Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Insufficienza del panlogismo

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Dobbiamo innanzitutto considerare le ragioni che fanno apparire insufficiente agli occhi di Schelling il punto di vista raggiunto ultimamente dal panlogismo e che dovettero costringerlo a oltrepassarlo. Queste ragioni furono principal-mente le seguenti tre:

  • il panlogismo fu considerato a priori un dogmatismo; infatti come giunge il puro pensiero, che si è dovuto innalzare alla piena libertà prima di potersi azzardare a formulare un principio filosofico, – come giunge questo pensiero che vuole essere libero da ogni pregiudizio ad affermare: c’è la ragione! «Perché la ragione è e la non-ragione non è?» (SW I/10, 252; trad. it. E, 180). In cosa è dunque superiore per il pensiero senza pregiudizi la ragione rispetto alla non-ragione, da dove prende un maggiore diritto rispetto a quella? «Evidentemente al primo sguardo è opportuno porre subito all’inizio la ragione come sostanza universale, come ciò che è necessariamente. Ma l’esistenza della ragione è piuttosto qualcosa di condizionato, ...