Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Indispensabilità di entrambi i principi

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Già sopra abbiamo riconosciuto che in ogni essere sono da distinguere il “che” e il “che cosa”, dei quali il primo rinvia a un principio reale, il secondo a un principio ideale (SW I/10, 242-243); il principio reale è una cosa sola con ciò che noi conosciamo in noi stessi come volontà, il principio ideale è l’idea della cosa, la quale si determina secondo legge logica, e la quale, al di là della sua precipitazione nel fenomeno compiuto, ci è nota solo nell’atto della rappresentazione, nel pensiero. La volontà conferisce alla cosa la sua resistenza, la sua effettività e realtà; l’idea fa sì che la cosa sia così com’è, che essa agisca così e appaia così. «Il sistema del mondo, già nella sua prima formazione, rivela abbastanza chiaramente la presenza di una interna potenza spirituale; ma, ugualmente, non si può non riconoscere la partecipazione, l’influenza di un principio privo di ragione (irrazionale), che ha potuto essere soltanto limitato e non completamente vinto» (SW I/8, 328; tr...