Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Postfazione

Il giovane Hartmann interprete di Schelling

Alessandro Medri

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Noi troviamo in Schelling la concezione dell’Inconscio nella sua piena purezza, chiarezza e profondità
(E. von Hartmann, Philosophie des Unbewussten)

Nella Seconda Inattuale, Nietzsche, com’è noto, prende in considerazione il tema della storia; egli non svolge tuttavia – come forse ci si potrebbe aspettare a una prima lettura, e tenendo presente il titolo – una compiuta filosofia della storia (sarebbe del resto in qualche modo contraddittorio o audace pretendere qualcosa di simile dal pensatore dell’ewige Wiederkehr des Gleiches), ma esamina la storia come disciplina, e, più precisamente, in quanto materia di insegnamento universitario:

Si esporrà perché un’istruzione senza vivificazione, perché un sapere in cui l’attività si infiacchisce, perché la storia in quanto preziosa superfluità di conoscenza e in quanto lusso, ci debbano essere […] odiosi […] Noi abbiamo bisogno di storia […] per la vita e per l’azione, non per il comodo ritrarci dalla vita e dall’azione, o addirittura per l’a...