Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Aspettando il Sessantotto

 | 
Chiarotto Francesca

Parte II. Le culture comuniste

Le culture comuniste

Alexander Höbel

Texte intégral

1. Premessa

1«Nessuno può ignorare, oggi, come […] il processo decisivo […] in atto […] sia quello di una grandiosa rivoluzione scientifico-culturale», nella quale «persino certi aspetti [del] rapporto dialettico tra sviluppo delle forze produttive e rapporti di produzione tendono a presentarsi in forme nuove, inerenti alla novità stessa della funzione che […] la scienza viene ad assumere». Si assiste cioè alla «trasformazione della scienza in una forza immediatamente produttiva» e dunque a «un mutamento intrinseco al processo produttivo e lavorativo stesso» (Sereni 1978, pp. 180-83). Così scriveva nel 1968 Emilio Sereni, sulla scorta dei Grundrisse di Marx, in un saggio sul movimento studentesco, in cui collegava il nuovo peso politico di studenti e ricercatori al ruolo che la ricerca scientifica andava assumendo. In questo quadro Sereni individuava un «crescente rilievo» dei «processi informativi (nel senso più corrente di questa espressione, come nel senso più generale della moderna teoria dell’informazione)». Quanto al movimento giovanile, egli riconduceva la sua «ripulsa del sistema» al fatto che studenti e ricercatori erano sempre più inseriti nel «sistema stesso dell’informazione, della scienza», ma, operandovi in modo atomizzato e subalterno, lo vedevano giustamente «come qualcosa di estraneo e di ostile». E concludeva: «Se è vero che scienza non vi può essere senza sistema coerente di conoscenze, di informazioni, non è men vero che progresso della scienza […] non può esservi all’infuori della ripulsa sempre rinnovata di quel sistema, senza la sua sempre rinnovata rottura rivoluzionaria» (Sereni 1978, pp. 190-92).

2Sereni è uno degli esponenti del comunismo italiano spesso definiti “ortodossi” o “conservatori”. Ma questa sua analisi conferma come il dibattito e l’elaborazione interni al PCI non possano essere letti, pena la banalizzazione, secondo lo schema conservatori/innovatori. Il quadro è molto più articolato, e ciò aggiunge un elemento di complessità ulteriore a quello che sta “a monte” di un’analisi delle “culture politiche comuniste”, ossia il fatto che, per quanto riguarda il PCI, siamo di fronte a cultura politica con una omogeneità di fondo (il “togliattismo”, il pensiero di Gramsci, quell’intreccio teorico-politico fortemente storicistico che è stato definito “italomarxismo”), e al tempo stesso una notevole pluralità interna, che va ben oltre la contrapposizione tra “destra amendoliana” e “sinistra ingraiana”. Si tratta dunque di definire il rapporto tra la cultura politica dei comunisti italiani e le diverse “sensibilità” che ad essa si richiamavano. Peraltro, finché fu vivo Togliatti, la sua impronta fu molto forte; successivamente si delinearono invece – pur a partire da un vasto retroterra comune – diverse letture della “via italiana” e dello stesso “togliattismo”.

2. 1953-1956. Il PCI tra modernizzazione del Paese e rinnovamento

3Nel PCI le cose avevano iniziato a cambiare già nel 1953, con l’avvio della “destalinizzazione” e i primi segnali di crisi del centrismo. L’anno successivo Togliatti aveva tenuto il noto discorso sulla necessità di un “accordo tra comunisti e cattolici per salvare la civiltà umana” (Togliatti 1984a, pp. 832-46). Quindi il Segretario era intervenuto in un dibattito tra Bobbio e Della Volpe su libertà e socialismo: «Diritti di libertà e diritti sociali – aveva affermato – sono […] patrimonio del nostro movimento tra loro non vi era alcuna contraddizione, né una gerarchia» (Togliatti 1984a, pp. 863-70). Infine, in polemica con Colombi e Donini, aveva affermato con forza il principio dell’autonomia della ricerca e della cultura rispetto alle pur legittime esigenze della politica (Vittoria 2014, pp. 142-43). Intanto alla marginalizzazione di Secchia segue la progressiva sostituzione di una serie di quadri, attivi già ai tempi della clandestinità, con elementi più giovani, spesso venuti al PCI sull’onda della Resistenza, con una cultura politica “post-cominternista”.

4Nel 1955 Togliatti sottolinea la necessità di fare passi in avanti «nel campo della nostra teoria» (Gozzini - Martinelli 1998, p. 499). E il terreno da cui si parte è l’analisi del capitalismo italiano. Un primo convegno di intellettuali del “triangolo industriale” si sofferma sul ruolo dei monopoli e la loro influenza culturale (Gozzini - Martinelli 1998, pp. 423-25). Intanto Adalberto Minucci, avvia per «l’Unità» un’interessante inchiesta sulla realtà operaia torinese, che è stata recentemente edita in volume (Minucci 2014). La Fiat – ricorderà – «aveva realizzato un’autentica rivoluzione tecnologica […]. Gli operai con caratteristiche artigiane […] furono […] sostituiti da lavoratori appena giunti dalle campagne», sottoposti a «ritmi frenetici». In questo quadro, la lotta doveva riguardare la riduzione dell’orario di lavoro, e in effetti di lì a poco PCI e CGIL avviarono la battaglia per le 36 ore (Minucci 2008, pp. 61-65; Minucci 2014, pp. 33-66). Minucci rilevava inoltre che le Commissioni interne erano obsolete e ipotizzava «delegati di squadra e di reparto», in grado di esercitare un effettivo controllo sulla produzione, da riunirsi poi in «un consiglio di fabbrica di tipo nuovo» (Minucci 2008, pp. 66-67). Un’acquisizione che sarà frutto delle lotte del decennio successivo.

5Nel 1956 il PCI e l’Istituto Gramsci promuovono un importante convegno sulle «trasformazioni tecniche e organizzative» nelle fabbriche. Silvio Leonardi – figura emblematica di quella parte del gruppo dirigente dotata di una formazione tecnico-scientifica – osserva:

Se è vero che nel nostro paese […] alcune unità produttive […] hanno dimostrato particolare dinamismo […] sarebbe un errore attribuire esclusivamente a queste i fenomeni che verremo ad esporre. […] anche nelle aziende dove non arriva la nuova macchina […] arrivano […] nuovi principi di organizzazione (Aa. Vv. 1956, pp. 25-26).

Lo sviluppo delle forze produttive – aggiunge Aldo Natoli – provoca «un mutamento del rapporto di lavoro», che diventa «più oppressivo». L’automazione insomma non significa maggiore libertà; cosa diversa sarebbe se tale sviluppo «fosse avvenuto sotto la direzione […] della classe operaia». È questo dunque il tema da porre (Aa. Vv. 1956, pp. 411-14).

6La discussione sui processi produttivi si intreccia con quella del «Contemporaneo», l’inserto culturale di «Rinascita», sulla cultura politica del movimento operaio italiano. La linea Spaventa-De Sanctis-Labriola-Croce-Gramsci è messa in discussione da Calvino, Geymonat e Colletti, che invitano a mettersi decisamente «dal punto di vista del marxismo», ponendosi al livello della realtà attuale, nella quale scienza e tecnica hanno acquisito un ruolo centrale (Vacca 1978, pp. xxi-xxii). Nel dibattito interviene anche Alicata: se c’è stato un limite nella cultura politica del PCI, osserva, non è stato un eccessivo “gramscismo”, ma il contrario, e proprio in quanto gramsciani gli intellettuali comunisti devono dedicarsi all’«analisi marxista delle strutture reali del nostro paese» (Vacca 1978, pp. 198-204).

3. 1956

7Il 1956 è l’anno dei grandi sconvolgimenti, con il XX Congresso del PCUS, lo scioglimento del Cominform, la rivolta ungherese. Per Togliatti il XX Congresso rafforza alcuni cardini della cultura politica del PCI. Il mondo, segnato dal consolidarsi del campo socialista e dalla decolonizzazione, tende a diventare «policentrico», e lo stesso accade al movimento comunista, per il quale «non si può parlare di una guida unica, bensì di un progresso che si compie seguendo strade spesso diverse» (Togliatti 1984b, p. 146).

8Sono questi i temi al centro del rapporto al Cc su La via italiana al socialismo. Il leader del PCI sottolinea come quello in atto sia un passaggio storico, «un mutamento delle strutture oggettive del mondo», che rende possibile «raccogliere forze sempre più ampie […] sulla via di uno sviluppo socialista», e dunque come «il metodo democratico, nella lotta per il socialismo […] acquisti oggi quel rilievo che nel passato non poté sempre avere» (Togliatti 1984b, pp. 153-59). Togliatti esplicita insomma il nesso tra cambiamento dei rapporti di forza internazionali, coesistenza pacifica e via democratica al socialismo. Per lui si sta aprendo «una nuova fase di movimento nella politica dei partiti comunisti» (Vacca 1974, p. 360).

  • 1 Il tema è oggetto del contributo a questo volume di F. Chiarotto. Cfr. anche Höbel (2006).

9I “fatti d’Ungheria” producono in questo quadro una crisi non lieve1. Tuttavia, grazie alla capacità di direzione del Segretario, il PCI supera la prova, consolidando gli assi centrali della sua cultura politica. Nella relazione all’VIII Congresso Togliatti si sofferma sulle “riforme di struttura”. Esse «non sono il socialismo. Sono però una trasformazione delle strutture economiche che apre la strada per avanzare verso il socialismo», mirando a «spezzare il potere economico dei monopoli». Certo,

da sola, una nazionalizzazione può non significare grande cosa. […] Ma le cose cambiano quando questa o altre misure […] siano parte integrante di una azione continua, di una lotta incessante […]. Allora anche l’intervento dello Stato nella vita economica può assumere un valore ben diverso (Togliatti 1984b, pp. 211-12).

È una notazione importante. Anche sul problema dello Stato, Togliatti e il PCI introducono innovazioni significative rispetto a una lettura schematica di Marx e di Lenin. Le riforme di struttura – osserva Vacca – sono «la trama della via italiana al socialismo», democratica non solo nel metodo, ma perché «la maturazione della classe operaia come nuova classe dirigente procede […] sul terreno di una progressiva estensione […] del controllo democratico sui processi» economici (Vacca 1974, pp. 372-73).

10Gli Elementi per una dichiarazione programmatica approvati dal congresso costituiscono una messa a punto della “via italiana”; «l’applicazione integrale della Costituzione» è definita «il cardine di tutto il programma politico del partito». L’assunto di fondo – che giungerà fino a Berlinguer – è che «esistono in Italia le condizioni perché, nell’ambito del regime costituzionale, la classe operaia si organizzi in classe dirigente, unendo intorno al suo programma […] la grande maggioranza del popolo» (Benvenuti 1985, pp. 127-75).

4. 1957-1959. Di fronte al boom economico

11Il 1956 segna dunque una riaffermazione della leadership di Togliatti; ma anche nel PCI inizia ad affermarsi una sorta di “unità nella diversità”. Nel 1956 nasce la rivista della FGCI «Nuova generazione»; l’anno successivo è la volta di «Politica ed economia» e dell’Arci; nel 1959 sarà fondata «Studi Storici» (Ragusa 2003, pp. 67-68, 82). È invece soppresso il «Quaderno dell’attivista».

  • 2 G. Leoni, I giovani comunisti e “il partito”. La Fgci dal 1956 al 1968, in «Italia contemporanea», (...)

12Il dibattito coinvolge anche l’organizzazione giovanile. Su «Nuova generazione» si riflette sul I Festival del rock & roll svoltosi a Milano: un’esplosione di energia, ma anche una «manifestazione di americanismo», scrive Sandro Curzi, che segnala un crescente disimpegno dei giovani. Nelle Tesi per il suo XV Congresso (1957) la FGCI esorta a favorire «nuove forme di associazione spontanea dei giovani». Quanto all’americanismo, Togliatti stesso invita a non etichettare così «le trasformazioni del costume […] in atto fra la gioventù, che si traducono nella ricerca di forme di vita più libere […] di rapporti familiari meno antiquati, di relazioni meno codine» tra i sessi2.

  • 3 W. Gambetta, Alla conquista dei “nuovi intellettuali”. La politica culturale del Pci nella via ital (...)

13Intanto il Segretario rilancia l’“operazione Gramsci” avviata nel dopoguerra (Chiarotto 2011). Sia pure gradualmente «il PCI scio[glie] l’anomalia teorica che teneva insieme la tradizione crociana, lo zdanovismo e le riflessioni gramsciane», puntando decisamente su queste ultime, di cui Togliatti valorizza «il carattere aperto e antidogmatico», di «sintesi tra la cultura nazionale e il pensiero leninista». In questa direzione va la sua relazione al I Convegno di studi gramsciani del 1958, e di lì a poco egli individua nella linea «Marx-Labriola-Lenin-Gramsci-Partito Comunista» i fondamenti della cultura politica del PCI3.

14Intanto la crescente concentrazione capitalistica e il rafforzarsi dell’intervento pubblico in economia interrogano i comunisti sul “capitalismo di Stato”. Quest’ultimo – osserva Luciano Barca – può avere un carattere progressivo, ma può anche essere un ulteriore strumento nelle mani della DC. Franco Rodano rivendica quindi un «principio di efficienza» nella gestione dell’impresa pubblica, che non deve essere una macchina clientelare ma una protagonista dell’economia. Per Lucio Magri, va costruita una «egemonia proletaria» sul “capitalismo di Stato”, delineando un’alternativa complessiva. L’idea dell’alternativa globale, che sarà un “cavallo di battaglia” della sinistra comunista, inizia quindi ad affacciarsi fin d’ora. Ed è significativo che Bruno Trentin, che sarà parte di quella sinistra, riaffermi invece una linea di cambiamenti graduali nei rapporti di proprietà, i quali vanno però avviati subito, attraverso il controllo dell’impresa pubblica da parte del Parlamento (Sorgonà 2011, pp. 116-19).

5. 1960-1962. Il centro-sinistra, le riforme, il capitalismo italiano

15Il nuovo decennio si apre per il PCI col IX Congresso. In Italia – afferma Togliatti – la «rivoluzione democratica» avviata dalla Resistenza è «stata interrotta»; «si tratta di riprendere l’opera», dando alla democrazia «un contenuto nuovo», un «programma economico». Il blocco del sistema politico ha alimentato «chiusure conservatrici […] ottusa resistenza al progresso politico, civile e sociale»; ma la «diffusione dei moderni mezzi di comunicazione […] risveglia da un secolare torpore centinaia di migliaia di donne e di uomini […]. È tutto il popolo che […] preme contro le vecchie strutture e cerca di farle saltare» (Togliatti 1984b, pp. 430-38).

  • 4 Leoni, I giovani comunisti cit., p. 196.

16Di lì a poco, l’esplosione del luglio ’60 conferma la diagnosi. La rivolta antifascista fa entrare in scena una nuova generazione, rafforzando quel “paradigma resistenziale” così importante per la cultura politica comunista (Ragusa 2003, p. 48), e creando una saldatura intergenerazionale che dà nuova linfa al PCI. Al XVI Congresso della FGCI il Segretario Trivelli esorta a «sviluppare la “democrazia dei giovani”, favorendo il sorgere di [nuovi] organismi rappresentativi e associativi». La mozione conclusiva preannuncia temi tipici del ’68, dall’ammissione diretta all’Università dagli istituti tecnici al «carattere democratico dell’insegnamento»4.

17Anche la lotta degli elettromeccanici, intanto, conferma che il clima è cambiato. Nel discorso alla II Conferenza operaia del PCI, Amendola sottolinea che «gli operai intendono sempre più largamente servirsi dei beni […] di consumo durevoli», ma non rinunciano a cambiare la società: vi è «nel popolo […] nella gioventù una energia fresca, una spinta combattiva», che il diffondersi dei consumi non cancella (Amendola 1966, p. 119). Dal canto suo, Togliatti rileva il salto di qualità avvenuto nello sviluppo economico del Paese e nel formarsi di una nuova classe operaia, che, con lotte di «qualità nuova», tende a «modificare i rapporti di potere nella fabbrica» e nella società. L’importante è tenere assieme i due elementi, non intendendo il «controllo operaio» in azienda come fine a sé stesso (e qui la polemica con l’operaismo di Panzieri è evidente), ma legandolo a una svolta politica complessiva (Togliatti 1975, vol. I, pp. 672-82).

  • 5 C. Natoli, La sinistra del Pci negli anni Sessanta, in «Studi Storici», LV (2014), pp. 449-79 (458)

18È un elemento che contrapporrà la maggioranza del gruppo dirigente del PCI alla sinistra interna. Più che di una «divaricazione tra primato della politica delle alleanze […] e trasformazione dal basso della società»5, il contrasto sembra essere quello tra un risorgente operaismo e la tendenza a portare la lotta di classe al livello dello Stato riaffermando la funzione nazionale della classe operaia.

19Intanto però, in occasione del Cc del novembre 1961 sul XXII Congresso del PCUS, in cui Chruščëv ha rilanciato l’offensiva antistaliniana, emerge un contrasto di altro tipo. Dopo la relazione di Togliatti molti sono gli interventi critici, tra i quali quelli di Amendola e Alicata, due dirigenti fino ad allora sempre in sintonia col Segretario. Amendola esalta la «furia iconoclasta» di Chruščëv , approva il cambio di nome di Stalingrado ed esorta a superare la «finzione della unanimità», incoraggiando «la necessaria differenziazione», anche col formarsi di maggioranze e minoranze (Righi 2007, pp. 105-20). Alicata contesta lo «storicismo» togliattiano ed esorta a superare «remore, resistenze e ritardi» (Righi 2007, pp. 149-59). Aldo Natoli chiede un congresso straordinario (Righi 2007, pp. 229-30).

20Come scrive Agosti, Togliatti si trova «praticamente in minoranza nel Cc» (Agosti 1996, p. 521). Il Segretario replica richiamando tutti al «senso delle proporzioni» e ribadisce il «legame di omogeneità» col partito sovietico: «Se non ci fosse stata questa fiducia profonda e questa unità […] sarebbe mancato il punto d’appoggio essenziale per lo sviluppo di un movimento comunista […] italiano». Come già aveva fatto nel ’56, Togliatti rivendica un modo di dirigere il partito che pone in primo piano l’unità intesa come sintesi, e sottolinea la necessità di una pars costruens sui compiti dei comunisti in Italia e in Europa (Righi 2007, pp. 280-99). La vicenda è interessante non solo in riferimento al rapporto tra PCI e URSS, ma anche riguardo allo stile di direzione del “Migliore”. Respinta all’unanimità la proposta di congresso straordinario, Togliatti affida a Berlinguer e Bufalini, con la sua supervisione, il compito di stendere un documento di sintesi, che avrà notevoli elementi di novità. Il Segretario, cioè, sceglie di non frenare il rinnovamento ma di guidarlo (Righi 2007, pp. 328-47). Nel testo tornano spunti già presenti nell’intervista a «Nuovi Argomenti». Come osserva Agosti, «mai prima di allora un partito comunista non “eretico” ha espresso in forma così chiara una posizione critica nei confronti dell’URSS» (Agosti 1996, p. 522).

21Il dibattito ha ricadute anche sulla FGCI. Occhetto e Notarianni pongono il problema della riabilitazione di Trockij. Nel dibattito di «Nuova generazione», troviamo firme come quella di Augusto Illuminati e Luca Cafiero, che di lì a poco, usciti dalla FGCI, saranno tra i protagonisti del ’68.

22Intanto si è costituito il primo governo di centro-sinistra, guidato da Fanfani. Togliatti lo legge come un effetto delle lotte degli anni precedenti, una tappa del riavvicinamento tra le forze popolari che può consentire di riprendere il discorso interrotto nel 1947, ma anche come una possibile manovra trasformistica (Togliatti 1984b, pp. 598-613, 673-79). Nei mesi seguenti il PCI sostiene l’attività legislativa del governo, a partire dalla nazionalizzazione dell’energia elettrica, incalzandolo sulle riforme.

23Tuttavia nel gruppo dirigente convivono due letture del centro-sinistra e della struttura economica del Paese, come emerge al convegno sulle Tendenze del capitalismo italiano. Secondo Amendola, l’Italia vive

contraddizioni proprie di una società capitalistica avanzata in un paese che non ha ancora risolto le contraddizioni create da uno sviluppo ritardato e distorto del capitalismo […]. La presenza di un forte e combattivo movimento operaio dà a questo intreccio […] un carattere esplosivo.

Ne deriva che «obiettivi di rinnovamento strutturale e di programmazione democratica» non possono essere «facilmente riassorbiti da una manovra neocapitalistica» (Istituto Gramsci 1962, vol. I, pp. 145-215). Esponenti della sinistra interna come Trentin e Magri giudicano invece il capitalismo italiano molto più evoluto; le istanze di riforma sono funzionali al sistema, e va loro contrapposta un’alternativa globale (Istituto Gramsci 1962, vol. I, pp. 97-144, 323-35).

24Un mese prima Togliatti aveva replicato a queste posizioni, criticando la «quasi esaltazione […] degli sviluppi del capitalismo»:

La conseguenza cui si giunge è che il proletariato deve ora misurarsi con il capitalismo avanzato, il che sarebbe una verità molto elementare […] [e] che il capitalismo avanzato deve oggi venire affrontato in uno scontro sul campo aperto. È una bella frase […] ma in che cosa si traduce in pratica? (Togliatti 1984b, p. 614).

Si è scritto che quella della maggioranza del PCI era una visione «catastrofista» dell’economia e del capitalismo italiano, tutta centrata sulla categoria di “arretratezza” (Crainz 2003, p. 156; Lanaro 1992, p. 316).

25In realtà, le analisi comuniste di questa fase evidenziano piuttosto quell’intreccio tra “vecchio” e “nuovo” tipico delle economie basate su dualismi e contraddizioni irrisolte (Castronovo 1975, pp. 441-51). Per la maggioranza, l’estendersi dei consumi non significa che si stia imboccando una strada davvero nuova nello sviluppo del paese. La sinistra interna vede invece una forma inedita di accumulazione, quella del neocapitalismo, col rischio di integrazione della classe operaia, da scongiurare attraverso una critica serrata al centro-sinistra e acutizzando il conflitto capitale/lavoro. Come osserva Salvatore Lupo, però, attribuire le riforme «a un “piano del capitale” aveva un che di paradossale» in «un’Italia dove la regolamentazione pubblica del mercato […] veniva contrastata con forza» (Lupo 2004, p. 195). E anche l’ipotesi dell’integrazione operaia sarà smentita dal 1968-69. La sinistra coglie però la natura pervasiva del “neocapitalismo” e l’esigenza di contrapporle nuove forme di controllo sociale. Per Trentin, «i problemi del controllo operaio», della «nuova funzione» di sindacati ed enti locali, «dei nuovi istituti di democrazia di base diventano parte integrante […] di una politica di riforme strutturali». Per Amendola invece è soprattutto l’ampliarsi dell’intervento pubblico nell’economia ad aprire nuovi spazi, con possibili «convergenze» con la programmazione del centro-sinistra (Istituto Gramsci 1962, vol. I, pp. 421-41).

26Lo stesso Togliatti è su questa linea. Intervenendo in una polemica tra Amendola e Rossanda, scrive: «Se mi chiudo nell’affermazione apodittica che, anche se si parla di riforme, sono sempre “il monopolio” e il “neocapitalismo” che le vogliono […] perdo, di fatto, lo stesso punto di partenza di una lotta efficace» (Togliatti 1975, p. 1124). Al contrario, in Italia «la via del riformismo non può essere presa senza affrontare riforme tali che incidano […] nella struttura stessa del capitalismo» (Togliatti 1975, pp. 1137-40).

6. 1962-1964. L’ultimo Togliatti: la pace, lo Stato, la programmazione

27Al X Congresso del PCI (1962)Togliatti torna sulla grande «espansione delle forze produttive», sottolineando che i gruppi monopolistici «pretendono di disporre nel loro interesse» dello stesso «apparato dello Stato […] spinto in questo modo ad assumere funzioni nuove». D’altro lato, sviluppo delle forze produttive, ruolo dello Stato nell’economia e tendenze alla programmazione rendono attuale «nei paesi di capitalismo sviluppato» il tema dell’«avanzata verso il socialismo». Ora più che mai «la classe operaia ha di fronte a sé lo Stato», e su tale terreno «deve sapersi muovere», cercando di «fare dell’azione dello Stato uno strumento di lotta contro il potere del grande capitale», riaprendo così «la prospettiva di una democrazia di tipo nuovo». Questo è possibile perché una nuova fase di movimento è iniziata: è «l’ondata davvero impressionante delle manifestazioni di malcontento e di lotta», infatti, «la vera caratteristica della situazione attuale» (Togliatti 1984b, pp. 656-65).

28L’ultimo Togliatti tiene dunque insieme un elemento di radicalità strategica con l’esigenza di costruire un fronte ampio sociale e politico. Di qui anche la rinnovata attenzione al mondo cattolico, col discorso di Bergamo sull’era atomica e la pace, giudicata «una necessità», per cui anche la divisione del mondo in blocchi va «modificata e tolta di mezzo» (Togliatti 1984b, pp. 1123-35).

29Qualcosa, però, non funziona nel rapporto con le nuove generazioni. La conferenza che Togliatti tiene all’Università di Pisa, interrotto da un giovane Adriano Sofri che contesta al PCI di non aver “fatto la rivoluzione”, è un episodio emblematico. La critica “da sinistra” al PCI è cominciata. Anche per questo il Segretario incoraggia il rinnovamento interno, simboleggiato dalla designazione di Rossana Rossanda alla guida della Commissione culturale (Ajello 1997, pp. 64, 45-47; Rossanda 2005, pp. 252-54).

30Intanto alle elezioni del ’63 i comunisti superano il 25%. Per Togliatti, «le forze che seguono il PCI debbono entrare in campo governativo»; c’è «una spinta generale», afferma, con «una chiara impronta non soltanto democratica, ma anche socialista», che «probabilmente […] annuncia un analogo movimento anche in altri paesi dell’Occidente europeo» (Togliatti 1984b, pp. 708-10).

31Replicando a Mao Zedong, che identifica la prospettiva rivoluzionaria con le lotte di liberazione del Terzo mondo e la cui posizione influenzerà molto l’ultrasinistra italiana (Istituto Gramsci 1972, pp. 125, 139-42, 727-28), Togliatti individua i soggetti storici della trasformazione: i paesi socialisti, i movimenti di liberazione e i paesi di nuova indipendenza, il movimento operaio occidentale (Togliatti 1975, pp. 1479-86). In Occidente si può andare verso una programmazione capitalistica di tipo tecnocratico, oppure verso una programmazione democratica dell’economia, la quale «tende con misure di controllo e di intervento nella sfera delle decisioni economiche […] a passare gradualmente alla collettività il potere di decisione relativo ai più grossi problemi» (Togliatti 1975, pp. 1533-37). È questa la sfida attuale, che pone ancora una volta al centro il problema dello Stato.

32Nel Memoriale di Jalta Togliatti torna su questi temi. Occorre – scrive – «un piano generale di sviluppo economico da contrapporre alla programmazione capitalistica» come «nuovo mezzo di lotta per avanzare verso il socialismo». Il punto, cioè, è «se sia possibile […] una progressiva trasformazione» della «natura» dello Stato (Togliatti 1984b, pp. 823-33).

7. 1964-1966. Dopo Togliatti: l’esplosione del dibattito e l’XI Congresso

  • 6 Sulla segreteria Longo, mi sia consentito rinviare a Höbel (2010).

33La morte di Togliatti è senza dubbio uno spartiacque. Essa cade un mese dopo il luglio 1964, col “tintinnare di sciabole” del Piano Solo che, assieme alla stretta creditizia di Carli e Colombo, induce ad accantonare le istanze più avanzate del centro-sinistra. Nel PCI il confronto è ora «senza rete» (Rossanda 2005, p. 289). Lo stile di direzione del nuovo Segretario Luigi Longo, che esalta la collegialità, favorisce l’«esplosione» del dibattito interno6. Ingrao ne rivendica la pubblicità anche per quanto riguarda il confronto di linee negli organismi dirigenti ristretti (Ragusa 2003, pp. 185-86).

34A livello analitico l’intreccio tra crisi sociale e crisi democratica – col tema del «fallimento del centro-sinistra» – è ampiamente sviluppato. La programmazione democratica rimane al centro della proposta del PCI. Essa è vista come frutto di una duplice azione: dall’alto – attraverso il Parlamento, gli organi della programmazione, i sindacati, l’impresa pubblica – e dal basso, tramite i Comitati regionali per la programmazione, i lavoratori organizzati, e nuovi organismi di gestione e controllo. L’obiettivo è quello di orientare l’impresa di Stato ma anche le scelte del capitale privato (Amendola 1966, pp. 494-95; PCI 1966, pp. 521-23).

35Sul piano politico si cerca di costruire un vasto schieramento per una nuova maggioranza, basata su una ritrovata unità coi socialisti e un nuovo dialogo coi cattolici. A questi ultimi Longo, considerando che «l’unità dei cattolici nella democrazia cristiana è un mito che non corrisponde più alla realtà», propone ora non «un accordo su un programma immediato», ma «un discorso più ampio che includa anche la prospettiva socialista» (Höbel 2010, pp. 66, 63). Sull’altro versante, Amendola rilancia l’idea «di un partito unico del movimento operaio», composto da comunisti, socialisti, e uomini come Bobbio, eredi «della battaglia liberale iniziata da Piero Gobetti». Egli mira cioè a valorizzare l’eredità di un certo antifascismo di sinistra e l’originalità del PCI, tentando di dare una risposta al «problema della funzione della classe operaia nei paesi capitalistici nella lotta […] per il socialismo». «Tra la via seguita dalla socialdemocrazia […] e la via seguita nell’Unione Sovietica» – scrive – «dobbiamo ricercare una via nuova», il cui strumento dovrà essere «il partito della via italiana al socialismo», e il cui programma sarebbe la stessa Costituzione (Höbel 2010, pp. 83-84).

36È un quadro definibile di “terza via”, con suggestioni da “fronte popolare”, e non a caso di lì a poco si riapre il dibattito sul frontismo. Per Amendola, «si tratta […] di trovare, non a mezza strada, ma più avanti, oltre le vecchie posizioni […] una strategia nuova». Il fallimento del centro-sinistra apre una situazione irta di «pericoli», e va costruita un’alternativa all’unificazione tra i partiti di Nenni e Saragat. Anche per Longo, nella fase attuale «si apre il problema dell’accesso alla direzione politica del paese di un nuovo blocco di potere». Bisogna dunque «accrescere […] il peso della classe operaia e delle masse lavoratrici», e ciò implica «il rafforzamento di tutto il tessuto unitario già esistente […] e la sua estensione» (Höbel 2010, pp. 84-88).

Secondo Mammarella, la proposta di Amendola enfatizzava i termini della “via italiana”, e quindi anche l’autonomia internazionale del PCI (Mammarella 1975, pp. 197-202). D’altra parte, osserva Sassoon, essa lasciava in ombra il rapporto con le masse cattoliche, omologando l’Italia ad altri paesi, con un partito dei lavoratori contrapposto a un partito conservatore, deviando da quello che anche Gozzini giudica un asse centrale della cultura politica del PCI, ossia l’unità fra i tre partiti di massa (Sassoon 1981, p. 221; Gozzini 2001, p. 110).

37Il dibattito si lega al tipo di schieramento di cui il PCI deve farsi promotore: un fronte basato sulle forze del movimento operaio, dal PSI al PSIUP, che conti anche sul sindacato, sulla cooperazione, su intese a livello locale – ed è la linea di Amendola –; oppure – è la linea di Ingrao – una nuova unità, che, dando ormai per “integrato” il PSI, valorizzi quanto si muove nella società, a partire dall’insofferenza operaia, dal dissenso cattolico, dalle giovani generazioni. Longo mira a fare sintesi, tendendo a tutelare il tessuto unitario coi socialisti ma valorizzando i nuovi fermenti.

38Intanto anche la discussione sul rapporto classe-partito si riaccende. Valorizzando la fase di movimento apertasi, Longo individua «il punto di partenza» della nuova maggioranza «nella classe operaia» e in «un mutamento qualitativo nel rapporto tra lotte rivendicative e lotte politiche». Per Ingrao «la lotta articolata nella fabbrica è una componente non sostituibile per […] aprire la via a […] un nuovo meccanismo di sviluppo» (Höbel 2010, p. 148).

  • 7 A. Minucci, Sul rapporto classe operaia-società, in «Critica marxista», 1965, n. 1.

39Su «Critica marxista» Minucci sottolinea che il progresso tecnologico spinge il lavoro operaio «verso funzioni sempre più complesse e ideative». In tale quadro, emerge la «tendenza a una ricomposizione unitaria del lavoro», l’operaio assume funzioni sempre più simili a quelle del tecnico, e quindi «sente il bisogno […] di padroneggiare il processo produttivo […] attraverso forme di controllo socializzato»; per questo la lotta nell’ambito produttivo diventa subito politica. Del resto, nel momento in cui l’istruzione e altri servizi contribuiscono a formare il «valore della forza lavoro», la classe operaia deve contrattare anche questi elementi, battendosi per «una pianificazione sociale dello sviluppo»; «un modello» che evidenzi il contrasto «tra realtà e possibilità […] tra capitalismo e socialismo», valorizzando i «rapporti nuovi» con tecnici, ricercatori, professionisti, e «la sua disposizione storica a unificare l’intiera società»7.

40Anche le Tesi preparatorie della III Conferenza operaia sottolineano che il capitalismo ormai tenta «di pianificare non più soltanto l’azienda e il gruppo, ma la ‘società’»; dunque la classe operaia deve porsi allo stesso livello, lottando per «un controllo a livello aziendale» del processo produttivo e per «un controllo a livello nazionale» che affermi «la preminenza dell’interesse pubblico». Il documento afferma quindi una «centralità della fabbrica del tutto innovativa» nella cultura politica del PCI (Höbel 2010, p. 146; Chinello 1996, p. 373).

41Intanto la Conferenza operaia giovanile termina con una risoluzione ricca di anticipazioni del 1968-69: la ristrutturazione capitalistica – si afferma – richiede «una risposta generale […] di tipo nuovo», in cui

spetta ai giovani un ruolo decisivo. […] una nuova prospettiva di battaglia sindacale […] può trovare nei nuovi strati di classe operaia la punta avanzata dello schieramento […] per un nuovo sistema di istruzione e di formazione professionale […] per la costruzione […] di nuove forme di democrazia. [Questa lotta] richiede infatti […] che la classe operaia si organizzi in modo nuovo, attraverso organismi unitari e autonomi (Höbel 2010, pp. 152-53).

Alla Conferenza operaia del PCI, invece, Amendola critica chi «vorrebbe che il partito si sostituisse al sindacato […] per portare il movimento rivendicativo – si dice – su piattaforme più avanzate». Occorre al contrario consolidare l’unità sindacale e non sottovalutare il terreno salariale. Il documento approvato dalla Direzione col “no” di Ingrao e l’astensione di Reichlin esorta dunque a contrastare «deformazioni di tipo operaistico» e definisce «confusa e velleitaria la posizione – emersa dalla […] Conferenza operaia della FGCI – tendente a sollecitare la creazione di nuovi organismi in fabbrica», mentre lì occorre «costruire il Partito» e il sindacato (Höbel 2010, pp. 155-58).

42È una differenziazione – politica, ma anche generazionale – non secondaria, che rimanda a una divergenza strategica: puntare sulle “realtà avanzate”, promovendo lotte e organismi di avanguardia, o invece ricostruire l’unità “storica” della classe operaia, nell’ambito di una politica unitaria ampia. Dietro la polemica sull’operaismo, sta dunque una differenziazione più profonda, tra la linea di unità delle masse popolari e dei loro partiti (sia pure con la tendenza nuova a “rompere” la DC), e il tentativo di avere un partito più radicale e più radicato nei movimenti di massa, che costruisca una nuova “unità dal basso” (cfr. Flores - Gallerano 1992, pp. 98-9, 188; Mammarella 1975, pp. 202-203). Longo colloca il PCI su una linea intermedia, di apertura verso quanto si muove nella società, ma anche di rafforzamento del partito e di dialogo con altre forze e correnti politiche.

43L’XI Congresso, nel ’66, è in questo quadro un passaggio chiave. Il PCI vi giunge al termine di una discussione intensa, a tratti aspra, che dura più di un anno. Nel Progetto di Tesi molte istanze di Ingrao sono accolte. Tuttavia lo scontro è forte. Ingrao ripropone la “pubblicità del dibattito” della Direzione, il che per il resto del gruppo dirigente implica una personalizzazione del confronto, e quindi la possibile nascita di correnti. Le reazioni di Alicata, Pajetta e Longo sono dure. Tuttavia il Segretario fa sì che Ingrao sia confermato nella Direzione, nell’Ufficio politico e come capogruppo alla Camera. Allorché, pochi mesi dopo, il PCI presenta in Parlamento la sua Relazione di minoranza sulla programmazione, molti temi cari alla sinistra saranno ripresi e sistematizzati.

44Nell’elaborazione del PCI la programmazione si lega a una serie di riforme, configurando un modello di “democrazia sociale” in linea con quello descritto nella Costituzione (d’Albergo - Catone 2008); un programma di democratizzazione avanzata dello Stato e della società, con la creazione di forme di gestione da parte dei lavoratori e dei sindacati in gangli vitali della società: l’impresa pubblica e le Partecipazioni statali, la previdenza, il collocamento, la sanità, fino alla scuola, all’Università e alla Rai. La prospettiva non è dunque solo quella della costruzione di un moderno sistema di Welfare – anche per questo il PCI non è assimilabile a una forza socialdemocratica – ma anche di una rete di autonomie, di strumenti di gestione e intervento dei lavoratori, che allude a un sistema sociale diverso. Sono gli «elementi di socialismo» di cui parlerà Berlinguer, ma anche le «casematte» concepite da Gramsci. È questo, a ben guardare, l’elemento che consentirà al PCI di dialogare col ’68.

8. 1967. La vigilia

  • 8 Leoni, I giovani comunisti cit., pp. 201-202, 207.

45All’inizio del 1967 il movimento giovanile è già apparso sulla scena. Il direttore di «Rinascita» Pavolini pone il problema delle nuove forme di partecipazione. Giuliano Pajetta, dal canto suo, riporta il giudizio di un militante: i giovani si avvicinano al partito «per fare la rivoluzione», ma non sempre l’attività politica quotidiana corrisponde alla loro tensione ideale8.

46Anche il neo-segretario della FGCI Petruccioli rileva la difficoltà di organizzare i giovani, operai, studenti e «lavoratori intellettuali», stretti tra istanze rinnovatrici e tentazioni di «adattamento» a causa della loro stessa «collocazione sociale», che pone loro «una alternativa radicale: accettare o cambiare tutto e subito». Per Petruccioli va quindi posto il tema di una «nuova democrazia», e la FGCI è pronta a costruire «nuclei di organizzazione e di potere» popolare (FGCI 1967, pp. 3-25) Giancarlo Pajetta, concludendo l’assemblea dei giovani comunisti, enfatizza il ritorno della «lotta per la libertà» nelle agitazioni operaie e studentesche: «Non bisogna lasciarci lusingare dalle mode […] ma […] neppure avere soltanto fastidio di certe manifestazioni». Si può trovare «un comune denominatore» nella lotta per «una democrazia effettiva»; partito e FGCI devono però «liquidare […] certi elementi di rituale, certe ruggini burocratiche» (FGCI 1967, pp. 59-67).

47Una nota di Borghini, altro dirigente della FGCI, sottolinea che sono cresciute le «masse giovanili all’opposizione»; ma parte di esse ha verso il PCI «una specie di rancore», cui si aggiunge «il vizio estremistico» di ritenere impossibile «cambiare la parte se non si cambia il tutto». I giovani pongono

il problema della partecipazione politica, della presenza diretta […] delle masse nelle scelte […] Una organizzazione di partito, per quanto solida e viva, non può surrogare questa esigenza. È perciò necessario che noi ci impegniamo su questo terreno, battendoci per […] nuovi organismi di democrazia (Höbel 2010, p. 445).

Tra i giovani, intanto, cresce la «rivolta politica contro la sinistra tradizionale». Anche sul Vietnam il movimento tende a “scavalcare” le forze di sinistra, criticando l’impostazione unitaria della mobilitazione ed enfatizzando la tematica antimperialistica (Tarrow 1990, pp. 128-9, 139-41). In questo quadro, l’episodio di Firenze, con la contestazione di La Pira e Codignola e gli applausi a Fortini, secondo cui sul Vietnam «ci si divide», fa emergere un contrasto di fondo: se il PCI mira alla costruzione di un fronte ampio contro la guerra, gli studenti tendono a radicalizzare lo scontro, anche a danno della politica delle alleanze. Il rifiuto dell’idea stessa di obiettivi intermedi allarga le distanze.

48Diverso è il discorso per le nuove leve operaie. Nel dicembre 1967 si tiene la IV Conferenza operaia del PCI; il 41.5% dei delegati ha meno di 30 anni. Nella sua relazione Di Giulio denuncia:

La fabbrica italiana continua ad essere organizzata sulla base di princìpi autoritari […] che soffocano, schiacciano, offendono la personalità del lavoratore […] in modo particolare i giovani tecnici e operai, che più acutamente avvertono il contrasto tra le loro aspirazioni ed il regime generale di fabbrica.

Le battaglie più urgenti sono dunque quelle per le libertà in fabbrica, lo statuto dei diritti e la riduzione dell’orario di lavoro (PCI 1968, pp. 11-36).

49Concludendo la Conferenza, Amendola afferma che la «saldatura con le nuove generazioni […] si sta realizzando», il che garantisce «la continuità del movimento operaio italiano». Proprio questa continuità, di cui si è fatto portatore il PCI, conferma che «la classe operaia non è integrata». C’è ancora da lottare contro il «regime di bassi salari» e «la sperequazione dei salari fra Nord e Sud» (quella che sarà la battaglia sulle “zone salariali” insomma).

v’è un necessario collegamento […] tra il problema dei rapporti in fabbrica […] ed i problemi dello sviluppo economico. […] l’aumento della forza contrattuale in fabbrica della classe operaia significa limitare i profitti, e quindi […] le possibilità per i gruppi monopolistici di attuare una propria politica di investimenti sottratta al controllo pubblico.

Anche per questo, «la lotta in fabbrica è il punto di partenza per […] imporre una programmazione democratica» (PCI 1968, pp. 103-18).

50Sono parole che riecheggiano le affermazioni contestate nel ’65: l’idea della fabbrica come “punto di partenza” della battaglia politica è fatta propria anche da parte di chi, come Amendola, più l’aveva criticata. Certo, le lotte del ’66-67 hanno rimesso le cose in movimento, ma in questo cambiamento c’è anche il segno di una maggiore omogeneità raggiunta dal gruppo dirigente a tre anni dalla morte di Togliatti e più al fondo la forza di una comune cultura politica. Lo stesso Ingrao, d’altra parte, insiste sul tema delle riforme in modo quasi da controbilanciare l’enfasi sulla lotta articolata, e il documento conclusivo della Conferenza sottolinea «l’impegno dei comunisti per accrescere il potere dei lavoratori nella fabbrica, nella società e nello Stato».

51Le elezioni del 1968 sono vicine, e il PCI cerca di convogliare il potenziale di lotta emerso verso l’obiettivo della “nuova maggioranza”. Il voto vedrà un successo del partito. Ma le distanze tra la cultura politica comunista e quelle del “movimento” non tarderanno a manifestarsi.

Bibliographie

Aa. Vv. (1956), I lavoratori e il progresso tecnico, Editori Riuniti, Roma.

Adagio, Carmelo - Cerrato, Rocco - Urso, Simona(1999) (a cura di), Il lungo decennio. L’Italia prima del ’68, Cierre edizioni, Sommacampagna.

Agosti, Aldo (1996), Palmiro Togliatti, Utet, Torino.

Ajello, Nello (1997), Il lungo addio. Intellettuali e PCI dal 1958 al 1991, Laterza, Roma-Bari.

Amendola, Giorgio (1966), Classe operaia e programmazione democratica, Editori Riuniti, Roma.

– (1978), Il rinnovamento del PCI, a cura di R. Nicolai, Editori Riuniti, Roma.

Benvenuti, Francesco (1985) (a cura di), Da Gramsci a Berlinguer, vol. III, 1956-1964, Edizioni del Calendario-Marsilio, Milano-Venezia.

Castronovo, Valerio, La storia economica, in Storia d’Italia, vol. IV*, Einaudi, Torino.

Chiarotto, Francesca (2012), Operazione Gramsci. Alla conquista degli intellettuali nell’Italia del dopoguerra, con un saggio di A. d’Orsi, Bruno Mondadori, Milano.

Chinello, Cesco (1996), Sindacato, PCI, movimenti negli anni Sessanta. Porto Marghera-Venezia 1955-1970, Franco Angeli, Milano.

Crainz, Guido (2003), Il paese mancato. Dal miracolo economico agli anni ottanta, Donzelli, Roma.

D’Albergo, Salvatore - Catone, Andrea (2008) Lotte di classe e Costituzione. Diagnosi dell’Italia repubblicana, La Città del Sole, Napoli.

FGCI (1967), I giovani liberi nella scuola, nel lavoro, nella vita, protagonisti della politica costruiscono una nuova società, Roma.

Flores, Marcello - Gallerano, Nicola (1992), Sul PCI. Un’interpretazione storica, il Mulino, Bologna.

Gozzini, Giovanni (2001), Il PCI nel sistema politico della Repubblica, in Il PCI nell’Italia repubblicana 1943-1991, a cura di R. Gualtieri, Carocci, Roma.

Gozzini, Giovanni - Martinelli, Renzo (1998), Storia del Partito comunista italiano. VII. Dall’attentato a Togliatti all’VIII Congresso, Einaudi, Torino.

Höbel, Alexander (2006) (a cura di), Il PCI e il 1956. Scritti e documenti dal XX Congresso del PCUS ai fatti di Ungheria, La Città del Sole, Napoli.

– (2010), Il PCI di Luigi Longo (1964-1969), Edizioni scientifiche italiane, Napoli.

Istituto Gramsci (1962), Tendenze del capitalismo italiano. Atti del Convegno di Roma, 23-25 marzo 1962, Editori Riuniti, Roma.

– (1972), Il marxismo italiano degli anni Sessanta e la formazione teorico-politica delle nuove generazioni, Editori Riuniti, Roma.

Lanaro, Silvio (1992), Storia dell’Italia repubblicana, Marsilio, Venezia.

Lupo, Salvatore (2004), Partito e antipartito. Una storia politica della prima Repubblica (1946-78), Donzelli, Roma.

Mammarella, Giuseppe (1975), Il Partito comunista italiano 1945/1975. Dalla Liberazione al compromesso storico, Vallecchi, Firenze.

Minucci, Adalberto (2008), La crisi generale tra economia e politica, voland, Roma.

– (2014), Quando a Torino c’era la Fiat, a cura di M. Albeltaro, Editori Riuniti, Roma.

PCI (1966), Documenti politici dal X all’XI Congresso del PCI, Roma.

– (1968), Cambiare la condizione operaia nella fabbrica, nella società, nello Stato, Roma.

Ragusa, Andrea (2003), I comunisti e la società italiana, Lacaita, Manduria-Bari-Roma.

Righi, Maria Luisa (2007) (a cura di), Il PCI e lo stalinismo. Un dibattito del 1961, introduzione di R. Martinelli, Editori Riuniti, Roma.

Rossanda, Rossana (2005), La ragazza del secolo scorso, Einaudi, Torino.

Sassoon, Donald (1981), The Strategy of the Italian Communist Party. From the Resistance to the Historic Compromise, Pinter, London.

Sereni, Emilio (1978), La rivoluzione italiana, a cura di G. Prestipino, Editori Riuniti, Roma.

Sorgonà, Gregorio (2011), La svolta incompiuta. Il gruppo dirigente del PCI dall’VIII all’XI Congresso (1956-1965), Aracne, Roma.

Tarrow, Sidney (1990), Democrazia e disordine. Movimenti di protesta e politica in Italia. 1965-1975, Laterza, Roma-Bari.

Togliatti, Palmiro (1975), Scritti sul centrosinistra 1958-1964, 2 voll., Cooperativa Editrice Universitaria, Firenze.

– (1984a), Opere, vol. V, 1944-1955, a cura di L. Gruppi, Editori Riuniti, Roma.

– (1984b), Opere, vol. VI, 1956-1964, a cura di L. Gruppi, Editori Riuniti, Roma.

Vacca, Giuseppe (1974), Saggio su Togliatti e la tradizione comunista, De Donato, Bari.

– (1978) (a cura di), Gli intellettuali di sinistra e la crisi del 1956, Editori Riuniti, Roma.

Vittoria, Albertina (2014), Togliatti e gli intellettuali. La politica culturale dei comunisti italiani (1944-1964), Carocci, Roma.

Notes

1 Il tema è oggetto del contributo a questo volume di F. Chiarotto. Cfr. anche Höbel (2006).

2 G. Leoni, I giovani comunisti e “il partito”. La Fgci dal 1956 al 1968, in «Italia contemporanea», 2012, n. 267, pp. 183-92.

3 W. Gambetta, Alla conquista dei “nuovi intellettuali”. La politica culturale del Pci nella via italiana al socialismo, in Adagio - Cerrato - Urso (1999), pp. 294-96.

4 Leoni, I giovani comunisti cit., p. 196.

5 C. Natoli, La sinistra del Pci negli anni Sessanta, in «Studi Storici», LV (2014), pp. 449-79 (458).

6 Sulla segreteria Longo, mi sia consentito rinviare a Höbel (2010).

7 A. Minucci, Sul rapporto classe operaia-società, in «Critica marxista», 1965, n. 1.

8 Leoni, I giovani comunisti cit., pp. 201-202, 207.

Auteur

È dottore di ricerca in Storia e cultore della materia (Università “Federico II”, Napoli); borsista della Fondazione Luigi Longo, collabora con la Fondazione Istituto Gramsci, per la quale cura il lavoro redazionale di «Studi Storici». È redattore di «Historia Magistra. Rivista di storia critica» (redazione di Roma). È autore, tra l’altro dei volumi Il Pci di Luigi Longo (1964-1969) (Edizioni scientifiche italiane, 2010); Luigi Longo, una vita partigiana (1900-1945) (Carocci, 2013). Recentemente ha curato e introdotto i Discorsi al Parlamento Europeo di Enrico Berlinguer (Editori Riuniti, 2014).

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable