Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Metamorfosi dei Lumi 8

 | 
Simone Messina
, 
Valeria Ramacciotti

Esordi della scienza storica

Scrivere la storia, divulgare la storia: Archenholz e la rivista «Minerva»

Elisa Leonzio

Texte intégral

  • 1 K.H. Jördens, Lexikon der deutschen Dichter und Prosaisten, Leipzig, in der Weidmannischen Buchhand (...)
  • 2 J.W. Archenholz, Brief an Gleim vom 1. Januar 1794, «Literarisches Konversations-Blatt», Leipzig, B (...)

1Johann Wilhelm von Archenholz è stato un personaggio di grande rilevanza nel panorama della storiografia e della pubblicistica tedesca a cavallo tra Settecento e Ottocento. Della sua opera più celebre, La storia della guerra dei sette anni in Germania (1788), si dice che fosse allora il libro più letto dopo la Bibbia. A questa fama e al grande apprezzamento da parte del pubblico non corrispose però, all’epoca, una altrettanto attenta e positiva ricezione da parte della critica. Di buona risonanza godette la prima rivista fondata e diretta da Archenholz, la Litteratur-und Völkerkunde, che uscì a cadenza mensile dal 1782 al 1786 e poi, col titolo di Neue Litteratur-und Völkerkunde, ancora dal 1787 al 1791 e di cui viene detto: «uno dei periodici più divertenti, istruttivi e utili, che si distingue oltretutto per l’originalità, la varietà, la scelta felice e la trattazione leggera dei propri argomenti» e che «è capace di coniugare il piacevole […] con l’utile»1. Nonostante questo giudizio elogiativo, contenuto nel Lessico dei poeti e prosatori tedeschi del 1806, l’opera complessiva di Archenholz passò piuttosto inosservata. Archenholz stesso in una lettera a Gleim del 1794 lamenta questo disinteresse in riferimento alla seconda edizione della sua Guerra dei Sette anni, uscita quasi un anno e mezzo prima: «La mia storia della guerra a Voi non è dispiaciuta […] e non è dispiaciuta neppure al pubblico […] è uscita già da sedici mesi, ma, sebbene sia stata da subito un successo nelle vendite, stando al mondo dei dotti sembra quasi che essa non esista»2. Le ragioni di questo disinteresse da parte della critica vanno riconosciute proprio in quelle stesse caratteristiche che nel Lessico vengono messe in luce: la piacevolezza dello stile, leggero e accattivante, la molteplicità degli argomenti, che garantisce varietà e originalità, in breve la capacità di istruire il lettore procurandogli godimento e tenendone desto l’interesse. L’interrelazione tra l’utile e il piacevole è un topos della riflessione sul significato e l’utilità della letteratura, e dell’arte in generale, fin dal prodesse et delectare di oraziana memoria, ma assume un particolare significato proprio nell’età dei Lumi, dove la riflessione sui fini e sui metodi dell’educazione conquista una rilevanza e un’attenzione ai suoi risvolti pratici del tutto nuove. La scrittura piacevole viene in questo contesto inquadrata nel più ampio discorso della divulgazione del sapere: quale sapere o, meglio, quali saperi sono utili all’uomo e possono promuoverne il progresso e l’emancipazione, ma anche come rendergli questi saperi accessibili muovendo dall’ovvia considerazione che i più mancano delle competenze di base e in taluni casi anche delle facoltà intellettive necessarie per attingere a determinate conoscenze nella loro variante più specialistica e specializzata. Da qui nasce il bisogno di semplificazione e di chiarezza, la ricerca di una forma gradevole, le continue concessioni al gusto del pubblico e, nel caso di argomenti storici, il ricorso a stratagemmi retorici e narrativi che rendono molto labile e sfumato il confine tra fattualità e finzione, tra evento e racconto, tra storia e poesia.

  • 3 Cfr. D. Till, Kommunikation der Aufklärung. Über Popularphilosophie und Rhetorik, in D. Fulda e F. (...)
  • 4 J.A. Ernesti, De philosophia populari prolusio, in Id., Opuscola oratoria, Orationes, Prolusiones e (...)
  • 5 Ibid.: «subtilis et erudita popularitas».
  • 6 Ivi, p. 150: «felicitatis consequendae disciplina».
  • 7 Ibid.: «a copia, a varietate, a condimentis».

2Questa combinazione di utile e dilettevole, ossia l’interrogativo sulla conciliabilità di conoscenza e forma bella, trova la sua più compiuta trattazione in due testi ancora in latino pubblicati a metà del Settecento dal filosofo Johann August Ernesti, l’iniziatore della filosofia popolare in Germania3. Nel primo, gli Initia rhetorica del 1750, Ernesti contrappone dialettica e retorica, intendendo con il primo termine le attività raziocinanti, in una parola l’intelligere, e identificando la seconda con le azioni del delectare e commovere. A queste funzioni e facoltà corrispondono diversi oggetti: la scienza per la dialettica, la res popularis per la retorica. Nel 1754 esce la De philosophia populari prolusio, in cui Ernesti conia e introduce in Germania la denominazione di “filosofia popolare” per indicare una corrente filosofica, nata in contrapposizione alla filosofia scolastica dogmatica di matrice wolffiana, che avrà i propri centri a Gottinga e Berlino e vedrà l’adesione tra gli altri di Garve, Meiners e Mendelssohn. Nella Prolusio scompare il termine dialettica a cui viene sostituito quello onnicomprensivo di filosofia. La contrapposizione con la retorica sembra però mantenuta ed Ernesti, qui ancor più che negli Initia, pare sposti l’accento dal contenuto alla forma in cui esso viene espresso: si parla quindi di un genus «aut subtile et acutum aut populare»4. È a questo punto però che si introduce l’elemento innovativo postulando l’esistenza di una qualche «popolarità sottile e colta»5 che non aborre la «dottrina» e la « ragione» dei filosofi, ma si ammanta di una bella veste per raggiungere il pubblico. I più – e qui si coglie tutto il pessimismo antropologico che sempre si accompagna ai progetti illuministici di emancipazione dell’uomo – non possono sostenere la difficoltà dei ragionamenti sottili. D’altra parte però, si domanda Ernesti, essendo la filosofia la «disciplina per conseguire la felicità»6, cosa può esservi di più popolare di essa? Occorrerà quindi rendere la filosofia popolare – come scriveva nello stesso anno Diderot nei Pensieri sull’interpretazione della natura – accogliendo le esigenze del pubblico non specializzato: a esso non basteranno alimenti salutari – per citare la metafora alimentare di Ernesti – ma sarà necessario garantire la «soavità» del cibo derivante «dall’abbondanza, dalla varietà e dai condimenti»7. Si assiste qui a un netto cambiamento di paradigma: che la forma bella e chiara, nel suo delectare, non possa vantar pretesa di mediare contenuti di verità e debba avere altri oggetti quale argomento è un’idea ormai superata. L’interesse è rivolto ora all’aspetto dell’efficacia didattica del discorso: mantenendo fermo l’oggetto – il sapere e le singole discipline – si varia la forma in base al ricevente sviluppando al contempo una vera e propria teoria della comunicazione e della mediazione del sapere.

3Sulla spinta di queste e di simili riflessioni si assiste a partire dalla metà del Settecento al proliferare di saggi, lessici, manuali e periodici sempre più orientati alla dimensione della prassi e miranti ad attrarre e quindi ampliare il numero dei lettori. Ai testi per specialisti, sempre più specifici in quanto le singole discipline vanno progressivamente acquisendo contorni e caratteri distintivi più netti, si affiancano con sempre maggior frequenza pubblicazioni più generiche e generaliste, che vorrebbero migliorare la vita dell’uomo direttamente, con consigli pratici, e indirettamente, contribuendo a formare una coscienza pubblica. Archenholz, come si mostrerà, si inserisce a pieno titolo in questo orientamento sia per convinzioni e ragionamenti ben consapevoli e chiaramente espressi in molti testi programmatici sia perché la sua stessa formazione di storico, avvenuta da autodidatta sul campo (come viaggiatore e ufficiale prussiano) al di fuori delle aule universitarie, lo porta a prediligere le forme extra-accademiche del sapere e della sua diffusione.

  • 8 R. Koselleck, Futuro passato: per una semantica dei tempi storici, traduzione a cura di A. Marietti (...)
  • 9 Sulla nuova figura del giornalista storico si veda in particolare il primo capitolo di I.-M. D’Apri (...)

4Tutto questo però, come si è detto, ha nuociuto alla sua fama nel mondo dotto della sua epoca e in parte ancora nella critica contemporanea, dove pochi gli hanno prestato la giusta attenzione, se si esclude la funzione anticipatrice attribuita alla sua opera da Reinhardt Koselleck, che in Futuro passato dice di lui: «era, nella seconda metà del secolo diciottesimo, uno degli storici maggiormente letti e degli autori di quei quadri di costume che possiamo considerare una prefigurazione della sociologia moderna»8. Nuova spinta a studiare la figura di Archenholz può venire e in parte è venuta dal crescente interesse che la germanistica tedesca sta mostrando negli ultimi anni per ambiti di ricerca quali la storia e la funzione sociale dell’editoria e della pubblicistica periodica nell’illuminismo e per la nascita di nuove tipologie di scrittore quale quella del “giornalista storico”9. Archenholz, storico ed editore, incarna par excellence proprio questa nuova figura. Indagare la sua vicenda umana e professionale offre così l’occasione per riflettere più estesamente sul rapporto tra scrittura della storia e società nell’epoca di passaggio da Settecento a Ottocento e su come il “giornalista storico” possa rappresentare il momento di transizione tra la storiografia illuministica e lo storicismo ottocentesco.

1. Archenholz, il soldato autodidatta

5Alcune note biografiche sono essenziali per inquadrare la figura di Archenholz e illuminare le tappe fondamentali del suo sviluppo intellettuale e professionale. Biografia e attività pubblicistica, infatti, sono in lui strettamente intrecciate e non si comprenderebbero appieno alcune caratteristiche della seconda se non si tenesse conto della prima.

6Johann Wilhelm von Archenholz nasce a Langfuhr presso Danzica, nel 1741 o nel 1743 – la data è incerta – e muore ad Amburgo nel 1812. La sua è una famiglia dell’alta borghesia militare: il padre è un tenente e poi capitano di guerra al servizio della libera città di Danzica e il nonno materno un tenente di stanza alla foce della Vistola. Trasferitosi a Berlino – non è chiaro se accompagnato o meno dalla famiglia – entra all’accademia per cadetti e nel dicembre 1758 viene inviato insieme a trentanove compagni a Breslavia, al quartier generale di Federico II. Da lì comincia la sua partecipazione alla Guerra dei sette anni. Dopo un anno è già ufficiale e nel 1763, con la pace di Hubertsburg, viene congedato per le ferite riportate in battaglia con il grado di capitano. Archenholz intraprende allora lunghi viaggi attraverso la Germania, i paesi nordici, la Francia e soprattutto l’Italia e l’Inghilterra. Qui frequenta anche le assemblee parlamentari e i tribunali, imparando a conoscere le leggi e la costituzione inglese e prendendo parte anche a dibatti pubblici nei club, nei coffeehouse e nelle numerose society, che resteranno per lui emblema della socialità e della libertà d’opinione. Sviluppa così in quegli anni una venerazione per l’Inghilterra (politica, ma anche culturale: Archenholz legge tra gli altri Shakespeare, Fielding e Richardson) che solo il mito della Francia rivoluzionaria offuscherà. Nel 1780 a Roma ha un incidente, cade da cavallo e un piede gli rimane completamente paralizzato. È solo a quel punto, dopo quasi vent’anni di viaggi ininterrotti, che Archenholz torna definitivamente in Germania, stabilendosi a Dresda e poi ad Amburgo. Intanto si lega in amicizia a Wieland e Schiller e in entrambi i casi da questa amicizia nasceranno un sodalizio intellettuale e una collaborazione effettiva. Solo dopo il rientro in Germania, a quasi quarant’anni di età, Archenholz comincia a dedicarsi alla scrittura e all’attività editoriale. Anche questo suo esordio tardo sulle scene spiega in parte lo scetticismo con cui il mondo dei dotti accoglie il suo lavoro. Le sue prime pubblicazioni portano il nome di Frammenti e appaiono su diverse riviste: si tratta di estratti dai suoi diari di viaggio. Da essi nasce anche la prima vera opera di Archenholz, England und Italien, pubblicata nel 1785 e, in una edizione ampliata, nel 1787. L’opera riscuote grandissimo successo di pubblico: si inserisce in un genere allora popolarissimo, quello della descrizione di viaggi, sul cui rapporto con le scienze storiche ci soffermeremo in seguito; e incarna inoltre l’anglofilia – ma si parla addirittura di anglomania – che domina la cultura tedesca di quel periodo. A farne le spese è l’Italia, che secondo un procedimento contrappuntistico viene descritta come l’anti-Inghilterra, almeno per quanto riguarda il piano politico e i costumi, mentre si salverebbe il piano letterario. Per esemplificare il carattere nazionale italiano Archenholz cita un aneddoto che ha per protagonista Baretti: Baretti, in un locale di Londra, avrebbe ucciso a coltellate un uomo e feritone un secondo per gelosia nei confronti di una ragazza: i due sarebbero intervenuti per difendere la suddetta fanciulla, donna di malaffare, dalle attenzioni di Baretti. Interessante, da un punto di vista stilistico, è come Archenholz presenta l’ambientazione:

  • 10 J.W. Archenholz, England und Italien, 17872, Leipzig, im Verlage der Dykischen Buchhandlung, vol. 3 (...)

Questi campioni della giustizia non erano armati; era sera, ma non ancora notte, e c’erano ancora persone per le strade. Quanto basso era quindi il pericolo che correva Baretti, un uomo grande e forte, per di più in un paese in cui gli omicidi non rientrano tra gli atti più usuali? […] Però questi estrasse il suo coltello e infilzò il primo a morte, mentre il secondo fuggì gravemente ferito. […] egli rimase fedele al carattere della sua nazione […] Perché quale uomo di buona famiglia in Inghilterra, Germania e così via se ne andrebbe in giro con un coltello, e per di più non piccolo, in tasca? E quanto forte deve essere l’istinto della vendetta in uomo che si prende il tempo di tirarlo fuori, aprirlo e conficcarlo in petto alle persone che gli stanno attorno?10

In ciò, nel fatto di avere con sé un coltello e di averlo usato con tanta leggerezza per uccidere in nome dell’orgoglio, Baretti sarebbe stato fedele allo spirito della sua nazione, agli usi e costumi in essa più abituali. Goethe e Heine accuseranno Archenholz di non aver capito nulla dell’Italia, ma ciò che qui preme sottolineare non è tanto il contenuto di questo e di simili aneddoti, di cui il testo è infarcito, quanto l’uso in sé dell’aneddoto, genere letterario prescelto per il suo alto potenziale espressivo (è conciso, chiaro e si imprime in modo duraturo nella memoria), a cui Archenholz farà ricorso in tutta la sua opera e che risulta particolarmente significativo per la dimensione della narratività che in esso si manifesta. Un fatto è importante intanto tenere a mente: Archenholz si riferisce a questa e a simili opere sui costumi nazionali dei diversi popoli usando l’espressione Gemälde der Nationen, ritratti delle nazioni. Gemälde è un termine che ricorrerà in seguito, quando Archenholz parlerà delle sue biografie dei sovrani europei. Due aspetti complementari meritano attenzione: da un lato il procedimento sineddotico per cui un singolo personaggio viene a rappresentare esemplarmente, in positivo o in negativo – come qui nel caso di Baretti –, l’intera sua nazione; dall’altro il fatto che in questo modo la nazione diviene un soggetto unico, da studiare alla stregua di un singolo individuo: Archenholz tenta così di risolvere il problema del rapporto tra individuo e collettività e, più in esteso, tra storia del singolo e storia universale.

7Ma torniamo all’Inghilterra. A essa Archenholz dedica anche buona parte della sua attività pubblicistica successiva. Con il titolo di Die Engländer in Indien pubblica tra il 1786 e il 1787 la sua traduzione dell’History of the Military Transactions of the British Nation in Indostan di Robert Ormes, mentre dal 1787 al 1790 cura come editore la pubblicazione del mensile «The British Mercury», il primo giornale pubblicato in Germania in lingua inglese e contenente articoli tratti da diverse riviste inglesi, e in contemporanea del «Der Britische Merkur», che contiene gli stessi articoli tradotti in tedesco. I costi però sono troppo elevati e Archenholz presto rinuncia. Per le stesse ragioni anche l’«English Lyceum», che Archenholz fonda nel 1787, ha una durata breve, di appena un anno. Sempre all’Inghilterra si lega una delle opere di maggior spessore di Archenholz, gli Annali di storia britannica degli anni 1788-1796, che egli cura e in parte redige tra il 1789 e il 1800. Nel 1788 è intanto uscita la Storia della guerra dei sette anni in Germania, l’opera più celebre di Archenholz e a cui abbiamo già accennato. Nel 1789 sul Calendario storico per dame per l’anno 1790 edito da Wieland esce la Storia della regina Elisabetta d’Inghilterra e nel 1791 i Piccoli scritti storici. Una seconda parte di questi scritti vedrà la luce nel 1803. Tra il 1791 e il 1792 Archenholz soggiorna per quasi un anno a Parigi e da questo momento è la Francia a essere al centro delle sue osservazioni e della rivista «Minerva», il cui primo numero esce nel 1792 e che Archenholz dirigerà fino al 1809. Nonostante il giudizio sulla Rivoluzione francese sia solo all’inizio entusiastico e lasci presto spazio a dubbi e critiche, la Francia rimane agli occhi di Archenholz polo rappresentativo dell’Europa continentale, rispetto a cui l’Inghilterra è vista ora come un elemento di disturbo degli equilibri, con il suo strapotere marittimo e coloniale. Nel 1795 Archenholz pubblica sulle Horen di Schiller un Fragment sul re di Polonia Jan Sobieski, che nel 1683 aveva contribuito alla liberazione di Vienna dall’assedio turco. Nel 1801 esce infine l’ultima opera di Archenholz, la Storia di Gustav Wasa, re di Svezia.

2. La storia come scienza al servizio dell’uomo e della conoscenza dell’uomo tra storiografia illuministica e storicismo

8Dalla breve presentazione dei testi citati si possono già desumere alcuni degli elementi metodici e contenutistici che caratterizzano l’attività storiografica di Archenholz. Innanzitutto occorre soffermarsi sulla varietà dei generi utilizzati: monografie, annali, periodici, biografie e diari di viaggio. Se e in quale misura esse possano essere tutte o in parte considerate forme di storiografia e di storiografia scientifica in particolare è problema che andremo a discutere. Secondariamente sono i contenuti a richiamare l’attenzione. Essi possono venir raggruppati attorno ad alcune unità tematiche, che sono al contempo anche cronologiche: i due grandi poli rappresentati per Archenholz dalla Guerra dei sette anni e dalla Rivoluzione francese e dal periodo post-rivoluzionario, poi la storia britannica nell’ultimo ventennio del Settecento, a cui si aggiungono le biografie dei grandi sovrani del Cinquecento e Seicento, Gustav Wasa re di Svezia, Elisabetta I di Inghilterra e il sovrano polacco Jan Sobieski. Da ciò si può cominciare a desumere quali siano per Archenholz gli oggetti a cui lo storico deve dedicare la sua attenzione e quali i metodi per trattarli: da un lato gli eventi del mondo contemporaneo, di cui lo storico stesso è stato testimone o di cui può comunque raccogliere testimonianze dirette (in tal senso è da leggere, per esempio, la pubblicazione in Germania del «British Mercury»); dall’altro figure emblematiche rappresentative della storia dei secoli immediatamente precedenti. Nessun interesse vi è invece da parte di Archenholz per la storia dell’antichità classica né tantomeno per i problemi filologici legati alla sua ricostruzione. Colpisce poi anche, se si eccettua la Storia della guerra dei sette anni in Germania, l’assenza di qualsiasi tentativo di approfondire la storia tedesca dopo quegli eventi. La ragione è da cercarsi nel fatto che la Germania è ancora priva di quello spirito e senso di appartenenza che dovrebbe portare al costituirsi di una nazione unitaria. E, secondo Archenholz, proprio il patriottismo è il sentimento principale che la narrazione della storia di altri paesi dovrebbe suscitare e coltivare nel lettore tedesco.

  • 11 J.W. Archenholz, Annalen der britischen Geschichte, Wien, Stahel, 1789, vol. 1, p. 289: «Je individ (...)
  • 12 Cfr. A. Epple, Empfindsame Geschichtsschreibung. Die Übertragung der individuellen Zeit auf die his (...)

9La trattazione dei due oggetti storici ora identificati, il presente e il passato, richiede metodi e procedimenti di trasmissione diversi. Il presente e i fatti di cui esso si compone sono interpretati come oggetti epistemologici, ossia come oggetti di cui possiamo accrescere, migliorare e correggere la nostra conoscenza e che leggiamo come momenti all’interno di un processo più ampio. Essi sono affidati a forme di trasmissione immediata e breve come gli articoli di giornale e le sezioni degli annali: ne fanno parte eventi militari, come le battaglie, ma anche politici e culturali, per i quali Archenholz spazia dai discorsi dei legislatori alle nuove opere letterarie. E il fatto che nella rivista «Minerva» compaiano articoli con lo stesso titolo anche all’interno di una stessa annata testimonia, al di là della volontà di tenere sempre aggiornato il pubblico, anche dell’intenzione, appunto, di riconsiderare e precisare l’immagine di determinati eventi. Il passato è invece confinato nella rappresentazione di singoli personaggi storici a cui Archenholz riconosce un particolare carattere di esemplarità. Egli parla in questo caso, già lo si accennava, di Gemälde, ossia di quadro, di dipinto, e questo dice molto su come il passato viene pensato: qualcosa di chiuso, di definito e definitivo, che non può più mutare, e ciò non solo nei fatti, ma anche nella nostra rappresentazione e interpretazione. E questi sono i casi in cui Archenholz mostra di dare importanza alle fonti, anche se in modo alquanto acritico, ed elenca i testi di cui si è servito per redigere quei ritratti. Negli Annali spiega anche le ragioni del ricorso ai Gemälde, riferendosi pure ai quadri di costume (Sittengemälde) che negli Annali sono tanto frequenti: «Più i tratti sono individuali, tanto più sono applicabili alle nostre reali condizioni e tanto più diventano per noi attraenti»11. Evidente è qui il richiamo alla funzione didattica della storia e alla necessità di scrivere in modo orientato ai propri lettori. Lo storico, secondo Archenholz, deve trasmettere la storia non per astrazioni, ma in modo faktisch, fattuale. I Gemälde sono pensati come genere popolare per eccellenza per la loro qualità visiva. Non è casuale, in questo senso, che nell’Historischer Calender für Damen Archenholz faccia precedere il proprio scritto sulla regina Elisabetta da una serie di litografie che ritraggono la sovrana in momenti emblematici del suo regno. Queste immagini svolgono la funzione normalmente esercitata dall’elencazione delle fonti: sono il repertorio per il pubblico femminile, a cui è rivolto un tipo di storiografia specifico, ancor più narrativo ed enfatico, ancor più sentimentale, come è stato detto da alcuni critici12.

10Un caso ibrido è rappresentato dalla Storia dei sette anni, perché ibrida è la dimensione temporale in essa esaminata: un passato vissuto, un passato che nel passato è stato presente. Qui le diverse istanze e le diverse forme di scrittura della storia si mischiano: il richiamo alle fonti, la presentazione di un personaggio esemplare, Federico II, ritratto in modo empatico e a volte quasi patetico, ma anche le descrizioni dettagliate, le testimonianze oculari, i resoconti, i dialoghi riportati con sorprendente precisione. L’introduzione ampliata all’edizione del 1791 della Geschichte rappresenta un compendio dei temi e dei problemi in cui si dibatteva l’intera storiografia tedesca ai tempi di Archenholz:

  • 13 J.W. Archenholz, Geschichte des Siebenjährigen Krieges in Deutschland von 1756 bis 1763, Berlin, Ha (...)

È giunto il momento di raccogliere simili notizie dai testimoni oculari, poiché questa generazione di uomini, ai cui tempi cose così straordinarie sono accadute sul suolo tedesco, comincia a scomparire. Se perciò una storia merita di essere diffusa come libro popolare tra tutti gli strati della nazione tedesca, è di sicuro questa storia patria, che fa onore alla Germania sotto così tanti aspetti ed è capace di innalzare lo spirito del popolo. Per il patriota prussiano, qualunque sia la sua classe, anche la più infima, questo libro sarà il ricordo sensibile della grandezza morale del suo popolo e delle sublimi virtù di un reggente eccezionale […] Solo che lo splendido colorito, che queste azioni anche senza artificio rivelano nel quadro, non può apparire senza qualche ombra. […] Lo storico non deve omettere le osservazioni, fondate sui fatti, riguardanti le manchevolezze umane, chiunque ne sia oggetto, fosse anche l’eroe del suo secolo, se esse fanno parte della storia e servono a chiarirne la totalità complessiva […] La verità della storia non diverrà perciò sospetta, bensì da questo coraggioso richiamo alle debolezze, alle quali anche i mortali più grandi soggiacciono al pari degli ultimi, la storia guadagnerà una maggior credibilità, perché porterà su di sé lo stampo dell’imparzialità13.

L’importanza degli elementi qui raccolti giustifica la lunghezza della citazione. Secondo l’ordine con cui compaiono nel testo essi sono: le testimonianze e la loro raccolta, il popolo come destinatario, l’idea del ricordo sensibile, l’idea della storia come totalità, la verità e la credibilità di ciò che è raccontato, l’imparzialità e lo sguardo prospettico e temporalmente condizionato dello storico.

  • 14 J.W. Archenholz, «Minerva», Hamburg, Hoffmann, 1792, vol. 1, p. 121: «historischer Beobachter».
  • 15 Ibid.: «historischer Sammler».

11Il primo elemento da osservare è il tono generale del testo, dominato dal richiamo alla funzione educatrice della storia. Archenholz pensa a un testo “popolare” alla maniera di Ernesti e al suo effetto emancipatore e consolidante di una coscienza collettiva e patriottica. In secondo luogo colpisce l’approccio giornalistico con cui Archenholz tratta l’intera materia. Lo storico è un raccoglitore di testimonianze. Sulla «Minerva» Archenholz negli stessi anni parla di «raccoglitore storico»14 e di «osservatore storico»15. Ed è proprio l’idea dello sguardo, della prospettiva e dell’avere e portare davanti agli occhi l’oggetto dell’indagine, a dominare la concezione storiografica di Archenholz, che si sviluppa lungo un interessante procedimento sinestesico tra spazialità e temporalità: il passato diviene visibile nel presente, e in questo senso crea nella mente del lettore un ricordo «sensibile»; e anche il giudizio è allo stesso tempo spazializzato e temporalizzato: è spaziale in quanto sguardo prospettico di chi osserva l’evento storico, ma temporale nella misura in cui nel tempo l’osservatore sposta il punto prospettico o l’oggetto si sposta di posizione. Il giudizio è dunque storicamente condizionato, quindi relativo e suscettibile di revisione, come si mostrerà nel caso della rivoluzione francese. Anche quando discute della propria competenza a trattare la materia, e dunque della propria autorità, Archenholz indica come elementi di qualifica il fatto di essere stato egli stesso testimone oculare e il fatto di aver atteso la giusta distanza prospettica e temporale prima di potersi permettere di esprimere un giudizio sui fatti in oggetto. Su tutto questo si gioca la pretesa di verità e di credibilità del testo, che rappresenta un ulteriore momento nella riflessione storiografica di Archenholz:

  • 16 J.W. Archenholz, Geschichte des Siebenjährigen Krieges cit., p. 10: «Nun noch einige Worte, die Qua (...)

Adesso ancora qualche parola sulla qualifica dello storico che si accinge a questa impresa. Dal dicembre 1758 ho servito nell’esercito di Federico. Allora, seppure giovane e incapace per mancanza di esperienza di giudicare io stesso in modo corretto, ascoltavo però con grande curiosità i giudizi dei soldati più anziani, il cui valore ho poi messo alla prova in età più matura16.

  • 17 Id., England und Italien cit., vol. 1, 1785, p. xii: «war doch der Mensch immer in seinen mannichfa (...)
  • 18 J. Kocka, Geschichte und Aufklärung, Aufsätze, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 1989, p. 142: «Um (...)
  • 19 J.W. Archenholz, Briefe über das Reisen, «Deutscher Merkur», Weimar, Verlag der Gesellschaft, 1785, (...)

La testimonianza oculare è centrale anche in England und Italien, ossia nelle descrizioni di viaggio raccolte da Archenholz. Che esse rappresentino un genere storiografico è per noi oggi cosa dubbia e saremmo forse più portati a classificarle come opere etnografiche e letterarie. Per Archenholz però questa distinzione non avrebbe avuto senso. Per lui infatti la storia è Menschenkunde, scienza di esplorazione dell’uomo: «oggetto delle mie osservazioni», egli dice, «è l’uomo nei suoi rapporti e nelle sue relazioni morali e politiche»17. Come scriveva Wieland: «Per scoprire che cosa è possibile per l’uomo, dobbiamo sapere che cosa egli realmente è e realmente ha fatto. […] Di fondo quindi ogni conoscenza autentica dell’uomo è storica»18. In questo senso, in un articolo del 1785 sul Deutscher Merkur, Archenholz invita i viaggiatori a mantenere uno «sguardo storico»19. Esso però non si esplica soltanto nella registrazione dei dati (il raccogliere di cui già si è detto), ma anche e soprattutto nei procedimenti che ci permettono di comprendere l’oggetto osservato. La storiografia di Archenholz mostra qui una dimensione autoriflessiva notevole.

12Un ultimo elemento dell’introduzione che merita di essere sottolineato è il riferimento all’idea di storia come totalità, importante soprattutto se si pensa che la storiografia di Archenholz, per quella qualità visiva di cui abbiamo parlato, è storiografia di Begebenheiten, di fatti singoli che si offrono alla contemplazione: si assiste qui al passaggio fondamentale dalle storie plurali alla storia al singolare.

  • 20 A. Tucker, Historiography. The evolutionary Science of Information Transmission, in I.M. D’Aprile e (...)
  • 21 Da diverse lettere a Gleim citate in U. Rieger, Johann Wilhelm von Archenholz als “Zeitbürger”. Ein (...)

13Alcuni degli elementi presentati nell’introduzione alla Geschichte parlano a favore di una concezione moderna della storia da parte di Archenholz, mentre altri sembrano riportare a una dimensione prescientifica della storia o del tutto extra-storica. Apparentemente prescientifica è la concezione della finalità esemplare e didattica, e dunque estrinseca alla storiografia, che caratterizza questo testo e, più in esteso, l’intera produzione di Archenholz e la storiografia illuministica nel suo complesso. Anche per questo la critica tende per la Germania a far coincidere la nascita della storiografia scientifica con lo storicismo di Ranke, che, applicando alla storia metodi documentaristici e filologici, converte principi adottati da singoli studiosi in un paradigma condivisibile e condiviso. La presenza di un paradigma metodologico è ciò che conferisce alla storia lo status di scienza. Cardine della metodologia di Ranke è l’idea che per massimizzare l’affidabilità delle informazioni su cui lo storico lavora (le fonti) si debba accettare l’evidenza soltanto della testimonianza oculare, completando con inferenze le informazioni mancanti20. Alcune riflessioni di Archenholz raccolte dalla sua corrispondenza con Gleim, senza con questo voler sostenere che egli abbia avuto la profondità teorica e l’attenzione metodologica di Ranke, mostrano comunque interessanti affinità con il suo paradigma: «un’instancabile ricerca di materiali» necessaria «per scoprire tutti i lineamenti di un evento da fonti note e ignote, per poterle paragonare, correggere e ordinare»21.

  • 22 J. Kocka, Geschichte und Aufklärung cit., pp. 142-143.

14La critica recente anticipa la nascita della storia come scienza già all’illuminismo per almeno quattro ragioni. La prima è il passaggio dalle tante storie singole (al plurale) alla storia come singolare collettivo: un processo terreno, non più inscritto in un piano soprannaturale, che si può spiegare attraverso nessi di causa - azione - effetto; la seconda è la nascita della critica delle fonti, la filologia testuale, e l’idea della verificabilità empirica attraverso regole prestabilite della veridicità dei documenti; la terza è il riconoscimento del carattere prospettico della conoscenza storica e la sua revidibilità; la quarta è il distacco metodologico e formale dalle belle lettere22.

15Archenholz rispetta sicuramente il primo e il terzo criterio; al secondo si avvicina più o meno a seconda delle opere prese in esame. Lontanissimo appare invece dall’ultimo criterio, quello del distacco della storiografia dalla letteratura. Questa lontananza però è tipica di tutta la storiografia tedesca dell’epoca illuministica e, con caratteri un po’ diversi, di quella romantica e viene quindi naturale porre in discussione questo criterio: è proprio vero che la scientificità e la narratività sono elementi inconciliabili, che il fattuale e il fittizio si escludono reciprocamente e che la storia ha bisogno di eliminare l’aspetto narrativo per essere scienza? Innanzitutto il carattere fittizio è presente nella storia anche a prescindere dal racconto con l’elemento dello sguardo prospettico: se il fatto non è un oggetto monolitico, ma un problema di prospettiva, è già di per sé fizionalizzato, è un costrutto a livello percettivo ancor prima di venir narrato. In secondo luogo l’atto del cogliere e riprodurre i nessi di causa ed effetto facendoli confluire in una totalità è un atto eminentemente narrativo: il contingente e il particolare sono consustanziali alla storia vista come un tutto di cui occorre scoprire e riprodurre le leggi. Come spiega Ricœur in Tempo e racconto il racconto è necessario per superare l’aporia tra tempo soggettivo (quello di Agostino) e tempo cosmico (quello di Aristotele) in quanto media tra la contingenza e l’ordine complessivo: obiettivi, cause e casualità vengono raccolte in un’unità temporale e vanno a costituire una totalità. La storia, nella sua sussunzione della contingenza in un tutto, è dunque narrativa e ciò non contrasta, ma è anzi parte costituente della sua scientificità.

  • 23 Novalis, Blüthenstaub-Fragment 93, in Id., Werke, Tagebücher und Briefe Friedrich von Hardenbergs, (...)

16Ben prima di Ricœur, il racconto come creazione di un tutto che raccolga cause ed effetti e spieghi i nessi tra gli eventi, al di là del caso, è idea che domina la concezione del romanzo antropologico elaborata da Blanckenburg a metà Settecento (lo scrittore che ricostruisce i nessi causali per fare della vita del proprio personaggio un tutto compiuto) e arriva alla riflessione storico-letteraria del primo romanticismo, dove il concetto di storia, almeno fino alla Storia della letteratura europea di Schlegel del 1803-4, racchiude al suo interno scienza e poesia. «Lo storico», dice Novalis in un Bluthenstaub-Fragment, «organizza essenze storiche. I dati della storia sono la massa, a cui lo storico, animandola, dà una forma»23. L’animazione e l’organizzazione portano alla rappresentazione di una totalità storica che assume il carattere di un essere organico.

  • 24 J.W. Archenholz, Geschichte des Siebenjährigen Krieges cit., p. 6: «die Begebenheiten, ihre Ursache (...)

17L’idea di totalità appare dunque come l’anello di congiunzione tra la storiografia illuministica e gli inizi di quella romantica e Archenholz rappresenta una figura emblematica di questa costellazione, ponendosi al confine tra due epoche e rivivendone i problemi teorici in modo a volte anche contraddittorio. Così in lui il rapporto tra storia, evento e narrazione appare a tratti ancora un po’ indefinito. A proposito dei Gemälde, come si è detto, egli afferma che lo storico deve procedere in modo faktisch, fattuale. Quando però si sofferma sui concetti di cause ed effetti e dei loro nessi, dichiara che «si devono descrivere gli eventi, le loro cause e conseguenze in modo storico»24, cioè li si deve narrare. Fattualità e storiografia sembrano allora contrapposti. Sebbene Archenholz non affronti espressamente la questione, si può ipotizzare che la differenza di posizione sia giustificata dalla diversa distanza temporale: si descrive fattivamente il passato, mentre si narra storicamente il presente o il passato vissuto, perché di questi ultimi può esservi comprensione e non mera raccolta.

3. «Minerva». Il giornalista storico e la storiografia per il futuro

  • 25 Id, England und Italien cit., vol. 2, p. 202: «Ist die Wahrheit derselben [Tatsachen, e.l.] nun unl (...)

18Ulteriore luce sull’attività storiografica di Archenholz viene dalla rivista «Minerva», il cui primo numero esce nel 1792 e che Archenholz dirigerà fino al 1809. La rivista, a riprova del suo successo, uscirà da allora con cadenza di quattro numeri all’anno fino al 1859, sopravvivendo per più di quarant’anni alla morte del suo fondatore. Essa, come dice anche il sottotitolo, doveva essere un «giornale storico-politico» che avrebbe informato il pubblico sull’attualità storica e politica dell’Europa. Con il soggiorno di Archenholz a Parigi durante la Rivoluzione francese, l’attenzione si sposta però unicamente su questo evento. Come si è detto Archenholz dà un giudizio molto diverso sulla Rivoluzione nelle sue diverse fasi e critica coloro che non sono stati capaci di mutare il loro giudizio, anche tra i lettori. Se compito dello storico giornalista, espressione che Archenholz stesso introduce nella «Minerva», è quello di fornire al lettore tutti gli elementi per giudicare da solo, egli però non si capacita che il lettore dinnanzi a nuovi elementi resti immobile nella propria posizione. Come è possibile, visto che le cose parlano da sole? «Se dunque la verità [dei fatti, e.l.] è innegabile, allora i risultati si mostreranno da sé ai lettori pensanti», aveva scritto Archenholz già anni prima25. La Rivoluzione francese è stata però un oggetto particolarmente sfuggente e questo spiega la difficoltà del giudizio:

  • 26 Id, «Minerva» cit., 1795, vol. 1, p. 111: «Die französische Revolution war von Anfang an ein wahres (...)

La Rivoluzione francese fu sin dall’inizio un vero camaleonte, che mutava di continuo e che, ancora prima che noi fossimo in grado di formulare un giudizio su un oggetto, ci presentava spesso a grandissima velocità altri potenti, altre leggi e altri risultati26.

Il giudizio così risulta praticamente paralizzato, ma compito dello storico è fornire strumenti per la critica, che si rivolgerà poi non solo alla Francia, ma anche al resto d’Europa e alla Germania in particolare. L’impossibilità del giudizio deriva anche dalla mancanza della giusta distanza temporale, tanto che Archenholz dice che della Rivoluzione egli è riuscito a vedere sempre e soltanto delle singole parti, mai la totalità.

19Archenholz è fin da subito consapevole di questo limite della rivista e sente perciò il bisogno di precisarne il fine. Essa deve fornire «materiali per gli storici del futuro». Così nell’introduzione al registro dei nomi e dei fatti rilevanti della rivista osserva:

  • 27 Id, «Minerva» cit., 1798, vol. 4, pp. 561sgg.: «Man hat dieses Journal, Minerva, oft als ein großes (...)

Si è spesso detto di questo giornale, Minerva, che essa è un grande magazzino degli scritti e dei documenti più importanti sull’epoca rivoluzionaria. Questa raccolta era infatti indispensabile e corrisponde all’intento dell’editore […] In Germania è il più antico e il più ricco deposito di questo tipo […] Da questo punto di vista siamo quindi convinti che la presente rivista sarà imprescindibile per gli storici futuri […] Attraverso questo registro risulterà più facile per gli amici della storia di oggi e del futuro utilizzare questa rivista27.

20Con queste osservazioni si comprende appieno il fine ultimo della storiografia di Archenholz e delle sue riviste in particolare, che egli considera a tutti gli effetti storiografiche: se l’afflato educativo ed emancipatore è rivolto al suo presente, il loro contributo all’interpretazione della storia è invece un messaggio per la storiografia del futuro.

Notes

1 K.H. Jördens, Lexikon der deutschen Dichter und Prosaisten, Leipzig, in der Weidmannischen Buchhandlung,, 1806, vol. I, p. 66: «eins der unterhaltendsten, lehrreichsten und gemeinnützigsten periodischen Werke, das sich durch Neuigkeit, Mannigfaltigkeit, meistens glückliche Wahl und leichte, gefällige Behandlung seiner Gegenstände auszeichnet [...] das Angenehme mit dem Nützlichen zu verbinden». Salvo diversa indicazione le traduzioni sono mie.

2 J.W. Archenholz, Brief an Gleim vom 1. Januar 1794, «Literarisches Konversations-Blatt», Leipzig, Brockhaus, 1821, vol. II, N. 255 (1821), p. 1017: «Meine Kriegsgeschichte im Kalender hat Ihnen nicht mißfallen und auch dem Publikum nicht [...] es ist seit 16 Monaten heraus, und ob es gleich stark gekauft wird, so ist es doch in der gelehrten Welt so gut, als ob es nicht da wäre».

3 Cfr. D. Till, Kommunikation der Aufklärung. Über Popularphilosophie und Rhetorik, in D. Fulda e F. Berndt, Die Sachen der Aufklärung, Hamburg, Meiner, 2012, pp. 97-111.

4 J.A. Ernesti, De philosophia populari prolusio, in Id., Opuscola oratoria, Orationes, Prolusiones et Elogia, Leiden, Luchtmans,, 1762, pp. 149-156, qui p. 149.

5 Ibid.: «subtilis et erudita popularitas».

6 Ivi, p. 150: «felicitatis consequendae disciplina».

7 Ibid.: «a copia, a varietate, a condimentis».

8 R. Koselleck, Futuro passato: per una semantica dei tempi storici, traduzione a cura di A. Marietti Solmi, Genova, Marietti, 19962, p. 139.

9 Sulla nuova figura del giornalista storico si veda in particolare il primo capitolo di I.-M. D’Aprile, Die Erfindung der Zeitgeschichte: Geschichtsschreibung und Journalismus, Berlin, Akademie Verlag, 2013, pp. 15-50.

10 J.W. Archenholz, England und Italien, 17872, Leipzig, im Verlage der Dykischen Buchhandlung, vol. 3, pp. 261-3: «Diese Champions hatten keine Waffen; es war Abend, allein noch nicht Nacht, und die Straßen nicht ohne Menschen. Wie geringe war also die Gefahr des Baretti, eines großen starken Mannes, und zwar in einem Lande, wo Mordthaten nicht zu den gewöhnlichen Auftritten gehören? […] Dennoch zog er sein Messer, und stieß den einen auf der Stelle todt, der andre aber entfloh schwer verwundet. […] er dem Charakter seiner Nation getreu blieb […] Welcher Mann von den bessern Volksklassen in England, Deutschland, u. s. w. trägt wohl ein nicht kleines Messer bey sich in der Tasche? Und wie stark muß die Leidenschaft der Rache bey einem Mann sein, der sich die Zeit nahm, es herauszuziehen, es aufzumachen, und sodann erst um sich zu stoßen?».

11 J.W. Archenholz, Annalen der britischen Geschichte, Wien, Stahel, 1789, vol. 1, p. 289: «Je individueller die Züge sind, desto anwendbarer auf unsere eigenen Verhältnisse, desto anziehender werden sie für uns».

12 Cfr. A. Epple, Empfindsame Geschichtsschreibung. Die Übertragung der individuellen Zeit auf die historische – Ein Gegenentwurf zur Autonomisierung von Historiographie und Wirklichkeit, in Ead., Empfindsame Geschichtsschreibung. Eine Geschlechtergeschichte der Historiographie zwischen Aufklärung und Historismus, Köln, Böhlau, 2003, pp. 397-416.

13 J.W. Archenholz, Geschichte des Siebenjährigen Krieges in Deutschland von 1756 bis 1763, Berlin, Haude und Spener, Hoffmann, Hamburg 17912, pp. 8-10: «Es war hohe Zeit, dergleichen Nachrichten von Augenzeugen zu sammeln, da die Generation der Menschen, in deren Lebenstagen so außerordentliche Dinge auf deutschem Boden geschahen, anfängt nach und nach abzusterben. Wenn daher je eine Geschichte als Volksbuch unter allen Ständen der deutschen Nation verbreitet zu seyn verdient, so ist es wohl diese vaterländische, die Deutschland in so vieler Rücksicht Ehre macht, und den Geist des Volks zu erhöben vermögend ist. Sie wird dem Preußischen Patrioten von jedem Stande, selbst vom niedrigsten, eine sinnliche Erinnerung seyn, an die moralische Größe seines Volks, und an die erhabenen Tugenden eines höchstseltenen Regenten […] Allein das glänzende Colorit, das diese Thaten, selbst ohne fremden Zusatz, in einem Gemälde geben, konnte nicht wohl ohne einigen Schatten seyn […] Bemerkungen, die menschliche Mängel betreffen, auf Thatsachen gegründet [sind], gleichwohl wer der Gegenstand ist, sollte er auch der Held seines Jahrhunderts seyn, wenn sie zur Geschichte gehören und zur Aufklärung des Ganzen erforderlich sind, darf der Geschichtsschreiber nicht verschweigen. […] Die Wahrheit derselben wird sodann nicht verdächtig; sie erhält vielmehr durch die freymüthige Berührung von Schwachheiten, denen die größten Sterblichen eben so gut wie die niedrigsten unterworfen sind, eine größere Glaubwürdigkeit, da sie mit dem Stempel der Unparteylichkeit bezeichnet ist».

14 J.W. Archenholz, «Minerva», Hamburg, Hoffmann, 1792, vol. 1, p. 121: «historischer Beobachter».

15 Ibid.: «historischer Sammler».

16 J.W. Archenholz, Geschichte des Siebenjährigen Krieges cit., p. 10: «Nun noch einige Worte, die Qualifikation des Geschichtsschreibers zu dieser Unternehmung betreffend. Ich habe von December 1758 an dem Kriege bey Friedrichs eignem Heere beygewohnt. Obwohl damals sehr jung, und folglich unfähig aus Mangel an Erfahrung, selbst richtig zu urtheilen, hörte ich doch wißbegierig auf die Urtheile alter Krieger, deren Werth ich hernach in einem reifern Alter näher prüfte».

17 Id., England und Italien cit., vol. 1, 1785, p. xii: «war doch der Mensch immer in seinen mannichfaltigen, sowohl sittlichen als politischen Verbindungen und Verhältnissen der Hauptgegenstand».

18 J. Kocka, Geschichte und Aufklärung, Aufsätze, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 1989, p. 142: «Um herauszubringen, was dem Menschen möglich ist, muß man wissen, was er wirklich ist und wirklich geleistet hat […] Im Grunde ist also alle ächte Menschenkenntniß historisch».

19 J.W. Archenholz, Briefe über das Reisen, «Deutscher Merkur», Weimar, Verlag der Gesellschaft, 1785, vol. 28, p. 7: «historischen Blick».

20 A. Tucker, Historiography. The evolutionary Science of Information Transmission, in I.M. D’Aprile e R.K.S. Mak (a cura di), Aufklärung – Evolution – Globalgeschichte, Hannover, Wehrhahn Verlag, 2010, pp. 105-127, qui p. 120.

21 Da diverse lettere a Gleim citate in U. Rieger, Johann Wilhelm von Archenholz als “Zeitbürger”. Eine historisch-analytische Untersuchung zur Aufklärung in Deutschland, Berlin, Duncker & Humblot, 1994, p. 148.

22 J. Kocka, Geschichte und Aufklärung cit., pp. 142-143.

23 Novalis, Blüthenstaub-Fragment 93, in Id., Werke, Tagebücher und Briefe Friedrich von Hardenbergs, vol. II: Das philosophisch-theoretische Werk, München - Wien, Hanser, 1978, p. 271: «Der Geschichtsschreiber organisiert historische Wesen. Die Data der Geschichte sind die Masse, der Geschichtsschreiber Form giebt, durch Belebung».

24 J.W. Archenholz, Geschichte des Siebenjährigen Krieges cit., p. 6: «die Begebenheiten, ihre Ursachen und Folgen bloß historisch dargestellt».

25 Id, England und Italien cit., vol. 2, p. 202: «Ist die Wahrheit derselben [Tatsachen, e.l.] nun unleugbar, so stellen sich die Resultate denkenden Lesern von selbst dar».

26 Id, «Minerva» cit., 1795, vol. 1, p. 111: «Die französische Revolution war von Anfang an ein wahres Camäleon, das sich immer veränderte, und uns oft in der größten Geschwindigkeit, noch ehe wir den einen Gegenstand recht zu beurtheilen vermögend waren, andre Machthaber, andre Grundsätze und andre Resultate aufstellte».

27 Id, «Minerva» cit., 1798, vol. 4, pp. 561sgg.: «Man hat dieses Journal, Minerva, oft als ein großes Magazin der wichtigsten Schriften und Documente zur Geschichte der Revolutionsepoche bezeichnet. Dieß nothwendige Sammeln war die Absicht des Herausgebers […] In Deutschland ist es das älteste, auch bey weitem das reichhaltigste Depot dieser Art […] In dieser Hinsicht ist man überzeugt, daß den künftigen Geschichtsforschern gegenwärtige Zeitschrift unentbehrlich seyn muß […] Nur durch ein Register konnte dieß historische Magazin von jetzigen und künftigen Geschichtsfreunden gehörig benutzt werden».

Auteur

Humboldt-Universität zu Berlin