Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Prefazione

Inizi schellinghiani

Emilio Carlo Corriero

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Con la pubblicazione di questo saggio di Eduard von Hartmann dedicato alla filosofia positiva di Schelling si inaugura la sezione ‘Studi’ della serie “Schellings Philosophie”, la quale costituisce il nucleo tematico attorno al quale ruota la nostra più ampia collana Initia Philosophiae, e il cui primo volume è la Einleitung in die Philosophie pubblicata nella sezione ‘Opere’ con il titolo Invito alla filosofia1.

Introducendo quel testo non si è voluto anticipare più di tanto i propositi editoriali e l’orientamento teorico della collana per non intenzionare troppo un testo fondamentale di Schelling, che ritenevamo essere già di per sé capace, per i contenuti e per lo stile nel quale fu ideato, di fungere da “manifesto” per il nostro progetto.

Oggi, a un anno di distanza da quella pubblicazione e con una lista di testi già programmati e di prossima uscita, è forse giusto esporre seppur brevemente l’occasione da cui nasce questa impresa editoriale e gli obiettivi teorici che si prefigge....

Auteur

Ricercatore dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e professore associato di Storia della Filosofia presso l’Università di Torino. Tra le sue pubblicazioni Vertigini della Ragione. Schelling e Nietzsche (Rosenberg & Sellier, 2008) Volontà d’amore. L’estremo comando della volontà di potenza (Rosenberg & Sellier, 2011), Libertà e Conflitto. Da Heidegger a Schelling, per un’ontologia dinamica (Rosenberg & Sellier, 2012).