Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Metamorfosi dei Lumi 6

 | 
Simone Messina
, 
Paola Trivero

Belle lettere

Poesia e scienza nel Settecento

Lionello Sozzi

Texte intégral

Sur des pensers nouveaux faisons des vers antiques.
A. Chénier, L’invention

1Un noto saggio di Arnaldo Pizzorusso intitolato Il ventaglio e il compasso riguarda la poetica di Fontenelle ma fornisce utili indicazioni su tutto il complesso problema del rapporto, nella stagione dei Lumi, tra scienza e letteratura e, più precisamente, tra scienza e poesia. Contrariamente a quel che di solito si dice, non si afferma affatto, in quella stagione, che la nuova scienza segni la morte della poesia (è un po’ l’idea che Leopardi espone nella canzone Alla Primavera, o delle favole antiche, quando deplora che l’«atra face del ver» abbia spento gli antichi miti), ma piuttosto si auspica che la poesia sia ricondotta entro i confini della ragione. Fontenelle, per esempio, insiste nei suoi scritti sul rapporto tra l’arte della parola e l’arte del pensare, tra la parola e l’idea, esprime la sua diffidenza nei confronti dell’entusiasmo, del delirio, del furore poetico, di impulsi di natura che sfuggono al controllo razionale, la raison per lui deve, nel momento creativo, prevalere sull’imagination, anche il poeta, per lui, deve addentrarsi nella natura delle cose con rigore matematico: parlando di Eustachio Manfredi dice che ha saputo affidarsi alla droiture della ragione «fortifiée par les mathématiques».

2Queste considerazioni ci invitano a proseguire sulla linea già additata da Mario Fubini nel suo famoso saggio Arcadia e Illuminismo: anche in Italia, la poesia settecentesca, la poesia arcadica, è ben lungi dal confinarsi sul terreno della frivolezza, l’Arcadia ha spesso intenti di rigore illuministico. Ciò spiega, in ogni caso, che nel Settecento la poesia si apra a intenti scientifici. Voltaire, per esempio, scrive nel 1738 l’ode Pour Messieurs de l’Académie des Sciences qui ont été sous l’Equateur et au cercle polaire pour mesurer des degrés de latitude: invoca la celeste Urania, cioè la musa dell’astronomia e della geometria, solitamente raffigurata con un compasso e un globo, elogia chi lacera i veli della natura, quanti, cioè, sono vainqueurs de la Nature, parla agli Argonauti e dice loro: «Votre siècle est vaincu par le siècle où nous sommes». L’antica ammirazione era figlia dell’ignoranza: Urania cancella ogni favola, Newton può dire agli odierni, intraprendenti esploratori: voi confermate quel che io ho scoperto.

3In un’altra sua composizione poetica l’épître intitolata Sur la philosophie de Newton à Madame la Marquise du Châtelet, pubblicata nel 1738 in apertura degli Eléments de la philosophie de Newton, Voltaire elogia la sua corrispondente per aver sdegnato i vani trionfi letterari ed essersi chinata sul pensiero dello scienziato inglese: questi ha «soumis les cieux», ha fatto uscire l’«âme de la nature» dall’oscura notte in cui era sepolta, col suo compasso ha misurato l’universo, in ogni campo ha sollevato un gran velo, ha esplorato il cielo, il mare, l’ellissi delle comete, il corso lunare, la forma della terra.

4Percorrendo le raccolte di versi così numerose nel secolo arbitrariamente definito “senza poesia”, vi si riscontrano allusioni scientifiche che non sono, certo, particolarmente frequenti, e che tuttavia non sono rare. Nelle Saisons di Saint-Lambert, per esempio, si leggono interessanti riflessioni sulla metamorfosi della natura, sul rapporto rigoroso tra cause ed effetti che fa intendere l’«ordre de l’univers». La trattazione dell’estate, inoltre, consente all’autore, secondo il modello virgiliano, di tracciare un fervido elogio dell’agricoltura. E ancora: tra i versi di Lebrun-Pindare, alla fine del secolo, si trova un’Ode à Buffon in cui nulla di preciso, è vero, vien detto in merito alle scoperte del grande antropologo, e tuttavia con ironia questi è invitato a smettere di «éclairer l’univers» se vuole restar sottomesso alla tirannia dei monstres. Ancora più tardi, un poeta oggi poco conosciuto, Casimir Delavigne, inserisce nelle sue Messéniennes una poesia giovanile, La découverte de la vaccine, in cui fa l’elogio dei savants che «de la nature ont percé le mystère», che hanno esplorato il cielo, studiato la luce e i colori, ingrandito «les domaines de notre pensée». Gli arabi, aggiunge, hanno diffuso la petite vérole, ma Edward Jenner l’ha sconfitta, rendendo pubblica nel 1796 la sua scoperta dopo vent’anni di ricerche. È un’indicazione, fra l’altro, che ci lascia interdetti e che ci invita a sollecitare l’intervento di specialisti e di storici della medicina: Giuseppe Parini, infatti, nell’ode L’innesto del vaiolo, del 1765, dedicata al medico Bicetti, attribuisce a quest’ultimo la confortante scoperta, si sofferma sull’orrore del vaiolo per poi concludere che i saggi scienziati operano beneficamente, nei suoi anni, in difesa della vita. E poiché siamo passati all’Italia, sarà il caso di ricordare altri autori, per esempio Alfonso Varano, autore delle famose Visioni, il quale ne L’aurora boreale descrive tale aurora come ne ha letto, probabilmente, nei resoconti di viaggio, e cioè come affascinante fantasmagoria di luci e colori, di raggi e di cortine. Più o meno negli stessi anni un poeta legato all’Arcadia, Francesco Cassoli, dedica una sua lirica All’amico filosofo e poeta per dimostrare che mentre «cupidità […] empie il mondo di sangue e di paura», lui, l’amico, potrà col pensiero «sublime passeggiar pel tondo / Polo, e a leggi di calcolo severe / assoggettar le vie degli astri e il pondo», sta a cuore al poeta l’aspetto ideale e mentale della ricerca, più che la sua ricaduta sul terreno del reale e dell’utile. C’è poi il caso, eloquente, di Lorenzo Mascheroni, che fu poeta ma anche scienziato e matematico. Il suo famoso Invito a Lesbia Cidonia (cioè Paolina Grismondi) intendeva celebrare gli studi sull’elettricità che si conducevano a Pavia, brillanti premesse dell’invenzione della pila del Volta, e quindi esaltava il fervido clima di sperimentazione scientifica in cui trovava spazio la collaborazione tra Volta e Galvani. Interessante, la posizione mascheroniana, poiché giustappone scienza e letteratura entro l’alveo formale di un rigoroso stile neoclassico, quasi che già si realizzi la sintesi tra «pensers nouveaux» e «vers antiques» che troveremo in Chénier.

5L’opera, per altro, che forse merita più attenzione è il Newtonianismo per le dame, dialoghi di Francesco Algarotti il cui sottotitolo suona: Dialoghi sopra la luce e i colori. L’opera, con dedica a Fontenelle, appare nel 1737 ed è riedita due anni dopo. In edizioni successive si parlerà di Dialoghi sopra l’ottica newtoniana. Si tratta, ovviamente, di un’opera divulgativa, modellata sui Dialogues sur la pluralité des mondes di Fontenelle: essa intende dare nuovi contenuti a una cultura arcadica che rischia di risolversi in banale superficialità. Vi parlano tre personaggi, l’autore, una marchesa e l’ottuso Simplicio, e vi si allude, tra l’altro, a Voltaire e anche a Maupertuis per la sua spedizione in Lapponia; vi si trattano, inoltre, vari argomenti, dalla determinazione della figura della terra al tema dell’attrazione universale, trattando il quale Newton è andato ben al di là, dice Algarotti, di Descartes e Malebranche e ha fatto sua l’eredità di Galileo.

 

6Non vanno trascurate, per altro, le allusioni critiche e satiriche. In Italia, Parini, nel Giorno, parla con sarcasmo dei «nuovi Sofi» e invita il suo Giovin Signore al culto della scienza: nulla di arcano e di grande dovrà mai sgomentarlo. Un altro autore, Lorenzo Pignotti, noto come autore di Favole e novelle, inserisce tra le sue poesie la lirica intitolata: L’albero della scienza ossia i sistemi filosofici:

Felice chi potrà della natura
i più nascosi arcani indovinare
e diradar la dotta nebbia oscura!
Esclami tu: ma chi lo potrà fare?
Adam, che il frutto della scienza scosse,
che imparò? Ch’era nudo e vergognoso;
onde in foglie s’avvolse. L’orgoglioso
filosofo, così sillogizzando,
giunge a imparar lo stesso, e vergognoso
va certi romanzetti immaginando,
che si chiaman sistemi, e son le fronde
con cui la propria nudità nasconde.

Come dire che lo scienziato non vuole ammettere la propria incapacità di andare al fondo del mistero che lo circonda e copre di menzogne il suo squallore.

7Curioso e spassoso è il caso di Giambattista Casti, l’autore ben noto delle Novelle galanti e degli Animali parlanti, il quale dedica una lirica A Dori, studiosa di filosofia; il poeta invita Dori a lasciare «le gravi cure e i studi»: è una frenesia, la sua, che la consuma e la strugge. Poi il poeta aggiunge:

Che importa a te se Venere
del sol traversa il disco,
se noto fu il fenomeno,
ignoto al tempo prisco?
O qual furor di apprendere
la causa che colora
d’accension sì lucida
la boreale aurora?

Perché, continua il poeta, attardarsi su problemi di fisiologia o ortopedia, o sul legame tra sensazioni e vita dell’anima, o su «filosofici, gravi pensier», o su problemi di geometria o di elettricità, o sull’organismo di un insetto osservato al microscopio? Si occupino di questi studi i vegliardi dall’ispida barba e coloro che, smunti e pallidi, passano così le loro notti, tu, dice ancora il poeta rivolgendosi alla sua ascoltatrice, non devi «al gran savio dell’Anglia / novi sistemi opporre», tu devi cantare, danzare, suonare il cembalo, o studiare la «gallica favella» o leggere i poeti, o al limite studiare la storia. E devi, soprattutto, curare la tua bellezza e il tuo abbigliamento, così potrai regnare sui cuori e sulle menti.

Ma se di più recondito
alto saper t’invogli,
perdi l’età più florida
né frutto alcun ne cogli
[…] Deh, lascia alfin de’ sterili
studi il furore insano
e prendi il ben quand’offresi,
ché poi cercarlo è vano.

Sono versi in cui, al di là dello scherzo, la vena oraziana s’intreccia con un femminismo d’ispirazione esclusivamente edonistica e anche con una sottintesa polemica contro la smania scientifica del secolo: ricerca scientifica e attività mondane paiono inconciliabili.

8In Francia non mancano gli accenti dalla stessa risonanza. Michel de Chabanon, per esempio, scrive dei versi Sur le sort de la poésie en ce siècle philosophique, traccia un percorso della creazione poetica dal siècle poétique al siècle savant. Da un lato la squadra e il compasso, dall’altro l’abîme sans fond dell’anima e di Dio: neppure per lui le due tendenze sono conciliabili, da una parte s’incontrano l’algebrista, il naturalista, il chimico, cioè quanti percorrono il cammino che va vers la science e svolgono ragionamenti che dagli effetti risalgono alle cause, dall’altra parte ci si imbatte nell’anima che, a contatto dell’esprit e della lumière, si raggela, può definirsi come una fiamma che si va spegnendo. Si sostituiscono, insomma, il metodo all’istinto e l’arte al sentimento.

9Tale orientamento si ispira spesso a ragioni di fede: la scienza sembra, a molti, compromettere la fede religiosa. Louis Racine, per esempio, da un lato, nei versi Dieu dans la nature, afferma che «La voix de l’univers à ce Dieu me rappelle», dall’altro, nel poemetto De la religion, si dice certo che i misteri restino inspiegabili, che le cause, i ressorts siano impenetrabili, e che, quindi, non resti che accettare un invito che è insieme edonistico e rinunciatario: «Jouissez sans connaître»: il sapere è una conferma di ignoranza. Un altro poeta, Antoine Lemierre, in Le clair de lune accenna al mistero costituito dal nostro satellite e poi accenna a chi, «s’élevant au principe des choses», cerca pervicacemente di spiegare certi fenomeni, per esempio il flusso delle maree. Poi torna al tema dell’ignoranza connaturata all’essere umano:

Hélas, d’une ombre épaisse aux yeux les plus perçants,
la nature a caché ses secrets agissants,
L’homme, né pour l’erreur comme pour l’ignorance,
n’est jamais, pour bien voir, à la juste distance.

L’uomo ora è troppo vicino, ora troppo lontano dalla chaine du tout; inventa orgogliosamente e prende per verità d’«ingénieux systèmes», vive «environné du faux jour des problèmes», è sedotto da rêves divers. Per Lemierre, la mania scientifica è solo prova di vana ambizione, non di oggettivo possesso. Qualcosa di simile dice il cardinale di Bernis nel poemetto La religion vengée: anche per lui l’uomo vive in un gouffre, in un abisso che è impossibile sondare, gli slanci dell’anima dicono solo il nostro vuoto mentale.

10Così, all’entusiasmo per la scienza si accompagna, e si riscontra anzi con più frequenza, la polemica anti-illuministica contro il secolo filosofico: Jean-Baptiste Rousseau, per esempio, scrive una lirica Sur l’aveuglement des hommes du siècle: l’uomo di oggi, dice il poeta, ha fiducia solo nelle sue forze e capacità, è «ivre de ses grandeurs et de ses opulences»: la ragione distende sui suoi occhi un velo impostore, un velo che impedisce l’esatta visione della verità e assicura una gloria passeggera. Un altro poeta, Lefranc de Pompignan, scrive una Epitre sur l’esprit du siècle: anch’egli deplora l’orgoglio degli uomini, la loro pretesa di squarciare il velo del mistero: «Ils ont de la nature éventé le système». Un’altra voce consimile è quella di Claude Dorat; nel suo Avis aux sages du siècle formula anch’egli una sua deploratio, dice che l’uomo di oggi ignora la virtù dell’ammirazione, che la tendenza satirica e dissacrante libera gli uomini dalla «fatigue d’admirer». Ma il testo più noto e anche più rilevante, nel senso di cui parliamo, è la satira di Nicolas Gilbert intitolata Le xviiie siècle. Essa è centrata, per altro, su temi morali e letterari più che filosofici e scientifici. Vi si afferma tuttavia che il «siècle de la raison» è in realtà il «siècle de l’ignorance», che la poesia è in decadenza, che è diventata una «prose d’algébriste»: «Infidèle à la rime, au sens, à la cadence, / le compas à la main, elle va dissertant». Così, aggiunge Gilbert, si è lasciato morire di fame un grande poeta come Malfilâtre.

 

11Appunto su Jacques Malfilâtre è opportuno ora soffermarsi, perché i suoi versi dicono in fondo, con indubbia efficacia, il connubio tra l’astronomia e la poesia. La nota ode Le soleil fixe au milieu des planètes si sofferma innanzi tutto sull’assurdità dell’antropocentrismo di origine tolemaica, in base al quale ciascun uomo in fondo pensa: «Les cieux ne roulent que pour moi». Urania, in realtà, apre dinanzi ai nostri occhi «des routes immortelles», la sua clarté ci guida al tempio in cui la natura «cache ses augustes trésors». Ma l’intento di Malfilâtre non è quello di celebrare le conquiste oggettive della scienza, è quello di additare nei percorsi della scienza, e in particolare di quella astronomica, un modo di innalzarsi verso l’assoluto e il sublime:

Mon âme agrandie
s’élançant d’une aile hardie
de la terre a quitté les bords

e l’io contempla, solo e in silenzio, «la marche du grand univers», i pianeti che, «sur leur axe tournant… dans les vastes plaines du ciel» e si chiede:

quelle intelligence secrète
règle en son cours chaque planète
par d’imperceptibles ressorts?

Poi conclude: «Je te salue, âme du monde», formula, questa dell’anima del mondo, che torna in una lirica di Goethe del 1799 nonché nel trattato di Schelling Von der Weltseele. Anche nella lirica di Goethe, d’altronde, s’incontra lo stesso slancio verso l’infinito: «Vi spingete, possenti comete, lontano, sempre più lontano. / Il labirinto dei soli e dei pianeti / interseca la vostra orbita». All’origine forse è da citare Plotino, che nelle Enneadi (IV, 4 e 8) aveva affermato che l’universo possiede un’anima unica (yuchvn mivan), un’anima che si diffonde in tutte le sue parti: è l’anima del tutto, l’anima universale.

12Così, negli anni cruciali di cui parliamo, quelli che ormai si definiscono come gli anni della metamorfosi dei lumi, l’intento scientifico si accompagna, nei poeti, a un orientamento d’altra natura. Un altro esempio ci è dato dall’Essai sur l’astronomie di Jean-Pierre de Fontanes: altri soli, dice l’autore, seguiti da un cortège de mondes illuminano altri firmamenti: chi potrà mai dirne il numero, la distanza, la massa? Seguono l’elogio di Cassini e quello di Herschel, l’astronomo tedesco che operò in Inghilterra e scoperse Urano nel 1781. Forse può pensarsi che il creatore, l’Eternel Géomètre, a un certo punto abbia chiuso il suo compas d’or, ma non è così, al di là degli spazi esplorati si aprono altri spazi sublimi. Newton, che può definirsi «de ce Dieu le plus digne interprète», ha dimostrato per quali leggi si muove ogni pianeta, eppure non ha visto che «un coin de l’univers»:

Les cieux, même après lui, d’un voile sont couverts:
que de faits ignorés l’avenir doit y lire!

L’astronomo vede nascere e morire astri sempre nuovi, e forse gli è dato congetturare che gli abitanti di quelle «sphères lointaines» siano più saggi, più uniti, più felici di noi.

13Ma forse il poeta che più eloquentemente si muove, si è detto, su un percorso che insieme auspica la ricerca scientifica e ne esalta i sottintesi spirituali e religiosi (di una religiosità, per altro, laica e mai confessionale) è André Chénier. Nel poemetto L’invention il poeta si rivolge a Calliope che considera allieva di Urania, poi celebra le più grandi figure di scienziati della modernità: Galileo e Newton, Torricelli, Keplero, Cassini, e auspica che un nuovo Virgilio esalti le loro scoperte. Enuncia, quindi, la famosa norma che già abbiamo dato in epigrafe: «Sur des pensers nouveaux faisons des vers antiques». Il senso è chiaro: non si tratta, genericamente, di proporre una sintesi tra nuovi contenuti e formale classicità, ma di auspicare una poesia che celebri le recenti scoperte (sono questi i pensers nouveaux) in termini di assoluta chiarezza, senza nulla di nebuloso e di oscuro (e qui subentrano, contro la nebulosità ossianesca di cui Chénier parla con orrore, i vers classiques). I progressi scientifici, aggiunge Chénier, non potranno che «agrandir la carrière des vers».

14Il poema incompiuto, Hermès, torna ad alludere agli esponenti della nuova scienza (Buffon, Newton), ma per attribuire al poeta un nuovo compito: quelle recenti conquiste non sono fine a se stesse, non forniscono solo dei dati oggettivi, fanno sì che il poeta viaggi negli spazi siderali, lo portano alla contemplazione dell’infinito:

Je poursuis la comète aux crins étincelants
les astres et leurs poids, leurs formes, leurs distances,
je voyage avec eux dans leurs cercles immenses.
[…]
Les causes, l’infini s’ouvrent à mon œil avide.

In un altro poema di Chénier, infine, anch’esso purtroppo rimasto incompiuto, si legge un famoso, straordinario brano, quella sorta di inno alla notte che fa pensare a Novalis – «Salut, o belle nuit, étincelante et sombre […]» – e che allude anche all’entusiasmo, «fils de la belle nuit», concepito non come fanatismo ingannevole secondo l’idea di Voltaire ma come virtù primaria del poeta.

15Così, il compasso, che sembrava aver disgiunto la poesia dalla scienza, nella stagione della metamorfosi dei lumi acquista un senso diverso, sollecita, nelle mani di Urania, un’ispirazione poetica che alla luce dei progressi scientifici e della nuova scienza astronomica non rappresenta un generico trionfo della ragione ma invita a una nuova riflessione sul problematico rapporto tra gli uomini e gli spazi infiniti, tra l’uomo e il sublime.

Bibliographie

Abbiamo fatto uso, nell’ordine, dei seguenti saggi e delle seguenti edizioni di testi: A. Pizzorusso, Il ventaglio e il compasso. Fontenelle e le sue teorie letterarie, Napoli, ESI, 1964; M. Fubini, Dal Muratori al Baretti, Studi sulla critica e la cultura del Settecento, Bari, Laterza, 1975; L. De Nardis, Saint-Lambert. Scienza e paesaggio nella poesia del Settecento, Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1961; R. Finch, The Sixth Sense. Individualism in French Poetry, 1686-1760, Toronto, University of Toronto Press, 1966; E. Guitton, Jacques Delille (1738-1613) et le poème de la nature en France de 1750 à 1820, Paris, Klincksieck, 1974; S. Menant, La chute d’Icare. La crise de la poésie française (1700-1750), Genève, Droz, 1981; Aa. Vv., Ragioni dell’anti-illuminismo, a cura di L. Sozzi, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1992; Aa. Vv., Nuove ragioni dell’anti-illuminismo in Francia e in Italia, a cura di L. Sozzi, Pisa, ETS - Genève, Slatkine, 2001; Œuvres choisies de Voltaire. Poésies, publiées avec préface, notes et variantes par G. Bengesco, Paris, Librairie des Bibliophiles, s.d. (ma 1889); Œuvres de Ponce Denis (Ecouchard) Lebrun, mises en ordre et publiées par P.-L. Ginguené, tomo I, Paris, Crapelet, 1811; Œuvres complètes de Casimir Delavigne. Poésies, Paris, Garnier, 1895; Tutte le opere edite e inedite di Giuseppe Parini, raccolte da G. Mazzoni, Firenze, Barbera, 1925; Lirici del Settecento, a cura di B. Maier, con la collaborazione di M. Fubini, D. Isella, G. Piccitto, introduzione di M. Fubini, Milano-Napoli, Ricciardi, s.d.; L. Mascheroni, L’invito. Versi sciolti di Dafni Orobiano a Lesbia Cidonia, a cura di I. Botta, Bergamo, Moretti e Vitali, 2000; Anthologie poétique française. XVIIIe siècle, choix, introduction et notices par M. Allem, Paris, Garnier-Flammarion, 1964; Anthologie de la poésie française. 7: Le xviiie siècle, préface de M. Naderau, Lausanne, Rencontre, 1967; French Individualist Poetry, 1686-1760, An Anthologie, a cura di R. Finch e E. Joliat, Toronto, University of Toronto Press, 1971; Le lyrisme dans la poésie française de 1760 à 1820, analyse et textes de quelques auteurs, par H.A. Stavan, The Hague-Paris, Mouton, 1976; Anthologie de la poésie française du XVIIIe siècle, édition de M. Delon, Paris, Gallimard, 1997; Œuvres du cardinal de Bernis, collationnées sur les textes des premières éditions, Paris, Delangle, 1825; Œuvres de J.B. Rousseau, Paris, Ladrange, 1818; Poésies diverses de Gilbert, avec une notice bio-bibliographique par P. Perret, Paris, Quantin, 1882; Poésies de Malfilâtre, poèmes, odes et traductions, avec une notice bio-bibliographique par L. Deroma, Paris, Quantin, 1884; J.W. von Goethe, Tutte le poesie, edizione diretta da R. Fertonani con la collaborazione di E. Ganni, prefazione di R. Fertonani, tomo II, Milano, Mondadori, 1989; A. Chénier, Œuvres complètes, publiées par G. Walter, Paris, Gallimard, 1958.

Auteur

Università di Torino