Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Aspettando il Sessantotto

 | 
Chiarotto Francesca

Parte IV. Le culture laiche

«Tempo presente», Nicola Chiaromonte, Ignazio Silone e l’Italia

Cesare Panizza

Texte intégral

  • 1 Su «Tempo presente», cfr. Fofi - Giacopini - Nonno (2000); Donno (1978).
  • 2 Su Nicola Chiaromonte (Rapolla, Potenza 1905-Roma 1972) cfr. Bianco (1999); Giacopini (1999); La Po (...)
  • 3 Per Silone cfr. Gurgo - De Core (1998).

1«Tempo Presente»1, la rivista fondata da Nicola Chiaromonte2 e Ignazio Silone3, visse per appena un dodicennio, dal 1956 al 1968. Iniziò le pubblicazioni nell’aprile del 1956, a poche settimane di distanza dal XX Congresso del PCUS, in tempo per registrare la rivoluzione ungherese, la sua repressione ad opera dei carri armati sovietici e l’ultima avventura coloniale europea (l’intervento anglo-francese a Suez), e chiuse i battenti alla fine del Sessantotto, nei mesi della contestazione studentesca globale e del soffocamento della “primavera di Praga”. La sua esperienza è dunque racchiusa fra due annate – il ’56 e il ’68 – rimaste nella memoria storica europea come “eccezionali”. Si trattò solo fino a un certo punto di una semplice coincidenza.

  • 4 Sul Congresso per la libertà della cultura cfr. Cfr. Coleman (1989); Scott-Smith (2002); Grémion (1 (...)
  • 5 Sull’AILC, il Congresso e l’Italia sui rapporti cfr. Muraca, L’Associazione italiana per la libertà (...)
  • 6 Cfr. il carteggio inedito Silone-Chiaromonte custodito in parte presso la Fondazione Filippo Turati (...)

2Nel 1956, il progetto di una rivista italiana legata al Congresso per la Libertà della Cultura era infatti da tempo dibattuto ai vertici dell’organizzazione internazionale. Fra le prime preoccupazioni successive all’incontro di Berlino, nel luglio 1949, che di fatto istituì il Congresso, vi era stata infatti quella di dotarsi di un circuito di riviste a livello internazionale. Sarebbero così nate, nel giro di poco tempo, sull’esempio della già esistente «Der Monat» in Germania, «Encounter» in Inghilterra, «Preuves» in Francia e «Quadernos» per l’esilio spagnolo e il mondo ibero-americano4. Per estendere l’iniziativa all’Italia si preferì però attendere. Non che si dubitasse dell’anticomunismo dell’AILC, l’Associazione italiana per la libertà della cultura, ma si diffidava delle fratture riscontrabili nel mondo culturale italiano, dei continui distinguo fra situazione italiana e situazione internazionale, di una complessità di articolazioni difficile da interpretare e da governare dall’esterno, oltre che dell’antiamericanismo in fondo talvolta presente anche fra gli oppositori italiani del comunismo5. Ed è probabile che la diffidenza fosse reciproca, essendo in dubbio, fino appunto alla metà dei Cinquanta, anche per Silone e per Chiaromonte, per motivi diversi due interlocutori ineludibili del Congresso in Italia, la possibilità di svolgere sotto le sue insegne un’attività editoriale totalmente scevra da condizionamenti6. Non si voleva soprattutto sacrificare all’atlantismo del Congresso la libertà di criticare gli assetti governativi italiani e in particolare il ruolo e l’influenza delle gerarchie ecclesiastiche nel paese.

  • 7 Lettera di Nicola Chiaromonte a Ignazio Silone, Parigi, 30 ottobre 1951, conservata sia presso la F (...)

3Fu l’evoluzione degli indirizzi culturali che il Congresso conobbe in seguito alla fine della fase calda della “guerra fredda”, ossia il nuovo quadro delineatosi con la fine del conflitto coreano, la morte di Stalin e l’estinguersi del maccartismo, a creare condizioni più favorevoli alla nascita di una rivista per l’Italia. Ne era derivata infatti la definitiva archiviazione in seno al congresso della linea dell’“anticomunismo muscolare”, alla Koestler o alla Burnham, di chi cioè predicava innanzitutto la necessità di controbattere colpo su colpo alle iniziative comuniste. Si trattava di una posizione sempre fermamente respinta da Silone – già nel suo celebre discorso al congresso di Berlino – ma anche da Chiaromonte che giudicava su questa strada ci si fosse condannati a una propaganda «insopportabile ormai anche ai russi»7. Attardarsi su quella linea significava ai loro occhi compromettere gravemente le finalità per cui il Congresso stesso era nato: creare uno spazio autonomo e libero di dibattito, aperto a intellettuali delle più diverse tradizioni culturali, che risultasse attrattivo per quella intellighenzia progressista che si voleva contendere al comunismo e soprattutto per quanti al di là della “cortina di ferro” – Silone era certo non ne sarebbero mancati – avrebbero cercato solidarietà nel loro sforzo di liberazione dal totalitarismo.

4Il progetto della nuova rivista veniva poi incontro alla necessità avvertita da entrambi i futuri condirettori di disporre di un strumento di intervento e di riflessione culturale autonomo rispetto all’italiana Associazione per la libertà della cultura, ora che la nuova fase apertasi a livello internazionale prometteva di smuovere le acque anche in Italia. Nata alla fine del ’51, l’AILC nel ’55 aveva infatti già mostrato tutti i pregi e tutti i limiti di uno strumento rivolto prevalentemente agli intellettuali (e da cui molti si erano già allontanati), in difficoltà nel raggiungere un pubblico più vasto degli “addetti ai lavori”, minato probabilmente dai personalismi (in primo luogo imputabili allo stesso Silone) e assai poco duttile nel reagire ai mutamenti repentini di una situazione che si stava finalmente facendo più fluida. Inoltre essa aveva finito inevitabilmente per mostrare la tendenza a impegnarsi in polemiche che si prestavano al gioco della propaganda comunista, come era successo quando da statuto si era vietata l’iscrizione ai militanti del PCI, polemiche rispetto alle quali (e a quel minimo vitale di organizzazione burocratica che l’associazione non poteva non darsi) Silone non voleva avere le mani legate.

5Non c’è dubbio che dal 1956 al 1968 «Tempo presente» abbia rappresentato una voce autorevole nel panorama culturale italiano, mettendo in circolazione, grazie soprattutto a Chiaromonte che svolse in quegli anni una funzione spesso sottovalutata di passeur fra la cultura internazionale e l’Italia, il pensiero di importanti personalità intellettuali (Arendt, Aron, Berlin, Camus, Fejto, Morin, Milosz, MacDonald, MacCarthy oltre alla scoperta della Weil e alla riscoperta di Caffi); si avvalse di firme prestigiose del giornalismo politico italiano (Bettiza, Forcella, Gorresio) e di importanti collaborazioni internazionali, nell’ambito degli scambi fra le riviste del Congresso (Jean Daniel, Bloch-Michel, De Rougement fra gli altri), e non mancò di costituire una palestra per giovani giornalisti, saggisti e scrittori, alcuni dei quali destinati a grande notorietà (Arbasino, Sciascia, Quinzio, Zolla, Augias, Tranfaglia). Va poi certo almeno menzionato il contributo dato alla rivista dallo scrittore polacco, esule in Italia, Gustav Herling, nel mettere in contatto «Tempo presente» e il variegato mondo della dissidenza est-europea.

6Come capita spesso alle riviste di cultura, «Tempo presente» dovette moltissimo alle personalità dei suoi due direttori, legati fra loro da un rapporto personale non sempre facile, a tratti turbolento, ma profondo e di lunga data (si erano conosciuti in Svizzera nel 1934) (cfr. Soave 2005, p. 303 e sgg.; Pugliese 2009, pp. 239-50), ed entrambi estranei per formazione alle grandi correnti letterarie e filosofiche della cultura italiana del loro tempo – autodidatta sostanzialmente Silone in letteratura, anti-idealista ed anti-storicista Chiaromonte in filosofia. Ad accumunarli era poi l’origine meridionale, un retaggio vivissimo in tutti e due presente tanto nella narrativa di Silone come nella riflessione etico-politica di Chiaromonte; e, su un altro piano ancora, a un livello ancora più profondo, la comune esperienza della perdita della fede e poi di un recupero successivo, certo in forme molto diverse, della spiritualità: in forma cristiana, sebbene eterodossa in Silone, con la riscoperta di un cristianesimo originario, sotterraneo, minoritario ma inestinguibile, sempre opposto alla Chiesa fattasi istituzione, e che è il vero depositario del messaggio evangelico; in forme laiche, nel senso di riconoscere la profonda analogia che lo lega alla domanda del credente, nella ricerca della verità, in Chiaromonte.

7A guidare pur fra le turbolenze caratteriali gli orientamenti della rivista vi era quindi una sensibilità comune, su cui aveva inciso profondamente l’esperienza dell’esilio antifascista, risoltosi nel loro caso più che in altri in un processo di sprovincializzazione culturale, che li aveva resi due intellettuali cosmopoliti, entrambi “fuori posto” e a disagio al loro rientro in patria. Se ne aveva una corrispondenza precisa nel canone degli autori che sostanziava la “tradizione culturale” cui Silone e Chiaromonte ispiravano la loro impresa. Se nel numero di esordio Silone, commentando la situazione del movimento comunista dopo le rivelazione del XX Congresso si richiamava a Rosa Luxemburg, era in realtà Simone Weil il nume tutelare cui «Tempo Presente» faceva riferimento. Alla pensatrice francese i due condirettori avrebbero associato, oltre ai già richiamati Camus e Caffi, anche Tolstoj, Proudhon, Herzen, risalendo nel tempo fino a Campanella e a Gioacchino da Fiore, nel tentativo di delineare la genealogia di un socialismo umanitario, libertario e non violento, permeato di religiosità (fosse la morale evangelica siloniana o la pietas degli antichi cara a Chiaromonte) e di utopia, e coniugato, dopo la tragedia del totalitarismo, fascista e comunista, a una radicale istanza antitotalitaria.

  • 8 Pagine apparse su «Il Mondo» e altri periodici, raccolte poi in volume, con il titolo Il tempo dell (...)
  • 9 Fra i tanti testi citabili, cfr. capitolo del libro di Chiaromonte, Credere e non credere (1971), d (...)

8Era da questa tradizione e da una analisi problematica della società di massa, e della stessa modernità, vista come orizzonte storico dell’avvento dei totalitarismi, che «Tempo presente» muoveva al confronto con l’intellettualità comunista o accusata di essere accondiscendente verso il comunismo, una cifra che caratterizzò programmaticamente soprattutto i primi anni della rivista e che valse a «Tempo presente» una certa ostilità a sinistra, anche in ambienti non comunisti. Andrebbero qui richiamate le frequenti polemiche verso i cosiddetti “compagni di strada”, il cui paradigma era offerto da Jean Paul Sartre. Sono note le pagine di Chiaromonte sulla condizione di “malafede” intellettuale, in cui essi erano costretti da una contraddittoria fedeltà a quella ricerca della verità che è la funzione sociale dell’intellettuale e a un’ideologia – totale o parziale che fosse la loro adesione – inequivocabilmente fondata sulla menzogna8. O ancora andrebbe menzionata l’insistenza sulla natura religiosa del comunismo, debitrice anche delle analisi di Aron sulle religioni politiche, una lettura che interveniva a spiegarne anche il successo fra gli intellettuali. A questo nuovo episodio della trahison des clercs novecentesca che nasceva dalla sostituzione della religione con il culto della storia e dell’azione politica efficace, Chiaromonte e Silone opponevano una opera di chiarificazione intellettuale a difesa del tempo presente e dell’autonomia della coscienza individuale. Non di disimpegno dalla politica si trattava, ma di restaurare le condizioni per una cultura che non fosse né apolitica, né politicizzata. Da questo punto di vista assumeva un significato profondamente politico proprio l’opera di uno scrittore eminentemente impolitico quale Pasternak, il cui valore andava al di là della critica implicita al comunismo realizzato. Il dottor Zivago aveva infatti dimostrato eloquentemente la possibilità della coscienza di resistere anche in una società totalitaria e la forza liberatoria della letteratura, la sua capacità di essere uno strumento di comunicazione, di dialogo, il luogo virtuale in cui doveva e poteva avvenire la definizione e la diffusione di quel nuovo umanesimo cui i due direttori di «Tempo presente» aspiravano9. Ed anche, in questo senso, il luogo privilegiato in cui si manifestava la solidarietà con gli oppressi, in cui si ribadiva la siloniana «scelta dei compagni», fossero essi i “cafoni” abruzzesi o gli intellettuali dell’est privati della libertà d’espressione. Ne derivò una precisa linea editoriale, l’impegno al di là dell’opportunità di ribadire la natura oppressiva del socialismo sovietico e dei paesi satelliti, a sostenere il dissenso nei paesi dell’est, sfruttando quelle smagliature che dopo la caduta del mito di Stalin si intravvedevano nel sistema sovietico, per comunicare, innanzitutto attraverso la stessa letteratura, con quanti stessero intraprendendo un cammino di liberazione dal totalitarismo.

  • 10 N. Chiaromonte, I fatti e la cifra, in «Tempo presente», a. V, luglio 1960, pp. 541- 43 (543).
  • 11 Ibidem.

9In questo quadro va dunque collocato anche il giudizio sull’Italia. Nei suoi dodici anni di vita «Tempo presente» registrò fedelmente l’evoluzione della situazione italiana, con un approccio solo apparentemente distaccato – e peraltro nutrito al tempo stesso di sconforto e disincanto – nel complesso poco interessato all’attualità politica. Per quanto naturalmente va registrato come su questo aspetto vi fosse un certo scarto fra l’Agenda di Silone che apriva quasi ogni numero della rivista, e la Gazzetta di Chiaromonte che invece lo chiudeva. Non era un atteggiamento dettato solo dalla natura dello strumento di cui essi disponevano, ma assunto in coerenza con l’impostazione di fondo della rivista; con la convinzione che la dimensione nazionale non fosse più sostanzialmente adeguata alla comprensione dei cambiamenti in corso e con quella altrettanto radicale, secondo la quale le uniche battaglie politiche che dovessero realmente mobilitare gli intellettuali fossero quelle che investivano direttamente la libertà di coscienza e con essa la natura della democrazia italiana. Su quest’ultima il giudizio era sostanzialmente negativo: l’Italia a poco più di dieci anni dalla fine della dittatura fascista appariva una società arretrata, ostaggio di antiche fratture e lacerazioni, fra cui la più grave era quella rappresentata dalla sorda ostilità ancora esistente fra governanti e governati, da cui discendeva una vera e propria ossessione delle classi dirigenti italiane per l’ordine pubblico. Ciò era «dovuto al carattere che non ha mai cessato di avere in Italia il rapporto fra Stato e cittadini: rapporto di paura, di odio e di disprezzo reciproco, ciascuno nella convinzione della propria debolezza rispetto all’altro. Perciò, da una parte e dall’altra, quel che cova sotto le apparenze della normalità (l’ordine pubblico) è una violenza senza lume e senza scopo: la violenza dei tumulti e delle repressioni. Paese torpido e bonario, l’Italia è anche un paese violento e caotico, perché non è mai stato governato ragionevolmente e non si è mai lasciata crescere pacificamente la fiducia nella lotta politica normale»10. «Governo ragionevole» e «fiducia nella lotta politica normale» erano condizioni che la giovane Repubblica, governata da un partito cattolico «che prende sostanzialmente i propri orientamenti da una gerarchia ecclesiastica che governa la Chiesa con le armi della politica e la politica con gli strumenti della religione»11 era ben lontana dal potere assicurare. In un contesto siffatto, di «irresponsabilità della politica» e per molti versi segnato da una netta continuità con il passato, si stava invece producendo una clamorosa trasformazione dell’economia e della demografia del paese, ai cui effetti – soprattutto sul piano della mentalità collettiva – Chiaromonte e Silone guardavano con preoccupazione crescente.

10A impressionarli era la rapidità di quel processo: nel lasso di poco più di una generazione veniva ad estinzione una plurimillenaria civiltà contadina. Non era però per conservatorismo o per una preoccupazione estetica che l’autore di Fontamara, il quale peraltro conosceva assai bene la miseria e la fatica di quel mondo rurale che andava scomparendo, si mostrava tanto turbato del diffondersi, come aveva potuto notare anche fra i suoi compaesani abruzzesi, di modelli comportamentali, aspettative personali e propensioni al consumo radicalmente contrastanti con antichissime (e venerabili) tradizioni. Non si voleva infatti negare alla prima generazione di italiani cui ne era data la possibilità, di approdare a condizioni materiali di vita più dignitose e meno disagiate; o di accedere per la prima volta a “consumi” non strettamente indispensabili. Era la rapidità e la violenza con cui quelle aspirazioni avevano soppiantato completamente altri valori, sostituendo il tradizionale spirito solidaristico comunitario con la ricerca dell’effimero e con lo spirito di emulazione (e la vergogna per la miseria), a preoccuparlo.

  • 12 I. Silone, Gare meschine, in «Tempo Presente», a. IV, marzo 1959, pp. 174-75 (175).

11«I poveri s’arrangiano in tutti i modi per scimmiottare i ricchi. In occasione di eventi famigliari, come un matrimonio o una prima comunione, la gara per le spese inutili ed effimere tra le famiglie più povere assume spesso forme pazzesche: cartoncini a stampa per la partecipazione, fotografo, ricordini con fotografia, banchetti con molte decine di invitati, mentre in casa manca il necessario. La preoccupazione maggiore è: non passare da poveri. La povertà è diventata un’onta»12.

12Il benessere, la sicurezza economica finalmente e faticosamente raggiunta, non sembravano dischiudere infatti ai lavoratori un orizzonte di maggiore libertà. Anzi ne sembrava compromessa anche quella dignità nella povertà e nella semplicità che nel passato aveva invece alimentato il desiderio di elevazione morale e sociale alla base dello stesso movimento socialista.

  • 13 N. Chiaromonte, Dolce vita e sonni agitati, in «Tempo presente», a. V, febbraio-marzo 1960, pp. 151 (...)
  • 14 Id., Censura e opinione, in «Tempo presente», a. V, novembre 1961, pp. 841-42 (841).

13Nel complesso, per Chiaromonte e Silone, non si trattava solo di correggere uno sviluppo che non sembrava in grado di risolvere gli storici squilibri territoriali del paese o di promuovere durevolmente, magari attraverso una politica che privilegiasse gli investimenti pubblici piuttosto che i consumi privati, una maggiore equità sociale. La questione che premeva loro era un’altra. Era come se la società «avesse rotto gli argini, e trascinasse nel suo straripare tradizione e ideologie, costumi e istituzioni. Mentre vanno con essa alla deriva, chierici e laici, borghesi e popolani, intellettuali e politici, continuano a dormire, chiuso ognuno nel proprio mondo privato, un sonno agitato da visioni incoerenti»13. Si potrebbe dire che a dissolvere in Italia il mondo sociale tradizionale nell’indistinto della società industriale di massa fosse per loro un processo di modernizzazione senza una reale secolarizzazione. In questo modo, un passaggio problematico in tutto il mondo sviluppato, il pieno dispiegarsi della dimensione di massa del vivere associato che ora assumeva l’ambiguo sembiante della «civiltà dei consumi», rischiava in Italia (ma in fondo anche in altri paesi occidentali) di avvenire in forme più insidiose che altrove. Se infatti ovunque – all’ovest come all’est, dove però si sommava al totalitarismo politico – la spinta all’omologazione e al conformismo risultava irresistibile per l’individuo, essa era tanto più grave in un paese come l’Italia, storicamente vocato al pensiero monista. Contrariamente all’esperienza anglosassone, il passaggio alla società di massa, sostanzialmente avviatosi negli anni della dittatura fascista, stava avvenendo in Italia nell’assenza di una “tradizione” radicata di resistenza della società e degli individui alle forze omologatrici messe in moto dalla modernità, lo Stato con i suoi apparati burocratici, legittimati ora dagli sviluppi del welfare state, verso il quale non mancavano gli accenti critici, e l’economia industriale (fosse essa di mercato o pianificata), con la sua necessità di standardizzare produzione e consumi. In termini politici era cioè avvenuto molto prima che si radicasse nel paese il riconoscimento del pluralismo come valore a garanzia dell’intangibilità di una sfera minima di autonomia per l’individuo e la società. O per dirla con Chiaromonte che l’Italia cessasse di essere un paese «dove la libertà è usufruita, ma non è difesa da nessuno, dove vige in sostanza la possibilità di fare ciò che pare e piace pur sapendo di trovare un unico limite nell’arbitrio dei pubblici poteri»14.

  • 15 Id., Il punto morto, in «Tempo presente», a. X, marzo 1965, pp. 67-69 (68).

14Da qui generavano le difficoltà della giovane democrazia italiana, una democrazia incompiuta, giacché animata da forze politiche riluttanti a riconoscere proprio nel pluralismo il fondamento di un sistema politico democratico ed inclusivo. Democratici sono infatti quei paesi dove «la classe politica nel suo insieme ha rinunciato una volta per sempre a imporre alla collettività una determinata e particolare concezione della vita associata e deciso una volta per sempre di trattare unicamente di leggi più o meno buone o più o meno giuste, caso per caso e in linea di fatto. Ora, questa è appunto la rinuncia e questa la decisione cui la classe politica italiana, partitamente e nel suo insieme, non è ancora addivenuta»15 .

  • 16 I. Silone, Democrazia cifrata, in «Tempo presente», a. V, aprile 1960, pp. 201-203.
  • 17 Cfr. Id., Apparati di partito e democrazia, a. III, novembre 1958, pp. 883-86 che diede avvio alla (...)

15Lo dimostrava la pretesa dei partiti di massa di assumere in sé ogni possibile articolazione del sociale, per Silone e Chiaromonte frutto non della necessità di assolvere una funzione pedagogica in senso democratico, quanto della volontà di soffocare sistematicamente ogni singolo fermento autonomo della società. Non vi erano dunque argini robusti in Italia alle patologia che la politica e la democrazia andavano conoscendo ovunque in funzione dello sviluppo economico e dell’avvento della società del benessere. Quella patologia per descrivere la quale Silone e Chiaromonte presero a scrivere di “democrazia cifrata” (formula introdotta da Silone a commento della nascita del governo Tambroni)16 o di “democrazia macchinale”, caratterizzata da un linguaggio oscuro, finalizzato a occultare piuttosto che a chiarificare presso l’opinione pubblica il dibattito politico, elaborato in maniera assai poco trasparente dagli apparati dei grandi partiti di massa, con i quali nel corso degli anni Silone avrebbe sovente polemizzato, accusandoli di espropriare i cittadini delle istituzioni democratiche17. I partiti di massa sarebbero così stati oggetto sulle pagine della rivista delle salaci annotazioni di Gorresio e Forcella, fra i più assidui collaboratori di «Tempo presente», cui i due direttori avevano affidato il compito di registrare l’evoluzione della politica italiana, soffermandosi più sul costume politico, prima che sulle formule di governo.

  • 18 N. Chiaromonte, Riflessioni su una crisi, in «Tempo Presente», a. VII, novembre 1962, pp. 769-75 (7 (...)

16Mentre Silone riconduceva la degenerazione della politica alla diffusione della forma partito bolscevica, Chiaromonte riportava la sua riflessione della «democrazia macchinale» all’orizzonte di una società non più antropomorfa, retta da leggi imperscrutabili, meccaniche, non più commisurabili a finalità umane. In questo quadro non solo i singoli cittadini erano privati della possibilità di comprendere razionalmente le decisioni politiche, ma gli stessi uomini politici sembravano assumerle come se fossero ormai divenuti prigionieri di meccanismi su cui non possono esercitare una qualche direzione. Ne discendeva «uno straniamento fra governanti e governati che le finzioni del linguaggio ufficiale e le fabbricazioni dei mezzi di comunicazione di massa non riescono a sanare. Sicché non possiamo neppure dire che l’azione degli uomini di stato è assurda, ma solo che ubbidisce a una necessità la cui legge rimane nascosta»18.

17Simili convinzioni rafforzavano il disinteresse più che il disprezzo per la politique politicienne insieme alla diffidenza e alla riluttanza per ogni diretta compromissione degli intellettuali con la politica. Ne risultava la convinzione essi dovessero ingaggiare innanzitutto una battaglia culturale, prestando attenzione soprattutto alle trasformazioni profonde della società. Trova qui spiegazione per esempio lo scarso entusiasmo con cui Silone e Chiaromonte accolsero l’esperimento del centro-sinistra, vissuto come un’operazione che rispondeva innanzitutto alle logiche dei vertici dei partiti, e al contrario l’impegno strenuamente profuso nelle battaglie relative ai diritti civili, a partire da quello all’obiezione di coscienza, dalla lotta contro l’ingerenza delle gerarchie ecclesiastiche e per la laicità, a quella contro la censura e a sostegno della piena libertà di espressione.

  • 19 Id., Censura e opinione, in «Tempo Presente», a. VI, novembre 1961, pp. 842-43 (842).
  • 20 I. Silone, Cronache della steppa, in «Tempo Presente», a. IV, marzo 1959, pp. 173-74 (173).
  • 21 N. Chiaromonte, Dura lex. morale soffice, in «Tempo Presente», a. XI, marzo-aprile 1966, pp. 2-4.
  • 22 Per quanto concerne Chiaromonte, cfr. Chiaromonte (2009).

18Non tutto infatti era perduto, in Italia, per Silone e per Chiaromonte, giacché nell’informe «società italiana […] vi sono fermenti e possibilità. Miracolo o non miracolo, l’Italia sta cambiando, e non per diventare papalina o sovietica. Quel che manca è la coscienza del cambiamento, la visione ferma dell’avvenire, la volontà che sia così e non altrimenti. Mancano i “pazzi” già invocati da Francesco De Sanctis, a riscatto della morta e mortifera “saviezza” degli italiani»19. Non senza una certa ambivalenza, dunque, alcune di quelle stesse trasformazioni nella mentalità e nei costumi indotte dalla società industriale potevano a loro giudizio rappresentare un terreno di contraddizione per le due “chiese” – la cattolica-democristiana e la comunista – egemoni nel paese. Se ne coglievano i segni nei casi di anticonformismo – nelle rivendicazioni di autonomia – che si andavano producendo qua e là, soprattutto ma non esclusivamente negli ambienti cattolici, messi in positivo fermento dalla straordinaria apertura verso il mondo rappresentata dal Concilio vaticano II e dalla figura di Giovanni XXIII. Di queste esperienze «Tempo Presente» si mise alla ricerca e in ascolto, cercando di documentarle e sostenerle. Ne sono una testimonianza le pagine di Silone dedicate, per rimanere alle figure più note, a Danilo Dolci, a Don Milani («buon cristiano all’antica che ha preso sul serio la sua vocazione sacerdotale»)20, a padre Ernesto Balducci. Più in generale, l’evidenza di quei cambiamenti in corso era offerta dall’irrequietezza dei giovani, sempre più insofferenti verso un “autoritarismo” così chiaramente contrastante tanto con i valori democratici, come con il modello culturale implicito nella società del benessere. Anche in questo caso, la rivista registrò con attenzione partecipe come ogni qualvolta vi fosse una “questione di libertà” i giovani in Occidente avessero rotto la loro presunta apatia politica scuotendo «l’inerzia politica» caratteristica del secondo dopoguerra: l’esperimento Tambroni in Italia, la guerra d’Algeria con i casi di obiezione di coscienza in Francia, le campagne per i diritti civili negli USA, quindi la contestazione alla guerra del Vietnam. In Italia, il segnale più rilevante fu però rappresentato dalla vicenda della «Zanzara»: nella rivendicazione di libertà e di responsabilità personale nella sfera sessuale e affettiva che il giornale studentesco aveva documentato, Chiaromonte e Silone avevano visto affiorare un cambiamento di mentalità, un atteggiamento modernamente “laico” verso la società e la politica, un viatico all’esaurirsi della presa esercitata sulla società italiana dai partiti di massa e dai loro sistemi ideologici21. Il privilegiare le trasformazioni culturali piuttosto che quelle politiche e l’attenzione alle loro dinamiche transnazionali, nonché la stessa analisi della società e della cultura di massa portata avanti dal periodico, valsero dunque a Silone e Chiaromonte la capacità di cogliere dunque per tempo le avvisaglie del Sessantotto, salvo però quando il movimento studentesco assunse le caratteristiche di una “contestazione globale” non risparmiargli critiche, che poterono apparire all’epoca feroci, ma che furono tutt’altro che dettate da un riflesso “conservatore”22.

19«Tempo presente» cessò le pubblicazioni del resto proprio in quell’ anno. La sua fine è giustamente da mettersi in relazione con il noto scandalo dei finanziamenti della CIA, per tramite di alcune fondazioni americane, al Congresso per la libertà della cultura, emerso, in contemporanea all’inizio della guerra del Vietnam (rispetto alla quale molte delle voci di punta del Congrés, e «Tempo presente» fra queste, furono fortemente critiche). Vale però ricordare che la rivista già da alcuni anni viveva vita assai stentata dal punto di vista finanziario (nonostante il sostegno del Congresso) ed organizzativo, risentendo di un logoramento della sua formula editoriale, evidente almeno a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, che si tradusse in nuove e più frequenti difficoltà nei rapporti di collaborazione fra Silone e Chiaromonte, giunti, nel ’64, all’orlo di una clamorosa rottura. È qui l’origine di quella disaffezione dello scrittore abruzzese verso «Tempo Presente» emersa proprio in occasione delle rivelazione sulla natura dei suoi finanziamenti che lo convinse a desistere dal tentativo di tenere in vita un’impresa editoriale, che sentiva screditata e che era indubbiamente rapidamente invecchiata, mentre Chiaromonte cercava senza successo un nuovo editore che si facesse carico di continuarla, dopo il forfait di Bompiani, onde poter riscattare la propria immagine di intellettuale autonomo dalla non desiderata compromissione con la CIA.

Bibliographie

Aa. Vv. (2011), Nicola Chiaromonte nel tempo della malafede, in «Lo Straniero», vol. XV, n. 134-35.

Adamo, Pietro (2002), «La prima cosa è dire no!»: Nicola Chiaromonte tra ragione, storia e utopia, in Dedicato a Nicola Chiaromonte nel trentennale della morte, in «Quaderni dell’Altra tradizione», Una città, Forlì.

Bianco, Gino (1999), Nicola Chiaromonte e il tempo della malafede, Lacaita, Manduria-Bari-Roma.

Chiaromonte, Nicola (1971), Credere e non credere, Bompiani, Milano.

– (2009), La rivolta conformista. Scritti sui giovani e il ’68, a cura di C. Panizza, Una Città, Forlì.

Coleman, Paul (1989), The Liberal Conspiracy. The Congress for Cultural Freedom and the Struggle for the Mind of Postwar Europe, Free Press, New York.

Craveri, Pietro (1980), Nicola Chiaromonte, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 24, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, p. 600.

Craveri, Pietro - Quagliariello, Gaetano (2004), L’Antiamericanismo in Italia e in Europa nel secondo dopoguerra, Rubbettino, Soveria Mannelli.

Donno, Antonio (1978), La cultura americana nelle rivista italiane del dopoguerra: “Tempo presente” (1956-1968), Milella, Lecce.

Fofi, Goffredo - Giacopini, Vittorio - Nonno, Monica (a cura di) (2000), Nicola Chiaromonte, Ignazio Silone. L’eredità di «Tempo presente», Fahreneit 451, Roma.

Giacopini, Vittorio (1999), Nicola Chiaromonte: una solitudine senza isolamento, in Id., Scrittori contro la politica, Bollati Boringhieri, Torino.

Grémion, Paul (1995), Intelligence de l’anticommunisme. Le Congrès pour la liberté de la culture à Paris, Fayard, Paris.

Gurgo, Ottorino - De Core, Francesco (1998), Silone. L’avventura di un uomo libero, Marsilio, Venezia.

La Porta, Francesco (2007) Le evidenze del mondo. Nicola Chiaromonte (1905-1972), in Maestri irregolari, Bollati Boringhieri, Torino.

Menozzi, Daniele - Moretti, Mauro - Pertici, Roberto (2006), Cultura e libertà: studi di storia in onore di Roberto Vivarelli, Edizioni della Normale, Pisa.

Pugliese, Stanislao G. (2009), Bitter Spring. A life of Ignazio Silone, Farrar, Strauss and Giroux, New York.

Saunders, Francis Stonor (2004), La guerra fredda culturale. La CIA e il mondo delle lettere e delle arti, Fazi, Roma; ed. or. Who paid the piper? The CIA and the cultural Cold War, Granta Books, London 2000).

Scott-Smith, Giles (2002), The Politics of Apolitical Culture. The Congress for Cultural Freedom, the CIA and Post-War American Hegemony, Routledge, London-New York.

Soave Sergio (2005), Senza tradirsi, senza tradire. Silone e Tasca dal comunismo al socialismo cristiano (1900-1940), Nino Aragno Editore, Torino.

Notes

1 Su «Tempo presente», cfr. Fofi - Giacopini - Nonno (2000); Donno (1978).

2 Su Nicola Chiaromonte (Rapolla, Potenza 1905-Roma 1972) cfr. Bianco (1999); Giacopini (1999); La Porta (2007), e Adamo «La prima cosa è dire no!»: Nicola Chiaromonte tra ragione, storia e utopia, in Dedicato a Nicola Chiaromonte nel trentennale della morte, in «Quaderni dell’altra tradizione» (2002), Una Città, Forlì, 2002.

3 Per Silone cfr. Gurgo - De Core (1998).

4 Sul Congresso per la libertà della cultura cfr. Cfr. Coleman (1989); Scott-Smith (2002); Grémion (1995); Saunders (2004).

5 Sull’AILC, il Congresso e l’Italia sui rapporti cfr. Muraca, L’Associazione italiana per la libertà della cultura: il “caso italiano” e il Congress for Cultural Freedom, in «Storiografia», a. XI, 2007, pp. 139-160; P. Carlucci, «Tempo presente» (1956-1968) e il Congress for Cultural Freedom: alcuni appunti per la storia di una rivista, in Menozzi - Moretti - Pertici (2006), pp. 453-78; Capozzi, L’opposizione all’antiamericanismo: il Congress for Cultural Freedom e l’Associazione italiana per la libertà della cultura, in Craveri - Quagliariello (2004), pp. 325-51.

6 Cfr. il carteggio inedito Silone-Chiaromonte custodito in parte presso la Fondazione Filippo Turati di Firenze (Fondo Ignazio Silone, Corrispondenza Silone-Chiaromonte), in parte presso la Beinecke Rare Book and Manuscript Library dell’Università di Yale (Nicola Chiaromonte Papers, GEN MSS 113, Series 1, Outgoing Correspondance, Box 4, Folder 129, Silone Ignazio/ 1935-1968).

7 Lettera di Nicola Chiaromonte a Ignazio Silone, Parigi, 30 ottobre 1951, conservata sia presso la Fondazione Filippo Turati di Firenze (Fondo Ignazio Silone, Corrispondenza Silone-Chiaromonte) sia presso la Beinecke Rare Book and Manuscript Library di Yale (Nicola Chiaromonte Papers, GEN MSS 113, Series 1, Outgoing Correspondance, Box 4, Folder 129, Silone Ignazio/ 1935-1968 [1 of 4 folders]).

8 Pagine apparse su «Il Mondo» e altri periodici, raccolte poi in volume, con il titolo Il tempo della malafede, edito dalla Associazione Italiana per la libertà della Cultura nel 1953.

9 Fra i tanti testi citabili, cfr. capitolo del libro di Chiaromonte, Credere e non credere (1971), dedicato allo scrittore russo, Pasternak fra la natura e la storia (p. 161 e ss).

10 N. Chiaromonte, I fatti e la cifra, in «Tempo presente», a. V, luglio 1960, pp. 541- 43 (543).

11 Ibidem.

12 I. Silone, Gare meschine, in «Tempo Presente», a. IV, marzo 1959, pp. 174-75 (175).

13 N. Chiaromonte, Dolce vita e sonni agitati, in «Tempo presente», a. V, febbraio-marzo 1960, pp. 151- 55 (155).

14 Id., Censura e opinione, in «Tempo presente», a. V, novembre 1961, pp. 841-42 (841).

15 Id., Il punto morto, in «Tempo presente», a. X, marzo 1965, pp. 67-69 (68).

16 I. Silone, Democrazia cifrata, in «Tempo presente», a. V, aprile 1960, pp. 201-203.

17 Cfr. Id., Apparati di partito e democrazia, a. III, novembre 1958, pp. 883-86 che diede avvio alla serie di articoli su questi temi.

18 N. Chiaromonte, Riflessioni su una crisi, in «Tempo Presente», a. VII, novembre 1962, pp. 769-75 (772).

19 Id., Censura e opinione, in «Tempo Presente», a. VI, novembre 1961, pp. 842-43 (842).

20 I. Silone, Cronache della steppa, in «Tempo Presente», a. IV, marzo 1959, pp. 173-74 (173).

21 N. Chiaromonte, Dura lex. morale soffice, in «Tempo Presente», a. XI, marzo-aprile 1966, pp. 2-4.

22 Per quanto concerne Chiaromonte, cfr. Chiaromonte (2009).

Auteur

È dottore di ricerca in Storia delle società contemporanee (Università di Torino). Ha curato due volumi di scritti di Nicola Chiaromonte, La rivolta conformista. Scritti sui giovani e il Sessantotto (2009) e Fra me te la verità. Lettere a Muska (Fondazione Lewin-Una Città di Forlì). Ha curato un’antologia gobettiana sul fascismo (Piero Gobetti, L’autobiografia della nazione, ARAS, 2016) e sta curando un volume di scritti politici di Luigi Einaudi. Sta ultimando una biografia di Nicola Chiaromonte di prossima pubblicazione per Donzelli.