Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Metamorfosi dei Lumi 6

 | 
Simone Messina
, 
Paola Trivero

Scienza medica

Jean-Jacques Rousseau e la moralizzazione dell’igiene medica

Marco Menin

Texte intégral

  • 1 Cfr. J.-J. Rousseau, Confessions, in Id., Œuvres complètes, texte établi et annoté par M. Raymond - (...)
  • 2 Observations sur la Réponse qui a été faite à son Discours, in OC, III, pp. 49-50.

1Nel secolo del trionfo della scienza esaltato da d’Alembert negli Eléments de Philosophie, Rousseau fu considerato, a partire dalla sua ribalta sulla scena culturale parigina ed europea, uno dei più acerrimi rivali del sapere scientifico. La risposta negativa data al quesito del 1750 dell’Accademia di Digione sulla questione «si le rétablissement des sciences et des arts a contribué à épurer les mœurs»1, che in poco tempo lo rese uno degli intellettuali più celebri e alla moda, forgiò infatti in maniera indissolubile un duplice pregiudizio antiscientifico: Rousseau pensa male della scienza e la conosce assai poco. Si tratta di una conclusione che non trova in realtà alcun riscontro nelle tesi, indubbiamente retoriche ma anche problematiche, sostenute nel primo Discours e che saranno smentite apertamente dallo stesso autore in numerose pagine, dalla Préface del Narcisse sino a giungere alla risposta al principe Stanislao, dove si distingue con nettezza tra l’uso delle scienze, in sé buono, e il loro pericoloso abuso: «La Science est très-bonne en soi, cela est évident, et il faudroit avoir renoncé au bon sens, pour dire le contraire»2.

  • 3 Cfr. Lettera di Voltaire a Rousseau, 30 agosto 1755, in OC, III, p. 1379.

2Ogni smentita fu tuttavia inutile. La leggenda aveva ormai preso forma e andò a rafforzarsi ulteriormente in seguito alla pubblicazione del secondo Discours, quando si affermò definitivamente l’immagine di un Rousseau primitivista che, secondo la maliziosa ironia di Voltaire, avrebbe voluto far tornare il genere umano a camminare a quattro zampe3. Tale immagine fu ripresa pochi anni dopo da Palissot, che non esitò a ridicolizzare Rousseau nell’opera teatrale Les Philosophes (1760), facendolo entrare in scena gattonando, per poi estrarre dalle tasche della lattuga e mettersi a declamare, ruminando, dei passi del Discours sur l’inégalité.

3Gli apologeti di Rousseau contribuirono non meno dei suoi detrattori, seppure con intenti diametralmente opposti, al perpetuarsi di tale “mito personale” che vorrebbe Jean-Jacques completamente estraneo alla tendenza scientifica del suo secolo. Tutti coloro che videro in lui il profeta del sentimento della natura e il precursore della sensibilità romantica – da Bernardin de Saint-Pierre a Senancour, da Chateaubriand a Goethe – misero in luce come la sua opera avesse sancito un passaggio fondamentale: dalla concezione della natura come oggetto di conoscenza a quella della natura come espressione della sensibilità. Una simile distinzione, di per sé legittima, condusse tuttavia a una vera e propria rottura, assolutamente estranea all’opera rousseauiana, tra l’aspetto letterario e quello scientifico.

  • 4 Il quinto volume delle Œuvres complètes, che raccoglie i Textes historiques et scientifiques insiem (...)
  • 5 Les Institutions chimiques sono una poderosa opera incompiuta (1206 pagine manoscritte) strutturata (...)

4Questa scissione ha caratterizzato, e per certi aspetti caratterizza tuttora, gran parte della letteratura critica la quale, per quanto riguarda il rapporto tra opera letteraria e scientifica si è limitata, quando non ha ignorato del tutto il secondo aspetto, a formule generali che restano per lo più in superficie. La più diffusa è quella che vede nella produzione scientifica di Rousseau dei mal riusciti compendi di un dilettante impreparato o degli scritti di circostanza inutili per una comprensione più profonda del suo pensiero. Questo imbarazzo di fondo si è riflesso sulla stessa pubblicazione delle opere scientifiche, tardiva e piuttosto disordinata4, e ha trovato un significativo riscontro nella scelta di escludere il più esteso scritto di tale produzione, le Institutions chimiques, dalle Œuvres complètes dell’edizione Gallimard5.

  • 6 Cfr. in particolare Jean-Jacques Rousseau et la chimie, «Corpus», n. speciale, XXXVI (1999); J.L. B (...)

5Solo in anni recenti è emersa la necessità di reinserire Rousseau nella cultura scientifica del suo tempo6. Non si tratta evidentemente né di sostenere l’esistenza di un “Rousseau scienziato”, né di paragonare la sua attività in tale ambito a quella di letterato o filosofo, ma di servirsi delle opere scientifiche per comprendere più a fondo alcuni aspetti generali del suo pensiero. La relazione reciproca tra cultura scientifica e letteraria, oltre a rispecchiare l’inesausta riaffermazione dell’unitarietà della propria opera, tipica di Rousseau, si inserisce coerentemente nella concezione del sapere degli enciclopedisti: nel celebre Système figuré des connaissances humaines che rappresenta un’appendice al discorso preliminare dell’Encyclopédie, le scienze della natura e le scienze dell’uomo sono infatti raggruppate nel dominio della filosofia. Così, lungi dallo sminuire l’originalità del pensiero rousseauiano, una più attenta analisi del suo rapporto con le scienze non può che metterne in evidenza la capacità di rielaborare in maniera del tutto personale e consapevole elementi presenti nella cultura dell’epoca.

6Tra i numerosi campi del sapere scientifico a cui egli si avvicinò nel corso della sua esistenza – dalla matematica alla chimica, dalla botanica alla cosmologia – l’arte medica sembra aver ricoperto un ruolo tanto significativo quanto misconosciuto. Nelle pagine che seguono si proverà, da un lato, a mettere in risalto la familiarità di Rousseau con le più importanti espressioni del pensiero medico contemporaneo e, dall’altro, la sua volontà d’inglobarne gli aspetti positivi nella produzione filosofico-letteraria. La stessa dottrina rousseauiana della sensibilità, pur rimanendo primariamente una costruzione etica, sembra infatti presupporre precisi ideali medici, a tal punto da potersi considerare un tentativo di moralizzazione dell’igiene.

1. «Je crois que je serais parvenu à aimer la médecine»: Rousseau l’anti-medico?

  • 7 Cfr. H. Zeiler, Les collaborateurs médicaux de l’«Encyclopédie» de Diderot et de d’Alembert, Paris, (...)

7L’interesse per il pensiero medico pervade l’intera letteratura francese del Settecento. Non solo la metafora della terapia e della cura si ritrova negli scritti di molti philosophes, impegnati a ricercare il rimedio per le patologie sociali costituite dal fanatismo, dall’ingiustizia politica o dalla superstizione popolare, ma spesso i medici ebbero un ruolo determinante nella formazione e nella diffusione di idee filosofiche, come dimostra per esempio il ruolo che svolsero nella redazione dell’Encyclopédie7.

  • 8 Confessions, in OC, I, p. 50.
  • 9 Ivi, p. 110.
  • 10 «Ainsi la botanique, la chimie et l’anatomie, confondues dans mon esprit sous le nom de médecine, n (...)
  • 11 Ivi, pp. 247-248.

8Rousseau, anche in questo caso, non pare sottrarsi all’orientamento generale del suo tempo, in quanto ebbe modo di avvicinarsi all’arte medica sin da giovane. Tra i numerosi interessi che la poliedrica figura di Madame de Warens poteva vantare, accanto alla conoscenza di «quelques principes de philosophie et de physique», va annoverato infatti anche «le goût […] pour la médecine empirique et pour l’alchimie», ereditato dal padre: oltre a preparare «des élixirs, des teintures, des baumes, des magistères»8ella non disdegnava neppure le opere teoriche. L’influsso di Maman si rivelò anche in questo caso molto forte e Jean-Jacques, poco più che adolescente, divenne un assiduo lettore del medesimo genere di testi, sino ad appassionarsene: «Je crois que je serais parvenu à aimer la médecine, si mon dégoût pour elle n’eût fourni des scènes folâtres qui nous égayaient sans cesse»9. Nonostante queste prime nozioni fossero, come ammetterà lo stesso Rousseau evocando quei tempi, alquanto vaghe e confuse10, esse contribuirono a sviluppare in lui un certo gusto per lo studio della fisiologia e dell’anatomia, sicuramente rafforzato dall’ipocondria che lo caratterizzò sin da giovane e che lo convinse di soffrire di tutti i mali à la mode dell’epoca, dai vapori al polipo al cuore: «Je ne lisais pas la description d’une maladie que je ne crusse être la mienne. Je suis sûr que si je n’avais pas été malade je le serais devenu par cette fatale étude»11.

  • 12 Un bilancio di questa letteratura è reperibile negli studi di C. Wacjman, Fous de Rousseau. Le cas (...)

9Queste particolari disposizioni personali, unite al più generale pregiudizio antiscientifico, contribuirono a deformare ulteriormente i rapporti tra Rousseau e la medicina agli occhi della posterità: per tutto il xix secolo e per buona parte del xx, tali rapporti sono stati analizzati quasi esclusivamente alla luce dell’esperienza della malattia, e l’opera rousseauiana nel suo insieme è stata oggetto di innumerevoli studi che hanno visto in essa l’anticipazione o il resoconto delle più svariate patologie: dalle malattie generali alle fobie, dalla mania persecutoria alla follia ragionante, sino a giungere a diagnosi più precise come quella che vede nell’idea del complotto la manifestazione di turbe cerebrali di origine uremica12.

  • 13 Cfr. J. Starobinski, The Illness of Rousseau, «Yale French Studies», XXVIII (1962), pp. 64-74 (ed. (...)

10Se l’inadeguatezza di una simile impostazione è stata ampiamente sottolineata nel corso del xx secolo da studiosi come Jean Starobinski, si è tuttavia giunti raramente a una effettiva riflessione sull’influsso che la letteratura medica può aver avuto sul pensiero di Rousseau13. Per quanto concerne questo aspetto, infatti, la critica è rimasta per lo più ancorata alla formula che vedrebbe in lui l’anti-médecin per eccellenza. Una simile posizione sembrerebbe effettivamente giustificata dagli attacchi, spesso feroci, che si possono ritrovare nella maggior parte degli scritti rousseauiani, a partire proprio dal Discours sur les sciences et les arts, in cui la svalutazione dell’arte medica è inserita nella generale censura delle scienze in quanto promotrici della corruzione dei costumi. Questa condanna piuttosto generica si fa molto più specifica nel secondo Discours, dove l’artificialità del rimedio medico è opposta apertamente alla natura medicatrix, unica vera fonte di guarigione:

  • 14 Discours sur l’inégalité, in OC, III, p. 139.

Avec si peu de sources de maux, l’homme dans l’état de nature n’a donc guère besoin de remèdes, moins encore de médecins […] Enfin, quelque utile que puisse être parmi nous la médecine bien administrée, il est toujours certain que si le sauvage malade abandonné à lui-même n’a rien à espérer que de la nature, en revanche il n’a rien à craindre que de son mal, ce qui rend souvent sa situation préférable à la nôtre14.

  • 15 La medesima diffidenza nei confronti dell’arte medica era già riscontrabile in M. de Montaigne, Ess (...)
  • 16 Émile, in OC, IV, p. 269.

La medicina è insomma un frutto degli errori e delle passioni sregolate della vita civilizzata, di cui le stesse malattie sono a loro volta espressione. Essa può rivelarsi inutile nella migliore delle ipotesi ma, il più delle volte, aumenterà le nostre disgrazie in quanto, sommando la paura dei mali immaginari a quelli reali15, condurrà a una vera e propria degenerazione fisica e morale. Da qui nasce «l’empire de la médecine, art plus pernicieux aux hommes que tous les maux qu’il prétend guérir»16, che sarà al centro del durissimo attacco contenuto nel primo libro dell’Émile:

  • 17 Ibid.

Je ne sais, pour moi, de quelle maladie nous guérissent les médecins, mais je sais qu’ils nous en donnent de bien funestes: la lâcheté, la pusillanimité, la crédulité, la terreur de la mort: s’ils guérissent le corps, ils tuent le courage. Que nous importe qu’ils fassent marcher des cadavres? ce sont des hommes qu’il nous faut, et l’on n’en voit point sortir de leurs mains.
La médecine est à la mode parmi nous; elle doit l’être. C’est l’amusement des gens oisifs et désœuvrés, qui, ne sachant que faire de leur temps, le passent à se conserver17.

  • 18 Ivi, p. 270.

Le conclusioni sono qui altrettanto radicali: la medicina è in ultima istanza «un art mensonger», «funeste au genre humain», incapace di arrecare giovamento sia «pour les maux de l’esprit que pour ceux du corps». Essa «use la vie au lieu de la prolonger» e, nei rari casi in cui ci riesce, lo fa comunque «au préjudice de l’espèce», sino a privare l’essere umano della capacità di vivere pienamente e morire con dignità: «Naturellement l’homme sait souffrir constamment et meurt en paix. Ce sont les médecins […] qui l’avilissent de cœur et lui font désapprendre à mourir»18.

  • 19 Cfr. in particolare M. Laignel-Lavastine, Source des idées médicales de Jean-Jacques Rousseau: Des (...)

11La violenza di queste pagine, unita all’acredine di molti passaggi degli scritti autobiografici, ha fatto spesso dimenticare le fitte relazioni che Rousseau intrattenne con i medici suoi contemporanei e il costante interesse per le loro opere che, paradossalmente, trova proprio nell’Émile la sua conferma più significativa19. Qui viene infatti chiarito il ruolo legittimo a cui l’arte medica, così pesantemente condannata, può ambire in relazione alla speculazione filosofica.

2. «La seule partie utile de la médecine est l’hygiène»: morale sensitiva e igiene morale della sensibilità

  • 20 Émile, in OC, IV, p. 269.

12Le stesse pagine del trattato sull’educazione che sanciscono la condanna dell’empire de la médecine offrono un indizio sull’uso legittimo del sapere medico: «Je n’ai nul dessein de m’étendre ici sur la vanité de la médecine. Mon objet n’est que de la considérer par le côté moral»20. Si tratta di un’affermazione molto significativa, da cui si possono trarre almeno due considerazioni. In primo luogo, essa mette in evidenza come il dato esclusivamente sensibile e fisiologico assuma rilevanza in quanto condizione indispensabile per spiegare quello morale. In secondo luogo, una simile prospettiva non implica necessariamente una condanna in toto della medicina, ma ne lascia presagire una rivalutazione che deve tuttavia passare attraverso una sua considerazione da un punto di vista etico. Rousseau sembra infatti consapevole di come la progressiva “medicalizzazione” del pensiero filosofico contemporaneo potesse condurre, e avesse già condotto, a degli esiti estremamente pericolosi, che avevano trovato un’espressione particolarmente significativa nell’Homme machine di La Mettrie del 1747, manifesto di un materialismo ateo costruito a partire proprio da premesse fisiologiche.

  • 21 Ivi, p. 271.

13Rousseau non esita così a mettere in atto un approccio etico alla medicina, sino a farsi promotore, anche se spesso in maniera implicita, di una vera e propria moralizzazione dell’igiene, che trova una sua dichiarazione programmatica nell’affermazione secondo cui «la seule partie utile de la médecine est l’hygiène; encore l’hygiène est-elle moins une science qu’une vertu»21. L’idea sottesa a tale passo, di potersi servire della dimensione fisico-fisiologica per favorire quella morale, rappresenta uno dei grandi sogni intellettuali di Jean-Jacques. Durante il soggiorno all’Ermitage del 1756, egli aveva addirittura progettato di scrivere un’opera, intitolata La Morale sensitive ou le Matérialisme du sage, nella quale si proponeva d’indagare l’influenza che gli oggetti esterni hanno necessariamente sull’interiorità a causa della natura primariamente recettiva dell’essere umano, per poi auspicare una riforma dell’animo che, invece di compiersi mediatamente attraverso prescrizioni e ordinanze razionali, si potesse compiere immediatamente grazie all’ausilio del mondo esterno:

  • 22 Confessions, in OC, I, p. 409.

En sondant en moi-même et en recherchant dans les autres à quoi tenoient ces diverses manieres d’être je trouvai qu’elles dépendoient en grande partie de l’impression antérieure des objets exterieurs, et que modifiés continuellement par nos sens et par nos organes, nous portions sans nous en appercevoir, dans nos idées, dans nos sentimens, dans nos actions mêmes l’effet de ces modifications22.

  • 23 Ibid. Per indicazioni bibliografiche sulla complessa questione della morale sensitiva mi permetto d (...)

L’obiettivo del saggio sarà allora quello di riuscire a creare «un régime extérieur qui varié selon les circonstances pouvoit mettre ou maintenir l’âme dans l’état le plus favorable à la vertu», sino a «forcer l’économie animale à favoriser l’ordre moral qu’elle trouble si souvent!»23.

  • 24 Encyclopédie ou dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers …, Paris, Briasson: Dav (...)

14Un simile progetto, incentrato sulle nozioni di remède e régime, nonché sulla volontà di far coincidere i due termini, richiama inevitabilmente la concezione contemporanea della medicina che trova, come spesso accade, una valida sintesi nell’Encyclopédie. Qui la trattazione è suddivisa tra due voci omonime, rispettivamente appartenenti all’ambito dell’arte e della scienza e a quello esclusivamente della scienza, redatte entrambe da Louis de Jaucourt. Se la prima voce, estremamente più prolissa24, rappresenta essenzialmente una ricostruzione storica dell’arte medica, la seconda, dopo aver ricordato come essa si possa definire – con esplicito riferimento a Galeno – «l’art de conserver la santé présente et de rétablir celle qui est altérée», ne presenta la suddivisione interna:

  • 25 Ivi, X, voce «Médecine (Science)», pp. 275-276. Definizioni analoghe si ritrovano nelle voci dedica (...)

Les modernes divisent généralement la Médecine en cinq parties:
1°. la Physiologie, qui traite de la constitution du corps humain, regardé comme sain et bien disposé […]
2°. La Pathologie, qui traite de la constitution de nos corps considérés dans l’état de maladie […]
3°. La Sémiotique, qui rassemble les signes de la santé ou de la maladie […]
4°. L’Hygiène, qui donne des règles du régime qu’on doit garder pour conserver sa santé […]
5°. La Thérapeutique, qui enseigne la conduite et l’usage de la diète ainsi que des remèdes, et qui comprend en même-tems la Chirurgie25.

  • 26 Scopo dell’igiene è infatti quello di «savoir quel régime est le plus utile à la vie et à la santé» (...)
  • 27 Cfr. H. Boerhaave, Institutiones medicae, 1708 (trad. francese di La Mettrie, Institutions de médec (...)
  • 28 Cfr. A. Le Camus, La Médecine de l’esprit, Paris, Ganeau, 1753, vol. I, p. 307, vol. II, p. 316; P. (...)
  • 29 Encyclopédie, X, voce «Médecine (Science)», p. 276.

In questa definizione è possibile notare l’identificazione tra igiene e regime che caratterizza anche la posizione di Rousseau26. Si tratta d’altronde di una convinzione diffusa, già sostenuta da Herman Boerhaave27 – sulla cui dottrina Jaucourt impronta apertamente l’intera voce enciclopedica – e che si ritrova in molti altri medici-filosofi come Antoine Le Camus e, agli albori del diciannovesimo secolo, Pierre-Jean-Georges Cabanis28. L’igiene viene qui inoltre esplicitamente collegata a tutto ciò che inerisce la dimensione dell’esteriorità, in quanto «elle a pour objet principalement les choses qu’on appelle non naturelles»29. In questo caso, evidentemente, il concetto di naturalezza non deve essere interpretato in opposizione a quello di artificialità ma, ippocraticamente, come inerente al corpo in opposizione a ciò che non è naturale in quanto legato all’esteriorità. È infatti nell’ambiente che vanno ricercate tutte le condizioni necessarie per il mantenimento della salute:

  • 30 Ivi, VIII, voce «Hygiène», pp. 385-386. Su tale voce, scritta da un anonimo, cfr. W. Coleman, Healt (...)

Ces choses qui existent indépendamment de la nature considérée comme puissance […] doivent cependant être regardées comme lui étant absolument nécessaires, et comme susceptibles de l’affecter avantageusement ou désavantageusement30.

Le similitudini tra questo passo e il progetto esposto nel nono libro delle Confessions sono manifeste: non solo si ritrova l’idea che l’économie animale possa contribuire al benessere umano, ma essa è messa in relazione con un ordre che, pur non essendo connotato normativamente, pare in qualche modo trascenderla. L’analogia si fa ancora più forte se si mettono a confronto nei dettagli gli elementi costitutivi dell’igiene con gli strumenti di cui si serve il saggio per indirizzare moralmente l’ordine fisico:

  • 31 Ivi, VIII, voce «Hygiène», p. 386.
  • 32 Confessions, in OC, I, p. 409.

Ces six choses sont donc 1°. l’air, et tout ce qui se trouve dans l’atmosphère, comme le feu, les météores, les exhalaisons de la terre […] 2°. La matière des aliments et de la boisson […] 3°. Le mouvement et le repos […] 4°. Le sommeil et la veille […] 5°. La matière des excrétions, celle des suppressions […] 6°. Enfin les passions de l’âme31.
Les climats, les saisons, les sons, les couleurs, l’obscurité, la lumière, les éléments, les aliments, le bruit, le silence, le mouvement, le repos, tout agit sur notre machine, et sur notre âme par conséquent; tout nous offre mille prises presque assurées, pour gouverner dans leur origine les sentiments dont nous nous laissons dominer32.

I primi cinque punti si ritrovano, quasi nello stesso ordine, anche nel brano di Rousseau, in cui soltanto l’aspetto più tecnico delle secrezioni umorali è assente, mentre l’ultimo elemento, di chiara ascendenza cartesiana, viene rielaborato in termini completamente originali. È qui infatti presupposta quella duplice declinazione della sensibilità, teorizzata nel secondo Dialogue, da cui dipende la possibilità stessa della moralizzazione dell’igiene (e, più in generale, dell’aspetto fisico) e che rappresenta uno degli elementi di più prorompente originalità dell’antropologia rousseauiana:

  • 33 Dialogues, in OC, I, p. 805.

Il y a une sensibilité physique et organique, qui, purement passive, paroit n’avoir pour fin que la conservation de notre corps et celle de notre espèce par les directions du plaisir et de la douleur. Il y a une autre sensibilité que j’appelle active et morale qui n’est autre chose que la faculté d’attacher nos affections à des êtres qui nous sont étrangers33.

La sensibilità passiva e quella attiva, identificate rispettivamente con la sensazione e con il sentimento, non sono due livelli separati, ma due aspetti della medesima facoltà. Tra di essi non solo non viene scartata l’idea di un’analogia di funzionamento, ma risulta teorizzata chiaramente persino un’influenza reciproca.

15Preciserà lo stesso Rousseau nel secondo Dialogue:

  • 34 Ivi, p. 807. Come studi generali sulla sensibilità cfr. A.M. Wilson Jr., Sensibility in France in t (...)

J. J. m’a paru doué de la sensibilité physique à un assez haut degré. Il dépend beaucoup de ses sens et il en dépendroit bien davantage si la sensibilité morale n’y faisoit souvent diversion; et c’est même encor souvent par celle-ci que l’autre l’affecte si vivement34.

  • 35 Lettera all’abate Alexandre-Louis-Benoît de Carondelet, 6 gennaio 1764, in Correspondance complète (...)
  • 36 Confessions, in OC, I, p. 409.

Alla luce di una simile concezione della sensibilità, emerge con forza la perfetta convergenza tra il riassunto programmatico delle Confessions e la volontà di una “moralizzazione” della medicina manifestata nell’Émile. In questa prospettiva si può inoltre comprendere meglio il duplice atteggiamento di Rousseau, che sarà sempre di intransigente condanna nei confronti della medicina intesa come possibilità di recuperare la salute una volta che questa è stata perduta, mentre sarà di ben più ampia apertura di fronte alla possibilità di conservare la salute stessa e prevenire il male. Questo aspetto preventivo ben s’accorda, da un punto di vista etico, con il ruolo del saggio, il cui compito consiste per l’appunto nell’«écarter la difficulté de nos devoirs»35 e dunque nel «maintenir l’âme dans l’état le plus favorable à la vertu»36. Da qui un certo interesse per la fisiologia, la quale riguarda tuttavia più la scienza in senso stretto piuttosto che la saggezza o la virtù, il netto rifiuto della patologia e della terapeutica, e la valutazione positiva dell’igiene e della semeiotica.

  • 37 Lettera a Paul-Claude Moultou, 14 febbraio 1769, in CC, XXXVII, p. 57.
  • 38 Dialogues, in OC, I, p. 855.

16La vera aspirazione rousseauiana sarà infatti sempre quella di riuscire a creare un ambiente esterno in cui finalità naturale e finalità morale possano trovare un punto di contatto sino a intersecarsi, e l’ordine sensibile e quello etico possano coincidere spontaneamente, garantendo la salute dell’anima e del corpo: «La nature entière m’en est garante. Elle n’est pas contradictoire avec elle-même; j’y vois régner un ordre physique admirable et qui ne se dément jamais. L’ordre moral y doit correspondre»37. Per questo motivo, per riprendere nuovamente un’espressione del secondo Dialogue, «le meilleur régime, tant moral que physique, est un régime purement négatif»38.

  • 39 Émile, in OC, IV, p. 282.
  • 40 Ivi, p. 247. L’educazione delle cose si affianca (seguendo una tripartizione ripresa da Plutarco) a (...)

17Gran parte dell’opera letteraria di Rousseau si può interpretare come la ricerca di questo regime negativo. Per esempio, attenendosi fedelmente ai precetti della morale sensitiva, il precettore dell’Émile impartisce al suo allievo tutte le lezioni attraverso l’ausilio dell’ambiente. Non a caso la prima condizione che egli pone per un corretto avvio del processo educativo è l’allontanamento dalla città e il trasferimento in campagna. Solo qui infatti egli sarà in grado di costruire un particolare ambiente in grado di forgiare al di fuori della società un essere umano in grado di vivere in essa. Il pedagogo non interverrà mai direttamente, ma soltanto indirettamente, predisponendo opportunamente le cose in modo da apprestare le situazioni che meglio rispondono ai bisogni d’attività dell’allievo: «Dès que l’enfant commence à distinguer les objets, il importe de mettre du choix dans ceux qu’on lui montre»39. Egli diviene così l’incontrastato maître des objets, in quanto crea un regime esterno in grado di favorire lo sviluppo del fanciullo attraverso l’apporto quasi esclusivo dell’«éducation des choses»40.

  • 41 Cfr. Encyclopédie, VIII, voce «Hygiène», p. 386.
  • 42 L’intera Nouvelle Héloïse è presentata, nella Préface dialogata, secondo il modello omeopatico per (...)

18La stessa attenzione per un regime in grado di favorire il benessere fisico e morale si ritrovava già, seppure a prima vista più dissimulata, nella Nouvelle Héloïse. In molte pagine del romanzo epistolare Rousseau sembra mettere alla prova la propria teoria della sensibilità, immortalando la reazione dell’homme sensible (Saint-Preux e Julie sono entrambi caratterizzati da una sensibilità assai spiccata) a particolari ambienti in grado d’influenzare profondamente sia le sue sensazioni sia i suoi sentimenti. Se l’obiettivo di un simile “esperimento” è indubbiamente etico, è innegabile che esso implichi un ideale medico, reso esplicito dal progetto di Wolmar di depurare l’amore-passione degli antichi amanti, in modo tale da distillarne solo gli aspetti virtuosi, eliminandone al contrario tutti gli eccessi. Il suo metodo, coerentemente con i dettami medici, consiste nello sfruttare le passioni (il sesto elemento non-naturale di cui si serve l’igiene41) per combattere le passioni stesse e riportare equilibrio nell’ordine morale turbato42. La valenza terapeutica di un simile progetto si evince dalle parole che il marito di Julie rivolge a Saint-Preux:

  • 43 Ivi, pp. 495-496.

Mes succès m’encouragerent et je voulus tenter votre guérison comme j’avois obtenu la sienne, car je vous estimais et malgré les préjugés du vice, j’ai toujours reconnu qu’il n’y avoit rien de bien qu’on n’obtînt des belles âmes avec de la confiance et de la franchise43.

  • 44 Sulla funzione di Wolmar cfr. E. Gilson, La méthode de M. de Wolmar, in Les idées et les lettres, P (...)

Se i suoi sforzi sono destinati a rivelarsi inconcludenti non è per una fallacia della teoria, ma per l’impossibilità di Wolmar di metterla in pratica: egli non conosce infatti abbastanza a fondo la sensibilità, né a livello fisico né a quello morale, per cogliere i complessi rapporti che ne regolano il funzionamento44.

  • 45 Dialogues, in OC, I, pp. 799-800.
  • 46 Ivi, p. 800.
  • 47 Ivi, pp. 809-810.

19Lo stesso nesso tra l’economia animale e l’ordine morale si ritrova nella rappresentazione autobiografica. Quando Rousseau vuole difendere Jean-Jacques agli occhi del Francese convinto delle più atroci menzogne nei suoi confronti, decide di descriverne il temperamento fisico, per mostrare come le inclinazioni morali ne derivino immediatamente: «De tous les hommes que j’ai connus celui dont le caractère dérive le plus pleinement de son seul tempérament est J.-J. Il est ce que l’a fait la nature»45. Anche in questo caso la necessità fisica, cioè la sensazione naturale, diventa la vera garanzia della moralità. Proprio il fatto che «ce tempérament […] lui à donné sa forme morale»46 fa in modo che la sensibilità di Jean-Jacques sia una sensibilità esclusivamente positiva: «Quant à la sensibilité morale, je n’ai connu aucun homme qui en fut autant subjugué, mais c’est qu’il faut s’entendre: car je n’ai trouve en lui que celle qui agit positivement, qui vient de la nature»47.

3. «Le moral a une grande reaction sur le physique»: il dinamismo morale dell’economia animale

20Questo tentativo di moralizzazione dell’igiene – incentrato sulla convinzione che il benessere morale può essere conservato attenendosi a un particolare tipo di regime (nel caso rousseauiano negativo) – rispecchia un fondamentale mutamento del paradigma medico che avvenne in quegli stessi anni, cioè il superamento dello iatromeccanicismo cartesiano. Il limite più evidente di tale impostazione apparve già ai contemporanei la sua sostanziale incapacità di risalire alla sorgente dei rapporti tra il livello fisico e quello morale, così fondamentale in Rousseau, e di ricostruirne dinamicamente le relazioni. Dalla riduzione tipicamente iatromeccanicistica dell’intera materia organica alla mera res extensa conseguiva infatti non solo l’identità dei fenomeni biologici con quelli fisici e meccanici, ma anche l’idea che l’organismo vivente e le sue funzioni potessero essere spiegati attraverso immutabili leggi a priori.

  • 48 Cfr. F. Duchesneau, La Physiologie des Lumières: empirisme, modèles et théories, The Hague-Boston-L (...)
  • 49 Cfr. S. Moravia, From “homme machine” to “homme sensible”: Changing Eighteenth-Century Models of Ma (...)

21Una messa in discussione di questi presupposti caratterizzò buona parte della medicina francese di metà Settecento, che vide affermarsi come posizione egemone il cosiddetto paradigma vitalistico, il quale poneva al centro non più il concetto di meccanismo, ma quello di organismo48. Non si trattava evidentemente di negare la centralità della prima nozione nello spiegare la fisiologia umana, quanto piuttosto di correggerla con la seconda, inserendo elementi meccanici in una struttura organica di per sé non riducibile a tali elementi. Questa operazione condusse a una vera e propria svolta nel pensiero medico, in quanto essa implicava una visione olistica e dinamica dell’essere umano, in opposizione al tentativo di spiegare la totalità del reale attraverso schemi cinematici di natura fisico-meccanica. Le ripercussioni di una simile teoria a livello morale furono altrettanto significative in quanto contribuirono, per riprendere un’immagine di Sergio Moravia, all’abbandono del modello antropologico dell’homme machine a favore di quello dell’homme sensible49.

  • 50 Cfr. H. Cheyron, Ray et Sauvages annotés par Jean-Jacques Rousseau,«Littératures», XV (1969), pp. 8 (...)
  • 51 Cfr. Confessions, in OC, I, pp. 248 sgg.
  • 52 Cfr. A.C. Vila, Beyond Sympathy: Vapors, Melancholia, and the Pathologies of Sensibility in Tissot (...)

22Una simile spiegazione dell’esistenza, incentrata sulla dinamicità della vita interiore dell’organismo, esercitò un fascino particolare su Rousseau sin dalla prima giovinezza, quando Madame de Warens si affidò, nel 1730, alle cure di François Boissier de Lacroix de Sauvages, i cui testi furono studiati e annotati da Jean-Jacques50. L’impressione che dovette ricevere da tali letture fu sicuramente positiva, a tal punto che nel 1737 egli stesso non esitò a rivolgersi ad Antoine Fizes, un altro esponente della scuola, per farsi curare un presunto polipo al cuore e solo grazie al celebre incontro con Madame Larnage evitò un pericoloso intervento chirurgico, proprio a Montpellier, per liberarsi dei vapori di cui temeva di soffrire51. La frequentazione con l’ambiente vitalistico era destinata a protrarsi: nel maggio del 1743 Rousseau seguì, in compagnia di Dupin de Francueil, il corso di chimica di Guillaume-François Rouelle, le cui lezioni ebbero un’importanza decisiva per la stesura delle Institutions chimiques. Negli anni successivi, anche grazie alla stretta amicizia con Diderot, ebbe modo di conoscere direttamente o indirettamente i massimi rappresentanti del vitalismo sino a instaurare con alcuni di loro (in particolar modo con Samuel-Auguste-André-David Tissot)52 scambi epistolari duraturi.

  • 53 E.A. Williams, A Cultural History of Medical Vitalism cit., p. 224.
  • 54 Fragments divers, in OC, II, p. 1323.
  • 55 Encyclopédie, XI, voce «Œconomie animale», p. 360. Per un’analisi di questa nozione cfr. C.T. Wolfe (...)
  • 56 Cfr. J. Starobinski, Action et réaction. Vie et aventures d’un couple, Paris, Seuil, 1999, in parti (...)

23Sarebbe tuttavia superficiale ridurre l’influsso del vitalismo a un semplice epifenomeno degli accadimenti biografici. Se il peso di questi ultimi non può essere trascurato, bisogna tuttavia ribadire come, a un livello speculativo, «the themes the vitalists shared with Rousseau were many»53, a partire dall’interdipendenza tra salute fisica e virtù morale: «Le moral a une grande reaction sur le physique et change quelquesfois jusqu’aux traits du visage»54. Due paiono essere in questa prospettiva gli aspetti del vitalismo che si ritrovano con maggior evidenza nell’opera rousseauiana: il funzionamento della sensibilità attraverso meccanismi d’azione e reazione e la centralità della nozione d’economia animale. Si tratta di due elementi intimamente correlati tra di loro, in quanto la nozione stessa d’économie animale altro non indica, stando alla definizione di Ménuret de Chambaud, che «l’ordre, le méchanisme, l’ensemble des fonctions et des mouvemens qui entretiennent la vie des animaux, dont l’exercice parfait, universel, fait avec constance, alacrité et facilité, constitue l’état le plus florissant de santé, dont le moindre dérangement est par lui-même maladie»55. Se l’economia animale nella bestia è tuttavia limitata all’azione sensoriale e alla reazione motrice, in quell’animale eccezionale che è l’essere umano c’è un raddoppiamento di tale meccanismo, che agisce non solo tra l’interiorità e l’ambiente circostante, ma anche tra la dimensione fisiologica e quella spirituale56. Per questo motivo,

  • 57 Encyclopédie, XI, voce «Œconomie animale», p. 360.

L’œconomie animale considérée dans l’homme ouvre un vaste champ aux recherches les plus intéressantes; elle est de tous les mystères de la nature celui dont la connoissance touche l’homme de plus près, l’affecte plus intimement, le plus propre à attirer et à satisfaire sa curiosité57.

Non solo in una simile teoria è postulato un nesso tra il fisico e il morale, ma è in qualche modo presupposta la possibilità, auspicata dalla morale sensitiva, di poter utilizzare il primo aspetto a favore del secondo.

24Lo stesso Rousseau non esita d’altronde a utilizzare la metafora dell’azione e reazione magnetica per mostrare la simultanea separazione e continuità tra la sensibilità fisica e quella morale, nonché per mettere in evidenza la duplice manifestazione, positiva e negativa, di quest’ultima:

  • 58 Dialogues, in OC, I, p. 805.

Sa force est en raison des rapports que nous sentons entre nous et les autres êtres, et, selon la nature de ces rapports elle agit tantôt positivement par attraction, tantôt négativement par répulsion, comme un aimant par ses pôles58.

  • 59 Essai sur l’origine des langues, in OC, V, p. 394.
  • 60 Émile, in OC, IV, p. 543.

Nell’Essai sur l’origine des langues l’intera vicenda del popolamento del globo e dei movimenti collettivi delle popolazioni veniva già spiegato attraverso la medesima interazione tra il fisico e il morale: «De cette action et réaction, viennent les révolutions de la terre et l’agitation continuelle de ses habitans»59. Persino il precettore di Émile non esita a utilizzare la stessa metafora quando si tratta d’insegnare al discepolo, ormai uomo, la difficile arte di «vivre dans le monde». Per apprenderla a fondo occorre infatti «savoir traiter avec les hommes, il faut connaître les instruments qui donnent prise sur eux; il faut calculer l’action et réaction de l’intérêt particulier dans la société civile»60. È così il dinamismo che caratterizza la sensibilità umana a rendere possibile una corrispondenza reciproca tra il fisico e il morale.

  • 61 Cfr. T. de Bordeu, Recherches sur les maladies chroniques, in Œuvres complètes de Bordeu, Paris, Ca (...)

25Pur trovando sviluppi completamente originali nell’opera di Rousseau, proprio questo nesso tra l’organizzazione fisica e l’ordine morale può essere considerato il suo debito più significativo nei confronti del vitalismo, come dimostra l’uso che della nozione d’economia animale ne fanno gli esponenti più significativi, da Théophile de Bordeu a Louis de La Caze, autore nel 1755 di uno scritto significativamente intitolato Idée de l’homme physique et moral61. Soprattutto alcune pagine di Ménuret de Chambaud paiono tuttavia avvicinabili al progetto della morale sensitiva. Egli non esita infatti a mettere in luce la necessità di un uso morale della medicina:

  • 62 Encyclopédie, XI, voce «Œconomie animale», p. 360.

La connoissance exacte de l’œconomie animale répand aussi un très-grand jour sur le physique des actions morales: les idées lumineuses que fournit l’ingénieux système que nous exposerons plus bas, pour expliquer la manière d’agir, et les effets des passions sur le corps humain, donnent de fortes raisons de présumer que c’est au défaut de ces connoissances qu’on doit attribuer l’inexactitude et l’inutilité de tous les ouvrages qu’il y a sur cette partie62.

Sino a delineare, nell’articolo «Prognostic», la figura eroica di un medico-filosofo, sotto molti aspetti identificabile con il saggio del progetto rousseauiano. Costui è infatti in grado di comprendere a fondo le più recondite motivazioni morali umane e di evitarne la degenerazione attraverso un’attenta prevenzione:

  • 63 Ivi, XIII, voce «Prognostic», p. 430.

Mais le prognostic ne seroit-il de mise qu’en Médecine? Ne seroit il pas possible par l’examen réfléchi et l’étude approfondie de l’homme moral, de former un corps de science qui roulât sur les moyens de connoître d’avance et de prévoir les actions des hommes? Un moraliste instruit ne pourroit – il pas parvenir à pénétrer assez exactement les ressorts cachés qui font mouvoir les hommes […]?63.

  • 64 Ivi, XI, voce «Œconomie animale», p. 360.

Queste suggestioni derivanti dalla letteratura medica fanno emergere il nesso fondamentale tra letteratura e scienza, nonché la necessità di tenere presente un simile nesso per la comprensione più profonda della teoria rousseauiana della sensibilità, in assonanza con la convinzione di Ménuret secondo cui «pour être bon moraliste, il faut être excellent médecin»64.

Notes

1 Cfr. J.-J. Rousseau, Confessions, in Id., Œuvres complètes, texte établi et annoté par M. Raymond - B. Gagnebin, Paris, Gallimard, 1959-95, vol. I, pp. 350-351 [nel prosieguo OC, seguito dal numero romano del volume].

2 Observations sur la Réponse qui a été faite à son Discours, in OC, III, pp. 49-50.

3 Cfr. Lettera di Voltaire a Rousseau, 30 agosto 1755, in OC, III, p. 1379.

4 Il quinto volume delle Œuvres complètes, che raccoglie i Textes historiques et scientifiques insieme a quelli sulla musica, la lingua e il teatro, è stato pubblicato solo nel 1995, più di venticinque anni dopo i primi quattro volumi.

5 Les Institutions chimiques sono una poderosa opera incompiuta (1206 pagine manoscritte) strutturata in quattro libri e in sedici capitoli, pubblicata per la prima volta da M. Gautier tra il 1918 e il 1921, nelle «Annales Jean-Jacques Rousseau». La prima edizione integrale e critica del manoscritto, a cura di C. van Staen, è di novant’anni successiva (Paris, Champion, 2010).

6 Cfr. in particolare Jean-Jacques Rousseau et la chimie, «Corpus», n. speciale, XXXVI (1999); J.L. Barona, Rousseau, la science et la santé, «Cuadernos de Filologia Francesa», 12, 2000, pp. 51-58; Rousseau et les sciences, a cura di B. Bensaude-Vincent - B. Bernardi, Paris, Harmattan, 2003; A. Cook, Idées et pratiques scientifiques dans la correspondance botanique de Jean-Jacques Rousseau, in «Annales Jean-Jacques Rousseau», XLVII (2007), pp. 265-285.

7 Cfr. H. Zeiler, Les collaborateurs médicaux de l’«Encyclopédie» de Diderot et de d’Alembert, Paris, Rodstein, 1934; P. Astruc, Les sciences médicales et leurs représentations dans l’«Encyclopédie», «Revue d’histoire des sciences», IV (1951), pp. 359-368; M. Laignel-Lavastine, Les médecins collaborateurs de l’«Encyclopédie», «ivi», pp. 353-358.

8 Confessions, in OC, I, p. 50.

9 Ivi, p. 110.

10 «Ainsi la botanique, la chimie et l’anatomie, confondues dans mon esprit sous le nom de médecine, ne servaient qu’à me fournir des sarcasmes plaisants toute la journée»: ivi, p. 180.

11 Ivi, pp. 247-248.

12 Un bilancio di questa letteratura è reperibile negli studi di C. Wacjman, Fous de Rousseau. Le cas Rousseau dans l’histoire de la psychopathologie, Paris, Harmattan, 1992; Id., Jugements de la Critique sur la “Folie” de Jean-Jacques Rousseau. Représentations et Interprétations, 1760-1990, Oxford, Voltaire Foundation, 1996.

13 Cfr. J. Starobinski, The Illness of Rousseau, «Yale French Studies», XXVIII (1962), pp. 64-74 (ed. francese in Jean-Jacques Rousseau. La transparence et l’obstacle, Paris, Gallimard, 1971, pp. 430-444).

14 Discours sur l’inégalité, in OC, III, p. 139.

15 La medesima diffidenza nei confronti dell’arte medica era già riscontrabile in M. de Montaigne, Essais, II, 12, in Œuvres complètes, a cura di A. Thibaudet - M. Rat, Paris, Gallimard, 1962, p. 470.

16 Émile, in OC, IV, p. 269.

17 Ibid.

18 Ivi, p. 270.

19 Cfr. in particolare M. Laignel-Lavastine, Source des idées médicales de Jean-Jacques Rousseau: Des Essarts et l’«Émile», «La Chronique médicale», agosto 1919, pp. 227-234; G. Rudolf, Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) and Medicine, «Sudhoffs Archiv», LIII (1969), n. 1, pp. 30-67; Id., Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) – Forefather of Naturopathy?, «Hippokrates», XL (1969), n. 12, pp. 474-479.

20 Émile, in OC, IV, p. 269.

21 Ivi, p. 271.

22 Confessions, in OC, I, p. 409.

23 Ibid. Per indicazioni bibliografiche sulla complessa questione della morale sensitiva mi permetto di rinviare a M. Menin, Sulle tracce di un’assenza ingombrante. Prospettive interpretative della «Morale sensitive» di Rousseau, «Giornale critico della filosofia italiana», 2009, vol. III, pp. 590-608.

24 Encyclopédie ou dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers …, Paris, Briasson: David: Le Breton; poi Neuchâtel, S. Faulche, 1751-65, 17 voll., voce «Médecine (Art & Science)», vol. X, pp. 260-275 [nel prosieguo Encyclopédie, seguito dal numero romano del volume].

25 Ivi, X, voce «Médecine (Science)», pp. 275-276. Definizioni analoghe si ritrovano nelle voci dedicate alla medicina del Lexicon Technicum (1704) di John Harris e della Cyclopaedia (1728) di Ephraim Chambers.

26 Scopo dell’igiene è infatti quello di «savoir quel régime est le plus utile à la vie et à la santé». Émile, in OC, IV, p. 271.

27 Cfr. H. Boerhaave, Institutiones medicae, 1708 (trad. francese di La Mettrie, Institutions de médecine, Paris, Huart & Briasson, 1740, vol. II, p. 745).

28 Cfr. A. Le Camus, La Médecine de l’esprit, Paris, Ganeau, 1753, vol. I, p. 307, vol. II, p. 316; P.-J.-G. Cabanis, Rapports du physique et du moral de l’homme (1802), in Œuvres philosophiques, a cura di C. Lehec - J. Cazeneuve, Paris, PUF, 1956, p. 459.

29 Encyclopédie, X, voce «Médecine (Science)», p. 276.

30 Ivi, VIII, voce «Hygiène», pp. 385-386. Su tale voce, scritta da un anonimo, cfr. W. Coleman, Health and Hygiene in the «Encyclopédie»: a Medical Doctrine for the Bourgeoisie, «Journal of the History of Medicine», XXIX (1974), pp. 399-421.

31 Ivi, VIII, voce «Hygiène», p. 386.

32 Confessions, in OC, I, p. 409.

33 Dialogues, in OC, I, p. 805.

34 Ivi, p. 807. Come studi generali sulla sensibilità cfr. A.M. Wilson Jr., Sensibility in France in the Eighteenth Century. A Study in Word History, «French Quarterly», XIII (1931), pp. 35-46; P. Trahard, Les maîtres de la sensibilité française au 18e siècle: 1715-1789, Paris, Boivin, 1931-33, 4 voll.; F. Baasner, Der Begriff “sensibilité” im 18. Jahrhundert. Aufstieg und Niedergand eines Ideals, Heidelberg, Carl Winter, 1988; Id., The Changing Meaning of “Sensibilité”: 1654 till 1704, «Studies in Eighteenth-Century Culture», XV (1986), pp. 77-96. Per indicazioni sui contributi più recenti si rimanda a D.J. Denby, The current State of Research on Sensibility and Sentimentalism in late Eighteenth-Century-France, «Studies on Voltaire and the Eighteenth Century», CCCIV (1992), pp. 1344-1347; G. Sauder, «Sensibilité», in Dictionnaire européen des Lumières, a cura di M. Delon, Paris, PUF, 1997, pp. 985-990; La sensibilité dans la littérature française au xviiie siècle, a cura di F. Piva, Schena - Didier Erudition, Fasano-Paris 1998.

35 Lettera all’abate Alexandre-Louis-Benoît de Carondelet, 6 gennaio 1764, in Correspondance complète de Jean-Jacques Rousseau [in seguito CC], a cura di R.A. Leigh, Genève-Oxford, Institut et Musée Voltaire - The Voltaire Foundation, 1965-98, vol. XIX, p. 13.

36 Confessions, in OC, I, p. 409.

37 Lettera a Paul-Claude Moultou, 14 febbraio 1769, in CC, XXXVII, p. 57.

38 Dialogues, in OC, I, p. 855.

39 Émile, in OC, IV, p. 282.

40 Ivi, p. 247. L’educazione delle cose si affianca (seguendo una tripartizione ripresa da Plutarco) a quella della natura, su cui non si può intervenire, e a quella degli uomini, che deve essere rigettata.

41 Cfr. Encyclopédie, VIII, voce «Hygiène», p. 386.

42 L’intera Nouvelle Héloïse è presentata, nella Préface dialogata, secondo il modello omeopatico per cui qualcosa di nocivo può essere giustificato sulla base della cura del male stesso: « N: […] Est-ce assez qu’elle aille à la source du mal? Ne craignez-vous point qu’elle en fasse? R: Du mal? A qui? Dans des temps d’épidémie et de contagion, quand tout est atteint dès l’enfance, faut-il empêcher le débit des drogues bonnes aux malades, sous prétexte qu’elles pourroient nuire aux gens sains?» (OC, II, p. 25).

43 Ivi, pp. 495-496.

44 Sulla funzione di Wolmar cfr. E. Gilson, La méthode de M. de Wolmar, in Les idées et les lettres, Paris, Vrin, 1932 (19552), pp. 275-298; R. Trousson, Le Rôle de Wolmar dans “La Nouvelle Héloïse”, in Thèmes et figures du Siècle des Lumières: mélanges offerts à Roland Mortier, a cura di R. Trousson, Genève, Droz, 1980, pp. 299-306.

45 Dialogues, in OC, I, pp. 799-800.

46 Ivi, p. 800.

47 Ivi, pp. 809-810.

48 Cfr. F. Duchesneau, La Physiologie des Lumières: empirisme, modèles et théories, The Hague-Boston-London, Nijhoff, 1982. Come studi complessivi sul vitalismo cfr. L. Dulieu, La Médecine à Montpellier, Avignon, Presses Universelles, 1975, vol. III; E.A. Williams, The Physical and the Moral: Anthropology, Physiology, and Philosophical Medicine in France, 1750-1850, Cambridge, Cambridge University Press, 1994; Ead., A Cultural History of Medical Vitalism in Enlightenment Montpellier, Burlington-Vermont, Ashgate Publishing, 2003.

49 Cfr. S. Moravia, From “homme machine” to “homme sensible”: Changing Eighteenth-Century Models of Man’s Image, «Journal of the History of Ideas», XXXIX (1978), n. 1, pp. 45-60; prima ed. it. in «Belfagor», XXIX (1974), pp. 633-648.

50 Cfr. H. Cheyron, Ray et Sauvages annotés par Jean-Jacques Rousseau,«Littératures», XV (1969), pp. 83-99.

51 Cfr. Confessions, in OC, I, pp. 248 sgg.

52 Cfr. A.C. Vila, Beyond Sympathy: Vapors, Melancholia, and the Pathologies of Sensibility in Tissot and Rousseau, «Yale French Studies», XCII (1997), pp. 88-101.

53 E.A. Williams, A Cultural History of Medical Vitalism cit., p. 224.

54 Fragments divers, in OC, II, p. 1323.

55 Encyclopédie, XI, voce «Œconomie animale», p. 360. Per un’analisi di questa nozione cfr. C.T. Wolfe - M. Terada, The Animal Economy as Object and Program in Montpellier Vitalism, «Science in Context», XXI (2008), pp. 537-579.

56 Cfr. J. Starobinski, Action et réaction. Vie et aventures d’un couple, Paris, Seuil, 1999, in particolare il cap. iii, «La vie réagissante», pp. 99-144.

57 Encyclopédie, XI, voce «Œconomie animale», p. 360.

58 Dialogues, in OC, I, p. 805.

59 Essai sur l’origine des langues, in OC, V, p. 394.

60 Émile, in OC, IV, p. 543.

61 Cfr. T. de Bordeu, Recherches sur les maladies chroniques, in Œuvres complètes de Bordeu, Paris, Caille et Ravier, 1818, vol. II, p. 806; L. de La Caze, Idée de l’homme physique et moral, pour servir d’introduction à un traité de médecine, Paris, H.L. Guérin et L.F. Delatour, 1755, pp. 91, 123 e 129.

62 Encyclopédie, XI, voce «Œconomie animale», p. 360.

63 Ivi, XIII, voce «Prognostic», p. 430.

64 Ivi, XI, voce «Œconomie animale», p. 360.

Auteur

Università di Torino