Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Aspettando il Sessantotto

 | 
Chiarotto Francesca

Parte IV. Le culture laiche

L’area della sinistra democratica laica

Paolo Soddu

Texte intégral

1Per area della sinistra democratica laica si intende l’insieme di culture, di atteggiamenti, di posizioni, di sguardi dei democratici di derivazione risorgimentale, degli eredi del radicalismo e del liberalismo di sinistra, e delle componenti della stagione del Partito d’Azione non confluite nelle formazioni del movimento operaio.

  • 1 Per un sguardo di insieme, Ridolfi (2008).

2La galassia eterogenea appariva sospesa tra impulsi individualistici ed elitari della politica, ricerca di un rapporto più sereno e meno totalizzante tra politica e società, secondo la lezione di metodo del Partito d’Azione, e presa d’atto di una connotazione della modernità intrisa di capacità di fare i conti con la dimensione di massa assunta nel Novecento dai modi dello stare insieme e quindi dell’organizzazione politica. Contava inoltre su forze che, per quanto minuscole, avevano però radici nel partito di massa ottocentesco1, sebbene le loro componenti più secolarizzate ambissero a una dimensione postideologica. L’area aspirava al compimento con rapide tappe della secolarizzazione politica in un paese nel quale, per tante ragioni che affondavano nel passato e nel presente, i partiti avevano la fisionomia di religioni politiche (Gentile 2001), sopraffatti dopo la prima guerra mondiale dal partito totalitario e poi risorti dopo la caduta della dittatura, recando con sé l’eredità di una struttura pesante, i partiti delle tessere, come li ha definiti Giorgio Galli (Galli 1975, pp. 305 sgg).

3Partito delle tessere era il PRI (Spinelli 1998; Balzani 2006, pp. 247 sgg.), delle minute formazioni laiche la più radicata, alle prese negli anni Cinquanta con l’inizio di un contrastato tentativo di revisione culturale (Soddu 2009, pp. 225 sgg.). Sul suo vecchio tronco sviluppatosi entro un liberismo di primo Novecento, si era infatti cercato di innestare un impianto keynesiano, imprescindibile del proprio disegno strategico. Una delle espressioni di questa innovazione fu «Nord e Sud», la rivista diretta da Francesco Compagna (d’aponte 2012), che elaborò un meridionalismo democratico inserito nelle culture dell’Occidente del quale il Sud era parte integrante. Questo indirizzo pareva simile alle norme programmatiche della Costituzione, secondo la celebre sentenza della Corte di Cassazione del febbraio 1948: era infatti molto più arduo da realizzare rispetto alle attese (Battaglia 1955, p. 385; Soddu 1998, pp. 65-66). E ciò non solo per la guerra fredda internazionale, ma anche perché essa ebbe all’interno caratteri che sintetizzavano un conflitto che aveva accompagnato tutta la vicenda unitaria. Soltanto a metà Novecento il paese aveva conosciuto la legittimazione, per quanto ricca di ombre e di sospetti reciproci, della rappresentanza di tutti e quindi una convivenza democratica e pluralista.

4Nel caso del PRI, l’identitario partito della repubblica personificato da Randolfo Pacciardi (Palma 2012), con il fardello di irrigiditi antisocialismo e anticomunismo che lo contrassegnava, guardava a un modello di coabitazione fondamentalmente escludente. Il partito della democrazia istituzionale, coltivato da Ferruccio Parri (Polese Remaggi 2004), da Ugo La Malfa e da quanti li avevano seguiti dopo il Partito d’Azione, tentava di salvaguardare e di sviluppare, nelle condizioni date e nei modi in cui era possibile, i germogli che parevano avvizziti e che erano la sostanza inclusiva del progetto della rivoluzione democratica. Quelli che a ben guardare erano due partiti, dopo le defezioni di Zuccarini e Parri in dissenso sulla «legge truffa», convissero forzatamente, separati come erano sul nodo decisivo: l’indirizzo da imprimere all’evoluzione del paese. Ciò non significava infatti solo estendere l’integrazione positiva al PSI o al contrario protrarne l’esclusione, ma riguardava la fisionomia del paese, a cominciare dalle politiche economiche atte a trasformare o a conservare. Pertanto, agli inizi degli anni Sessanta e di fronte alla realizzazione dell’obiettivo sistemico del pieno coinvolgimento del PSI e delle conseguenti aspirazioni riformatrici, quella convivenza cessò.

5A metà degli anni Cinquanta nell’area laica si profilarono altre tre formazioni di effimera esistenza, ma anticipatrici di tensioni e mutamenti degli anni e dei decenni a venire.

6Unità Popolare era sorta in occasione delle elezioni del 1953 per iniziativa di Piero Calamandrei e di Ferruccio Parri, dei settori socialdemocratici e repubblicani avversi alla legge truffa. Presto il suo gruppo dirigente – da Tristano Codignola, emerso come leader degli ex socialdemocratici dopo la morte di Calamandrei, a Parri – confluì nel PSI. Roberto Colozza ha, nel suo recente libro, definito i suoi aderenti «partigiani in borghese» nel duplice senso di ex partigiani combattenti operanti con la stessa tensione in tempo di pace, e di cittadini di matrice borghese per i quali l’impegno politico si coniugava indissolubilmente con un non comune afflato morale, che rischiava finanche la faziosità (Colozza 2015). Costituisce l’estensione al tempo di pace del «partito dei fucili» delineato da Giovanni De Luna. In questa interpretazione, l’azionismo si presentava come «un fenomeno carsico» pronto a esplodere in movimenti decisivi della vicenda italiana, come era stato, appunto, per Unità Popolare il 1953, ritenuto, per la riforma della legge elettorale, un pericolo grave della giovanissima democrazia repubblicana. E così Unità Popolare dimostrava l’esistenza del «fiume dell’azionismo [che] si interrava momentaneamente, pronto comunque a riaffiorare in mille rivoli e ruscelli […], confluendo in una corrente sotterranea destinata ad alimentare in permanenza l’intera vicenda della sinistra nell’Italia repubblicana», almeno fino alla metà degli anni Settanta del Novecento (De Luna 1997, p. 307).

7Le altre due forze gravitarono attorno all’area ricoperta dal PRI. «Comunità» di Adriano Olivetti era in qualche modo eccentrica rispetto alla realtà italiana eppure ricca di contenuti innovatori e anticipatori (Cadeddu 2009). Nelle elezioni del 1958, alleata con il Partito sardo d’Azione, ebbe un solo eletto, Adriano Olivetti. Deluso, si dimise e gli subentrò Franco Ferrarotti. Il progetto non si era espanso oltre le aree locali nelle quali era radicato: nell’insediamento sardista particolarmente consistente nella provincia di Nuoro, nell’Eporiedese, ove ebbe una vera e autentica dimensione di massa, nei paesi finitimi del Biellese, in Val Pellice e in aree periferiche della provincia di Torino, come la Val Susa2. Il maggior numero dei quadri formatisi in Comunità dopo la sua fine si orientò in direzione del PRI, fornendo specie in Piemonte dirigenti di primo piano3.

  • 4 Teodori (2008); cfr. anche, in questo volume, il saggio di E. Savino.

8Il Partito radicale nacque proprio mentre Unità popolare discuteva del suo destino che si sarebbe incrociato con quello del PSI prima e in parte poi del PCI. Il nucleo fondatore era costituito da altri azionisti – da Leo Valiani a Ernesto Rossi, da Guido Calogero a Mario Boneschi4 – e dalla sinistra liberale, raccolta intorno al «Mondo» (Bonetti 1975; Del Bosco 1979; Cardini 1992; Teodori 2010; Cardini 2011). I primi non solo non intendevano confluire nei partiti del movimento operaio, ma più in generale nei partiti tradizionali. I secondi erano usciti dal PLI dopo l’ascesa e la stabilizzazione della segreteria di Giovanni Malagodi, che certificava, insieme con la freddezza di Saragat, l’esaurimento del progetto della terza forza di sinistra democratica, imperniato sulle organizzazioni del sindacato, della cooperazione, dei movimenti giovanili e femminili e del tempo libero vicine ai partiti laici. Si avviava un tentativo teso, a partire da un nucleo culturalmente omogeneo, a sprovincializzare le basi della sinistra democratica in Italia, oltrepassando i vincoli che inevitabilmente pesavano su un partito tradizionale come il PRI . Del resto, quell’esperimento poteva contare sulla semina del più prestigioso e moderno settimanale italiano, «Il Mondo», dalle cui costole proprio in quell’anno era sorto «L’Espresso» diretto da Arrigo Benedetti, mentre nel 1956 Nicola Chiaromonte e Ignazio Silone diedero vita a «Tempo presente».

9Nel 1958 i radicali si presentarono alle elezioni politiche insieme con i repubblicani. La lista fu un indubbio insuccesso, dato che insieme le due formazioni raccolsero meno voti dei pochi conseguiti dal PRI nel 1953. Inoltre, in piccolo e in modo più drammatico, si ripropose quel che era accaduto nel ’48 al Fronte popolare: i sei eletti furono tutti repubblicani i quali, organizzati, ebbero dappertutto la meglio nelle preferenze. Nelle amministrative del 1960 i radicali si allearono coi socialisti; nel 1962, in seguito alla frattura della quale era stata causa scatenante il caso Piccardi-De Felice, si sfaldarono. Con quella rottura si rivelò tutta intera essere mera illusione l’aspirazione a forza politica di pungolo, che riproponeva in misura ancor più totale rispetto all’originale l’illusione del partito degli intellettuali di professione assunto poco più di dieci anni prima da settori del Partito d’Azione (Cardini 2006, pp. 373 sgg.).

10I radicali si smarrirono di fronte all’effettività del centrosinistra, il cui raggiungimento era pure stato l’obiettivo fondamentale all’origine del loro formarsi. Così, la generazione dei padri si defilò dalla politica attiva e fece ritorno alle università, ai giornali, ai centri-studio, alle riviste. I più giovani, invece –, se Franco Roccella era, al pari di Scalfari, quarantenne, Pannella aveva poco più di 30 anni – ravvivarono il partito, con caratteristiche però profondamente diverse (Teodori - Ignazi - Panebianco 1977). Tra le prime formazioni extraparlamentari – ebbe infatti i primi eletti solo nel 1976 –, i nuovi radicali innovarono prima riguardo il modello organizzativo, poi, affermatisi, la comunicazione con i cittadini. Era un partito fondato su un’indiscussa leadership e su una cultura postideologica, caratterizzata da single issues concentrate sui diritti civili, a cominciare dal divorzio e dall’aborto, e poi, conseguiti questi, sulla fame del mondo. Conseguiti i traguardi che rendevano più omogenea la presenza dell’Italia nel continente, anche i radicali incominciarono a privilegiare altre temi fino al ritorno negli anni Novanta alle origini liberiste. Operarono quindi come un soggetto politico a tutto tondo, dato che la loro stabilizzazione costituì la più permanente innovazione – non furono insomma un «partito provvisorio» come il PSIUP (Agosti 2013) – del sistema dei partiti imperniato sui soggetti costituenti, sebbene sopravvivesse a questo.

11Tutte queste vicende e tutte queste culture, che affondavano nell’antifascismo a avevano poi trovato, dopo l’aspirazione secolarizzatrice del Partito d’Azione, sistemazione nelle forze tradizionali e poi in queste esperienze apparentemente sconfitte, sembrerebbero quindi corrispondere alle conclusioni di Nello Rosselli nel suo Carlo Pisacane nel Risorgimento italiano del 1932: «Il viandante ansioso di varcare il torrente getta pietre una sull’altra, nel profondo dell’acqua, poi posa sicuro il suo piede sulle ultime, che affiorano, perché sa che quelle scomparse nel gorgo sosterranno il suo peso» (Rosselli 1977, p. 272). E ciò in una prospettiva di lunga durata, nel senso che la cultura dei democratici era una lenta costruzione che attraversava il farsi della modernità. Prendeva le mosse da lontano, trovò nuova linfa nel Settecento riformatore (Venturi 1968-1989), per poi assumere nuovi materiali col Risorgimento e nello scenario sfigurato del primo dopoguerra. E si era necessariamente scontrata, al pari delle altre culture si intende, dopo la terribile guerra con i depositi della società italiana nella sua interezza alla ricerca di un nuovo ubi consistam, quando alla prospettiva della dimensione democratica si era opposta, prevalendo, la realtà viva e concreta della via italiana al totalitarismo attorniata dalla sacralizzazione della politica (Gentile 2008). In fin dei conti, la politica della sinistra democratica era connessa con l’effettiva capacità di riformare la società, lo stare insieme, il paese: non riuscita questa, si rivelavano inutili anche i partiti che la esprimevano.

12Il tempo dei totalitarismi e della chiusura autarchica al mondo fu anche quello in cui si compì la «grande trasformazione», con le sperimentazioni che ne derivarono al di qua e al di là dell’Atlantico nelle società rette da sistemi democratici pluralisti, aprendo dopo la seconda guerra mondiale un passo decisivo nella dimensione globale (Iriye 2014). La novità rilevante del Partito d’Azione nel dare il proprio senso politico alla Resistenza era proprio consistito nel nutrire quel passaggio decisivo di metà secolo di culture nuove, con uno sguardo ansioso di cogliere i nessi che si andavano stringendo tra nazionale e internazionale. Quanto era avvenuto nell’Occidente democratico era una miniera di energia anche per l’Italia arretrata, totalitaria, provinciale, clericale, attardata nelle sue resistenze.

13Nella complessa e difficile costruzione della democrazia italiana, la variegata cultura dei laici compì lo sforzo di una riflessione generale: «rivoluzione liberale» e «rivoluzione democratica» altro non erano che la traduzione italiana, con tutte le specificità che manifestava, della «rivoluzione culturale» che avrebbe attraversato, nei modi tratteggiati da Arthur Marwick, i «Sixties» (Marwick 1998). Nel 1958 furono Achille Battaglia e Leopoldo Piccardi – radicali rispettivamente di provenienza repubblicana e liberale – i legali dei coniugi di Prato (Piccardi 1958), che nel 1956 erano stati pubblicamente denunciati dal giovane vescovo di Prato Pietro Fiordelli per il fatto di essersi sposati civilmente e non in Chiesa. E per questo tacciati di pubblico concubinaggio. Al di là della vicenda assai nota – vistoso e limpido esempio dell’inevitabile contrasto che conosceva l’irreversibile processo di secolarizzazione della società italiana –, nell’affermazione della sfera dell’autonomia personale vi era la premessa di tutte le forme di liberazione che nel successivo decennio si manifestarono e si realizzarono, sia pure con evidenti differenze, in tutto il mondo, fino a dare vita in Occidente ai movimenti del Sessantotto con la specificità della loro lunga durata in Italia.

14Per intanto, il processo che ne scaturì a monsignor Fiordelli, con la condanna in primo grado del prelato, con la sdegnata reazione degli ambienti cattolici e infine con la sua assoluzione in appello, rivelò quanto la questione fosse incandescente, perché assurta a simbolo all’impervia secolarizzazione delle culture e delle mentalità sarebbe seguita quella politica, specie in riferimento alle scelte connesse con il centro-sinistra. La rivendicazione dell’autonomia dell’agire umano in contrasto con le visioni totali allora dominanti investiva necessariamente il politico e le scelte a esso connesse, sicché i rigurgiti temporalistici e clericali della Chiesa cattolica del fine papato di Pio XII, di cui era stata emblema la vicenda dei coniugi di Prato, ne erano la più evidente espressione. Destinate a soccombere, furono tuttavia capaci di condizionare l’evoluzione complessiva del paese fino alla conclusione della «repubblica dei partiti» (Scoppola 1991).

  • 5 Cfr. i saggi contenuti nel numero monografico sul 1956 di «Annali della Fondazione Ugo La Malfa», X (...)

15Il 1956 ebbe un valore fondante nell’inquietudine italiana dell’ampio decennio precedente il Sessantotto5. Infatti, le vicende che investirono il mondo comunista, con il XX Congresso del PCUS, con il sostegno dei comunisti italiani al blocco sovietico sui fatti d’Ungheria, con la rivolta degli intellettuali e infine anche con l’VIII Congresso del PCI, assunsero un significato più generale, nella misura nella quale influenzarono anche l’evoluzione degli altri e non solo dei socialisti. Infatti, nonostante l’apparente ritorno all’ordine, nulla fu come prima e quell’ordine fu perduto per sempre. In altri termini la riflessione che si aprì e intervenne nell’universo comunista, avviò una faticosissima fase imperniata sulla dicotomia revisione/ortodossia (Harper 2013). Per il PCI in primo luogo, ma certo non solo per esso. Si produsse allora una svolta delle culture politiche, come puntualmente si evinse dopo il 1958 con l’impatto travolgente di Giovanni XXIII nel cattolicesimo (Melloni 2009; Alberigo 2013).

16Il primo effetto del 1956 fu di favorire la prospettiva di centrosinistra. Si manifestò su tre piani diversi, che per le forze della sinistra laica erano strettamente intrecciati. Parlavano dell’evoluzione politica, e cioè dei modi dello stare insieme degli italiani. Investivano il mutamento delle mentalità, con la percezione della portata dei cambiamenti che innervavano l’Occidente sul piano non solo dei diritti, ma anche dell’inglobamento nella società delle minoranze, della eguale dignità dei plurali modi di vivere l’esistenza e dei suoi riti di passaggio (era anche questo il senso della vicenda del vescovo di Prato). Coinvolgevano più in generale la percezione dell’Occidente, come rivelarono i contrasti all’interno dell’area sul superamento delle logiche coloniali e dominatrici europee: il 1956 fu anche l’anno di Suez e dello scontro sull’approccio neoimperiale di Francia e Gran Bretagna (Smith 2009; Galpern 2009). Coinvolse infine il mutamento economico e sociale, ritenendo finalmente presenti anche in Italia le condizioni storiche suscettibili di poter realizzare politiche compiutamente keynesiane. Insieme con la rivendicazione di volere orientare lo sviluppo anche con quelle finalità unitarie mancate dalle classi dirigenti nazionali dall’Unità, quelle politiche sono state scambiate per un dirigismo fuori tempo massimo, dato l’appeal irresistibile della società dei consumi, premessa in certo senso del neoliberismo entro cui si sarebbe avviata l’ultima fase della globalizzazione (Polese Remaggi 2011). In Italia, però, secondo l’analisi dei democratici, proprio l’assenza di politiche di riforma della società, che accomunarono dagli anni Trenta agli anni Settanta tutto l’Occidente, aveva condotto a un consolidamento delle fratture e degli squilibri, che nessun sviluppo spontaneo era stato strutturalmente capace di contrastare. Tutto il dibattito e tutto il conflitto degli anni Cinquanta tra laici democratici e laici liberali si era consumato su questa fondamentale questione, in un paese peraltro nel quale l’annuncio del piano Vanoni nel 1955 era convissuto con il perpetuarsi dello stillicidio dei sindacalisti da parte della mafia in Sicilia. Lo scontro tra sviluppo spontaneo e sviluppo orientato dalla programmazione – ovvero il conflitto irrisolto tra laici liberali e laici democratici – esprimeva in modo cristallino un dilemma che attraversava in modo sotterraneo tutte le culture politiche e al cui centro erano due soluzioni diverse: la difesa, pur con nomi e caratteri differenti, delle tradizionali stratificazioni gerarchiche della società italiana, da un punto di vista più cetuale che di classe, o il loro profondo mutamento imprescindibile per potere cavalcare la rapidità delle trasformazioni e dai bisogni di una società che si apriva a un’effervescente industrializzazione, in crescita rapida dei servizi e in profonda internazionalizzazione.

17La lunga, interminabile fase di preparazione programmatica – «La svolta, cioè la battaglia del centro sinistra, è durata più delle due guerre mondiali» (Soddu 2009, p. 215), sostenne La Malfa nell’aprile 1962 –, culminò nella Nota aggiuntiva al Bilancio del 1962, che, priva di realizzazioni effettive, era il manifesto dei laici democratici. Non piacque ai liberali e ai conservatori, né allora né dopo: per Giuseppe Bedeschi era La Malfa a essere segnato da «una contraddizione profonda fra un programma incentrato sul mercato, sui ceti medi e sulla piccola e media borghesia, e un programma di “rinnovamento sociale e politico” (Bedeschi 2002, pp. 300-301) con evidenti connotati massimalistico-giacobini». Ad avviso di Guido Carli, governatore della Banca d’Italia in quegli anni, la Nota aggiuntiva, «scritta da giovani economisti imbibiti di buone intenzioni “progressiste”», «non si opponeva apertamente a interpretazioni coercitive, pianificatrici della programmazione, per non interrompere il dialogo con il PSI già avviato con l’obiettivo di captare la benevolenza di Nenni, premio Stalin» (Carli 1996, p. 291). Il che la dice lunga sullo spirito con cui le classi dirigenti accolsero il disegno riformatore dei democratici di sinistra di saldo radicamento occidentale. Era anche parte della lunga contesa sulla definizione della fisionomia della sinistra italiana, naturalmente avversata, come del resto è giusto che sia, dai conservatori, ma anche dalle forze che si ritenevano portatrici delle istanze di mutamento. Giorgio Napolitano, all’epoca autorevole dirigente del PCI, ripensandoci molto anni dopo ha osservato che nella prospettiva delineata dalla Nota aggiuntiva «si sarebbero potute riconoscere tutte le forze della sinistra, anche quelle di opposizione», se non avessero prevalso di queste ultime le «troppe diffidenze e riserve» (Napolitano 2005, pp. 57-58). La Malfa, che della Nota aggiuntiva fu il padre politico, addirittura faceva discendere dall’attuazione dei suoi contenuti conseguenze sistemiche di rimodellamento e di superamento della democrazia dissociativa in favore della democrazia dell’alternanza e di un rimodellamento del sistema dei partiti (Soddu 2009).

18Della Nota aggiuntiva e dei suoi intendimenti di indicare gli strumenti di una «profonda modificazione del meccanismo esistente, si dà farne uno strumento sempre più idoneo allo sviluppo delle regioni, di settori, dei gruppi sociali, “in ritardo”», non se ne fece nulla. E così i suoi tre obiettivi – predisporre strumenti che garantissero ritmi elevati di sviluppo; superare gli squilibri storici del paese; costruire un moderno stato sociale, vale a dire «orientare l’evoluzione economica e sociale in modo da soddisfare le esigenze di civiltà democratica e di progresso» – non poterono armonizzarsi e finirono con l’essere tutti mancati (Soddu 2009, p. 215). Del resto, l’intervento dal lato della domanda pubblica, ritenuto un adattamento necessario e indispensabile per i caratteri effettivi della società italiana del tempo, forse contrastava con le attese dei ceti che si portavano sulle spalle un lungo passato di frugalità. Non piacevano però neppure a chi manifestava paura e resistenza a politiche di riforma della società: reazionari e conservatori, rivoluzionari e massimalisti, a quel tempo maggioritari, dato che i riformatori, anch’essi trasversalmente presenti, erano indiscutibilmente minoranza.

19Il risultato delle elezioni del 1963 pose fine alle illusioni dei laici riformatori: tra repubblicani e liberali non vi fu partita e la candidatura di La Malfa a Torino fu un autentico insuccesso. Sostenuta dai compagni del Partito d’Azione e dal loro mensile «Resistenza», essa è taciuta, in virtù di un’insuperabile avversione ideologica, che fa velo alla comprensione storica, nell’unica monografia alla rivista dedicata (Giachetti 2011). Giorgio Agosti, che di quella candidatura era stato il regista, commentò con il ministro del Bilancio: «Le nostre disfatte hanno servito a far andare avanti il Paese, in questi vent’anni, assai più dei successi democristiani e di quelli – anche più sterili – dei comunisti» (Soddu 2009, p. 255). E in effetti quel governo aveva condotto in porto, a tacere delle note misure economiche, la riforma della scuola media con l’innalzamento dell’obbligo scolastico a 14 anni, la riforma della censura cinematografica e teatrale, la diminuzione del periodo di ferma militare, l’abolizione dei limiti agli accessi delle donne a incarichi apicali nell’amministrazione pubblica e in magistratura.

20Il centrosinistra dagli intenti riformatori e non meramente stabilizzatori si era quindi esaurito ancor prima dell’ingresso diretto dei socialisti nel governo, ancorché il colpo decisivo venne inferto nell’estate 1964 (Franzinelli 2014; Franzinelli - Giacone 2012). Non poteva non esser che così. Si iscriveva nella logica che sottostava alla democrazia dissociativa e al sistema dei partiti che coerentemente aveva prodotto. Soltanto con il suo esaurimento si sarebbero profilati, non senza fatica, approdi riformatori, data la solida stratificazione storica delle mentalità, della cultura, dell’organizzazione dei partiti cui avevano dato vita i soggetti costituenti. Tutte le componenti dell’area laica manifestarono in ogni caso insoddisfazione, gli uni perché avevano finito col rafforzare quello che era ai loro occhi il malfunzionamento del sistema democratico; gli altri – i liberali –, perché dalla strenua opposizione all’allargamento dell’area della legittimità finirono col raccogliere solo qualche effimero seggio in più.

21I riformatori di un’area che da Unità popolare andava ai repubblicani sciolti del legame con l’area identitaria di Pacciardi incominciarono a guardare altrove per sciogliere quello che ai loro occhi era il problema storico della democrazia italiana. Se Parri con «l’Astrolabio» individuò il riformismo nell’immobilismo moroteo e pose le premesse dell’incontro con nuove sinistre ma anche con il PCI, promuovendo nel 1968 la Sinistra Indipendente (Polese Remaggi 2004), Ugo La Malfa, per contrastare quell’immobilismo avviò, dopo la morte di Togliatti, un dialogo a sinistra partendo dalla domanda su quale sinistra richiedesse una società che, per quanto sofferente, era però parte integrante dell’Occidente, sollecitando in tal modo lo scongelamento del PCI e dell’area a esso limitrofa. Fu il senso dei dibattiti pubblici svoltisi tra il 1965 e il 1966 con Pietro Ingrao, col quale in verità si intese meglio che con Giorgio Amendola, l’amico con cui aveva condiviso l’impegno antifascista nell’Unione goliardica per la libertà negli anni Venti, con l’ex compagno della Resistenza nel Partito d’Azione, Vittorio Foa, e un intenso dialogo sui giornali con Riccardo Lombardi, l’uomo politico che riteneva ed era nell’area azionista quello a lui più sintonico (La Malfa 1999).

  • 6 In generale Forno (2012); sui laici Battaglia (2015).

22Nel 1966 «Il Mondo» chiuse e si affermarono nuovi settimanali – oltre all’«Espresso» va ricordato il ruolo svecchiante, modernizzatore, aperto e di innovazione del linguaggio svolto da «Panorama» con la direzione di Lamberto Sechi –, che mostravano inalterata la vitalità dell’area6.

23Sotto traccia la sinistra laica tentò una ristrutturazione e anche una via di riforma della propria forma organizzativa. Si è già detto dei neoradicali di Marco Pannella, che produssero il solo riuscito modello di partito nuovo, anche se fruttificò soltanto nella realtà degli anni Settanta. Uno sforzo in questo senso venne proposto anche dall’altro partito dell’area laica democratica, con l’affermazione della leadership di Ugo La Malfa. Nel suo recente Né un soldo né un voto, Adolfo Battaglia ha ricostruito il tentativo di trasformare un partito ideologico di massa, quale era il PRI, in un moderno partito a rete, in cui il nesso tra cultura e leadership era risolto con un equilibrio che oltrepassava l’ideologia e preservava dal populismo. I giovani trentenni raccolti attorno al leader non facevano mistero di ispirarsi riguardo la cultura a tutto ciò che aveva ispirato la sinistra democratica occidentale dagli anni trenta a Bad Godesberg e per il modello organizzativo a una mobilitazione della società civile e delle competenze in essa raccolte. Del resto, avevano un occhio molto attento anche a quanto si moveva negli Stati Uniti alle prese con la guerra del Vietnam, sicché «La Voce Repubblicana» fu uno dei giornali più attenti alla mobilitazione giovanile e studentesca in Italia (Battaglia 2015).

24Eppure tutto si era giocato proprio nel 1966, nel cui mese di marzo aveva cessato le pubblicazioni «Il Mondo», mentre i radicali promossero la Lega italiana per il divorzio e l’alluvione di Firenze mostrò con gli «angeli del fango» un modo nuovo e serio di essere delle nuove generazioni, bene raccontato da Marco Tullio Giordana ne La meglio gioventù del 2003: per tutte queste ragioni fu un anno capitale per comprendere le onde profonde del lungo Sessantotto italiano (Crainz 2016, p. 128 sgg.).

25La riforma dei partiti avviata dal PRI rimase infatti allora a mezz’aria. Il disegno innovatore di La Malfa e dei giovani raccolti intorno a lui e le resistenze che produsse mostrò che le strutture tradizionali non si facevano accantonare: ogni azione di revisione ideologica e culturale doveva coabitare con le stratificazioni depositate del passato. Così operando, però, l’innovazione finiva con l’essere pienamente assorbita dalla tradizione. Così, al congresso della Federazione giovanile del 1966, «La Malfa non volle affidare l’organizzazione dei giovani alla schiera dei dirigenti che erano sulla sua posizione optando invece per un esponente sindacale, legato al segretario della UIL Vanni e alla massoneria. Così quando il movimento del Sessantotto partì per la volata ci trovammo, come dire, scoperti» (Battaglia 2015, p. 152). Molti di quei giovani se ne andarono e guardarono ai nascenti movimenti. Il caso del più antico e del più piccolo partito di massa può serenamente essere esteso a tutto il sistema dei partiti dell’Italia del secondo Novecento, impossibilitato a superare gli ostacoli insormontabili che ne impedivano un’autentica evoluzione.

26Il 1966 si era aperto con l’eliminazione sistematica dei gruppi beat in gara al festival di Sanremo, italiani come l’Equipe 84 o inglesi quali gli Yardbirds (Facci - Soddu 2011). Lo concluse la mobilitazione giovanile in aiuto agli alluvionati di Firenze. Tra febbraio e marzo un episodio, che ebbe tanta eco, espresse il senso della «rivoluzione culturale» in atto. Di essa, i laici avevano colto l’onda lunga fin dal 1958 e si batterono per la piena affermazione di alcune sue manifestazioni, come il preliminare pieno svolgimento della libertà di espressione. Nel 1965 i giovani repubblicani promossero, dopo il divieto del prefetto di Roma perché ritenuta in contrasto con il Concordato, la rappresentazione teatrale de Il Vicario di Hochhut, una pièce teatrale sui silenzi di Pio XII che decine di anni dopo ispirò Costa Gravas per Amen (Perra 2011, pp. 185 sgg.).

  • 7 Nozzoli - Paoletti (1966), ora in www.liceoparini.org/parini/giornalini/zanzara/zanzara3.pdf (colle (...)

27L’episodio che si vuole richiamare è il processo alla Zanzara, la rivista degli studenti del liceo Parini di Milano imputata di oscenità. Esso mostrò la straordinaria complessità interna sui nodi tradizione/modernità, grandi apparati ideologici e confessionali/ libertà e diritti individuali. Condusse il processo il presidente del tribunale Luigi Bianchi d’Espinosa, un magistrato che aveva preso parte alla Resistenza e di sicuro spirito democratico. I giovani furono assolti e Bianchi d’Espinosa sostenne che si era «fatta una montatura esagerata»7. Non era diverso il giudizio di La Malfa nel suo scambio di lettere con Giorgio Agosti il 16 maggio. Affermò che, «pur nella sua gravità, non penso che il caso vada ulteriormente drammatizzato». Sotto accusa era il ministro della Giustizia Oronzo Reale, anch’egli repubblicano-azionista. In verità Reale aveva chiesto chiarimenti sull’istruttoria del processo e aveva operato astutamente, perché questi si svolgesse entro binari che tutelassero i ragazzi e il preside del Parini, come avvenne con la presidenza di Bianchi d’Espinosa (Soddu 2009, pp. 451-52).

  • 8 Nozzoli - Paoletti (1966), ora in www.liceoparini.org/parini/giornalini/zanzara/zanzara3.pdf (colle (...)

28Quello che comunque sfuggì loro era la portata rivelatrice del processo, che voleva accusare e arrestare la gigantesca trasformazione culturale in atto. Riguardava la sfera dell’autonomia personale, della determinazione della sfera della sessualità e del governo della propria corporeità. Non era solo questo a indignare i circoli di Gioventù studentesca di don Luigi Giussani, che per primi denunciarono il caso della «Zanzara». Tra i redattori v’era una giovanissima donna: appariva insopportabile si fosse fatta promotrice di un’inchiesta del giornalino, nella quale le ragazze discutevano serenamente di sessualità e del possibile suo controllo mediante l’uso dei contraccettivi. Nel chiedere la condanna degli imputati, il pubblico ministero mise bene in luce l’oggetto del contendere: «La donna non ha più pudore, e senza pudore la donna non è più donna. Noi l’abbiamo sempre concepita come un angelo: pensarla in modo diverso è immorale»8. Stava proprio accadendo questo: la discesa dal cielo alla terra. In un paese il cui il tradizionalismo oltrepassava le appartenenze e le culture, in cui cioè la lunga e plurisecolare lotta per i diritti umani incontrava impensati ostacoli, non era agevolmente ammissibile.

  • 9 Cfr. N. Taddi, Antigone e «La Zanzara», C. Galante Garrone, La «Zanzara» fra un volo e l’altro, in (...)
  • 10 N. Chiaromonte, Dura lex, morale soffice, in «Tempo presente» XI (1966), nn. 3-4, pp. 2-4.

29Le riviste di area9 posero l’accento sul pericolo autoritario, intravisto come dato strutturale della democrazia italiana. Nicola Chiaromonte, invece, rifletté su un aspetto di più lunga durata, che riguardava le culture politiche dei soggetti costituenti nel loro insieme, della loro fragile vulnerabilità e della desolante arretratezza rispetto ai bisogni del tempo10.

30In aprile, l’assassinio di Paolo Rossi all’Università di Roma unificò la protesta delle forze critiche al governo e all’opposizione. La Malfa alla Camera sostenne che le occupazioni che ne scaturirono erano un «atto di estrema ribellione ad uno stato di arbitrio e di anormalità che durava nell’ateneo romano da alcuni anni» e ritenne il rettore dell’Università Ugo Giuseppe Papi responsabile della «violazione continua delle regole dello Stato di diritto» (Soddu 2009, p. 276).

31Ribolliva una nuova realtà. Alla vigilia della chiusura, sul « Mondo» Antonio Cederna svolse un’attenta esegesi de Il ragazzo della via Gluck, la canzone di Celentano presentata al Festival di Sanremo e che, eliminata, era con Nessuno mi può giudicare di Caterina Caselli, il disco più venduto. Per Cederna la canzone intercettava con intelligenza e profondità aspetti non riformati del boom, con le conseguenze devastanti sull’armonia urbanistica. Al contrario, la nuova generazione dava una lezione di serietà e di consapevolezza:

  • 11 A. Cederna, Urbanistica e canzoni, in «Il Mondo», 22 febbraio 1966.

Forse c’inganniamo sull’effettiva capacità di reazione dei giovani, cioè della generazione nata col miracolo economico, una generazione come dicono i pessimisti, malferma sulle gambe, nevrotica, semiparalitica, già condizionata dall’ambiente in cui è stata condannata a crescere. Staremo a vedere: intanto, come da decenni si auspica, potrebbero cominciare a svegliarsi medici, pedagoghi, sociologici, igienisti, e dietro loro magari anche qualche diretto responsabile delle pubbliche amministrazioni. Anche una canzone di Sanremo può servire a spingere a fare, anche da noi, quello che da gran tempo fanno tutti i paesi civili11.

Bibliographie

Il Sessantotto suonò la sveglia, ma la democrazia dissociativa priva di riforme effettive sarebbe sopravvissuta nei decenni a venire. Superò i molti anni della forte mobilitazione collettiva, attraversò il dolore per molti versi indicibile dei cupi anni dei partiti armati e segnò i confini effettivi della trasformazione italiana.

Agosti, Aldo (2013), Il partito provvisorio. Storia del PSIUP nel lungo Sessantotto italiano, Laterza, Roma-Bari.

Alberigo, Giuseppe (2013), Vita di papa Giovanni. Biografia di un pontefice, prefazione di A. Melloni, EDB, Bologna.

Balzani, Roberto (2006), Dall’“archeologia politica” al modernismo lamalfiano. Il Pri nel secondo dopoguerra, in I partiti politici nell’Italia repubblicana, Atti del Convegno (Siena, 5-6 dicembre 2002), a cura di G. Nicolosi, Rubbettino, Soveria Mannelli.

Battaglia, Achille (1955), Giustizia e politica nella giurisprudenza, in Dieci anni dopo 1945-1955. Saggi sulla vita democratica italiana, Laterza, Bari.

Battaglia, Adolfo (2015), Né un voto né un soldo. Memoria e riflessioni dell’Italia laica, il Mulino, Bologna.

Bedeschi, Giuseppe (2002), La fabbrica delle ideologie. Il pensiero politico nell’Italia del Novecento, Laterza, Roma-Bari.

Bonetti, Paolo (1975), Il Mondo 1949-66. Ragione e illusione borghese, prefazione di V. Gorresio, Laterza, Roma-Bari.

Cadeddu, Davide (2009), Adriano Olivetti politico, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma.

Cardini, Antonio (1992), Tempi di ferro. «Il Mondo» e l’Italia del dopoguerra, il Mulino, Bologna.

– (2006), Il “partito” de «Il Mondo»: liberali, “terza forza”, sinistra democratica, radicali, in I partiti politici nell’Italia repubblicana.

– (2011), Mario Pannunzio, giornalismo e liberalismo: cultura e politica nell’Italia del Novecento (1910-1968), Esi, Napoli.

Carli, Guido (1996), Cinquant’anni di vita italiana, in collaborazione con Paolo Peluffo, Laterza, Roma-Bari.

Colozza, Roberto (2015), Partigiani in borghese. Unità popolare nell’Italia del dopoguerra, Franco Angeli, Milano.

Crainz, Guido (2016), Storia della Repubblica. L’Italia dalla Liberazione a oggi, Donzelli, Roma.

D’Aponte, Tullio (2012), Francesco Compagna e l’esperienza di “Nord e Sud”: una geografia per la politica, a cura di T. D’Aponte, Guida, Napoli.

Del Bosco, Manlio (1979), I radicali e «Il Mondo», prefazione di R. Romeo, Eri, Torino.

De Luna, Giovanni (1997),Storia del Partito d’Azione 1942-1947, Editori Riuniti, Roma.

Facci, Serena - Soddu, Paolo (2011), Il Festival di Sanremo. Parole e suoni raccontano la nazione, Carocci, Roma.

Forno, Mauro (2012), Informazione e potere. Storia del giornalismo italiano, Laterza, Roma-Bari.

Franzinelli, Mimmo, Il piano Solo. I servizi segreti, il centro-sinistra e il «golpe» del 1964, Mondadori, Milano 2014 (I ed. 2010).

Franzinelli, Mimmo - Giacone, Alessandro (2010) (a cura di), Il riformismo alla prova. Il primo governo Moro nei documenti e nella parole dei protagonisti (ottobre 1963-agosto 1964), in «Annali della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli», XLVI.

Galli, Giorgio (1975), I partiti politici in Italia: 1861-1973, Utet, Torino.

Galpern, Steven G.(2009), Money, oil, and empire in the Middle East: sterling and postwar imperialism 1944-1971, Cambridge University Press, Cambridge-New York.

Gentile, Emilio (2001), Le religioni della politica. Fra democrazia e totalitarismi, Laterza, Roma-Bari.

– (2008), La via italiana al totalitarismo. Il partito e lo Stato nel regime fascista, Carocci, Roma.

Giachetti, Diego (2011), Per la giustizia e la libertà. La stampa Gielle nel secondo dopoguerra, Franco Angeli, Milano.

Harper, John L. (2013), La guerra fredda. Storia di un mondo in bilico, il Mulino, Bologna.

Iriye, Akira (a cura di), Il mondo globalizzato. Dal 1945 a oggi, in Storia del mondo, direzione Iriye, Akira - Osterhammel, Jürgen, Einaudi, Torino.

La Malfa, Ugo (1999), Discutendo della sinistra con Ingrao, Amendola, Foa, Lombardi, a cura di A. Battaglia - D. Bogi, presentazione di W. Veltroni, Editori Riuniti, Roma.

Marwick, Arthur (1998), The Sixties. Cultural Revolution in Britain, France, Italy and the United States c. 1958-1974, Oxford Universiy Press, Oxford-New York.

Melloni, Alberto (2009), Papa Giovanni. Un cristiano e il suo concilio, Einaudi, Torino.

Napolitano, Giorgio (2005), Dal PCI al socialismo europeo. Un’autobiografia politica, Laterza, Roma-Bari.

Nozzoli, Guido - Paoletti, Pier Maria (1966), La Zanzara. Cronache e documenti di uno scandalo, Feltrinelli, Milano.

Palma, Paolo (2012), Randolfo Pacciardi. Profilo politico dell’ultimo mazziniano, Rubbettino, Soveria Mannelli.

Perra, Emiliano (2010), Conflicts of Memory. The Reception of Holocaust Films and TV Programmes in Italy, 1945 to the Present, Peter Lang, Bern.

Piccardi, Leopoldo (a cura di) (1958), Processo al vescovo di Prato, prefazione di A.C. Jemolo, Parenti, Firenze.

Polese Remaggi, Luca (2004), La nazione perduta. Ferruccio Parri nel Novecento italiano, il Mulino, Bologna.

– (2011), La democrazia divisa. Cultura e politica della sinistra democratica dal dopoguerra alle origini del centro-sinistra, Unicopli, Milano.

Ridolfi, Maurizio (2008), Storia dei partiti politici. L’Italia dal Risorgimento alla Repubblica, Bruno Mondadori, Milano.

Rosenberg, S. Emily (a cura di) (2015), I mercati e le guerre mondiali, 1870-1945, in Storia del mondo, direzione Iriye, Akira - Osterhammel, Jürgen, Einaudi, Torino.

Rosselli, Nello (1977), Carlo Pisacane nel Risorgimento italiano, Einaudi, Torino (1a ed. 1932).

Scoppola, Pietro (1991), La Repubblica dei partiti. Profilo storico della democrazia in Italia (1945-1990), il Mulino, Bologna.

Smith, Simon C. (2009) (a cura di), Reassessing Suez 1956. New perpectives on the crisis and his aftermath, Ashgate, Burlington (VT).

Soddu, Paolo (1998), L’Italia del dopoguerra 1947-1953. Una democrazia precaria, Editori Riuniti, Roma.

Spinelli, Alessandro (1998), I repubblicani nel secondo dopoguerra (1943-1953), prefazione di L. Lotti, Longo Editore, Ravenna.

Teodori, Massimo (2008), Storia dei laici nell’Italia clericale e comunista, Marsilio, Venezia.

– (2010), Pannunzio. Dal «Mondo» al Partito radicale. Vita di un intellettuale del Novecento, Mondadori, Milano.

Teodori, Massimo - Ignazi Piero - Panebianco Angelo (1977), I nuovi radicali. Storia e sociologia di un movimento politico, Mondadori, Milano.

Venturi, Franco (1969-1989), Settecento riformatore, Einaudi, Torino, 5 voll.

Notes

1 Per un sguardo di insieme, Ridolfi (2008).

2 http://elezionistorico.interno.it/index.php?tpel=C&dtel=25/05/1958 [collegamento 3 novembre 2016].

3 M. Maffioletti, La terza forza: l’ingresso di radicali e Comunità (1953-1964), in «Annali della Fondazione Ugo La Malfa», XXVII (2012), pp. 33 sgg.

4 Teodori (2008); cfr. anche, in questo volume, il saggio di E. Savino.

5 Cfr. i saggi contenuti nel numero monografico sul 1956 di «Annali della Fondazione Ugo La Malfa», XXX (2015), curato da m. flores.

6 In generale Forno (2012); sui laici Battaglia (2015).

7 Nozzoli - Paoletti (1966), ora in www.liceoparini.org/parini/giornalini/zanzara/zanzara3.pdf (collegamento 5 novembre 2016) [link non raggiungibile: 04/07/2017].

8 Nozzoli - Paoletti (1966), ora in www.liceoparini.org/parini/giornalini/zanzara/zanzara3.pdf (collegamento 5 novembre 2016) [link non raggiungibile: 04/07/2017].

9 Cfr. N. Taddi, Antigone e «La Zanzara», C. Galante Garrone, La «Zanzara» fra un volo e l’altro, in «Il Ponte», XXII (1966), rispettivamente in n. 3, pp. 291-94; 736-39.

10 N. Chiaromonte, Dura lex, morale soffice, in «Tempo presente» XI (1966), nn. 3-4, pp. 2-4.

11 A. Cederna, Urbanistica e canzoni, in «Il Mondo», 22 febbraio 1966.

Auteur

È ricercatore di Storia dei partiti e dei movimenti politici e Storia del secondo dopoguerra all’Università di Torino. È coordinatore culturale della Fondazione Luigi Einaudi onlus di Torino. Tra le sue pubblicazioni, L’Italia del dopoguerra. Una democrazia precaria 1947-1953 (Editori Riuniti, 1998); Ugo La Malfa. Il riformista moderno (Carocci, 2008); con S. Facci, Il Festival di Sanremo. Parole e suoni raccontano la nazione (Carocci, 2011) e in uscita presso Laterza La via italiana alla democrazia, Storia della Repubblica 1946-201. Ha curato i diari di Luigi Einaudi, le lettere dal carcere di Massimo Mila e da ultimo A. Maccanico, Con Pertini al Quirinale. Diari 1978-1985 (il Mulino, 2014).

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable