta l’Urss oggi nel mondo». Cfr. Fedele (2016), p. 14.

13 Togliatti (1984), pp. 148-83 (153-59).

14 Ivi, pp. 167-74.

15 Panzieri (1973), pp. 32-37.

16 P. Nenni, Primo bilancio sulla polemica del Congresso di Mosca, in «Mondo operaio», luglio 1956.

17 L. Basso, L’esperienza sovietica e la dittatura del proletariato, ibidem.

18 Höbel (2006), pp. 127-30.

19 P. Nenni, L’insegnamento di una tragedia, in «Avanti!», 27 ottobre 1956.

20 Cfr. Guerra, Trentin (1997).

21 Mattera (2004), pp. 266-67.

22 Togliatti (1984), pp. 184-239 (193, 197, 203).

23 Ivi, pp. 197-98, 217.

24 Ivi, pp. 204-205.

25 Mattera (2004), p. 254.

26 Fedele (2016), p. 7.

27 Panzieri (1973), pp. 65-87.

28 «Avanti!», 7 febbraio 1957.

29 Aa. Vv. (2006), pp. 23-32, p. 23.

30 I due pamphlet, Riforme e rivoluzione di A. Giolitti, e Revisionismo nuovo e antico di L. Longo, sono ora in Giolitti, Longo (2017).

31 Cfr. «Avanti!», 2 e 3 novembre 1957.

32 Quarant’anni fa la Rivoluzione d’Ottobre, ibidem.

33 Partita ieri per Mosca la delegazione del P.S.I., ivi, 6 novembre 1957.

34 L. Basso, Coerenza socialista, ibidem.

35 In particolare, sono pubblicati commenti di Turati e Serrati del 1917-19, e analisi e giudizi successivi: un brano di un articolo di Rodolfo Morandi del 1951 sul Significato universale della Rivoluzione d’ottobre, un pezzo non firmato ma di Caprioglio su Lenin e la cultura, i commenti di alcuni militanti socialisti, brani di Gorki selezionati da Gianni Bosio.

36 G. Boffa, Il movimento comunista celebra il 40° dell’Ottobre, in «l’Unità», 7 novembre 1957.

37 G. Amendola, Il 7 novembre e l’Italia, ibidem.

38 Togliatti parla a Mosca: “le vittorie dell’U.R.S.S. ci hanno aperto la strada verso il socialismo”, ivi, 9 novembre 1957.

39 I lavoratori hanno fiducia in noi perché siamo amici dell’U.R.S.S., ivi, 11 novembre 1957.

40 1917-1957, in «Rinascita», XIV (1957), 11, p. 1.

41 Classi e partiti nella Rivoluzione russa, ivi, pp. 14-38.

42 Ricostruiti dal diario della sua segretaria gli ultimi mesi della vita di Lenin, ivi, pp. 49-58.

43 G. Dozza, I menscevichi a Bologna, ivi, pp. 12-13; B. Santhià, Ora la risposta è sicura, ivi, pp. 38-39.

44 Lenin, il controllo operaio e il movimento sindacale, ivi, pp. 68-77.

45 Cfr. Goldman (2007).

46 Le prospettive aperte dal XX Congresso, in «Rinascita», XIV (1957), 11, pp. 191-97.

47 Tra i testi pubblicati, vi sono brani di Lenin, Gramsci, Trockij, Lunačarskij; documenti del periodo rivoluzionario, tra cui la Dichiarazione dei diritti dei popoli della Russia firmata da Stalin e Lenin; le Osservazioni critiche sulla “Critica della Rivoluzione” di Rosa Luxemburg di Lukács; poesie di Maiakovskij, Blok, Pasternak.

48 L. Della Mea, Il P.S.I. e l’U.R.S.S., in «Avanti!», 27 novembre 1957.

49 L. Libertini, R. Panzieri, Sette tesi sul controllo operaio, in «Mondo operaio», febbraio 1958, pp. 831-39.

50 Togliatti (1984), pp. 321-35.

51 Ivi, pp. 283-99.

52 Cfr. Righi (2007).

53 Degl’Innocenti (1993), pp. 240-41, 267.

54 P. Spriano, Nenni e la Rivoluzione d’Ottobre, in «l’Unità», 8 ottobre 1960.

55 Degl’Innocenti (1993), pp. 280-83, 299

56 Cfr. Leonardi (1967).

57 Cfr. Nenni (1966), pp. 241-78 (243-44).

58 Favretto (2003), p. 109.

59 Agosti (2013), pp. 131-32.

60 Degl’Innocenti (1993), pp. 367-73.

61 A. Natta, Sulla strada aperta nel 1917, in «Rinascita», XXIV (1967), n. 42, pp. 12-13.

62 A. Occhetto, Il nostro Ottobre, ivi, pp. 14-15.

63 U. Terracini, Così li ho conosciuti, ivi, pp. 18-20.

64 P. Bufalini, Il popolo più colto e civile, ivi, pp. 20-21.

65 A. Pesenti, Il “modello” sovietico, ivi, pp. 30-31.

66 V. Vitello, Le nuove vie dell’economia aperte dall’Urss, in «Rinascita», XXIV (1967), n. 44, pp. 21-22; G. Cervetti, Sulla riforma economica: bilancio di fatti e di idee, ivi, pp. 22-23.

67 E. Roggi, Da tutto il mondo sulla Piazza Rossa, in «l’Unità», 7 novembre 1967.

68 Le Duan, Il Vietnam e l’Ottobre, in «Rinascita», XXIV (1967), n. 46, pp. 13-20.

69 L. Longo, Il dilemma della pace, ivi, n. 47, pp. 3-4.

70 G. Napolitano, Rivoluzione in Occidente e infantilismo di sinistra, ivi, n. 48, pp. 3-4.

71 «Critica marxista», V (1967), nn. 4-5.

72 G. Arfè, Il dare e l’avere, in «Avanti!», 5 novembre 1967.

73 M. Pellicani, La condizione dell’uomo e la società socialista, ibidem.

74 A. Garosci, Da Lenin a Breznev, ibidem.

75 «Avanti!», 7 novembre 1967.

76 L’Osservatore, Le riforme da salvare. Un sindacal-sovietista in ritardo, in «Critica sociale», 5 novembre 1967.

77 «Mondo Nuovo», 5 novembre 1967.

78 L. Basso, La Rivoluzione d’Ottobre, in «Problemi del socialismo», n. 24-25, novembre-dicembre 1967.

79 Basso, Colletti, Magri, Maitan, Libertini, Dibattito su “Stato e rivoluzione”, Roma, Samonà e Savelli, 1970.

80 Cfr. Lenin teorico e dirigente rivoluzionario, in «Critica marxista», Quaderni, suppl. al n. 4, 1970.

81 Höbel (2010), pp. 525-36.

82 Ivi, p. 544.

83 E. Berlinguer, Le contraddizioni delle società socialiste, in «Rinascita», XXV (1968), n. 38.

84 Höbel (2010), pp. 593-94.

85 Berlinguer (1975), pp. 626-39.

86 Rodano (1975), pp. 56-63.

87 Cfr. Di Maggio (2014).

88 Berlinguer (1975), pp. 823-966 (847-50).

89 Berlinguer (2014), pp. 169-71.

90 M. Ghiara, Nuove proposte di pace nel discorso di Breznev, in «l’Unità», 3 novembre 1977.

91 E. Berlinguer, Le vie dell’Occidente, in «Rinascita», XXXIV (1977), n. 43, pp. 1-2.

92 Tre domande a sessant’anni dalla Rivoluzione d’ottobre, in «Critica marxista», 1977, n. 3, pp. 59-98.

93 Cfr. A. Jacometti, La rivoluzione e il potere sovietico, in «Avanti!», 17 novembre 1977.

94 M.L. Salvadori, È socialista l’Unione Sovietica, in «Mondo operaio», ottobre 1977; Tatò (2003), pp. 43-47.

95 Berlinguer a Mosca rilancia l’eurocomunismo, in «Avanti!», 3 novembre 1977.

96 I sei minuti di Berlinguer all’assise di Mosca, ibidem.

97 B. Craxi, Socialismo reale e realtà, ivi, 6 novembre 1977.

98 M.L. Salvadori, Il “socialismo reale” alla luce della grande speranza del 1917, ibidem.

99 Il mondo e l’Europa 60 anni dopo l’Ottobre, in «l’Unità», 6 novembre 1977.

100 Degl’Innocenti (1993), p. 430.

101 Cfr. Lomellini (2010).

102 U.F. [Ugo Finetti]. Nel panorama del “dissenso” è racchiusa la parte più viva della cultura dell’Est europeo, in «Avanti!», 6 novembre 1977. Sull’«Avanti!» del 16 il saluto di Craxi: Una tribuna libera per chi non ha diritto di parola in patria. Il 18 Appello dalla Biennale. Chiesta la libertà per i detenuti politici in Urss.

103 “Bisogna che la sinistra dica che cosa sono oggi veramente le società dell’Est europeo”, ivi, 15 novembre 1977.

104 . A. Guerra, Cosa vuol dire fare i conti col socialismo sovietico, in «Rinascita», XXXIV (1977), n. 46, pp. 7-8. Il commento di M. Boffa al convegno del Manifesto è invece ivi, n. 45, pp. 6-7.

Auteur

Università di Napoli Federico II

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable