Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Affinità con Schopenhauer

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Prima di passare all’esposizione della dottrina dei principi o delle potenze, che costituisce il contenuto principale della filosofia positiva, voglio ancora toccare in via propedeutica alcuni aspetti delle intuizioni di Schelling, nelle quali egli si contrappone a Hegel più o meno concordando con le posizioni del suo oppositore Schopenhauer.

Il primo punto è l’opposizione di concetto e intuizione. Per Hegel il concetto non è solo qualcosa di reale, bensì è propriamente il tutto; attraverso il concrescere dei concetti si costruisce l’Idea. Secondo Schelling «al concetto si oppone non già semplicemente il reale sensibile, ma il reale in generale, tanto il reale sensibile, quanto il reale sovrasensibile» (SW I/10, 142; trad. it. LM, 113), dunque per lui il concetto non è affatto qualcosa di reale, e men che meno un reale soprasensibile, bensì è un’astrazione di origine sensibile. Schelling fa valere solo un siffatto idealismo oggettivo contro l’idealismo soggettivo fichtiano, «il quale...