Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Segni dell’esclusione

 | 
Alessandro Casiccia

1. Le ambigue forme del lusso

Texte intégral

Isole di opulenza e di esclusione

Vacanze al risparmio? Offerte low cost per voli e soggiorni? Dimenticate tutto questo, siete a Gstaad, il paradiso invernale dei miliardari di tutto il mondo, al centro delle Alpi bernesi.
Hotel di alto prestigio architettonico che si ergono da foreste incantate, camere da 18.000 euro a notte, chalet che costano in media 45.000 euro al metro quadrato, negozi e boutique di ultra-lusso.
A Gstaad tutto è una luxury adventure. Anche i negozi “normali” come il tabaccaio e il fruttivendolo sembrano esporre oggetti sfarzosi, e non solo per il prezzo. Da sempre i super-ricchi passano le loro vacanze da queste parti. E non tanto per sciare!
Anche se ci sono piste meravigliose, da queste parti lo sport invernale non sembra essere il passatempo preferito. A Gstaad si viene per spendere i propri soldi, e in un modo o in un altro ci si riesce sempre!

1Di che si tratta? È un messaggio pubblicitario pieno di entusiasmo, di orgoglio e d’intenti seduttivi, che possiamo leggere in Internet. E che si rivolge a celebrità, a maghi della finanza, a grandi evasori fiscali.

2Altri esempi di simili cittadelle del privilegio verranno presentati più avanti. E a essi si possono aggiungere le nuove forme di gentrification in atto oggi nelle grandi metropoli. Sono forme diverse ormai da quelle che potevano osservarsi quindici o vent’anni fa. Ora, ad esempio, Manhattan potrebbe diventare in gran parte (Harlem incluso) un’isola per soli super-ricchi, una roccaforte dell’estrema opulenza. Gli audaci finanzieri di Wall Street (come in un film di Stone, o di Cronenberg) vivono in grattacieli di cristallo, con palestre e piscine. E la classe media, o anche medio-alta, che era stata protagonista negli anni Novanta di un imborghesimento dei quartieri popolari, ora comincia a trasferirsi in periferia perché i prezzi di tutto sono saliti alle stelle.

3Anche alcuni quartieri di Londra sono ora investiti da una nuova gentrification di altissimo livello. E a Chicago operano con successo agenzie specializzate nel mercato di immobili di valore superiore a un milione di dollari. Ma occorre notare a questo punto che l’accaparramento di beni immobiliari di grande lusso modifica ulteriormente la struttura urbanistica e sociale delle grandi metropoli. In un tempo relativamente rapido, il quartiere esclusivo può subire una trasformazione ulteriore, diventando certamente un luogo vieppiù prestigioso per l’alto prezzo della proprietà, ma trasformandosi anche in uno spazio costantemente inutilizzato, o disabitato per lunghissimi periodi. Uno spazio di proprietà assente, dove l’alto, crescente costo degli immobili espelle non solo i precedenti abitanti ma anche molte attività terziarie.

4Ciò sta mettendo in atto una forma grave di esclusione o di espulsione, a danno di un numero crescente di cittadini. E ne risultano danneggiate la morale pubblica, la vita civile, la giustizia sociale; ma insieme ne risulta ostacolata, o almeno rallentata, ogni azione di rilancio dell’economia. Tanto meno la ricchezza verrà investita in attività produttive, tanto più verrà protratta nel tempo ogni reale via d’uscita dalla crisi. E sulle varie angolature di questo problema torneremo più volte.

5È bene però precisare. Oggi in Europa, parole come esclusione ed espulsione parrebbero applicabili forse più appropriatamente ad altre situazioni: al degrado dei quartieri periferici, ad esempio; ma ancor più al dramma dei profughi e dei migranti, alle contraddizioni dei governi e alla mancata solidarietà tra le nazioni. Oppure al modo in cui le politiche del rigore e dell’austerità trasformano un’idea includente di Europa in una del tutto opposta. Ma in questo scritto s’intende cogliere un particolare aspetto di ciò che intendiamo come esclusione: quello del distacco che negli anni Duemila appare sempre più approfondirsi all’interno delle società a sviluppo maturo. Distacco che emerge dall’inversione della tendenza “includente” propria della società dei consumi nella seconda metà del Novecento.

6Ed è un distacco che sta compiendosi tra una minoranza ultraricca e una massa che va impoverendosi; una massa che include i ceti medi in progressivo declassamento. Questo parrebbe stia avvenendo nelle aree a sviluppo maturo, come l’Unione Europea.

7Nei paesi invece dove lo sviluppo sembra ancora crescente (e dove la middle class produttrice e consumatrice non è in declino ma al contrario è in formazione), si avviano ora processi solo apparentemente analoghi a quelli della società opulenta nordamericana ed europea descritta da Galbraith alla fine degli anni Cinquanta del Novecento. Processi in realtà diversi perché gli appartenenti alla fascia alta e privilegiata (che in Brasile, ad esempio è calcolata intorno al 6%) sembrano oggi temere l’avvio o la ripresa di programmi sociali diretti a incrementare il reddito e la domanda. E tendono a limitare il confronto competitivo sul piano del lusso all’interno del proprio mondo. Isolandosi e arroccandosi in ambienti molto esclusivi, sorvegliati da addetti alla sicurezza privata. Non molto diversamente, negli effetti, da quanto facciano per altre vie e altri motivi gli appartenenti alla “superclasse” americana o europea.

8Sono vari dunque, sul pianeta, i luoghi protetti dell’opulenza per pochi. Pochi che mentre tutti gli altri s’impoveriscono diventano sempre più ricchi. Pochi che trovano l’esito e la ragione stessa della loro condizione privilegiata nel vivere in quei luoghi. O semplicemente (come sempre più spesso accade) nell’averli senza neppure abitarli. E nel possedere beni di prestigio: qualche yacht che costa centinaia di milioni di dollari, qualche limousine, qualche raro gioiello indossabile su abiti di grande firma. Ma anche collezioni d’arte contemporanea, con opere di Bacon, Warhol, Koons. Il cui valore di mercato (che può superare le centinaia di milioni di dollari al pezzo) è destinato a salire. Non è solo una forma particolare di speculazione. Nell’acquisto dell’oggetto d’alto livello gioca un suo ruolo anche l’identificarsi, l’autoriconoscersi, la possibilità di mostrare. E in questo processo può delinearsi e assumere importanza determinante una nuova forma di valore, non classicamente economico; non puramente né direttamente tale.

Una parola magica e polisemica

9Lusso: una parola segnata da equivoci per la sua polisemia, la sua ambiguità. Una parola magica per tutto ciò che evoca, che esibisce e che nasconde.

10Si parla, ad esempio, di lusso come eccesso nell’esibizione di ricchezze attraverso il possesso di oggetti. Ma anche di amore del lusso come “culto del bello”; incluse, come si diceva, le opere d’arte (pur se “bello” e “arte” non necessariamente coincidono). Opere possedute, patrocinate, valorizzate nei due sensi possibili della parola; come è evidente, nell’attuale mercato dell’arte: dove si accompagnano sinergicamente firma dell’autore, giudizio del critico e variazione nel prezzo.

11Ma senza dubbio sulla nozione di “lusso” si è sempre registrata una certa ambiguità, anche per quanto concerne i giudizi di valore.

12Non va dimenticato, in proposito, che già nell’antica Grecia come poi nella Roma repubblicana, i saggi criticavano il troppo lusso nei rituali: ad esempio nei riti funebri delle grandi famiglie. E le istituzioni si sforzavano di porre un argine a quegli eccessi.

13E va ricordato, fra i tanti esempi possibili, il fervente moralismo che animava i Comuni medievali. Inevitabile è il riferimento al caso di Girolamo Savonarola, frate ribelle; fu nemico dei Medici, nemico della corruzione che era dilagata a Firenze, nemico del lusso in ogni sua forma, esibito dalle classi ricche e dal clero. Fu difensore del cittadino medio, né troppo ricco né troppo povero, osteggiò i “grandi” ma diffidò anche della plebe. Instaurò la repubblica, fece distruggere oggetti di lusso e purtroppo anche opere d’arte con soggetto pagano. Nel momento della restaurazione della Signoria fu processato dal clero che della Signoria era alleato: e impiccato e arso sul rogo.

14La parola “corruzione”, accompagnata dall’accumulo di grandi ricchezze, parrebbe riportarci all’Italia d’oggi. Ma qualche differenza c’è: nel regime delle Signorie si valorizzavano l’architettura, la forma urbana, l’arte che vediamo nelle città storiche. Perfino i rapporti fra uomo e natura: e di ciò troviamo ancora tracce in quanto resta del paesaggio italiano intorno a quelle città.

Separatezza, magnificenza e rigore

15Duplice natura, dicevamo. E mutevoli giudizi di valore. Infatti, nel passaggio dal passato comunale all’età delle signorie, la magnificenza rappresentava per vari aspetti una sorta di dovere: un impegno delle corti, dei signori, dei nuovi ceti elevati.

16Superato il moralismo dei Comuni, ora nel popolo, nel cittadino medio come nella plebe, quella magnificenza sembrava provocare ammirazione. Forse addirittura “rassicurazione”.

17La separatezza dei ceti permetteva che, diversamente da quanto sarebbe avvenuto in tempi da noi meno lontani, non serpeggiassero ancora sentimenti d’invidia. Solo ad alto livello si manifestavano tentazioni competitive, accompagnate talvolta da trame e anche delitti.

18Ben presto però, la separatezza dei ceti elevati sarebbe divenuta meno protetta, mentre il competere al loro interno avrebbe suscitato il timore che tutto quel fasto traboccasse in dispendiosi eccessi. Ed ecco allora presentarsi un’altra ambiguità, quella riguardante le leggi suntuarie: a Venezia e a Genova, a Firenze e a Milano.

19Abbiamo visto che le pratiche del lusso e della sua pubblica visibilità erano considerate un dovere per quelle famiglie che già si trovavano al vertice della vita cittadina: famiglie alto borghesi che per vie economiche, militari e politiche, ma anche matrimoniali e patrimoniali, avevano già acquisito – da ormai vecchia data – ricchezza, lustro e potere. Formalmente anche titoli nobiliari, con il conseguente dirottamento di denaro da investimenti produttivi, come sappiamo.

20Quelle stesse pratiche di esibito prestigio vennero però da un certo momento in poi forzatamente limitate attraverso le leggi suntuarie: con le quali venne posto un limite dalle istituzioni, soprattutto ai componenti di una parte emergente della nuova borghesia, in particolare quella commerciale.

21Dietro il moralistico appello alla misura, si nascondeva dunque una funzione “castale”? Più che altro una funzione regolativa: evitare che l’ostentazione divenisse sfida competitiva impegnando anche le famiglie patrizie in rovinosi eccessi di spesa.

22I giochi di potere si facevano ancora una volta complessi. Era quello anche il tempo di Guicciardini e di Machiavelli, che con moderata saggezza intervenivano a discutere sui pericoli del rapporto fra grandi ricchezze e potere politico.

Luoghi comuni su lusso e femminilità

23Com’è noto, molti aspetti istituzionali e culturali delle signorie delle città italiane avrebbero in seguito fornito un modello per le grandi monarchie europee, a partire da quella francese, nei secoli xvii e xviii: i secoli dell’assolutismo.

24E in quel modello, un altro aspetto del costume “lussuoso” stava manifestandosi: quel misto di raffinatezza e superficialità sensualità e frivolezza, che era destinato a caratterizzare in misura crescente il rapporto fra lusso e moda nelle classi “alte”. E che venne in certo modo associato alla mentalità femminile, oltre che al fascino esercitato sul mondo maschile dall’aspetto esteriore della donna.

25Emersero così curiose connessioni tra lusso e femminilità. Negli scritti, ad esempio, di un moralista come François la Motte Fénelon, ricorre il tema delle “pericolose” influenze della donna sul costume. Il presunto rapporto fra psicologia femminile ed eccesso di raffinatezza lussuosa sarebbe comunque rimasto a lungo un oggetto di considerazioni, preconcetti, condanne. Lo troviamo, per esempio, nella letteratura dell’Ottocento: un caso paradigmatico è quello della signora Bovary, la cui predilezione per abbigliamenti troppo costosi e oggetti troppo ornati è descritta da Flaubert con una strana sympátheia, tragica e ironica insieme. E in seguito la ritroviamo ancora negli scritti di Sombart sulla storia del lusso, dove, con riferimento all’Ancien Régime, si sottolinea la dimensione “erotica” del lusso associandola appunto alla femminilità, all’influenza delle dame sulla corte. E in relazione a questi mutamenti del gusto si vuol fra l’altro scorgere un legame, sul piano estetico, con il passaggio dal barocco al rococò, e sul piano politico con il luccicante declino del regime monarchico negli anni che precedono la rivoluzione.

La classe agiata

26Ma intanto, nel corso dei secoli, iniziavano ad aprirsi altri aspetti ambigui del fenomeno di cui discutiamo. Uno fra i quali riguarda il lusso come effetto di una continua tensione emulativa: aspetto che però a sua volta contrastava con l’idea del lusso come rilassatezza e agio.

27L’ostentazione compulsiva e competitiva, infatti, e soprattutto il suo correlarsi agli sforzi acquisitivi che la permettono e la alimentano, dovevano entrare durante l’Ottocento in un complesso rapporto con un’altra idea di lusso descritta da poeti e romanzieri prima ancora che da storici e sociologi. Mi riferisco alla connessione tra lusso e costumi della classe agiata: la classe cui era permessa la confortevole lontananza dalla necessità del lavoro; e perfino da un’eccessiva dedizione a rischiosi affari e impegnative speculazioni. Il trinomio di Baudelaire: lusso, calma e voluttà potrebbe essere adottato per ricondurci a quell’idea estetica ed edonistica di vita alto-borghese.

28La teoria della classe agiata, della leisure class, venne disegnata da Thorstein Veblen osservando gli strati alti della nuova America di fine Ottocento. Un’“aristocrazia del denaro” composta di arricchiti tycoons ma desiderosa d’eleganza, la troviamo parallelamente narrata nei romanzi di Henry James. Ma è ancor più ai loro eredi che Veblen guarda, descrivendo non senza un certo disprezzo le loro pretese di raffinatezza; e soprattutto la continua tensione emulativa esprimentesi nell’esibito possesso di magioni maestose, fastose carrozze, rare automobili di lusso. O nel vanto di appartenere a club esclusivi. Un gruppo sociale impegnato a competere al proprio interno in una gara ostentativa e ormai dimentico dell’origine calvinista del capitalismo teorizzata da Weber. In particolare, si noti, proprio del capitalismo yankee, nel quale non vana esibizione di opulenza ma al contrario austerità, ascesi, duro impegno erano state poste quali appropriate condizioni per l’accumulazione e la crescita. Peraltro non va dimenticato quanto la tesi weberiana sull’origine del capitalismo divergesse da quella concepita da Sombart, che invece proprio nell’estetico lusso delle città italiane nel Rinascimento – successivamente imitato nel resto d’Europa – aveva voluto scorgere l’origine prima delle dinamiche borghesi capitalistiche.

29Veblen non era privo di rigidità e preconcetti: diffidava – ad esempio – della passione per lo sport e un po’ anche di quella per il bello e per l’arte; ma il suo sguardo era profondo e lucido nel descrivere quella classe agiata.

30Potremmo aggiungere, a proposito di quanto notato sopra, che le discussioni sull’utilità o l’inutilità dell’arte risalgono addirittura ad Aristotele e si protraggono nei secoli; le ritroviamo nello stesso Rousseau: e mostrano un’altra fra le numerose ambivalenze presenti nelle associazioni tra il lusso e la bellezza.

I sensi della moda

31Resta inteso che i tempi in cui Veblen scriveva erano ancora lontani da quelli dei consumi di massa: le esibizioni dei beni pregiati e le dinamiche della moda erano confronti tra pari e si svolgevano all’interno del gruppo privilegiato.

32Durante il Novecento, però, si sarebbe configurato un altro modello sociale i cui aspetti psico-sociologici erano stati in qualche modo prefigurati in alcuni scritti di Simmel, perlomeno per ciò che riguarda il fenomeno moda. Prima di Simmel, altri precursori dell’odierna scienza sociale, in particolare Spencer e così pure Tarde, avevano considerato operante nella moda il meccanismo psicologico dell’imitazione. La maggiore profondità dello sguardo di Simmel discendeva dal suo aver colto il ritmo psichico sotteso alla natura umana e al suo interiore dualismo tra stasi e movimento, unità e divisione, universalità e individualismo.

33Trattando del mutamento del fenomeno moda durante il Novecento, ci si riferisce al modello della società di massa, con le sue implicazioni riguardo alla diminuzione – avvenuta in quel periodo – delle ineguaglianze di reddito; e conseguentemente all’estendersi della domanda di beni. Quel modello di società era destinato a svilupparsi in parte con il rilancio dell’economia durante gli anni Trenta, nella pur tormentata uscita dalla Grande Depressione; ma la sua più ampia realizzazione ebbe luogo soprattutto dopo la Seconda guerra mondiale: la società si mostrava non più divisa in rigide gerarchie senza scambi né comunicazioni, bensì caratterizzata da più mobili rapporti sociali. E l’articolazione in strati, permeabili a loro volta attraverso le vie della mobilità ascendente, tendeva a sostituire, almeno in apparenza, la contrapposizione di classe.

34Come già abbiamo osservato, negli anni successivi alle Seconda guerra mondiale, si era sviluppata dunque una dinamica della domanda di massa, con sfide imitative nei modelli di consumo, fra individui diversi e fra strati diversi. Una dinamica ben differente, se non opposta, rispetto ai processi in corso durante questi ultimi anni: rispetto cioè ai processi del distacco e dell’esclusione, così come sono osservati e trattati in queste pagine.

35E va osservato che proprio in quel periodo storico dei consumi di massa si moltiplicarono gli studi sociologici intorno ai temi ora accennati. E ciò soprattutto negli Stati Uniti; ricordiamo in proposito i lavori di Talcott Parsons, Daniel Bell, David Riesman, Ch. Wright Mills, Robert K. Merton.

36In quel quadro doveva svilupparsi sotto nuove forme un’altra fra le numerose antinomie del fenomeno lusso-moda: la tendenza a imitare e (al tempo stesso) l’impulso a differenziarsi.

37E il fenomeno avrebbe presto assunto, nelle sue forme più diffuse, le connotazioni del griffato, del firmato, del brand.

38Occorre aggiungere che nell’ultimo quarto dello scorso secolo, proprio mentre il fenomeno dei consumi di massa incontrava le prime contraddizioni, proprio allora, con apparente paradosso, si intensificavano le tesi in cui veniva stigmatizzato quel comportamento sociale liquidandolo come “consumismo”. Fra i più seguiti critici di quel modello, può ricordarsi Zigmunt Bauman, che tra l’altro usava il concetto di esclusione come senso di frustrazione per il mancato accesso a certi consumi non essenziali, ovvero in un’accezione non a caso diversa da quella proposta e discussa in queste pagine.

39La contrapposizione fra essenziale e non essenziale, ancora una volta ci riconduce alla instabilità denotativa e connotativa della parola lusso.

Opulenza e dispendio

40Durante il Novecento, intorno alla parola lusso, alla sua polisemia, ma anche agli opposti giudizi morali e sociali, il discorso doveva intensificarsi inoltrandosi in strade lunghe e accidentate.

41A suo tempo Sombart aveva posto il lusso in relazione oppositiva rispetto a ciò che normalmente si considera necessario alla mera sopravvivenza. E la discussione si sarebbe poi estesa attraverso il confronto fra utilitaristi e antiutilitaristi, anzi più propriamente fra ricerca razionale dell’utilità e benefici generati dal superfluo. Un confronto che suggerisce anche un’apertura verso il problema di tutto ciò che attiene all’eccesso, al dispendio, al vizioso spreco.

42Per George Bataille, che scriveva negli anni Cinquanta del Novecento, la dépence era qualcosa di santo e insieme di maledetto, che si pone al di là e al di fuori di ogni principio di utilità, di ogni razionale e misurata riduzione a forme aride ed egoistiche dell’agire.

43Il valore trasgressivo e creativo del dispendio, secondo quella linea di pensiero, si manifestava nel gioco, nell’estasi mistica e in quella del piacere sessuale estremo, fino alla perversione. Ma al tempo stesso trionfava nella carità generosa. E in tale percorso ricorreva anche un richiamo alle dimensioni della ritualità, della festa, del momento sacrificale: quelle dimensioni che avrebbe in seguito trattato e sviluppato René Girard nei suoi saggi sulla violenza e il sacro.

44A questo punto però s’imporrebbe un passo indietro nel tempo.

45Sappiamo che, in contrasto con il trionfo dell’eccesso, anche (ad esempio) contro l’eccesso di dispendiosa magnificenza nei riti nella Chiesa Romana, si era a suo tempo mobilitata l’indignazione luterana. L’asciuttezza del rigore aveva caratterizzato sia i fondatori del capitalismo secondo Weber, sia – per altro verso – i movimenti rivoluzionari: dapprima quelli antiassolutisti come al tempo di Robespierre, e in seguito quelli anticapitalisti.

46A suo tempo Benjamin Franklin non aveva certo mancato di coerenza invitando a lavorare sodo con metodo e fervore, nella convinzione (prefigurante a suo modo la cultura americana della mobilità sociale ascendente) che ogni povero, adoperandosi con solerte fatica, potesse autoemanciparsi; anche “salendo”, rispetto allo strato sociale della famiglia in cui era cresciuto. E a quei precetti, esortanti per i volonterosi e severi verso i perdenti, sembra riferirsi la tesi che un mancato accento sul rigore non possa che riflettersi in politiche assistenzialiste e piattamente egualitarie. Tuttavia non mancano le avvertenze a non sottovalutare il rischio che la severità calvinista si perverta in una più generica apologia dell’individualismo finendo per capovolgere il proprio stesso assunto meritocratico: capovolgimento possibile se ci si affida acriticamente alla prova del successo. Se chi è vincente, nella competizione per maggiori livelli di ricchezza e potere, crediamo sia da elogiare per aver presumibilmente meritato tutto ciò, o almeno per averlo ricevuto dalla grazia divina, siamo allora anche indotti a ritenere che coloro cui non è dato di possedere quelle risorse debbano sentirsi condannati a un’autoincolpante vergogna. E qui si annida un aspetto non secondario delle forme rinnovate in cui si mostra, in tempi a noi più vicini, il nesso fra magnificenza e potere, dove gli oggetti formano un sistema di segni le cui valenze non prive di ambiguità cercheremo di mettere in evidenza.

Vizi privati

47Nel pensiero del Settecento il dibattito sull’ostentazione di beni lussuosi, sull’opportunità di coltivarla o sull’imperativo di moderarla, aveva coinvolto filosofi politici, storici, moralisti, precursori dell’economia moderna.

48Il lusso era stato considerato un vizio dai rigoristi austeri (Rousseau fra questi), che lo avrebbero voluto bandire quale dispendio socialmente dannoso.

49Sostanzialmente era considerato un vizio anche dai precursori della scienza economica moderna; i quali però (come nel caso di Mandeville), lo ritenevano fonte indiretta di pubblici benefici.

50Mandeville prefigurava non solo la mano invisibile di Smith ma – in una paradossale sintonia con l’opposto modello puritano – anticipava alcune scuole di pensiero sviluppatesi poi lungo il Novecento, come l’eterogenesi dei fini di Weber o l’ordine spontaneo di Hayek. Comunque, in modo meno provocatorio di Mandeville, altri precursori settecenteschi della scienza economica classica, ad esempio Genovesi, o Turgot, avevano continuato a discettare sugli effetti positivi del lusso.

51E pur oggi al lusso, notiamo incidentalmente, vengono sovente riconosciuti, oltre che aspetti macroscopicamente contraddittori, anche una possibile funzione propulsiva di produzione e sviluppo. Funzione che (pur con un senso diverso da quello sopra ricordato) pare presentarsi oggi ancora una volta, riguardo all’economia italiana. Nella recente fase di crisi, infatti, e di ridotta domanda in generale, il settore dell’alta moda ha mantenuto una sua vitalità, particolarmente nell’esportazione. E ciò, secondo alcune tesi ottimistiche, fornirebbe un’opportunità di rilancio.

52Nel dibattito settecentesco, furono diversi coloro che condannarono il lusso. Fra quelli che viceversa nel lusso videro una risorsa, come accadde con Mandeville e con i classici di lingua inglese, Hume incluso, vanno ricordati, per la Francia, i nomi di Voltaire, Melon, Montesquieu, Butel-Dumont, Véron de Forbonnais. Uno degli argomenti meritevoli di attenzione era quello che sottolineava la spinta emulativa e competitiva che il lusso risveglia nei cittadini.

53L’elenco dei critici non era meno nutrito. Nella discussione, oltre a Rousseau e a Fénelon, entravano Diderot, Condillac, D’Holbach, Helvétius; in una posizione particolare si collocavano poi i fisiocratici, noti non solo per la loro polemica col mercantilismo e con l’eccessiva presenza statale, ma anche per la loro errata convinzione che unicamente l’attività agricola fosse quella produttiva: convinzione giustificata dalla realtà economica della Francia del Settecento ma che li condusse a considerare sterili, incapaci di “dare prodotto netto”, non solo le attività finanziarie e commerciali ma, paradossalmente, la stessa manifattura. Oltre a Quesnay, Turgot, Baudeau e il marchese di Mirabeau, erano del gruppo Mercier de la Rivière e Dupont de Nemours.

54Suscita particolare interesse l’atteggiamento moderato di Condillac (che riteneva necessario restringere il lusso della corte e dei grandi per arrivare a una più equa distribuzione di ricchezze e raggiungere l’obiettivo di un “lusso benefico”); mentre riguardo alla questione politico-economica del legame tra lusso e dispotismo nell’Ancien Régime, emerge la denuncia di Helvétius. Il quale però avvertiva anche di non confondere l’esibizione di lusso con la normale prosperità borghese. Egli temeva soprattutto l’accentuarsi di una polarizzazione della società tra i grandi e gli umili, quale si delineava nella fase ultima del regime monarchico. E propugnava un’inversione di tendenza, che riducesse le ineguaglianze estreme; e ridisegnasse l’economia cercando un equilibrio nell’aurea dimensione del nascente ceto medio.

55Queste considerazioni ci conducono verso il problema del rapporto fra ricchezza, lusso e potere. Potere economico e insieme potere politico. Il moralista Fénelon, che abbiamo già incontrato nelle sue denunce del lusso, viene generalmente iscritto fra i critici dell’assolutismo, quale via che dallo stato monarchico può condurre a quello dispotico. Sotto tale aspetto egli viene accostato sia a Montesquieu, che però verso il lusso non assunse lo stesso atteggiamento di drastica ripulsa, sia per altri versi a Rousseau, che vide la corte viziata tanto da illusoria potenza quanto da ozio e vanità. E che a tali vizi associò non soltanto l’amore del lusso ma per certi aspetti anche la ricerca del bello nell’arte e perfino la ricerca scientifica sui fenomeni naturali. Non va peraltro dimenticato che il Settecento fu per la Francia un secolo di innovazioni tecniche; e insieme, pur con alterne vicende e in dimensioni limitate, di sviluppo industriale. Ma occorre anche notare che la produzione restò prevalentemente agricola e artigianale; con quest’ultima destinata (ancor più nei periodi di crisi) a soddisfare esclusivamente la domanda di beni di lusso proveniente dai ceti più ricchi o vicini alla corte. Mentre il problema del guadagno non reinvestito ma disperso nel lusso si mostrò più grave nel periodo in cui le attività produttive in genere, oltre a trovare limiti culturali e politici al proprio sviluppo, furono sacrificate ulteriormente a un accentuato indirizzo verso manovre puramente finanziarie. O verso la grande ricchezza immobiliare.

56Un problema, questo, che si pone drammaticamente ai nostri giorni.