Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

I principi in tensione

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Passiamo ora alla considerazione dei principi in tensione (potenze), a come essi si comportano dopo che attraverso l’elevazione del poter-essere all’essere, della volontà al volere, si è interrotta la quiete durata fino ad allora. Qui sarò più breve, da una parte perché i punti principali sono già riferiti sopra, e dall’altra perché penetrando più in profondità dovrei concedere uno spazio eccessivo alla critica, visto che le affermazioni del tutto non filosofiche derivanti da una impostazione teosofica emergono sempre più in primo piano.

Ho dimostrato sopra che la volontà è assolutamente libera di elevarsi al volere oppure no. Ma la libertà assoluta è identica al caso assoluto. Con ciò potremo anche chiamare caso originario quel destino precedente il tempo. «Il volere, che per noi è l’inizio di un mondo diverso, posto al di fuori dell’idea, è qualcosa che scaturisce puramente da se stesso […] di esso si può solo dire che è, non che esso È, e non che è necessariamente; in questo senso...