Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Uomini e orsi

 | 
Enrico Comba
, 
Daniele Ormezzano

Prefazione

Livio Dezzani

Texte intégral

1Le vicende editoriali di questo volume, complesse ma ricche di interessanti risultati, hanno inevitabilmente occupato un non breve spazio temporale: risulta pertanto inevitabilmente datato il testo che ebbi l’onore di presentare in apertura del Convegno che si tenne, a Torino in data 7 febbraio 2013, nei locali – oggi purtroppo non agibili – del nostro amato Museo di Storia Naturale.

2Mi fa tuttavia piacere riproporlo nella sua forma originale, non solo come ricordo e omaggio a quella bella giornata di studio e di partecipazione, ma anche perché i dati di fondo che allora presentai – l’incontro tra Piemonte e Finlandia; lo sforzo per tutelare il territorio del Piemonte – sono ancora quanto mai vivi e attuali.

3È con vera soddisfazione che porto il saluto della Giunta Regionale, e in particolare dell’Assessore alle Politiche Territoriali Ugo Cavallera, a questo Convegno, che si presenta come un momento tanto inusuale, quanto interessante, nel panorama delle manifestazioni che questo Museo ospita, con un successo che premia l’entusiasmo di chi ci lavora.

4Non è usuale, infatti, che sia stabilito un ponte culturale tra il Piemonte e un paese lontano, come la Finlandia: paese certamente lontano nello spazio geografico, ma che ha nei suoi paesaggi di boschi e montagne echi e vicinanze precise con parte del nostro Piemonte, laddove meno forte è la presenza umana e ancora si sente la voce della natura.

5Altrettanto inusuale è che al centro della nostra attenzione sia posto un animale, come l’orso, che di certo non è normale incontrare nella nostra vita quotidiana, ma che – per contro – occupa una posizione ben precisa nel nostro immaginario, da bambini come da adulti.

6Il richiamo all’orso, così come l’attenzione per i vasti paesaggi incontaminati della Finlandia (oggi presenti anche in un originale filmato) ha tuttavia anche un altro significato, che esce dai campi pur interessantissimi dello studio naturalistico ed ecologico: l’orso e i boschi, infatti, sono elementi che ci richiamano prepotentemente alla mente la necessità di salvaguardare il nostro territorio, individuando serie e credibili politiche di tutela e di valorizzazione dell’ambiente.

7È una scelta che la Regione Piemonte, e in particolare la Direzione che ho l’onore di presiedere, ha effettuato con coraggio e coerenza, facendo ricorso ai vari tipi e livelli di strumenti, che la legge pone nelle nostre mani.

8È quindi bene ricordare che, oggi, il Piemonte dispone di validi strumenti di tutela (Piano Territoriale e Piano Paesaggistico), estesi su tutto il suo territorio e in grado di arginare con efficacia ogni possibile spinta, che risulti contraria ai valori di tutela e di attenzione per ambiente, paesaggi, monumenti.

9Sta inoltre ultimando il suo iter di approvazione in Consiglio regionale la “Nuova Legge Urbanistica”, dalla quale molto ci aspettiamo, in termini di maggior attenzione alle trasformazioni urbane e di attenti limiti al fenomeno del consumo del suolo, fenomeno che – più di ogni altro – intacca e minaccia lo stato naturale dei luoghi.

10Anche se da decenni l’orso più non vive sulle nostre montagne (e ce ne dispiace…) possiamo quindi concludere affermando che il Piemonte – regione fortemente antropizzata, occorre mai dimenticarlo – ha avviato un insieme di politiche serie e realistiche, tali da permettere al nostro ambiente, sia naturale che costruito, di affacciarsi al nuovo secolo con buone speranze non solo di sopravvivenza, ma anche di miglioramento, di recupero, di valorizzazione.

 

Il più cordiale augurio per i lavori del Convegno!

Auteur

Direttore regionale per il Territorio, Regione Piemonte