Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Segni dell’esclusione

 | 
Alessandro Casiccia

3. Il distacco

Texte intégral

I nuovi grandi patrimoni

1È ormai evidente l’impossibilità di sottovalutare l’azione dei beni posizionali quali strumenti di confronto competitivo.

2Va piuttosto rilevato che ogni siffatto confronto oggi non avviene più, come un tempo, su un terreno di gioco mimetico dove in qualche modo entra anche una parte dei ceti medi emergenti, seguiti a loro volta da un “popolo” invidiosamente ammirato e sedotto da meravigliosi consumi pubblicamente visibili. E talvolta addirittura speranzoso di non rimanere sempre ai bordi del campo. Oggi lo scenario è mutato e i beni di alto pregio entrano in uno spazio più definito e riservato a una cerchia più ristretta, nella quale i giochi di competizione e di coalizione risultano forse meno pubblicamente visibili ma più densi di implicazioni: ciò sia riguardo direttamente allo spazio privato delle concentrazioni di ricchezza, sia riguardo indirettamente al terreno del potere politico.

3Consideriamo il primo, ovvero lo spazio della nuova grande ricchezza. Si è parlato e scritto abbastanza di questi ultimi anni come anni in cui si assiste a una riedizione della Belle époque europea, o della Gilded Age americana.

4Le ricerche di Anthony Atkinson (Oxford), Thomas Piketty (Harvard), Emmanuel Saez (Berkeley) hanno messo a punto metodi statistici che rendono possibile ricostruire i percorsi della concentrazione di ricchezza privata fino a oggi. A partire dal periodo di fine Ottocento; ma con molte possibili estensioni a una fase storica ancor precedente.

5Mentre negli anni Cinquanta (e durante i Trenta “gloriosi” anni ford-keynesiani) i processi di concentrazione di ricchezza avevano subìto un forte ridimensionamento, dopo gli anni Ottanta invece, grazie alla minore controllabilità dei movimenti di capitale e al programmato prevalere dell’ideologia liberista, quei processi ripresero, producendo un ritorno, non solo all’ineguaglianza di fine Ottocento ma, almeno secondo Piketty, al patrimonialismo dell’era proto capitalistica: con tutto il gioco privato delle alleanze tra gruppi familiari, dei matrimoni combinati e dei lasciti ereditari. Non a caso vengono citati, quale possibile riferimento letterario, i romanzi di Jane Austen e di Honoré de Balzac.

6Secondo tale analisi, se il tasso di rendimento del capitale (al netto delle tasse) procederà, come oggi avviene, superando il saggio di crescita dell’economia, allora una parte crescente di ricchezza, anziché tradursi in investimenti produttivi, potrà confluire verso forme di capitale rentier accrescendone vieppiù le dimensioni. E l’ineguaglianza, già accresciutasi in questi tempi, tenderà a raggiungere livelli altissimi.

7Piketty ritiene possibile intervenire limitando la propensione al “grande risparmio” attraverso un’imposizione fiscale progressiva diretta a colpire non i redditi, come in precedenza, ma i patrimoni immobiliari e i capitali finanziari.

8Questo indirizzo ha subito critiche da più parti. Innanzi tutto da coloro che vedono invece proprio negli alti redditi il fattore davvero critico. Paul Krugman, ad esempio, pur prendendo seriamente in esame il lavoro di Piketty, sostiene tuttavia che la maggior diseguaglianza discende non tanto dal capitale famigliare quanto piuttosto dai supercompensi dell’élite manageriale, soprattutto di quella che opera agli alti livelli dell’apparato finanziario. (E che lucra anche attraverso rapide e “rischiose” operazioni).

9Altre critiche, pur avvertendo la gravità dei problemi sollevati da Piketty, suggeriscono di non ricondurre tali problemi all’accumulo di ricchezza in quanto tale. Secondo Stiglitz, il maggior problema sta nella via che tale accumulo prende: soprattutto nella misura in cui esso confluisce verso attività improduttive (come i terreni urbani e l’immobiliare di lusso) invece che verso investimenti dinamici, a partire dalla ricerca e dall’innovazione.

Spazi di super-ricchezza e di espulsione

10Prendendo spunto da teorie come quelle di Krugman, abbiamo assunto gli Stati Uniti quali punto d’osservazione: non per considerare cosa certa il perdurare di un primato di quel paese sulla scena mondiale, ma piuttosto perché alcune nuove contraddizioni sembrarono colà manifestarsi con maggiore evidenza. Contraddizioni che si accompagnavano ad alcune curiose analogie con quanto era accaduto oltre un secolo fa durante la Gilded Age, l’età “dorata”.

11In quegli anni, per esempio, la cittadina di Greenwich, nel Connecticut, aveva rappresentato una località preferita dai magnati di allora. In seguito, nei decenni centrali del Novecento, le lussuose ville di Greenwich, nessuno poteva più permettersi di mantenerle. L’indirizzo keynesiano dell’economia aveva iniziato a procedere verso un maggiore equilibrio e una maggiore giustizia sociale, così che le disuguaglianze si erano ridotte nettamente.

12Finito quel periodo, il corso della storia ha nuovamente mutato direzione. Il reddito della grande maggioranza della popolazione, in America come in Europa, è andato declinando e i sintomi di una ripresa non sono tali da considerare realmente e definitivamente superati i tempi dell’oscurità e dell’incertezza. Nello stesso periodo, però, la ricchezza della nota minoranza è salita bruscamente. Le luci di un luogo del lusso come Greenwich sono nuovamente accese. E si ricostruisce o si ristruttura con grande fervore.

13A quell’esempio potremmo aggiungerne molti altri, come quelli su cui all’inizio abbiamo richiamato l’attenzione. Ricordiamo la svizzera Gstaad e con essa diverse altre cittadelle protette per l’odierna super-ricchezza. E ricordiamo anche i quartieri ormai accessibili solo a selezionate minoranze, nel cuore delle grandi metropoli: a New York ma anche a Londra. E poi a Tokyo, a Parigi, nella stessa Roma.

14Luoghi riservati a pochi, i quali si arricchiscono proprio mentre dilaga l’impoverimento del maggior numero. E acquistano, come si è visto, opere d’arte che costano centinaia di milioni di dollari. E ormeggiano in porticcioli esclusivi le loro grandi barche, con a bordo piscine, teatri, campi di basket, piattaforme per elicotteri.

15Abbiamo già notato che lo shopping in beni immobiliari di lusso modifica ulteriormente la struttura urbanistica e sociale delle grandi metropoli. Un quartiere che la gentrification ha già in precedenza rivalorizzato rendendolo in certa misura “esclusivo” per l’aumentato prezzo degli immobili, può subire una trasformazione ulteriore, trasformandosi anche in uno spazio costantemente o a lungo disabitato. Uno spazio di proprietà assente, dove l’alto, inaccessibile costo espelle i precedenti abitanti. E con essi anche molte attività terziarie. È uno degli esempi da cui si evince che una ricchezza non investita in attività produttive, non solo aggrava l’esclusione di cui qui si è trattato, ma ritarda o addirittura protrae indefinitamente nel tempo ogni reale, durevole via d’uscita dalla recessione.

Implicazioni politiche

16Nel trattare della concentrazione di patrimoni, abbiamo accennando anche ai possibili rapporti fra tale spazio privato e il terreno del potere politico.

17In usa, ad esempio, la politica è finanziata ormai quasi completamente dalle grandi corporations. Un tempo, le campagne elettorali americane, non molto diversamente da quelle degli altri paesi economicamente e politicamente avanzati, si svolgevano attraverso mezzi tradizionali: dai comizi nelle piazze alle raccolte di fondi fra gli elettori.

18La grande ricchezza privata interveniva attraverso donazioni, ma entro limiti prestabiliti. Ora questi limiti non ci sono più: sono stati aboliti dalla Corte Suprema nel 2010. E gli interessi privati della sfera ultraricca stanno diventando determinanti in tutta la vita politica. Nella primavera del 2014, un’indagine del «Washington Post» mostrava che i “super” dell’economia finanziaria si stavano comprando ormai il sistema politico americano e le sue istituzioni.

19Problemi altrettanto preoccupanti sussistono da tempo riguardo ad altre realtà: a partire naturalmente da quella della Russia, dominata totalmente dai famosi oligarchi; senza dimenticare quella dei paesi dell’Unione Europea, le cui istituzioni risultano fortemente influenzate dalle strette relazioni tra la grande finanza e le autorità politiche, sia federali, sia in varia misura nazionali.

20In Italia, i patologici esempi di corruzione forniscono buoni pretesti a chi spinge verso un’abolizione totale del finanziamento pubblico dei partiti (e quindi verso un’apertura ad altre fonti).

21Possiamo chiederci quanto timore susciti, in queste nuove coalizioni di potere, l’impoverimento progressivo della maggioranza della popolazione: lavoratori dell’industria, dipendenti pubblici, addetti al terziario. Per certi aspetti, nella prima fase dell’attuale crisi, parve che la drastica contrazione dei consumi di massa compresi i beni di prima necessità, fosse almeno temporaneamente compensabile da una tenuta dei consumi d’alta fascia. Parve insomma che il mercato del lusso (specialmente in un sistema imprenditoriale come quello italiano, per tradizione orientato alla “qualità”), fornisse un rimedio più che sufficiente. E che in generale l’economia di lusso per i molto agiati (la cosiddetta “plutonomia”) fosse dinamica al punto di permettere un ridimensionamento non troppo traumatico del primato della produzione di massa, destinata a una domanda di massa.

22Certo questa tesi si faceva strada nel primo decennio del Duemila e tuttora sostanzialmente prevale. In primo piano resta anche la nota teoria del trickle down effect, ovvero l’“effetto sgocciolamento”: se i più fortunati si arricchiscono ancor più, qualche vantaggio ricadrà di sicuro anche sui meno fortunati, con esiti positivi in generale. Joseph Stiglitz, in un suo libro recente, ha demolito ogni tesi consimile. È dimostrato anzi che, se crescerà ancora l’indice di Gini (nota misura della diseguaglianza), allora gli investimenti potranno rallentare e infine addirittura fermarsi; e con essi il famoso pil, naturalmente. Le conseguenze politiche del crescente divario sono ormai riconosciute perfino da uno dei meglio pagati alti dirigenti del mondo finanziario: Lloyd Blankfein, amministratore delegato della Goldmann Sachs, il quale cita una serie di ricerche da cui risultano pesanti conseguenze dell’altissima diseguaglianza per ciò che concerne la democrazia rappresentativa.

23Sappiamo, del resto, che il malessere creato dall’emarginazione, dalla perdita del lavoro e dall’ incertezza, dalla mancanza di politiche sui flussi migratori, può spingere anche un alto numero di lavoratori a rifiutare i partiti che da sempre li avevano rappresentati; e a optare per altre forme politiche, percepite come portatrici di rimedi alle minacce di una mondializzazione dai contorni incerti e malsicuri.

Un’antinomia del liberismo

24L’imperante culto del mercato è minato da intrinseche contraddizioni: a partire da quella che può chiamarsi l’“antinomia del liberismo”. Da un lato si dichiara di porre il consumo al centro ignorando il lavoratore in quanto tale e guardando al soggetto unicamente come consumatore, ovvero considerando il cittadino non quale partecipe della produzione ma quale protagonista della domanda. O, per molti aspetti, vedendolo come possibile titolare di diritti di proprietà.

25Al tempo stesso però, il liberismo adotta strategie supply side, volte cioè esclusivamente a stimolare l’offerta aiutando le imprese. Ma ciò implica tagliare la spesa sociale e ridurre gli interventi pubblici che andrebbero a sostegno della domanda; ne risultano una maggiore insicurezza del posto, una maggiore precarietà del lavoro, un più grave logoramento del salario; così che le nuove strategie finiscono col rendere incerto e problematico l’accesso ai consumi: perfino a quelli di prima necessità. Le inadempienze nei mutui immobiliari, che sembrarono le sole responsabili dell’apertura verso tali infauste prospettive, erano state semplicemente il sintomo di un sempre più grave indebolimento dei redditi, oltre che dei piccoli risparmi dei pensionati. E ovviamente della piccola proprietà, a partire da quella della casa.

26Nell’ultimo quarto del Novecento, la ownership society era stata una promessa di molti governi, da quelli inglesi, a quello americano. Nella visione detta neoliberista, la drastica riduzione del welfare e la privatizzazione dei servizi di pubblica utilità avrebbero trasformato il cittadino-utente in cliente. La concorrenza tra fornitori avrebbe assicurato efficienza e basso costo. Ogni cittadino sarebbe divenuto felicemente titolare di fondi, azioni, obbligazioni, polizze assicurative, proprietà di casa a mutuo. Ma l’esito di tali processi è stato diverso da quello promesso. La competizione tra privati cominciò subito a tramutarsi e contrarsi attraverso fusioni, cartelli, oligopoli. I prezzi e le tariffe aumentarono corrodendo salari sempre più stagnanti e pensioni sempre più insufficienti. Alla bolla speculativa di fine millennio e alle illegalità delle banche d’investimento nei primi anni Duemila seguì la famosa crisi dei mutui subprime, frustrante le attese proprietarie dei meno ricchi; mentre la turbolenza delle borse ancora una volta vanificava le attese dei pensionati e dei piccoli risparmiatori.

27Due secoli fa, agli albori della rivoluzione industriale, la necessità di produrre plusvalore portava a un contenimento dei bisogni del salariato, a una limitazione dei suoi consumi entro la sfera dell’essenziale per la sopravvivenza. Durante il secolo ventesimo, soprattutto dalla fine della Seconda guerra mondiale in poi, lo stato delle cose appariva profondamente mutato rispetto a quel tempo ormai lontano.

28Lo sviluppo di una dinamica dei salari sembrava trasformare il rapporto fra categorie di beni rendendo possibile l’assunzione, da parte dei produttori diretti, del ruolo anche di consumatori di beni non puramente essenziali. Addirittura di beni “di lusso”. L’ossimoro di “una distinzione accessibile a tutti” era presente in un noto paradossale slogan negli anni Settanta per il lancio della Buick modello Park Avenue: “A luxury car for everyone”.

29Ma oggi, nel secolo ventunesimo, tutto parrebbe cambiato nuovamente: l’indebolimento del potere contrattuale del lavoro, unendosi alla precarietà occupazionale persistente, soprattutto delle nuove generazioni, scava un baratro di classe riguardo al potere d’acquisto. E contribuisce a rallentare ogni possibile ripresa dell’economia globale.

Dubbie prospettive

30Da tempo, in Europa come in ogni vecchia economia industriale, i dispositivi della comunicazione politica trasmettono messaggi che promettono un rilancio della crescita; o che addirittura già annunciano segnali di ripresa. Quanto affidabili possano ritenersi tali “informazioni” è difficile dire. Molti dubbi vengono sollevati da più parti. Da Stephen D. King, ad esempio, omonimo del romanziere (e narratore anch’egli d’incubi seppure non immaginari). In qualità di direttore della ricerca economica in una delle massime banche mondiali (la hsbc), King sostiene che i segnali di ripresa continueranno a mostrarsi piuttosto deboli. E che incentivi come quello dell’acquisto di titoli bancari da parte delle banche centrali possono solo evitare peggiori disastri ma non essere davvero risolutivi. Dobbiamo forse rassegnarci, sostiene King, alla fine dell’affluent society, l’era dell’abbondanza descritta a suo tempo da Galbraith.

31L’eventuale ripresa resterebbe comunque rallentata, se non frenata, anche per alcune resistenze provenienti dagli attuali detentori del potere economico-politico a livello mondiale. Non è certo che questi possano desiderare, e promuovere, un troppo rapido ritorno a una società di piena occupazione stabile e di ampi consumi. Quel ritorno si ripresenterebbe anche come riapertura verso una maggiore emancipazione delle masse dal bisogno, verso una crescita delle loro aspettative; e – cosa preoccupante per le élite in questione – di una più intensa partecipazione politica.

32D’altra parte una società ford-keynesiana tale e quale, in ogni suo aspetto, potrebbe non essere riproponibile oggi, sia perché la fine della grande fabbrica, il proliferare della produzione diffusa, l’immaterialità di molti processi, l’instabilità del lavoro e la sua dispersione, rendono sempre più difficili e sempre meno efficaci quelle attività rivendicative che avevano contribuito ad alimentare la dinamica e lo sviluppo nel Novecento (e che oggi vengono presentate come un ostacolo, non come uno stimolo), sia perché i processi di globalizzazione hanno reso fino a oggi, non impossibili ma certo meno praticabili, politiche d’intervento pubblico all’interno dei singoli stati. E sia, infine, perché oggi, con le trasformazioni ambientali in corso e con l’emergere di nuove potenze economiche, il pianeta non sopporterebbe un’esatta riproduzione della tipologia delle produzioni e dei consumi propria dell’età fordista.

33È tuttavia poco credibile che la vitalità dell’economia possa essere affidata a un modello centrato prevalentemente sulla domanda di beni pregiati da parte di una minoranza. E che si possa evitare di restituire alle masse lavoratrici il ruolo che esse avevano assunto nella dinamica e nella variabilità dei consumi durante il Novecento.

34Tali considerazioni parrebbero valere in particolare per l’Italia. Un rilancio dell’intervento pubblico nell’economia e nella vita sociale parrebbe necessario. Beninteso, in un orizzonte non tanto di grandi infrastrutture o giganti di cemento, quanto piuttosto di programmi che possano restituire vitalità alla produzione agricola, oltre che a quella manifatturiera. Favorendo ovviamente (specie per quanto riguarda l’Italia), la ricostruzione del territorio e la sua manutenzione, il risanamento e la tutela della natura, la rivalorizzazione del patrimonio artistico e architettonico. Ma prospettive di questo tipo è dubbio che possano realizzarsi entro i confini di un singolo Stato-nazione. E il dubbio permarrebbe anche estendendo tale prospettiva a livello europeo.