Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Metamorfosi dei Lumi 6

 | 
Simone Messina
, 
Paola Trivero

Premessa

Simone Messina

Texte intégral

1Nella Repubblica delle lettere settecentesca, convivono, condividendo una stessa visione totalizzatrice dei saperi, eruditi, scienziati, filosofi, poeti, letterati. La diffusione delle idee scientifiche nuove, a cominciare dalla teoria di Newton, si avvale dei proficui scambi che gens de lettres e gens de savoir intrattengono da una parte all’altra dell’Europa, per mezzo di opere che si attengono a uno stesso modello di scrittura. Aureolati dal prestigio di tale scrittura, i philosophes sono i nuovi eroi del secolo, maîtres à penser, oggetti di culto nelle accademie e nei salotti, come testimonia l’incoronamento di Voltaire, nel 1778.

2L’intensità degli scambi e degli scontri intellettuali raggiunge l’apogeo nel terzo quarto del secolo, quando gli sviluppi del pensiero filosofico, strettamente legati all’accrescimento dei saperi sulla natura fisica e sulla natura umana, determinano un rimodellamento radicale della visione del mondo. A una concezione dell’universo meccanicistica e cartesiana, i philosophes sostituiscono progressivamente il concetto di attività della materia e di autonomia della natura, radicalizzando il pensiero filosofico in senso materialistico. Parallellamente, i progressi in campo scientifico e l’idea dell’utilità della scienza, diffusa dall’Encyclopédie, alimentano un interesse sempre crescente per le novità scientifiche; l’entusiasmo per le scoperte e per le tecniche coinvolge tutti, dai semplici lettori di gazzette ai sovrani illuminati. Questi atteggiamenti nuovi nei confronti della realtà e del sapere erano tali da travolgere gli equilibri interni della Repubblica delle lettere, ma sono stati, di fatto, i portentosi rivolgimenti politici e culturali della Rivoluzione francese a far crollare, insieme con l’Ancien Régime, la rete degli scambi intellettuali europei e il sistema culturale che le era legato. Definitivamente incrinata, la comunità dei gens de lettres entra allora in una lunga e complessa fase di rinnovamento durante la quale si va delineando una progressiva autonomia dei diversi campi del sapere e dell’esercizio della curiosità intellettuale che caratterizzerà il secolo xix e la modernità.

  • 1 «Non seulement les sciences ont leur genre d’élégance et d’agrément, elles ont aussi leur éloquence (...)

3Gli ultimi vent’anni del Settecento e la prima decade dell’Ottocento vedono il costituirsi di specifici settori scientifici: la geologia, la chimica, la biologia, ecc.; in Francia, il campo della scienza si allarga finanche alle sciences morales et politiques nell’Institut national des sciences et des arts, creato dal Direttorio nel 1796. Ognuna di queste scienze si trova nella necessità di elaborare un linguaggio proprio, in attesa di distinguere la propria scrittura da quella delle belle lettere, come testimonia la ricerca di Cabanis di un’«éloquence propre à la science»1. Il campo della filosofia e delle lettere, pur non ancora isolato dalla scrittura scientifica, è sottoposto a diversi fenomeni di dispersione. Nascono nuovi tipi di discorso che rappresentano altrettante incrinature al monopolio delle “belle lettere”: discorso dei mediatori tra uomini di scienza e spazio pubblico, discorso della stampa periodica (il cui sviluppo è esponenziale), della pamphlettistica, della scrittura politica, dell’eloquenza rivoluzionaria, del teatro melodrammatico. La Repubblica delle lettere si configura ormai come un paradiso perduto mentre si preannuncia il mondo diviso della modernità: la fine dell’unione delle scienze, l’indipendenza totale della scienza dalla letteratura, la varietà delle modalità dello scrivere.

 

4Nato dalla riflessione collettiva all’interno di un seminario locale, il presente volume esamina alcuni aspetti dell’evoluzione culturale di questo complesso periodo di transizione tra Illuminismo e modernità. Prende le mosse dagli sviluppi della filosofia nel corso del Settecento, e considera essenzialmente, da una parte l’intricato rapporto della scienza medica con la letteratura, dall’altra l’elaborazione di una nuova identità dei letterati.

5La prima sezione del volume è dedicata alla medicina, scienza di primo piano durante il Settecento, particolarmente in Francia, e fondamento della mutazione filosofica propria di quell’intera stagione, in quanto la messa in discussione del meccanicismo cartesiano e l’evoluzione del pensiero filosofico, fino al materialismo ateo, risultano strettamente legati allo studio degli organismi viventi e all’analisi dei meccanismi fisiologici. Con il passaggio dallo iatromeccanicismo al vitalismo, la medicina è il luogo di una radicale metamorfosi epistemologica che la colloca, nel periodo preso qui in considerazione, al centro dell’immaginario filosofico e letterario. Emblematica, da questo punto di vista, la riflessione sull’ipocondria nella Germania del Settecento, per il complesso quadro scientifico e letterario che ne deriva. Sin dagli scritti scientifici di Rousseau, si delinea la nuova figura del saggio, medico-filosofo, in grado di comprendere i nessi tra fisico e morale dell’uomo e di approfondire la conoscenza dell’io, figura incarnata, alla fine del secolo, da Cabanis, fondatore di una science de l’homme che nutre l’immaginario medico-scientifico nonché letterario e politico delle due prime decadi dell’Ottocento. Da qui le indagini sui disturbi della ragione e un’attenzione concreta rivolta ai malati di mente, che preludono ai celebri lavori di Pinel. Tra scoperte d’avanguardia – elettricità, magnetismo – e medicina, si aprono inoltre altre vie; la stagione del mesmerismo, negli anni ottanta del Settecento, infiamma l’interesse del pubblico e preannuncia i lavori di Charcot sull’ipnosi. Il capitolo dedicato alla medicina si chiude, a contrario, con l’evocazione di una figura di medico che testimonia la sopravvivenza, in ambiente provinciale, del modello culturale dei Lumi.

6Segue un inserto dedicato alla musica, che ancora illustra il connubio tra pensiero scientifico, riflessione filosofica e preoccupazioni artistiche durante il Settecento, e ne sottolinea la pregnanza.

7Nella seconda parte del volume si guarda al distacco delle nuove opere letterarie dai modelli dei Lumi e alle conseguenti trasformazioni della scrittura. La separazione netta tra belle lettere e scienza, la rivendicazione del prestigio di una scrittura tutta letteraria, investita di una funzione sociale e politica, nonché dell’inarrivabile statuto morale dello scrittore, rimane isolata al caso di Vittorio Alfieri, salvo essere ripresa diversi anni più tardi, sotto altre forme. Il perdurare del legame tra scienza e letteratura si configura allora con modalità fondamentalmente diverse; un nuovo immaginario scientifico, nato dai progressi della scienza e dagli sviluppi della filosofia, apre alla letteratura spazi inediti che preannunziano la modernità romantica. Per molti poeti e scrittori, da Chénier a Novalis, l’entusiamo per le conoscenze scientifiche si muta in contemplazione dell’incommensurabile dell’universo e nella ricerca spiritualistica di un’autonoma pienezza del mondo. Oppure, sulla base della scienza medica, la scrittura sonda il mistero interiore, analizza sentimenti, passioni, il rapporto dell’io con il mondo. È questo un momento specifico dei rapporti tra scienza e letteratura prima che la scienza venga usata come ingrediente romanzesco o funga, con Balzac, da garanzia alla scrittura narrativa.

8Chiude la raccolta un’analisi del Zauberflöte di Mozart, sogno di una rigenerazione che, posto alla soglia del confine tra i due secoli, annuncia una palingenesi.

Notes

1 «Non seulement les sciences ont leur genre d’élégance et d’agrément, elles ont aussi leur éloquence, elles ont leur manière d’ébranler l’imagination»: Coup d’œil sur les révolutions et la réforme de la médecine, in Œuvres philosophiques de Cabanis, texte établi et présenté par C. Lehec - J. Cazeneuve, partie ii, Paris, PUF, 1956, p. 164.

Auteur

Università di Torino