Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

La dottrina dei principi

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Veniamo ora al nocciolo della filosofia positiva, cioè alla dottrina dei principi o delle potenze. Le sue prime idee sono già contenute, nel mistico linguaggio di Jacob Böhme, nel saggio sulla libertà (1809), e in qualche modo questo scritto può essere chiamato l’embrione della filosofia positiva (cfr. SW I/7, 357-364). Quelle idee ricevono un’ulteriore esposizione nel 1811 nel frammento dei Weltalter. Ma come lo stesso Schelling ha considerato questo tentativo con la giusta diffidenza, così noi ora possiamo ritenere interessante tale tentativo solo in quanto rappresenta, nello sviluppo di Schelling, uno stadio di passaggio in cui gli ultimi residui della sua prima dialettica si fondono con una cupa mistica, al fine di tirare per le lunghe, con l’accumulo di oscure distinzioni, dei principi non ancora chiariti e non ancora colti nella loro semplice profondità. Per contro con grande chiarezza, trasparente semplicità e brevità i medesimi principi appaiono nella Esposizione dell’empiri...