Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Metamorfosi dei Lumi 6

 | 
Simone Messina
, 
Paola Trivero

Belle lettere

Balzac e La recherche de l’absolu

Valeria Ramacciotti

Texte intégral

1Il romanzo di Balzac che qui prendo in esame solo nella prospettiva dei rapporti tra scienza e “belle lettere”, La recherche de l’absolu, non è tra le prime opere dell’autore, anzi, è stato scritto nel pieno della sua carriera letteraria, nel 1834, quando ormai non utilizzava più gli pseudonimi che suscitavano l’ironia di Sainte-Beuve, ma anzi si imponeva come scrittore affermato al fianco dei suoi grandi contemporanei romantici. Si tratta quindi di un notevole salto in avanti nel tempo rispetto alla prevalenza degli autori di cui ci siamo occupati fino a oggi, e inoltre vorrei sottolineare che si tratta di un romanzo concepito e strutturato come tale e che pertanto come romanzo va analizzato, senza dunque pretese epistemologiche di altro carattere.

  • 1 M. de Polignac, Anti-Lucretius sive de Deo et natura libri novem, Eminentissimi S.R.E. cardinalis M (...)
  • 2 Per un opportuno approfondimento su questi argomenti cfr. J. Roger, Les Sciences de la vie dans la (...)

2La differenza tra Balzac e i letterati settecenteschi che avevano proposto al pubblico testi che di scienza trattavano è la differenza che corre appunto tra un romanzo e un trattato. Erano nel Settecento in generale opere che, avvalendosi di uno stile letterario raffinato e seducente, avevano come scopo precipuo la diffusione di idee scientifiche, il sostegno di nuove teorie contro altre, del gusto della sperimentazione contro i “sistemi” precostituiti: insomma la scienza si avvaleva della letteratura per imporsi e per ampliare il suo pubblico. A parte un precursore, Fontenelle, con i suoi Entretiens sur la pluralité des mondes, in cui spiega a una giovane nobildonna le teorie di Descartes sui vortici, sempre molto citati sono Algarotti e Voltaire, che quasi contemporaneamente si dedicarono alla diffusione delle teorie di Newton (del primo Dialoghi sopra l’ottica neutoniana, 1737, poi Newtonianismo per le dame, del secondo Eléments de la philosophie de Newton, 1738), ma numerosi altri sono i testi accessibili anche a coloro che non erano “scienziati” in senso stretto, à la portée de tout le monde, come recita il sottotitolo del saggio voltairiano. Un esempio di altro tipo perché rivolto a un pubblico più ristretto, e dunque meno conosciuto ma forse ugualmente significativo è il lavoro del Cardinal de Polignac uscito postumo nel 1745, dopo lunghe rielaborazioni e interventi degli editori, l’Anti-Lucretius1, poema costituito da diecimila perfetti esametri latini, in nove libri, in cui l’autore, diviso tra il desiderio di confutare il materialismo e la sua sincera ammirazione per la scienza, ci offre un quadro non superficiale, anche se oggi illeggibile, delle polemiche attorno alle teorie scientifiche del tempo. I dotti contemporanei ne capirono la portata tanto è vero che ne vennero fatte immediatamente delle traduzioni, una in prosa francese per opera di Bougainville, e una in versi sciolti in italiano per mano dell’abate Ricci, e un’altra più tardi in versi francesi. La contaminazione tra scienza e letteratura è evidente anche in un altro grande scienziato del secolo, Buffon, la cui opera è ricordata oggi soprattutto per la magnifica prosa, più che per la validità delle sue teorie scientifiche, che peraltro stavano molto a cuore al grande naturalista; d’altra parte ricordiamo che il suo discorso per l’ingresso all’Académie française non è altro che il Discours sur le style, quasi a sostenere quanto un buon uso dell’arte retorica potesse essere vantaggioso anche alla diffusione delle opere scientifiche. Verso la fine del Settecento il più grande poeta francese del secolo, André Chénier, inizia l’Hermès, poema mai finito, dalle smisurate ambizioni, sugli avatars della materia, l’apparizione degli animali, dell’uomo, e l’avvento e la gloria delle scienze2.

  • 3 Cfr. a tale proposito R. Darnton, La Fin des Lumières, Le mesmérisme et la Révolution, Paris, Perri (...)

3Questi sono solo alcuni degli esempi più noti di quanto fosse vivo l’interesse generale per i progressi scientifici, raggiunti attraverso studi ed esperimenti condotti non solo nelle università, ma soprattutto nelle accademie che, formatesi a partire dal Seicento, hanno il momento di maggior sviluppo lungo tutto il Settecento; non vanno inoltre dimenticati i salotti privati dove spesso e volentieri si eseguivano esperimenti e dibattiti, con gli interventi di letterati e di filosofi, e talvolta anche di ciarlatani: l’esempio di Mesmer è noto a tutti ed è inutile dilungarci, anche se val la pena di ricordare che Balzac ne era un convinto sostenitore3.

4Con il nuovo secolo la scienza si scioglie da ogni servitù, non è certo più l’ancella della filosofia: l’Ottocento è stato “scientista” per definizione, tanto che non è più la scienza a chiedere l’aiuto dei letterati per coinvolgere l’opinione pubblica, ma è la letteratura a cercare più spesso di quanto si pensi la garanzia della scienza. Se agli inizi del secolo in Francia sembra che il discorso scientifico sia abbandonato dagli scrittori romantici a favore di una maggior attenzione nei confronti dell’introspezione, dell’analisi dei sentimenti, del fantastico, non dobbiamo dimenticare che un altro campo ha pure qualche attinenza con la scienza: la storia. Il romanzo storico può anche essere visto come un tentativo di avvicinare i lettori alle scienze storiche e sociali, sebbene arricchite e rese appetibili dalle vicende romanzesche dei protagonisti. Verso gli anni Sessanta del secolo poi si impone un movimento assai significativo che non può non essere citato: sulla scorta di Comte, di Taine, e di medici illustri, Zola, per esempio, capofila del naturalismo, vuole piegare il romanzo al metodo scientifico, e cioè intende costruire le sue opere così come procede uno scienziato per la verifica di determinate ipotesi. Dunque direi a questo punto che sono i movimenti letterari a rivolgersi alla scienza per giustificare i loro metodi e la stessa utilità della letteratura. A parte il valore intrinseco della sua opera, su cui è ora inutile soffermarsi, il metodo di Zola presenta motivi di interesse, in quanto riprende e porta alle sue estreme conseguenze quello che Balzac, suo modello, aveva in qualche modo già indicato.

  • 4 «Car rien ne se crée, ni dans les opérations de l’art, ni dans celles de la nature, et l’on peut po (...)

5La mia scelta è caduta su La recherche de l’absolu perché in quest’opera Balzac tratta non solo ma soprattutto di scienza, anzi di una scienza in particolare, la chimica, che gode di un recente prestigio perché da poco si è liberata da panni un po’ ambigui, che la vedevano legata ad attività vagamente sospette, quali l’alchimia, l’occultismo, con una vena di esoterismo; gli storici della materia, dopo il periodo dell’antichità, in cui la manipolazione della materia era legata alla religione o alla magia, fanno risalire gli inizi di una certa indipendenza della chimica al xvi secolo con Paracelso che legò fortemente la chimica alla medicina (periodo iatrochimico). Dalla metà del xvii secolo a poco oltre la metà del xviii, prima sotto l’influenza della pneumatologia, poi della teoria del flogisto, con l’accrescersi delle nozioni teoriche e pratiche, la chimica ha modo di acquisire una visione unitaria dei suoi processi e in particolare di far tesoro del metodo sperimentale. Senza volermi addentrare in una materia difficile, si può affermare che soltanto nel 1789 con Lavoisier, decapitato sotto la Rivoluzione, e la sua celebre dimostrazione sperimentale e la formulazione delle leggi sulla massa («nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si conserva»4) questa scienza acquista il suo vero carattere, che è quello di studiare sperimentalmente la composizione dei corpi. Nel xix secolo la chimica entra a buon diritto nel novero delle scienze autonome, sempre ovviamente legata alla matematica e alla fisica, nonché alla medicina, ma con uno status suo, leggi sue; è in questo secolo che essa passa dal regno dell’empirismo al regno della razionalità.

6Balzac si rendeva ben conto tuttavia di non poter affrontare un tale argomento senza un minimo bagaglio di cognizioni scientifiche o quantomeno tecniche, al di là della visione mitica dell’alchimista da cui era indubbiamente affascinato. Fa i suoi compiti e, come scrive in una lettera a Mme Hanska del 18 ottobre 1834, cerca di informarsi e di mascherare la sua ignoranza:

  • 5 H. de Balzac, La recherche de l’absolu, a cura di S. de Sacy, Paris, Gallimard - Folio classique, 1 (...)

Deux membres de l’Académie des Sciences m’ont appris la chimie pour laisser le livre vrai scientifiquement. Ils m’ont fait remanier mes épreuves jusqu’à dix à douze fois. Il a fallu lire Berzélius, travailler à se tenir dans la science, et travailler son style, ne pas ennuyer de chimie les froids lecteurs de France en faisant un livre dont l’intérêt se base sur la chimie5.

Se analizziamo questa frase, notiamo innanzi tutto la volontà di fare un libro «vrai scientifiquement» e dunque la necessità di familiarizzarsi con una materia ostica e difficile soprattutto per Balzac che aveva iniziato studi di diritto per diventare, secondo i progetti di famiglia, notaio. Gli è toccato leggere Berzelius, o forse qualche manuale meno impegnativo, ma conosce comunque il grande chimico svedese di poco più anziano di lui, che introdusse il termine di chimica organica, differenziando i prodotti composti del regno animale da quelli di natura minerale: insomma un padre della chimica moderna, con Lavoisier, Dalton, Proust. Dunque «se tenir dans la science», e perciò possiamo dire che Balzac sa bene che il chimico non deve essere più visto come un alchimista che traffica in antri cupi dove conduce ambigui esperimenti, non si sa con quali materiali e invocando non si sa quali potenze grazie a oscuri incantesimi, ma uno scienziato che distingue e classifica gli elementi, sa che possono presentarsi sotto stati diversi, li combina tra loro in un laboratorio in base a quantità e formule estremamente precise. Ora è proprio sulla contrapposizione tra una forma magica e una forma scientifica, che gioca il nostro autore per creare il personaggio di Balthazar Claës, contrapposizione che gli permette di mettere in scena sotto luci diverse tutti i meccanismi che formano il nucleo di base della sua opera gigantesca: l’analisi delle passioni, i rapporti umani, familiari e sociali, l’esame attento e critico della società del suo tempo. Il romanzo si regge sostanzialmente sullo scontro di due passioni ugualmente forti ed esclusive, l’amore per la scienza e l’amore tout court, sia esso coniugale o filiale. Coloro che circondano il protagonista non sono in grado di comprenderlo, non si sono liberati dai pregiudizi e vedono lo scienziato ancora sotto una luce sospetta, quasi demoniaca, o più benevolmente come affetto da una forma di pazzia: è lo scontro fra il progresso scientifico e l’oscurantismo che in qualche modo perdura al di là dei Lumi. Allo stesso tempo Balzac si dibatte in un altro nodo difficile da sciogliere, la difficoltà di trovare un punto di equilibrio tra quanto ereditato dal secolo da poco trascorso e le visioni romantiche, e tale difficoltà è icasticamente presente nella scelta del titolo, La recherche de l’absolu. Il titolo infatti contiene due termini dal sapore ossimorico: “ricerca” e “assoluto”. Sappiamo bene che la ricerca non può, per definizione, portare a qualcosa di definitivo, che essa sempre apre nuove strade da esplorare e che il suo fascino consiste precisamente in questo continuo “andar oltre”. “Assoluto” invece è un concetto che presuppone appunto la soluzione di ogni dubbio, la cancellazione di ogni incertezza. Spesso i protagonisti balzacchiani sono ossessionati dall’assoluto in vari campi dell’attività intellettuale: l’opera d’arte perfetta per esempio, in Le chef d’oeuvre inconnu, la carta perfetta in Les illusions perdues, la musica sublime in Gambara, e il principio ultimo e unificatore di ogni cosa di cui si parla in questo romanzo. Da subito dunque è evidente il problema che l’autore si pone: da una parte il legame con lo spirito settecentesco sulla necessità di una ricerca razionalmente condotta, dall’altra la visione romantica di una conquista definitiva e totale.

7Come sempre in Balzac il romanzo si situa in un tempo preciso e in uno spazio ben determinato. Siamo nelle Fiandre, nella città di Douai, e la vicenda narrata copre l’arco di un ventennio, dal 1812 al 1832. Per quanto riguarda la trama, riducendola a uno schema che certo non le rende giustizia, si tratta della storia di una nobile famiglia che da una situazione di grande ricchezza e di serena felicità viene precipitata nella più nera disperazione dalle folli spese del padre che, abbandonando gli affari e disertando gli affetti, si dedica alla chimica conducendo esperimenti sempre più rovinosi alla ricerca del principio unico della materia. La moglie, aristocratica di origine spagnola, profondamente innamorata, non riesce ad arginare tale passione e ne muore, lasciando alla figlia maggiore Marguerite il difficile compito di conservare una minima parte della fortuna familiare dei figli, proteggendola dalle richieste paterne di danaro sempre più pressanti e ricattatorie. A prezzo di umiliazioni, di sacrifici, e di duro lavoro, la fanciulla riesce, con una chiaroveggenza sostenuta dalla rettitudine del cuore, sempre rispettando il padre, ma alla fine senza concedergli più nulla, a ricostituire non solo la ricchezza, ma anche la dignità e la felicità perdute. Allontanatasi con il marito per qualche tempo, al suo ritorno Marguerite trova nuovamente la rovina e la più cupa desolazione, i capitali volatilizzati, la casa nuovamente svuotata degli arredi preziosi, il padre in fin di vita. La morte dello scienziato è il momento culminante del dramma, quando prima di spirare, circondato dalla famiglia, riesce sebbene ormai paralizzato da un ictus a pronunciare la parola inseguita per una vita: “Eureka!”

8Il protagonista, Balthazar Claës è un esempio di quella generazione che vive il passaggio tra i due secoli, quel tournant des lumières che qui ci interessa. Infatti è nato nel 1761, dato che Balzac precisa che aveva 22 anni nel 1783 nel momento in cui si trasferiva a Parigi per completarvi la sua educazione, e ha tra i 45 e i 50 anni quando comincia la vicenda narrata. Parigi non è citata solo per dovere di cronaca, è infatti il luogo dove il giovane Balthazar ha i primi contatti con il mondo della scienza:

  • 6 H. de Balzac, La recherche de l’absolu cit., p. 48.

Le jeune Claës y trouva quelques parents et des amis qui le lancèrent dans le grand monde au moment où ce grand monde allait tomber; mais comme la plupart des jeunes gents, il fut plus séduit d’abord par la gloire et la science que par la vanité. Il fréquenta donc beaucoup les savants et particulièrement Lavoisier, qui se recommendait alors plus à l’attention publique par l’immense fortune d’un fermier général que par ses découvertes en chimie; tandis que plus tard, le grand chimiste devait faire oublier le petit fermier général. Balthazar se passionna pour la science que cultivait Lavoisier et devint son plus ardent disciple; mais il était jeune, beau comme le fut Helvétius, et les femmes de Paris lui apprirent bientôt à distiller exclusivement l’esprit et l’amour6.

Il seme della passione per la ricerca è gettato, e tale passione, filo conduttore della vicenda, si manifesterà in tutta la sua potenza grazie a un agente scatenante: l’incontro con lo “straniero”, nel 1809, un ufficiale polacco dal nome complicatissimo (Adam de Wierzchownia) ospitato in casa Claës durante le campagne napoleoniche; il suo ritratto, in bocca alla moglie di Balthazar, Pépita, è fatto per incutere terrore, in quanto porta già le stigmate della perdizione:

  • 7 Ivi, pp. 109-110.

– Te souviens-tu, Pépita, de l’officier polonais que nous avons logé, chez nous, en 1809?
– Si je m’en souviens! dit-elle. Je me suis souvent impatientée de ce que ma mémoire me fît si souvent voir ses deux yeux semblables à des langues de feu, les salières au dessus de ses sourcils où se voyaient des charbons de l’enfer, son large crâne sans cheveux, ses moustaches relevées, sa figure anguleuse, dévastée!…Enfin quel calme effrayant dans sa démarche!…S’il y avait eu de place dans les auberges, il n’aurait certes pas couché ici7.

Sembra quasi una profezia di quello che un decennio dopo diventerà il marito. Lo straniero dopo una notte di conversazione, riconoscendo nel signore fiammingo un potenziale scienziato ricco di passione e di mezzi, gli comunica le basi dei suoi studi chimici affidandogliene il compimento finale. Balthazar è contagiato dal demone, si allestisce un laboratorio chimico in un’ala isolata della casa in cui si ritirerà sempre più spesso e più a lungo, luogo interdetto a tutti tranne che al fedele valletto seguace e complice di tutte le sue follie. Possiamo riassumerle, come abbiamo già detto, in spese incontrollate per attrezzature e materiali costosi, indebitamenti che ingoiano il patrimonio pur cospicuo della famiglia, ma soprattutto una progressiva incuria di sé e dei rapporti coniugali, paterni e sociali.

9Nonostante le spiegazioni di Balthazar, agli occhi della moglie lo scienziato polacco rappresenta l’agente sconosciuto, quasi un inviato del demonio di cui ha tutte le caratteristiche fisiche: insomma la donna di origini spagnole mantiene intatta una forma di superstizione religiosa che le impedirà, malgrado gli sforzi che pur cercherà di compiere per amore, di capire la portata delle ricerche del marito:

  • 8 Ivi, p. 117.

O mon cher Balthazar! cet homme a-t-il fait le signe de la croix? l’as-tu bien examiné? le Tentateur peut seul avoir cet oeil jaune d’où sortait le feu de Prométhée. Oui, le démon pouvait seul t’arracher à moi. Depuis ce jour tu n’as plus été ni père, ni époux, ni chef de famille8.

Nella conversazione in cui i due coniugi cercano di spiegarsi assistiamo a questo scontro tra i due atteggiamenti: una fede assoluta nelle possibilità della scienza e un incrollabile ancoraggio alla religione. Claës riferisce a Pépita il discorso appassionato del polacco, sulla ricerca dell’assoluto all’origine di tutte le cose, che l’uomo può arrivare a conoscere e a cui hanno dedicato i loro sforzi pensatori di tutte le epoche:

  • 9 Ivi, p. 116. Proponendo, in ordine cronologico ascendente i nomi di questi celebri occultisti, medi (...)

Stahl, Becher, Paracelse, Agrippa9, tous les grands chercheurs de causes occultes avaient pour mot d’ordre le trismégiste, qui veut dire le grand ternaire. Les ignorants, habitués à condamner l’alchimie, cette chimie transcendante, ne savent sans doute pas que nous nous occupons à justifier les recherches passionnées de ces grands hommes! L’absolu trouvé, je me serais alors collecté avec le mouvement.

E ancora:

  • 10 Ivi, p. 117.

Ma Pépita, dit Balthazar en serrant la main de sa femme, des larmes de rage ont coulé sur les joues creuses de cet homme pendant qu’il jetait dans mon âme le feu de ce raisonnement que déjà Lavoisier s’était timidement fait, sans oser s’y abandonner10.

Il pensiero non può non andare a Mefistofele e al Faust di Goethe, che d’altronde Balzac aveva senza dubbio letto se non altro nella traduzione che fece Gérard de Nerval della prima parte nel 1828, tuttavia manca il tema del patto anche se questo potrebbe essere sottinteso.

  • 11 Balzac allude ai tre stadi fondamentali del processo alchemico: nigredo o opera al nero, in cui la (...)
  • 12 Ivi, p. 117.

10Come possiamo notare il linguaggio che Balzac usa mettendolo in bocca al polacco, provocando così qualche confusione, è sempre ancorato al mondo dall’alchimia (trismégiste, grand ternaire11 ecc.), così come lo è lo scopo finale, quello di trovare il principio ultimo ed eterno di tutte le cose, e in qualche modo è significativa l’accusa a Lavoisier di non essere andato fino in fondo alle possibilità che gli si aprivano davanti: avrebbe dovuto forse utilizzare le più moderne scoperte della chimica per realizzare gli scopi della «chimie transcendante», cioè dell’alchimia. E l’autore sottolinea l’esaltazione del suo protagonista, che si lascia prendere dalle sue stesse parole: «Il continua de parler sans voir l’horrible convulsion qui travailla la physionomie de Joséphine, il était monté sur la science qui l’emportait en croupe, ailes déployées, bien loin du monde materiel»12. La scienza, secondo questa interpretazione romantica, non è dunque una visione razionale e sistematica dei rapporti che governano le forze e gli elementi della natura, ma una padrona esigente, che richiede tutta l’energia vitale del suo adepto, lo isola dagli affetti e dal mondo: come l’arte per i poeti romantici, è evidentemente la chimera di un sogno affascinante e totalizzante.

  • 13 Ivi, p. 120.
  • 14 Ivi, p. 140.

11Cercando di spingere più avanti le sue spiegazioni Balthazar si lancia nell’esposizione di una teoria in cui si tenta di conciliare materialismo e spiritualismo, piuttosto confusa è vero, in cui agiscono elementi di dottrine esoteriche, che Balzac peraltro ben conosceva e seguiva; arriva così a una affermazione dal sapore prometeico: «Si je trouve la force coërcitive, je pourrai créer»13. Se per un certo periodo, dopo questa grave conversazione, Pépita riesce ad allontanare il marito dal suo laboratorio, la sofferenza e la «nostalgie scientifique» non tacciono nell’animo di questo «monarque intellectuel» che è afflitto da «trop de puissance», e alla fine lo riafferrano, con il consenso rassegnato della moglie, che, pur di salvargli la vita, acconsente alla rovina totale del patrimonio, compresa la sua dote: «La fortune venait d’être aliénée au profit d’une chimère». Inutile dire che anche questo sforzo è vano, la catastrofe è ancora più completa, fino alla vendita dei tesori d’arte della casa, sacrificio che Claës accetta quasi con indifferenza pensando sempre ai mezzi per procurarsi le costosissime attrezzature che gli sono necessarie: «Elle attendait des remerciements passionnés pour ses sacrifices et trouvait un problème de chimie»14. È la fine per Pépita, che muore, abbandonando nelle mani dei figli, soprattutto di Marguerite, il destino di una famiglia distrutta.

12Figlia esemplare, come d’altra parte Eugénie Grandet che la precede di un anno, Marguerite (forse altra reminiscenza goethiana?) come si è detto riesce a ricostruire il patrimonio lottando contro l’avidità del padre: è il secondo, ma altrettanto importante, personaggio femminile di quest’opera, e come il ruolo della madre era stato il modello di amore coniugale, a lei compete quello di modello di amore filiale. Amore e devozione la guidano nel suo difficile compito, pieno di lotte interiori, ma senza i cedimenti che la passione amorosa aveva dettato a Pépita.

13Le parole che Marguerite rivolge al padre per evitare un’ennesima bancarotta suonano ben diversamente da quelle della madre:

  • 15 Ivi, p. 214.

– J’aurai la force de combattre votre folie, il serait affreux de vous voir sans pain dans vos derniers jours. Ouvrez les yeux sur notre position, ayez donc enfin de la raison.
– Folie! cria Balthazar qui se dressa sur ses jambes, fixa ses yeux lumineux sur sa fille, se croisa les bras sur la poitrine, et répéta le mot folie si majestueusement, que Marguerite trembla15.

Un altro personaggio cui già abbiamo accennato nel riassunto e che merita un rapido esame, è quello del valletto, Lemulquinier: è il servo e a un tempo l’adepto, l’unico che possa entrare nel laboratorio di chimica, legato al padrone, in cui vede una sorta di mago con poteri occulti, da un sentimento di fascinazione e di complicità. Accecato a sua volta dalla passione per una ricerca da cui presumibilmente si aspetta la ricchezza più che il sapere, è l’alter ego ignorante di Balthazar e assume nei confronti dei componenti della famiglia e della servitù atteggiamenti arroganti, che lo fanno detestare e a un tempo temere per il dominio che ha assunto sul padrone di cui condivide i segreti. E tuttavia Lemulquinier è l’unico a credere fino in fondo nel sapere di Balthazar, non si fa scoraggiare dalla sua disgrazia, lo segue anche negli anni duri d’esilio, si spinge fino a prestargli danaro, e fino alla fine se ne prenderà cura, divenendo così un esempio di mirabile fedeltà:

  • 16 Ivi, p. 267.

Vieilli, lassé comme son maître par de constants travaux, Lemulquinier n’avait pas eu a subir comme lui les fatigues de la pensée; aussi sa physionomie offrait-elle un singulier mélange d’inquiétude et d’admiration pour son maître, auquel il était facile de se méprendre: quoiqu’il écoutât sa moindre parole avec respect, qu’il suivît ses moindres mouvements avec une sorte de tendresse, il avait soin du savant comme une mère a soin d’un enfant; souvent il pouvait avoir l’air de le protéger, parce qu’il le protégeait véritablement dans les vulgaires nécessités de la vie auxquelles Balthazar ne pensait jamais. Ces deux vieillards enveloppés par une idée, confiants dans la réalité de leur espoir, agités par le même souffle, l’un représentant l’enveloppe et l’autre l’âme de leur existence commune, formaient un spectacle à la fois horrible et attendrissant16.

Questi sono i principali attori del romanzo, cui fanno da contorno altri personaggi secondari, ma altrettanto significativi e importanti per creare il quadro di una vicenda in cui tutto è portato all’estremo, a un tal grado di purezza e di intensità, per cui la lettura non deve essere condotta come l’analisi del documento di un’epoca, più o meno descrittivo, ma come evocazione simbolica di tensioni tra cime ideali e abissi morali fuori dal tempo. A creare la tensione dialettica, a fianco della scienza, che è il tema dominante, Balzac esalta in maniera altrettanto tragica il tema del danaro, dell’oro, altra ossessione che ritorna in tutta la sua opera: per lui, come per Marx, è il danaro il primo motore dell’universo, ma in questo romanzo il danaro al centro della scena non è desiderato dal protagonista per accumularlo o per investirlo in affari più o meno lucrosi, semplicemente gli serve per finanziare un’idea al cui dominio non può sfuggire: il danaro non è un fine, ma un mezzo. Ciò non toglie che l’avidità di danaro avvilisca anche la nobiltà dell’animo: basta leggere le pagine in cui Balthazar sorprende la figlia che cerca di nascondere con l’aiuto del fidanzato una somma in monete d’oro che questi le ha prestato per far fronte a impellenti necessità:

  • 17 Ivi, pp. 227-228.

Elle jeta un cri perçant, laissa tomber les rouleaux dont les pièces brisèrent le papier et s’éparpillèrent sur le parquet: son père était à la porte du parloir, et montrait sa tête dont l’expression d’avidité l’effraya.
– Que faites-vous donc là? dit-il en regardant tour à tour sa fille que la peur clouait sur le plancher, et le jeune homme qui s’était brusquement dressé, mais dont l’attitude auprès de la colonne était assez significative. Le fracas de l’or sur le parquet fut horrible, et son éparpillement semblait prophétique.
– Je ne me trompais pas, dit Balthazar en s’asseyant, j’avais entendu le son de l’or17.

Segue una scena penosa tra padre e figlia, in cui si alternano momenti di supplica e momenti di durezza inaudita:

  • 18 Ivi, p. 232.

Sois maudite! ajouta-t-il. Tu n’es ni fille ni femme, tu n’as pas de coeur, tu ne seras ni une mère ni une épouse! ajouta-t-il. Laisse-moi prendre! dis, ma chère petite, mon enfant chérie, je t’adorerai, ajouta-t-il en avançant la main sur l’or par un mouvement d’atroce énergie18.

Come si è visto, e come ho sottolineato all’inizio, si tratta di un romanzo e di uno studio sulle passioni umane che giustamente Balzac inserirà nella sezione delle Etudes philosophiques della sua Comédie: l’amore patologico per la scienza è appunto una di queste passioni e l’analisi verte più sulle conseguenze nefaste di tale atteggiamento mentale che non sull’esattezza dei presupposti scientifici. Non bisogna pertanto sottilizzare troppo se l’autore più che della chimica dà prova di una conoscenza tutt’altro che superficiale delle leggi economiche, sulle quali è difficile coglierlo in fallo, soprattutto quando fa esporre ai suoi notai le complicate norme sulle successioni e sui beni dei minori. La sua scienza è un miscuglio di chimica recente secondo Lavoisier, di alchimia tradizionale e di spiritualismo swedenborghiano e martinista che si riflette anche in un sincretismo linguistico assolutamente improbabile, ma certo suggestivo.

  • 19 E. Geoffroy de Saint-Hilaire (1772-1844) è considerato uno dei fondatori dell’anatomia comparata. I (...)

14Nel 1842, pertanto a posteriori rispetto alla scrittura di questo e di altri grandi romanzi, nell’Avant-propos della Comédie di nuovo Balzac fa ricorso alla scienza e proprio al dibattito tra i grandi naturalisti, quali Lamarck, Cuvier e Geoffroy Saint-Hilaire19, si ispira per dare coerenza e sistematicità al piano generale della sua opera, che vuole organizzare sulla base di una conoscenza “scientifica” della società:

  • 20 L’autore del Faust, come è noto, è stato anche un attivo cultore delle scienze e in questo caso si (...)
  • 21 H. de Balzac, La Comédie humaine, Avant-propos, Paris, Gallimard, 1935, vol. I, p. 3.

Ce serait une erreur de croire que la grande querelle qui, dans ces derniers temps, s’est émue entre Cuvier et Geoffroy Saint-Hylaire reposait sur une innovation scientifique. L’unité de composition occupait déjà sous d’autres termes les plus grands esprits des deux siècles précédents […] Le Créateur ne s’est servi que d’un seul et même patron pour tous les êtres organisés. L’animal est un principe qui prend sa forme extérieure, ou, pour parler plus exactement, les différences de sa forme, dans les milieux où il est appelé à se développer. Les Espèces Zoologiques résultent de ces différences. La proclamation et le soutien de ce système, en harmonie d’ailleurs avec les idées que nous nous faisons de la puissance divine, sera l’éternel honneur de Geoffroi Saint-Hylaire, le vainqueur de Cuvier sur ce point de haute science, et dont le triomphe a été salué par le dernier article qu’écrivit le grand Goethe20.
Il a donc existé, il existera donc de tout temps des Espèces Sociales comme il y a des Espèces Zoologiques. Si Buffon a fait un magnifique ouvrage en essayant de représenter dans un livre l’ensemble de la zoologie, n’y avait-il pas une oeuvre de ce genre à faire pour la Société?21

Questo esplicito desiderio di avvalersi di un metodo scientifico per dare organicità al complesso dei romanzi che andava pubblicando, rivela pertanto da parte di Balzac uno sforzo di reductio ad unum, il tentativo di trovare un principio unificatore e ordinatore nella materia multiforme e varia che si presentava ai suoi occhi attenti di analista, sforzo gigantesco e appassionato in qualche modo analogo alla ricerca del principio assoluto della materia che tanto ossessiona il protagonista del romanzo, cosa che peraltro molti critici hanno rilevato.

15È dunque fuor di dubbio che il principio ordinatore scientifico sia un elemento fondamentale della teoria letteraria balzacchiana, ma il punto di vista è cambiato: nel Settecento infatti scienza e ragione sono indissolubilmente legate, essere scienziato significa certamente soprattutto indagare la natura, studiarne le leggi, siano esse quelle che regolano i moti del cosmo, o gli aspetti e l’evoluzione della terra, o la genesi dei fenomeni apparentemente inspiegabili come la riproduzione, ma soprattutto significa controllare e dominare le proprie passioni ed escludere l’irrazionale. Balzac, che conosce e rispetta profondamente queste posizioni ed era un lettore appassionato soprattutto dei naturalisti, non trascurava però un altro lato della cultura settecentesca, lasciato più in ombra dagli studiosi, quella degli Illuminés, quali Saint-Martin e Swedenborg, e da quest’ultimo ha tratto l’idea della relazione tra il mondo della natura e la psicologia individuale e sociale. Comprendiamo meglio a questo punto la complessità del personaggio di Balthazar Claës, crogiuolo di queste diverse istanze: più delle leggi chimiche in sé, di cui in fondo gli importa abbastanza poco, Balzac vuole mettere in luce la passione per la ricerca di un assoluto materiale e a un tempo spirituale, tratteggiando così una moderna figura di scienziato, uomo sottoposto come gli altri alle passioni, al dominio dell’irrazionale, pulsioni profonde che fanno parte di un’altra sfera dell’umano, degna a sua volta di indagini scientifiche che vedranno la loro affermazione molti anni dopo: la psicologia e le scienze sociali, campi in cui Balzac è davvero maestro e precursore.

Notes

1 M. de Polignac, Anti-Lucretius sive de Deo et natura libri novem, Eminentissimi S.R.E. cardinalis Melchiori de Polignac opus posthumum, illustrissimi abbati Caroli d’Orléans de Rothelin cura et studio editioni mandatum, Parisii, apud H.-L. et J. Guérin, 1747, 2 tomes en 1 vol., in 8°. Per quanto riguarda la figura del cardinale e l’interesse della sua opera mi permetto di rimandare al mio studio, V. Ramacciotti, L’Anti-Lucrèce del Cardinal de Polignac, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2002.

2 Per un opportuno approfondimento su questi argomenti cfr. J. Roger, Les Sciences de la vie dans la pensée française du xviiie siècle, Paris, Colin, 1963.

3 Cfr. a tale proposito R. Darnton, La Fin des Lumières, Le mesmérisme et la Révolution, Paris, Perrin, 1984 (ed. or. 1968).

4 «Car rien ne se crée, ni dans les opérations de l’art, ni dans celles de la nature, et l’on peut poser en principe que dans toute opération il y a une égale quantité de matière avant et après l’opération; que la qualité et la quantité des principes est la même, et qu’il n’y a que des changemens, des modifications»: Ch.A. Lavoisier, Traité élémentaire de chimie, 1789, p. 101 (nuova ed. Bruxelles, Cultures et Civilisations, 1965).

5 H. de Balzac, La recherche de l’absolu, a cura di S. de Sacy, Paris, Gallimard - Folio classique, 1976, p. 460, nota 41. Sui due membri dell’Académie des Sciences che avrebbero fornito a Balzac i rudimenti della chimica, Sacy crede che siano Gay-Lussac e Chevreul; altri danno maggior importanza a Berzelius, autore di un Traité de chimie in otto volumi, tradotto in Francia appena uscito in Svezia, tra il 1831 e il 1833. Si tratta di un grande scienziato svedese, un po’ più vecchio di Balzac (1779-1848), a cui si deve il rilevamento di elementi della tavola periodica, quali il cesio, il silicio, il selenio, il torio. È considerato uno dei padri della chimica moderna. Peraltro su tutto il testo di Balzac è obbligatorio vedere l’opera di M. Fargeaud, Balzac et «La recherche de l’absolu», Paris, Hachette, 1968, e sulle fonti scientifiche in particolare le pp. 285-322.

6 H. de Balzac, La recherche de l’absolu cit., p. 48.

7 Ivi, pp. 109-110.

8 Ivi, p. 117.

9 Ivi, p. 116. Proponendo, in ordine cronologico ascendente i nomi di questi celebri occultisti, medici, alchimisti del passato, Balzac non si addentra nelle dottrine specifiche sostenute da costoro, ma li presenta come appartenenti a un unico movimento ancora in corso di sviluppo e al quale lui stesso vorrebbe collegarsi. H. Cornelius Agrippa (1486-1535) fu medico, astrologo, alchimista in un periodo in cui era ben difficile tracciare confini tra il complesso delle scienze da un lato e la riflessione magica e astrologica dall’altro. In quei tempi magia e medicina, alchimia e scienze naturali, e addirittura astrologia e astronomia dall’altro operano in una sorta di simbiosi spesso inestricabile. L’influenza di Cornelio Agrippa fu di modesta entità, ma le sue opere, tra cui soprattutto De occulta philosophia, furono punto di riferimento per tutti gli alchimisti posteriori. Suo contemporaneo, a sua volta medico, alchimista, astrologo, fu lo svizzero Th. Bombastus von Hohenheim detto Paracelso (1493-1541), una delle figure più rappresentative del Rinascimento per il suo spirito autonomo e indipendente; come medico rigettò la teoria dei quattro umori fino ad allora da tutti condivisa: secondo la sua visione tutto, uomo compreso, è composto da tre elementi, sale, zolfo e mercurio, combinati in perfetta unità. Diede dunque nuova forma all’alchimia, spazzando via un certo occultismo e promuovendo osservazioni empiriche ed esperimenti tesi alla comprensione del corpo umano. Rifiutò anche le tradizioni gnostiche e le teorie magiche, pur mantenendo molto delle teorie ermetiche, neoplatoniche e pitagoriche. Al Seicento appartiene J.J. Becher (1635-1682) medico alchimista tedesco, conosciuto soprattutto per i suoi studi sul processo di combustione dei metalli e dei loro cambiamenti, studi che aprirono la strada alla teoria del flogisto. Tale teoria fu perfezionata ed esposta da G.E. Stahl (1659-1734), e per un certo tempo essa fornì un’ipotesi di lavoro che in apparenza spiegava molti fenomeni naturali, ed ebbe successo perché permetteva di spiegare l’ottenimento dei metalli dalle calci. La sua opera fondamentale riguarda la medicina e si intitola Theoria medica vera (1708) in cui sostiene un sistema medico di carattere animistico in contrapposizione al meccanicismo di H. Boerhaave; quest’ultimo inoltre giustamente contestava anche la teoria del flogisto rilevando che era in contraddizione con l’aumento di peso delle calci.

10 Ivi, p. 117.

11 Balzac allude ai tre stadi fondamentali del processo alchemico: nigredo o opera al nero, in cui la materia si dissolve putrefacendosi; albedo o opera al bianco in cui la sostanza si purifica sublimandosi; rubedo o opera al rosso che rappresenta lo stadio in cui essa si ricompone fissandosi.

12 Ivi, p. 117.

13 Ivi, p. 120.

14 Ivi, p. 140.

15 Ivi, p. 214.

16 Ivi, p. 267.

17 Ivi, pp. 227-228.

18 Ivi, p. 232.

19 E. Geoffroy de Saint-Hilaire (1772-1844) è considerato uno dei fondatori dell’anatomia comparata. I suoi studi morfologici lo spinsero a scrivere la sua opera fondamentale intitolata Philosophie anatomique, in cui sostenne l’esistenza di un progetto unitario all’interno del quale si formano le differenze anatomiche delle classi dei vertebrati e degli invertebrati. Collaborò con Lamarck e Cuvier e frequentò tutti i più grandi scienziati del suo tempo. In contrasto con Cuvier egli sostenne che gli organismi si modificano sotto l’impulso dell’ambiente in cui vivono.

20 L’autore del Faust, come è noto, è stato anche un attivo cultore delle scienze e in questo caso si interessò particolarmente al principio dell’unità di composizione, sviluppata poi in botanica da De Candolle e in zoologia da Geoffroy de Saint-Hilaire. Il saggio a cui si riferisce probabilmente Balzac è il seguente: Principes de philosophie zoologique. Discutés en mars 1830 au sein de l’Académie royale des science par Mr. Geoffroy de Saint-Hilaire, Paris, 1830, in J.W. von Goethe, Die Schriften zur Naturwissenschaft (Leopoldina Ausgabe), a cura di D. Kuhn - W. von Engelhardt, I. Müller, Deutsche Akademie der Naturforscher, Weimar, Böhlaus, vol. X, pp. 373-403.

21 H. de Balzac, La Comédie humaine, Avant-propos, Paris, Gallimard, 1935, vol. I, p. 3.

Auteur

Università di Torino