Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Metamorfosi dei Lumi 6

 | 
Simone Messina
, 
Paola Trivero

Scienza medica

Lumen fortunae Vincentii Malacarne

Serena Buzzi

Texte intégral

1Esaminare il profilo scientifico di Vincenzo Malacarne, medico ed erudito vissuto in Piemonte dal 1744 al 1816, alla luce di un periodo tanto poliedrico e metamorfico, significa analizzare anche il dibattito culturale locale che lo vide variamente impegnato sul fronte delle indagini mediche, così come nella composizione dotta, terreno di confronto e di comunicazione proprio degli uomini di scienze dell’epoca.

1. Studi, formazione, carriera

  • 1 «Non v’à borgo, non villa e non città, / che non conti Malombra e Malatesta, / Malopra e Malaspina (...)

2Vincenzo Malacarne, chirurgo che ironicamente, in una delle sue epistole, si faceva burla di quanti sorridendo ne sentivano il nome1, nacque a Saluzzo il 28 settembre 1744 da Giuseppe Malacarne, chirurgo militare al servizio del re di Sardegna e da Angela Fortunata Garreti.

  • 2 V. Malacarne, Osservazioni in chirurgia, Torino, 1784, 2 voll.
  • 3 Ambrogio Bertrandi (1723-1786), allievo di Giovanni Bianchi a Torino, fu importante anatomista e ch (...)
  • 4 Cfr. G. Malacarne, Memorie storiche cit., p. 10: «Poi professore di notomia chirurgica nell’univers (...)
  • 5 Ivi, p. 10: «Bravo fisico, uno dei fondatori dell’accademia reale delle scienze di Torino, professo (...)

3Anche il suo percorso di studi e di formazione rispecchia esattamente il contesto socio culturale del Piemonte di fine xviii secolo. Egli ricevette un’educazione improntata a un forte spirito religioso e per breve tempo rivestì anche l’abito dei domenicani poi, nel 1762, entrò nel Regio Collegio delle Provincie di Torino, quindi proseguì la sua formazione presso l’ospedale San Giovanni della città, dove poté raccogliere un corposo numero di osservazioni, che in gran parte confluirono nei due volumi dal titolo Osservazioni in chirurgia2. Alcuni protagonisti della scienza medica locale furono i suoi maestri: studiò infatti anatomia sotto la direzione di Bertrandi3 con cui acquisì la tecnica e la competenza necessaria per la pratica della clinica chirurgica, mentre si formò come ripetitore di notomia sotto la guida del professor Oliveri da Rivalta4, stringendo anche amicizia forte e duratura con Cigna5 di Mondovì, ripetitore di pratica medica, poi assistente nell’ospedale.

  • 6 Carlo Giovanni Brugnone (1741-1818), originario di Acqui, medico chirurgo e veterinario, primo dire (...)
  • 7 Cfr. V. Malacarne, Nuova esposizione della vera struttura del cerveletto umano, Torino, 1776; Id., (...)
  • 8 Ciò consentì a Johann Christian Reil (1759-1813) e a Luigi Rolando (1773-1831) di procedere con ult (...)
  • 9 Fra le interessanti posizioni del Malacarne, il concetto che la sostanza grigia che ricopre cervell (...)
  • 10 V. Malacarne, Nuova esposizione della vera struttura del cervelletto umano, Torino, 1776; Id., Ence (...)
  • 11 Malacarne pubblicò studi di neuroencefalotomia umana e comparata soprattutto negli anni 1791-92; Cf (...)
  • 12 G. Ongaro, Cattedra di chirurgia, Vincenzo Malacarne, in S. Casellato - L.R. Sitran, Professori e s (...)

4Grazie al medico Brugnone6 Malacarne scoprì l’importanza dell’anatomia comparata, dedicandosi per esempio alla dissecazione di teste umane e animali e avendo la possibilità di esaminare vari casi di interesse per lo studio, fra cui, per esempio, si può ricordare, il 7 aprile 1770, la dissezione di un caso d’idrocefalia sul corpo di un giovane di diciassette anni, episodio che gli favorì in più occasioni la discussione e l’analisi del cervello, cervelletto e del sistema nervoso encefalico7. Proprio in questo settore di neuroanatomia si distinse per i suoi importanti studi morfologici e comparativi sul sistema nervoso centrale e periferico8. A lui si deve appunto la prima dettagliata descrizione del cervelletto9, con la precisa individuazione di lobi, lamine, rilievi, a cui attribuì denominazioni rimaste a lungo legate al suo nome nel linguaggio anatomico: flocculo, tonsilla, piramide, lingula, uvula, lobulo gracile o sottile, lobulo biventre10. L’unico predecessore nello studio del cervello fu nel mondo antico Erasistrato di Ceo, che riteneva che i nervi muovessero uno “spirito nervoso” proveniente dal cervello, organo dal quale tracciò i nervi motori e i nervi sensori. In particolare nel corso delle sue osservazioni anatomiche Malacarne individuò una minuscola porzione del verme cerebellare inferiore, lievemente prominente, dalla quale si distaccano quattro prolungamenti, porzione che divenne nota come «piramide di Malacarne» o «eminenza crociata di Malacarne»11 perché emette, a livello della sua base, quattro prolungamenti a forma di croce12.

  • 13 V. Malacarne, Ricordi d’anatomia traumatica pubblicati ad uso dei giovani chirurghi militari di ter (...)
  • 14 Id., Tavola anatomica esprimente il cuore umano in tre figure, Torino, 1772; Id., Lettera anatomica (...)
  • 15 In specifico la parte ii: «Esempi», pp. 101-201.

5Malacarne divenne a tutti gli effetti il fondatore dell’anatomia topografica grazie al trattato considerato come la prima opera di questo genere nel mondo: Ricordi d’anatomia traumatica pubblicati ad uso dei giovani chirurghi militari di terra e di marina13. Questo lavoro mostrò la necessità imprescindibile di avere conoscenze topografiche per una visione scientifica chirurgica e si inserì nell’alveo della morfologia umana, chiamata appunto anatomia topografica, sviluppatasi ampiamente nel corso del diciannovesimo secolo. Nel 1772 pubblicò la sua prima opera sull’anatomia del cuore umano, Tavola anatomica esprimente il cuore umano in tre figure14. Tale scritto, conservato nel mazzo 723 del fondo Malacarne presso l’Accademia delle Scienze, è poi confluito nell’edizione Delle osservazioni in Chirurgia. Trattato di Vincenzo Malacarne saluzzese15. Qui si riscontra una visione assolutamente moderna del cuore, comprendente appunto il concetto di atrii e orecchiette. Per tutto il Seicento rimase infatti valida la teoria di Harvey, medico inglese (1578-1657) che fu il primo scienziato a descrivere accuratamente il sistema circolatorio umano e le proprietà del sangue pompato dal cuore in tutto il corpo, senza considerare però la presenza di atrii e senza capire a livello microscopico come il sangue passasse dalle arteriole alle venule.

  • 16 Id., Tentativi su i gozzi e sulla stupidità, che in alcuni paesi gli accompagna, Torino, 1789; Tent (...)

6Impossibile poi non citare gli scritti di Malacarne sul cretinismo16: essi furono di grande importanza per la storia di questa malattia e posero dei solidi fondamenti anatomopatologici. Lo studio della condizione morbosa del cretinismo diffuso nelle valli piemontesi lo indusse a ritenere di poter ascrivere le cause del malessere all’ipoplasia dei lobuli e delle lamelle del cervelletto, impossibilitato a svilupparsi in modo completo nello spazio troppo angusto di un cranio malformato, come riscontrato in casi di idrocefalie.

7Per meglio comprendere la portata delle acquisizioni si devono pure ricostruire le modalità ermeneutiche, spostando l’osservazione alle scelte di metodo seguite, alla prassi adottata, nell’intento di capire se e in quale misura ci fossero canali di studio prestabiliti. Si evince l’importanza conferita alla speculazione osservativa condotta sul campo, per rafforzare in questo modo i nessi tra formazione e professione, secondo orientamenti non solo didattici, ma anche filtrati dalle istituzioni pubbliche e politiche. Nella lettera tratta dal mazzo 729 del fondo Malacarne presente presso l’Accademia delle Scienze, si osserva proprio questo metodo scientifico e sperimentale, che lo indusse, per esempio, a voler affrontare un viaggio in Valle d’Aosta per studiare e osservare direttamente il caso clinico interessante di una giovane che ormai da anni non assumeva alimentazione, dicendo

trovarsi in una parrocchia della Valle d’Aosta, poco lontana da Ivrea, una giovane di vent’anni, che da ott’anni a questa parte non si alimenta che d’acqua pura e vive, e lavora alla campagna come tutte le altre giovanette di quell’età, e condizione – e chiedeva appunto sostegno economico – riflettendo sui lumi, che l’osservazione esatta di fenomeno sì stravagante spargerebbe all’economia animale e sulla storia naturale dell’uomo.

  • 17 Sul cretinismo cfr. L. Belloni, Charles Bonnet e Vincenzo Malacarne sul cerveletto quale sede dell’ (...)

Nel chiedere questo aiuto economico indicava con precisione i vantaggi che avrebbe tratto da tale missione. In primis sarebbe riuscito a studiare meglio proprio i casi di cretinismo denunciati nelle vallate vicine e a condurre «l’esame delle cagioni fisiche della stupidità ed inerzia degli abitanti d’alcune parrocchie di quella valle detti Cretini»17 per vedere di rimuoverle e moderarne le funeste conseguenze su quegli infelici. Da ricordare qui però che si trattava di un’altra patogenesi del malessere, derivato da forme di ipotiroidismo.

2. Il contesto socioculturale

  • 18 Per quanto concerne il suo percorso professionale bisogna ancora ricordare che tenne per ben otto a (...)
  • 19 Cfr. V. Ferrone, La nuova Atlantide e i lumi. Scienza e politica nel Piemonte di Vittorio Amedeo II (...)

8Il ruolo culturale e scientifico di Malacarne, al di là dei risultati18 conseguiti in termini di riconosciuta originalità delle acquisizioni sperimentali e teoriche, fu rilevante proprio nella capacità dimostrata di far parte attiva di quel consesso di dotti, di savants, che ricucirono il filo di comunicazione che immise Torino e il Piemonte nei circuiti più vitali della medicina coeva, che facevano capo a Parigi, a Leida, a Londra, a Bologna, a Padova, a Roma. Malacarne insieme ad altri medici contribuì a costruire scambi e relazioni sempre più fitte con le capitali della cultura e con alcuni grandi scienziati dell’epoca, come l’eruditissimo Daquin (1732-1815), favorendo la sprovincializzazione della realtà piemontese e ponendo premesse atte a favorire la ricezione di originali percorsi epistemologici e forti connessioni ideologiche con scuole di pensiero quanto mai vivaci. Il nucleo forte della scienza piemontese, capace di generare studi del tutto originali per l’Italia, come le ricerche sull’elettricismo, sul magnetismo, sulla chimica, sulla metallurgia, sulla mineralogia, non proveniva infatti direttamente dall’università, dai suoi mal attrezzati gabinetti sperimentali e dal magistero, ma da altri canali, ancora elitari, della creatività, assecondando gli stimoli concreti e le idee chiare e rinnovate dell’epoca19.

  • 20 Cfr. Id., Una scienza per l’uomo. Illuminismo e Rivoluzione Scientifica nell’Europa del Settecento, (...)
  • 21 Ivi, pp. 69-105.
  • 22 Ivi, pp. 132-133.

9Fra i centri di sapere che favorirono la circolazione di idee di una società civile così ricca di fermenti e il lungo e importante processo di europeizzazione della vita subalpina, vanno sicuramente ricordati il cenacolo scientifico in casa Garro del 1748 e poi la Società privata torinese, nata nel 1757, divenuta nel 1783 Reale Accademia delle Scienze20. Tale società prese luce per iniziativa di giovani studiosi animati dalla volontà di stabilire in Piemonte un centro di ricerche paragonabile alle accademie scientifiche sorte in Europa21. Far nascere una grande istituzione come l’Accademia delle Scienze non fu un’impresa facile e la stesura dei regolamenti occupò parecchi anni. Un problema spinoso fu la scelta dei soci; si hanno in proposito numerose bozze d’intesa tra la Società privata e il governo. In un primo momento si inclusero nella lista fra gli studiosi Giambattista Vasco, Felice San Martino della Motta e Vincenzo Malacarne, ritenuti ideologicamente affini al vecchio gruppo della Società privata e adatti a confermare la grande apertura culturale che l’accademia doveva assumere, privilegiando il merito rispetto a ogni considerazione politica. Ma poi questi nomi vennero cancellati e se ne inclusero altri, di minor rilievo scientifico, più rassicuranti per il regime22.

  • 23 Cfr. P. Delpiano, I periodici scientifici nel Nord Italia alla fine del Settecento: studi e ipotesi (...)
  • 24 Cfr. Id., I temi di codice storia. Gli alberi del sapere. Vecchia e nuova mappa delle conoscenze fr (...)
  • 25 Da quell’anno mutò sottotitolo, che da «Giornale di una società filosofica» divenne «Estratto ragio (...)

10Un importante canale di sapere in questo periodo, oltre ai trattati scientifici, utile per la sua potenzialità di divulgazione, fu la stampa periodica23, che aveva come pregio la facilità d’acquisto, il comodo trasporto e la brevità del tempo da consumare nella lettura. Alla diffusione dei periodici si associava la nascita di un’opinione pubblica e l’esercizio della critica24. Fu proprio il gruppo di intellettuali legato all’Accademia delle Scienze e alla Reale Società agraria ad avviare un rapporto di collaborazione fra scienze e potere assoluto, facendo così divenire la scienza il punto d’incontro fra uomini di cultura e il sovrano Vittorio Amedeo III. Le riviste divennero un deposito di sapere degli scienziati per una rapida diffusione delle loro ricerche. Un caso singolare è rappresentato dal «Giornale Scientifico, Letterario e delle Arti», edito soltanto nel biennio 1789-19025, alla cui base forse c’era come comitato redazionale la “Società filosofica” di cui si hanno ancora scarse e lacunose informazioni. Vincenzo Malacarne, membro della “Società fisico-medica” e della“Società enciclopedica” fu collaboratore del giornale e nel marzo 1789, proprio sul giornale fu recensita la sua opera Litiasi delle valvule del core.

11La circolazione delle produzioni scientifiche, soprattutto se innovative, spesso, per una politica squisitamente passatista, veniva osteggiata o criticata: si legge per esempio in un documento del mazzo 723, fascicolo «Carte varie», un pezzo di recensione della «“Gazzette salutaire” du 31 Juillet 1777, n. XXXI», con postilla apposta dal Brugnone, che avvisava Malacarne del travisamento operato nella «Gazzette»:

Eccovi mio caro tutto intero l’articolo della Gazzetta Salutare concernente la vostra storia. Voi vedete che il Gazzettiere non vi ha inteso, quantunque parli della vostra opera con assai buona discrezione, e abbia conosciuto la pena, che vi ha costato. Sono il vostro Amico Brugnone.

  • 26 V. Malacarne, L’esplorazione proposta come fondamento dell’arte ostetricia da Vincenzo Malacarne sa (...)
  • 27 G. Ongaro, Contribuito all’epistolario spallanzaniano, «Rivista di storia della medicina», XVII (19 (...)

I rapporti tra l’antica corporazione medica e i nuovi organi, più aperti allo spirito di sperimentazione, trovavano azione spesso eclatante, congiunta di frequente a inimicizie e rivalità di carattere personale. L’interferenza tra problemi scientifici e azione concreta di contrasto occupa uno spazio preciso, nella vita di Malacarne, nel momento in cui fu costretto a lasciare Torino per accettare nel 1789 l’invito fatto dal conte di Wilczeck, ministro plenipotenziario di sua maestà austriaca, di ricoprire la cattedra di chirurgia teorica e ostetrica a Pavia. Anche qui però rimase solo quattro anni, dovendo presto partire, nell’anno 1793, a causa di un allontanamento forzoso. Secondo il figlio, ciò avvenne perché nel 1791 venne pubblicata un’opera, L’esplorazione proposta come fondamento dell’arte ostetricia da Vincenzo Malacarne26, che dopo aver sollevato scandalo, venne censurata dal «Nuovo Giornale della più recente letteratura medico-chirurgica d’Europa», recensione negativa che, a suo dire, fu forse all’origine del contrasto tra Malacarne e il professore Jean-Pierre Frank27, docente di grande prestigio nell’ateneo ticinese.

  • 28 Cfr. G. Frank. Memorie I, a cura di G. Galli, Milano, Cisalpino - Istituto editoriale universitario (...)
  • 29 Qui si trovava una satira mordente su Frank, di cui si descriveva il cursus honorum: inizialmente b (...)
  • 30 Cfr. G. Frank. Memorie I, cit., p. 200.

12Da altre fonti, in specifico dalle Memorie di Giuseppe Franck a cura di Giovanni Galli28 si può ricostruire un’altra faccia della stessa medaglia: la vera ragione di questo abbandono fu un poemetto di facezie oltraggiose29 composto da vari autori, fra cui fu citato in primis Malacarne. Il conte Colloredo scrisse al conte Wilczeck una lettera in cui diceva che tutte le accuse rivolte al signor Frank erano state inventate per screditarlo agli occhi del pubblico e il conte Wilczeck trasmise confidenzialmente questa lettera a Frank; anche l’ex professore Nessi scrisse a Frank nel 1792 per avvisarlo di prendere misure giuste per impedire la diffusione di questa satira mordente. L’atmosfera politica era allora molto tesa e in tale contesto europeo la circolazione di un simile libello avrebbe minato la delicata stabilità dell’assetto istituzionale della Lombardia. Si disse che gli autori di questo testo fossero Brambilla e i suoi accoliti, che l’avevano inviato a Malacarne, perché lo facesse stampare30. Nessi scrisse poi a Frank di aver saputo con piacere che tutti gli esemplari giacenti erano stati sequestrati.

13Analizzare il percorso scientifico di Malacarne significa pertanto, oltre che prendere in considerazione un patrimonio culturale finora poco o per nulla studiato, perseguire anche l’obiettivo di operare una lettura del quadro politico e culturale dell’epoca, fondando i preliminari di una valutazione storico-critica che, mentre fissa lo sguardo sullo studio locale, fornisce spunti utili per la comprensione della situazione della scienza tra Settecento e Ottocento.

2. Profilo scientifico

  • 31 Tale studioso, professore a Glasgow e poi a Edimburgo, attribuì al sistema nervoso un ruolo eminent (...)

14Per quanto attiene all’orizzonte delle teorie scientifiche circolanti all’epoca abbiamo alcune informazioni leggendo la Prolusio habita in archigymnasio patavino il giorno 4 novembre dell’anno 1797: qui Malacarne, dopo una sezione relativa ai rimedi farmacologici e chirurgici, volle controbattere le teorie di Cullen31, distruggendo la sua impalcatura teorica basata sui principi della sensibilità, dell’irritabilità, dell’eccitabilità e della volizione, attraverso la dimostrazione della contraddittorietà e quindi dell’infondatezza di certe affermazioni dell’anatomico, che a volte dichiarava un principio e poco dopo arrivava ad affermare come possibile il suo esatto contrario. Scriveva appunto:

  • 32 V. Malacarne, Prolusio, Padova, 1797, p. 16.

vediamo che CULLEN non si volge per nulla a tanti ragionamenti, corre qua e là, cerca tanti sotterfugi, così da dimostrare con le sue stesse argomentazioni di sbagliare più volte; piuttosto dichiara nelle sue argomentazioni di non essere abbastanza sicuro, né di concordare con i suoi principi32.

Interessante risulta nella stessa opera la testimonianza sull’efficacia scientifica dell’osservazione condotta in ospedale, con la registrazione precisa del numero dei posti letto a disposizione per la prassi chirurgica, secondo una precisa classificazione nosologica:

  • 33 Ivi, p. 24.

Un letto accoglieva malattie delle ossa, che danneggiavano la natura delle stesse ossa come la carie, l’esostosi, la pedartrosi, la necrosi; un altro le fratture generate da una rottura interna, un terzo le affezioni più vecchie delle giunture, un quarto era per le ulcere croniche, un quinto per la sifilide, un altro per i tumori di qualunque genere; il successivo e l’ultimo si concedevano alle ferite. Per non far mancare qualcosa ad una più completa Istituzione per i giovani, per quanto poteva accadere con uno stretto numero di letti, venivano tenuti nel Gineceo di nostra cura due o tre letti in uso per le malattie che affiggevano ed erano proprie del sesso debole33.

Nell’Institutio Chirurgica, manuale che illustra le qualità e le condizioni di formazione del chirurgo, stampato a Padova nel 1803, il nostro autore, spinto eloquentemente dalla realtà coeva, dedicò una breve sezione alle possibili ricadute legali sull’inadempienza dei doveri professionali. Ciò configurava in maniera completa, seppur sintetica, il quadro deontologico del chirurgo di fine Settecento, sollevando delle questioni sulle ricadute operative del medico e quindi su considerazioni di ordine giuridico. La denuncia di opera chirurgica o l’accusa di malefici al Tribunale ecclesiastico potevano riguardare per esempio:

  • 34 Id., Institutio chirurgica, Padova, 1803, p. 59.

1. Ferite 1. sanabili; 2. che causano pericolo; 3. che provocano mutilazioni; 4. che tolgono la vita II. Strangolamento 1. spontaneo; 2. fatto da un altro; 3. presunto. III. Sommersione 1. casuale; 2. violenta; 3. presunta. IV. Avvelenamento 1. casuale; 2. tentato da un altro; 3. presunto. V. Deflorazione 1. simulata; 2. consensuale34.

Nell’ultima parte dell’Institutio chirurgica Malacarne disegnava la scena del candidato al grado di licenza in chirurgia maggiore, di fronte alla commissione. A tratti, attraverso la dovizia dei particolari descrittivi, si arriva a seguire con l’immaginazione l’avvicendarsi degli eventi e dei momenti di prova e discussione; risulta davvero singolare la scelta di riportare con tanta scrupolosità tutte le parole, che in stile formulare dovevano essere pronunciate con gesti di ossequio e rispetto, secondo una codificazione comportamentale precisa. Si scopre così, attraverso questa testimonianza finora mai considerata, che esisteva un vero e proprio copione di gesti e formule, che si ripetevano in queste dissertazioni e prove. Grazie a questo testo abbiamo quindi una fonte scritta non solo relativa alle competenze disciplinari che il candidato doveva mostrare, ma pure alle forme comportamentali che doveva osservare secondo un codice non scritto, ma da tutti da sempre rispettato:

  • 35 Ivi, p. 78.

Il Candidato stando in piedi, secondo la norma dell’Illustrissimo Signor Preside, con capo abbassato dice le parole che seguono. Implorato il Divino aiuto, invocata l’azione di Dio e allo stesso modo della Vergine Maria e del Divino S. Antonio. né non fiducioso della Vostra umanità, o Illustrissimi e Sapientissimi Padri, comincio l’esposizione della mia tesi chirurgica, che a me ieri per sorte fu assegnata dall’Illustrissimo e Sapientissimo Preside per l’esame di oggi. Nell’esposizione della stessa tesi, perché non sembri allontanarmi dall’inveterata e sempre lodevole consuetudine di questo esimio Collegio, cercherò di mostrare quattro argomentazioni: in primo luogo esporrò la tesi unendo tematiche anatomiche a quelle patologiche; in secondo luogo raffronterò la natura delle cause della malattia con la sua intensità; in terzo luogo dedurrò le indicazioni opportune dalla condizione delle parti, paragonate le forze della malattia con quelle della vita. Soltanto in quarto luogo annoterò, se ci sarà da annotare, collegherò se ci sarà qualcosa da collegare e cercherò di dare soddisfazione con energia alle domande che devono essere presentate dagli Illustrissimi Sapientissimi Signori vostri. per ora mi affido umilmente alla Vostra umanità35.

  • 36 Ivi, p. 71.

Per la ricostruzione del profilo del chirurgo dell’epoca risulta altresì di interesse sapere che la prova di ammissione consistesse nell’esposizione di un argomento, estratto a sorte tra quaranta, dal «Canone di Avicenna», di due questioni patologiche proposte da due professori e nella trattazione di un caso chirurgico con relativa proposta terapeutica. I requisiti che Malacarne attribuiva al perfetto chirurgo attenevano alla sfera delle conoscenze disciplinari, ma anche all’abilità empirica e all’“acribìa”, all’elasticità mentale per impossessarsi continuamente del bagaglio di conoscenze necessario, oltre che a requisiti di buona condotta. Per offrire giuste modalità terapeutiche si doveva conoscere l’anatomia dei malati, ma soprattutto la loro emotività, condotta e abitudini. Al di là delle necessarie conoscenze veterinarie, chimiche e farmaceutiche, si richiedeva altresì al chirurgo la capacità di fornire in maniera immediata ricette terapeutiche corrette, con uno stile chiaro e preciso, in modo da non creare difficoltà interpretative e confusioni36.

3. Scienza e erudizione

15Osservare i fenomeni del mutamento, della transizione e dello sviluppo delle scienze nell’epoca dei Lumi, di cui Malacarne è degno rappresentante, comporta una frammentarietà di rivoli di indagine, nella quale non si affievoliscono comunque le coordinate di un progetto conoscitivo unitario, teso a colmare profonde lacune lasciate finora aperte dalla storiografia, restituendo il sapere e la produzione di illustri rappresentanti della cultura scientifica sabauda, come Bertrandi, Cigna, Botta, Rossi, Canaveri, che per troppo tempo, per ragioni inesplicabili, sono rimasti in ombra. Nel corso di questo esame molto complesso e sicuramente interdisciplinare, in quanto teso alla ricezione dei contributi trasversali dell’antropologia, della sociologia, della filosofia e della letteratura, non si deve smarrire l’intento primo di delucidare le acquisizioni di una cultura, propria di un periodo denso di trasformazioni politiche e ideologiche, filtrandola attraverso la lettura e comprensione dei testi, degli autori e dell’ambiente in cui agirono, per operare così un’analitica interpretazione.

16La ricerca volta alla produzione scientifica deve quindi talora far spazio a testi di carattere erudito in senso ampio, nella consapevolezza che i percorsi intellettuali dell’epoca, per nulla fossilizzati tematicamente, non si adagiassero su un’inerziale routine didattica, ma passando attraverso la riscoperta dell’anatomia e lo sviluppo della fisiologia, unissero apprendimento normativo a emancipazione sperimentale, senza però mai perdere di vista la cultura letteraria, segno di identificazione e appartenenza a un consesso elitario di dotti in senso globale. Lo stesso Malacarne, in proposito, nel corso delle sue Epistole, amava rivolgersi ai suoi amici e colleghi come membri di un consesso di divertissement di uomini dotti, di impronta goliardica, chiamato concorso gallonico o negozio galloniano.

  • 37 Basti pensare al corposo fascicolo primo del mazzo 730 del fondo Malacarne, conservato all’Accademi (...)
  • 38 Cfr. Incipit: «Da qual immondo, velenoso seme / tragga l’origin sua, come s’aumenti / coi gravi suo (...)
  • 39 Non poca influenza sul genere didascalico esercitarono i poemi latini di età classica e rinasciment (...)

17Malacarne amava mostrare la sua formazione eclettica37. Questa sua formazione dotta si tradusse anche nel gusto e nella passione per la poesia. Nel 1765, durante una fase di pausa forzata dovuta alla convalescenza a seguito di un’infermità sorta per eccessivo affaticamento nello studio (così almeno scrisse il figlio Gaetano), compose l’opera poetica, in tre libri, dal titolo Idrofobia38. Proprio dal figlio sappiamo che questo lavoro, letto da uno studente nizzardo di nome Salicis mentre trascorreva la notte a fianco del letto di Bertrandi, piacque così tanto al suo maestro, che volle sapere il nome del compositore, in seguito rese Malacarne padrone della sua abbondante scelta libraria, cominciando a istruirlo nell’arte chirurgica e anatomica. Malacarne si cimentò pure nell’elegante genere del poemetto didascalico, particolarmente in voga nei decenni centrali del Settecento e fino agli inizi del secolo successivo39.

18Il nostro medico trovava riposo nel comporre poesie bernesche, leggendo le quali dilettava gli altri, composizioni che il figlio definiva

  • 40 Cfr. G. Malacarne, Memorie storiche cit., p. 12.

lepidissime, piene di sali e di arguzie, con un carattere di originalità, che le faceva rapidamente trascorrere di mano in mano agli studenti, ai colleghi suoi, ed alle persone colte, sicché per la maggior parte andarono smarrite e per la gelosia con cui le custodiva chi ne diventava possessore, e per il nessun conto che ne faceva l’autore40.

  • 41 Per esempio: collesis, dal verbo greco kollavw, che significa “unire”, raphìa dal verbo greco rJavp (...)

L’erudizione si rivelava pure attraverso l’uso disinvolto e consapevole di frequenti grecismi traslitterati in latino41 oltre che da citazioni, in maniera molto disinvolta e frequente, di passi tratti dall’Ars poetica di Orazio, dal De rerum natura di Lucrezio, dalle Georgiche di Virgilio. Lo si evince da alcune lettere dell’Epistolario citato in precedenza, in cui difendendo le sue scelte lessicali meno comuni scriveva

Le metafore sono gli adornamenti della poesia; senza queste, ed altre figure tutto sarebbe prosa, come tutte semplici donne sarebbero le simili ad Eva se la bellezza e ricchezza delle vesti e la sceltezza de’ fregi non l’une nobili, e l’altre plebane dimostrasse.

Proprio su uno scenario sfuggente e complesso come quello dell’epoca di fine dei lumi risulta difficile, ma al contempo stimolante tentare di catturare le voci originali, seppur spesso attutite dal clima generale, come quella di Malacarne, per decifrarne i reali livelli di conoscenza e le prospettive epistemologiche. Vincenzo Malacarne sintetizza ed esprime con la sua esperienza di vita e di studio l’incontro tra i fermenti culturali e il gusto erudito, tra le sollecitazioni al mutamento, raccolte e rielaborate con creatività, e il soffocamento di un milieu intellettuale ancora in fieri, privo di una sua identità, di un solido appoggio, che andava allora costituendosi.

Notes

1 «Non v’à borgo, non villa e non città, / che non conti Malombra e Malatesta, / Malopra e Malaspina in quantità; / or se di tutti que’ nomi le teste / non ci fosser state, avressimo noi avute / tante e grandi buone teste!».

2 V. Malacarne, Osservazioni in chirurgia, Torino, 1784, 2 voll.

3 Ambrogio Bertrandi (1723-1786), allievo di Giovanni Bianchi a Torino, fu importante anatomista e chirurgo. Cfr. G. Malacarne, Memorie storiche intorno alla vita ed alle opere di Vincenzo Michele Giacinto Malacarne da Saluzzo, anatomico e chirurgo, Padova, 1819, p. 10: «Ambrogio Bertrandi, torinese, oratore eloquente, erudito e zelantissimo promotore di quelli tra i suoi allievi, che vedeva applicati con vero ardore allo studio della chirurgia e della notomia, della quale era profondissimo conoscitore». Cfr. A. Bertrandi, Traité des opérations de chirurgie, Nizza, 1763, 2 voll.; Id., Opere di Ambrogio Bertrandi, pubblicate e accresciute di note e di supplementi dai chirurgi Gio. Antonio Penchienati e Gioanni Brugnone, Torino, 1786-87.

4 Cfr. G. Malacarne, Memorie storiche cit., p. 10: «Poi professore di notomia chirurgica nell’università di Sassari», e p. 12: «Si dava molta premura per fargliene gustare lo studio e l’esercizio. Egli lavorava indefessamente sui cadaveri, e lo conduceva spesso nel laboratorio di anatomia, stato insieme con l’annesso teatrino dal Bertrandi fatto erigere nello spedale di S. Giovanni, e gli metteva le parti sotto gli occhi, e gli affidava gli scalpelli e gli altri strumenti dell’arte per avvezzarlo a tagliuzzare».

5 Ivi, p. 10: «Bravo fisico, uno dei fondatori dell’accademia reale delle scienze di Torino, professore di notomia nell’università». Sappiamo che sin da giovani Malacarne e Cigna si impegnarono a intraprendere a gara varie osservazioni anatomiche. Con lui poi Malacarne condusse anche pratiche di ostetricia nell’ospedale S. Giovanni.

6 Carlo Giovanni Brugnone (1741-1818), originario di Acqui, medico chirurgo e veterinario, primo direttore dell’Istituto veterinario di Torino nel 1769, divenne professore di chirurgia della città. Malacarne gli si legò fin dal primo ingresso nel collegio e tale rapporto durò finché visse il Brugnone. Cfr. C.G. Brugnone, Del varuole de’quadrupedi e degli uccelli; La mascalcia, o sia la medicina veterinaria ridotta ai suoi veri principi, Torino, 1774; Id., Trattato delle razze de’cavalli, di Giovanni Brugnone, Torino, 1781.

7 Cfr. V. Malacarne, Nuova esposizione della vera struttura del cerveletto umano, Torino, 1776; Id., Encefalotomia nuova universale, Torino, 1780; Id., Dell’esistenza e dell’influenza di diversi sistemi nell’economia animale; Divisione generale de’ sistemi, e meravigliosa estensione del sistema cutaneo, estratti da L.V. Brera, I Commentari medici, Pavia, 1798, tomo II, pp. 77-115; Id., Dell’esistenza di diversi altri sistemi nell’economia animale, dedotte specialmente da nuove osservazioni patologiche, estratti da L.V. Brera, I Commentari cit., tomo III, pp. 71-102.

8 Ciò consentì a Johann Christian Reil (1759-1813) e a Luigi Rolando (1773-1831) di procedere con ulteriori indagini sulla strada indicata dal predecessore.

9 Fra le interessanti posizioni del Malacarne, il concetto che la sostanza grigia che ricopre cervello e gangli nervosi, impartisse sentimento, moto e vita ai vari filamenti nervosi, propagandosi fino a determinare una contiguità con quella bianca. Cfr. in proposito C. Pogliano, Vincenzo Malacarne “geografo del cerebro”, “Passioni della mente e della storia”, a cura di F.M. Ferro et al., Milano, Vita e pensiero, 1992, pp. 157-169.

10 V. Malacarne, Nuova esposizione della vera struttura del cervelletto umano, Torino, 1776; Id., Encefalotomia nuova universale, Torino, 1780.

11 Malacarne pubblicò studi di neuroencefalotomia umana e comparata soprattutto negli anni 1791-92; Cfr. G. Malacarne, Encefalotomia cit., p. 89, note 40, 41, 42.

12 G. Ongaro, Cattedra di chirurgia, Vincenzo Malacarne, in S. Casellato - L.R. Sitran, Professori e scienziati a Padova nel settecento, Treviso, Antilia, 2002, p. 265.

13 V. Malacarne, Ricordi d’anatomia traumatica pubblicati ad uso dei giovani chirurghi militari di terra e di marina, Venezia, 1794.

14 Id., Tavola anatomica esprimente il cuore umano in tre figure, Torino, 1772; Id., Lettera anatomica del chirurgo Vincenzo Malacarne saluzzese presentata agli illustrissimi signori sindaco e consiglieri della città di Saluzzo, Contessa di Santa Croce intorno a due scherzi affatto singolari della natura nella conformazione e distribuzione de’tronchi arteriosi che partono dal ventricolo sinistro del cuore, Saluzzo, 1774.

15 In specifico la parte ii: «Esempi», pp. 101-201.

16 Id., Tentativi su i gozzi e sulla stupidità, che in alcuni paesi gli accompagna, Torino, 1789; Tentativo di Vincenzo Malacarne saluzzese per discoprire le cagioni della stupidità endemica, e i mezzi di preservarne i fanciulli d’alcuni borghi della valle d’Aosta, e del Piemonte, «Giornale scientifico letterario e delle arti di una società filosofica di Torino raccolto e posto in ordine da Giovanni Antonio Gioberti e dottor Carlo Giulio», 1789, suppl. tomo II, pp. 331-352; Id., Le osservazioni sopra i cretini della Valle d’Aosta esposte con lettere al sig. Malacarne dal sig. Baile, «ivi», tomo IV, 1789, pp. 58-63.

17 Sul cretinismo cfr. L. Belloni, Charles Bonnet e Vincenzo Malacarne sul cerveletto quale sede dell’anima e sulla impressione basilare del cranio nel cretinismo, «Physis», 1977, pp. 111-113.

18 Per quanto concerne il suo percorso professionale bisogna ancora ricordare che tenne per ben otto anni la direzione delle Terme di Acqui per le milizie del re di Sardegna, dal 1783 ricoprì le funzioni di chirurgo maggiore della città di Torino, poi, nel 1789, ottenne la nomina a professore di chirurgia e di ostetricia all’università di Pavia. Dopo quattro anni di insegnamento fu chiamato a occupare la cattedra di Chirurgia teorica e pratica, comprendente anche l’ostetricia, all’università di Padova (1793) e, prescindendo da un ritorno di breve durata a Torino, rimase a Padova fino alla morte, avvenuta nel 1816.

19 Cfr. V. Ferrone, La nuova Atlantide e i lumi. Scienza e politica nel Piemonte di Vittorio Amedeo III, Torino, Meynier, 2003, pp. 37-43.

20 Cfr. Id., Una scienza per l’uomo. Illuminismo e Rivoluzione Scientifica nell’Europa del Settecento, Torino, Utet, 1998, pp. 225-261 e D. Carpanetto - G. Ricuperati, L’Italia del Settecento, Bari, Laterza, 2008, pp. 373-385.

21 Ivi, pp. 69-105.

22 Ivi, pp. 132-133.

23 Cfr. P. Delpiano, I periodici scientifici nel Nord Italia alla fine del Settecento: studi e ipotesi di ricerca, «Studi storici», XXX (1989), n. 2, pp. 457-482.

24 Cfr. Id., I temi di codice storia. Gli alberi del sapere. Vecchia e nuova mappa delle conoscenze fra Settecento e Ottocento, Torino, Paravia, 2001.

25 Da quell’anno mutò sottotitolo, che da «Giornale di una società filosofica» divenne «Estratto ragionato della storia letteraria del fine del decimo ottavo secolo».

26 V. Malacarne, L’esplorazione proposta come fondamento dell’arte ostetricia da Vincenzo Malacarne saluzzese, Milano, 1791.

27 G. Ongaro, Contribuito all’epistolario spallanzaniano, «Rivista di storia della medicina», XVII (1973), n. 2, p. 166.

28 Cfr. G. Frank. Memorie I, a cura di G. Galli, Milano, Cisalpino - Istituto editoriale universitario, 2006.

29 Qui si trovava una satira mordente su Frank, di cui si descriveva il cursus honorum: inizialmente barbiere, poi chirurgo, cameriere del principe vescovo di Spira, professore senza studenti a Gottinga e poi spia in Lombardia. A indicare la vacuità dei suoi studi gli si attribuiva pure la scoperta che l’aria emessa dal sedere contenesse del gas infiammabile.

30 Cfr. G. Frank. Memorie I, cit., p. 200.

31 Tale studioso, professore a Glasgow e poi a Edimburgo, attribuì al sistema nervoso un ruolo eminente nella fisiopatologia dell’organismo, ribadendo così la tesi delle basi neuropatologiche delle malattie ed elaborando pure una teoria dello spasmo, secondo cui spasmi e atonìe, dipendevano dalla mutata eccitazione, in eccesso o in difetto, generata nel sistema nervoso da parte degli stimoli esterni.

32 V. Malacarne, Prolusio, Padova, 1797, p. 16.

33 Ivi, p. 24.

34 Id., Institutio chirurgica, Padova, 1803, p. 59.

35 Ivi, p. 78.

36 Ivi, p. 71.

37 Basti pensare al corposo fascicolo primo del mazzo 730 del fondo Malacarne, conservato all’Accademia delle Scienze, all’interno del quale abbiamo in raccolte separate documenti pergamenacei, stampe rare di libri, codici e documenti con indicazioni precise di titoli di opere da lui possedute, datate dal Quattrocento al Settecento, relative alla teologia, alla geografia, alla scienza ecc. con sistematici appunti e annotazioni di possesso, che ci permettono di avere un’idea chiara della sua ejgkuvklio" paideiva.

38 Cfr. Incipit: «Da qual immondo, velenoso seme / tragga l’origin sua, come s’aumenti / coi gravi suoi sintomi, e come acquiste / d’Idrofobia lo spaventoso nome / la cruda Rabbia, che del Mondo intero / per ogni parte, in ogni età l’umana / specie non men che la ferina salma / corrompere potio, fiera, ed atroce / incrudelìo, condusse ad aspra morte, / cantar vogli’io: / come curar meglio si possa e quali / sieno i rimedi più sicuri e certi / perché si fugga e si debelli e vinca…». Cfr. G. Zanchin - M. Panetto - F. Maggioni, L’encefalite rabida: un manoscritto inedito di Vincenzo Malacarne, in Atti del XXXVIII Congresso della Società Italiana di Neurologia (Firenze, Fortezza da Basso, 13-17 ottobre 2007), Dipartimento di Neuroscienze Università di Padova, Clinica Neurologica, pp. 1-19.

39 Non poca influenza sul genere didascalico esercitarono i poemi latini di età classica e rinascimentale e le loro traduzioni in età successiva. Modelli, per antonomasia, le Georgiche di Virgilio e il De rerum natura di Lucrezio, ritrovato nel 1417 da Poggio Bracciolini e impresso per la prima volta nel 1473. Cfr. W. Binni, Il Settecento letterario, in Storia della letteratura italiana, vol. VI: Il Settecento, Milano, Garzanti, 1968, pp. 521-522. Numerosi furono i medici che, assecondando la tendenza del secolo e accostando alla professione un evidente interesse per la letteratura, vergarono componimenti in versi sui più svariati argomenti. Cfr. G.B. Ughetti, Medici-poeti antichi e moderni, estratto da «L’Avvenire sanitario», Milano, 1929, p. 9.

40 Cfr. G. Malacarne, Memorie storiche cit., p. 12.

41 Per esempio: collesis, dal verbo greco kollavw, che significa “unire”, raphìa dal verbo greco rJavptw, che indica la cucitura, epidesis derivante da ejpivdesi" (ejpidevw) cioè “fasciatura, legatura” (cfr. Ippocrate, De articulis, 14), tomìa dal verbo tevmnw, che indica il taglio, la cesura radicale, eccopìa dal verbo ejkkovptw.

Auteur

Università di Torino

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable